Biografie

Jack Ruby

Jack Ruby

Biografia Calde giornate a Dallas

Jack Ruby è il personaggio noto per essere stato condannato per l'assassinio di Lee Harvey Oswald (avvenuto il 24 novembre del 1963 nei sotterranei della Polizia di Dallas), due giorni dopo che quest'ultimo era stato arrestato con l'accusa di aver sparato e assassinato il Presidente americano John Fitzgerald Kennedy.

Nato a Chicago il 25 marzo 1911 come Jacob Rubenstein - cambierà il nome in Jack Ruby nel 1915 - la sua famiglia è polacca, di origine ebraiche, non proprio benestante. Il padre Joseph Rubenstein, di professione carpentiere, era un emigrato polacco nato a Sokolov (nel 1871), trasferitosi negli U.S.A. nel 1903; la madre Fanny era nata a Varsavia (nel 1875) e avrebbe raggiunto il marito negli U.S.A. nel 1904.

Cresciuto in strada e trasferito presto in una casa di tutela minorile, Jacob abbandona la città natale in gioventù per girovagare in cerca di un po' di fortuna nelle metropoli di Los Angeles e San Francisco. Inizialmente si arrangia con piccoli lavori sempre precari, poi organizza bische clandestine (continuerà con profitto anche durante il suo servizio militare), si dedica al bagarinaggio durante le manifestazioni sportive.

La sua indole è quella di una persona che si scalda facilmente e che sovente tende a risolvere le questioni con le mani.

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale Jack Ruby ha più di trent'anni e vive ancora senza un vero e proprio mestiere: grazie all'aiuto della sorella Eva apre un locale notturno a Dallas. Il locale che ha in gestione si chiama "Carousel Club", ed è frequentato da gente malfamata, mafiosi e da numerosi poliziotti di città, a cui Jack Ruby offre ingressi, riserva tavoli e serve alcolici. Convinto di essere un brillante imprenditore, il tentativo di Ruby è quello di crearsi una rete di conoscenze influenti.

Durante il tragico fine settimana di Dallas del 22 novembre 1963 la vita di Jack Ruby prende svolta inaspettata e clamorosa. Ruby si trova nella redazione del "Dallas Morning News", e sta dettando il testo per una pubblicità del suo locale quando la notizia della morte di Kennedy piomba nella stanza. Si reca alla stazione di polizia, si intrufola tra i giornalisti, dà consigli ai reporter e li rifocilla con una scorta di panini, raccontando a tutti il suo strazio per quanto è successo e per le conseguenze che, secondo lui, il gesto di Oswald avrà sulla comunità ebrea.

Durante un'intervista al giudice Henry Wade, che aveva appena incriminato Lee Harvey Oswald, interviene brevemente, senza alcun titolo, per correggere il nome del comitato pro-Castro cui apparteneva Oswald. Ruby non avrebbe alcuna ragione per trovarsi lì, tra reporter e cameraman. La domenica mattina Ruby si sveglia, ed esce di casa per recarsi in un ufficio della Western Union. Lee Oswald doveva essere trasferito nel carcere della Contea già verso le dieci, ma un ritardo nelle pratiche e la volontà di Oswald di farsi riportare un maglione prima di uscire avevano ritardato la sua traduzione nella prigione. Incuriosito Ruby si avvicina ed entra nel sotterraneo dove si trovava Oswald. Rubt si trova davanti un assembramento di cameraman, reporter e cronisti: Oswald sta per essere portato fuori. Quando Oswald gli passa proprio davanti Ruby tira fuori la propria pistola - che portava spesso con sé - e spara un fatale colpo all'addome di Oswald pronunciando le parole: "Hai ucciso il mio Presidente, topo di fogna!".

Ruby viene immediatamente fermato e incarcerato, si dice sicuro di essere prosciolto: parla con gli agenti dicendo di essere felice, di aver dimostrato di essere un ebreo coraggioso, sicuro che la polizia lo avrebbe capito per il gesto compiuto, se non addirittura elogiato. Ruby viene condannato all'ergastolo.

I motivi del gesto di Ruby non sono chiari: l'ipotesi più probabile ricondurrebbe allo stato emotivo senza lucidità dell'uomo, schiavo dei propri demoni e di una vita mai all'altezza delle aspettative.

Jack Ruby muore il giorno 3 gennaio 1967 al Parkland Hospital, a causa di un'embolia polmonare secondaria mai diagnosticata.

La vita di Jack Ruby è stata raccontata in diversi film e serie tv, tra i più noti ricordiamo "JFK - Un caso ancora aperto" (1991, di Oliver Stone, con Brian Doyle-Murray nel ruolo di Jack Ruby) e "Ruby: Il terzo uomo a Dallas" (1992, di John Mackenzie, con Danny Aiello nel ruolo di Jack Ruby).

Frasi di Jack Ruby

3 fotografie

Foto e immagini di Jack Ruby

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Jack Ruby ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

9 biografie

Nati lo stesso giorno di Jack Ruby

Edgar Cayce

Edgar Cayce

Guaritore statunitense
α 18 marzo 1877
ω 3 gennaio 1945
Gino Cervi

Gino Cervi

Attore italiano
α 3 maggio 1901
ω 3 gennaio 1974
Akira Yoshizawa

Akira Yoshizawa

Artista giapponese, maestro dell'origami
α 14 marzo 1911
ω 14 marzo 2005
Attilio Bertolucci

Attilio Bertolucci

Poeta italiano
α 18 novembre 1911
ω 14 giugno 2000
Emil Cioran

Emil Cioran

Filosofo rumeno
α 8 aprile 1911
ω 20 giugno 1995
Gian Carlo Menotti

Gian Carlo Menotti

Compositore italiano
α 7 luglio 1911
ω 1 febbraio 2007
Ginger Rogers

Ginger Rogers

Attrice e ballerina statunitense
α 16 luglio 1911
ω 25 aprile 1995
John Grome

John Grome

Pittore inglese
α 14 marzo 1911
ω 12 luglio 2004
Josef Mengele

Josef Mengele

Medico militare nazista
α 16 marzo 1911
ω 24 gennaio 1979
Joseph Barbera

Joseph Barbera

Fumettista statunitense
α 24 marzo 1911
ω 18 dicembre 2006
Juan Manuel Fangio

Juan Manuel Fangio

Pilota argentino
α 24 giugno 1911
ω 17 luglio 1995
Mary Blair

Mary Blair

Ilustratrice statunitense
α 21 ottobre 1911
ω 26 luglio 1978
Maurice Allais

Maurice Allais

Economista francese
α 31 maggio 1911
ω 9 ottobre 2010
Nino Rota

Nino Rota

Compositore italiano
α 3 dicembre 1911
ω 10 aprile 1979
Renato Guttuso

Renato Guttuso

Pittore italiano
α 26 dicembre 1911
ω 18 gennaio 1987
Ron Hubbard

Ron Hubbard

Scrittore statunitense, fondatore di Scientology
α 13 marzo 1911
ω 24 gennaio 1986
Ronald Reagan

Ronald Reagan

40° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 6 febbraio 1911
ω 6 giugno 2004
William Golding

William Golding

Scrittore inglese, premio Nobel
α 19 settembre 1911
ω 19 giugno 1993
Totò

Totò

Comico italiano
α 15 febbraio 1898
ω 15 aprile 1967
Don Milani

Don Milani

Educatore e sacerdote cattolico italiano
α 27 maggio 1923
ω 26 giugno 1967
Camillo Sbarbaro

Camillo Sbarbaro

Poeta e scrittore italiano
α 12 gennaio 1888
ω 31 ottobre 1967
Dorothy Parker

Dorothy Parker

Scrittrice statunitense
α 22 agosto 1893
ω 7 giugno 1967
Edward Hopper

Edward Hopper

Pittore statunitense
α 22 luglio 1882
ω 15 maggio 1967
Ernesto Che Guevara

Ernesto Che Guevara

Rivoluzionario argentino
α 14 giugno 1928
ω 9 ottobre 1967
Gigi Meroni

Gigi Meroni

Calciatore italiano
α 24 febbraio 1943
ω 15 ottobre 1967
John Coltrane

John Coltrane

Musicista jazz statunitense
α 23 settembre 1926
ω 17 luglio 1967
Josef Frank

Josef Frank

Architetto austriaco - svedese
α 15 luglio 1885
ω 8 gennaio 1967
Joseph Pilates

Joseph Pilates

Insegnante e imprenditore tedesco naturalizzato statunitense
α 9 dicembre 1883
ω 9 ottobre 1967
Konrad Adenauer

Konrad Adenauer

Politico e statista tedesco
α 5 gennaio 1876
ω 19 aprile 1967
Luigi Tenco

Luigi Tenco

Cantautore italiano
α 21 marzo 1938
ω 27 gennaio 1967
Otis Redding

Otis Redding

Cantante soul statunitense
α 9 settembre 1941
ω 10 dicembre 1967
Primo Carnera

Primo Carnera

Pugile italiano
α 25 ottobre 1906
ω 29 giugno 1967
René Magritte

René Magritte

Pittore belga
α 21 novembre 1898
ω 15 agosto 1967
Robert Oppenheimer

Robert Oppenheimer

Fisico statunitense
α 22 aprile 1904
ω 18 febbraio 1967
Spencer Tracy

Spencer Tracy

Attore statunitense
α 5 aprile 1900
ω 10 giugno 1967
Vivien Leigh

Vivien Leigh

Attrice inglese
α 5 novembre 1913
ω 7 luglio 1967