Oggi: giovedì 21 agosto 2014 » S. Pio
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Totò Riina

Male italiano

Commenta
Totò Riina

Salvatore Riina, conosciuto da tutti come Totò, nasce nella città di Corleone, vicino Palermo, il 16 novembre 1930. In carcere dal 1993 è uno dei componenti rimasto a lungo ai vertici della Mafia italiana.

La sua prima grande pena da scontare risale al 1949 quando, a soli diciannove anni, deve scontare un periodo di detenzione lungo sei anni: la pena viene inflitta a causa dell'uccisione di un coetaneo durante una rissa; dopo la morte del rivale Riina sarebbe tornato a Corleone per assumere un ruolo di rilievo ai servizi del boss Luciano Liggio. In questi anni il clan di Liggio si sarebbe scontrato con quello di Michele Navarra per il predominio nel paese, scatenando quella che sarebbe stata poi definita "guerra di Mafia".

Totò Riina viene arrestato nuovamente nel 1963; sconta alcuni anni di prigione poi viene assolto nei due processi a suo carico, che si svolgono rispettivamente a Bari e Catanzaro. Il mafioso viene assegnato al soggiorno obbligato ma da subito riesce a risultare latitante.

E' in questo periodo che Liggio viene arrestato; Riina prende il suo posto e al comando del clan cosiddetto "dei corleonesi", accresce notevolmente il suo potere economico e finanziario grazie allo spaccio di droga e alla sistematica vittoria nelle gare d'appalto nelle opere edilizie.

Successivamente toglie di mezzo il boss Stefano Bontate e riesce a conquistare il potere su tutta l'organizzazione di "Cosa Nostra": ordina diversi omicidi e realizza di fatto in questo periodo storico una campagna aggressiva contro lo Stato.

E' il 15 gennaio 1993 quando Riina viene catturato dal ROS (Raggruppamento Operativo Speciale) dei Carabinieri; il boss ha già alle spalle due condanne con l'ergastolo come pena. Il suo arresto avviene nel centro di Palermo, al primo incrocio di fronte alla sua villa in via Bernini, dove Riina aveva trascorso 25 anni di latitanza.

Viene rinchiuso nel carcere speciale dell'Asinara, in Sardegna, dove rimane fino al mese di luglio del 1997. In seguito è trasferito al carcere di Marino del Tronto ad Ascoli dove, per circa tre anni, è sottoposto al "carcere duro" previsto per chi commette reati di mafia.

Il 12 marzo del 2001 viene revocato l'isolamento, consentendogli così la possibilità di vedere altre persone nell'ora di libertà.

Ad oggi sono in corso diversi processi per altri crimini commessi, per i quali si prevedono altri ergastoli.

Cerca nelle biografie:

Ultimo aggiornamento: 13/11/2006

Accadde oggi

21 agosto 1609
Galileo Galilei presenta al governo veneziano il suo cannocchiale (telescopio): è un momento fondamentale nella storia dell'astronomia.
Leggi l'articolo:
Galileo e il suo telescopio

Ha detto:

«La suprema felicità della vita è essere amati per quello che si è o, meglio, di essere amati a dispetto di quello che si è.»
Victor_Hugo
Testo di Stefano Moraschini