Biografie

Katharine Hepburn

Katharine Hepburn
Film e DVD di Katharine Hepburn

Biografia Un angelo di ferro

La famosa attrice americana, nata il 12 maggio del 1907 ad Hartford, nel Connecticut, ha formato, accanto a Spencer Tracy, una delle coppie più amate e più in sintonia della storia del cinema (un sodalizio professionale durato venticinque anni, dal 1942 al 1967).

L'artista ebbe la fortuna di provenire da una famiglia assai agiata, che ha agevolato e incentivato le sue inclinazioni: il padre era infatti uno dei più famosi urologi americani mentre la madre, cugina di un ambasciatore, fu una delle cosiddette "suffragette", nomignolo affibbiato alle donne che lottavano per l'affermazione dei diritti femminili (all'epoca, infatti, il gentil sesso non usufruiva neppure dell'elementare diritto di voto). Dunque, possiamo ben dire che la madre era una donna all'avanguardia, molto colta e capace di autonomia critica. Ciò significa che era anche in grado di capire e comprendere la figlia nelle sue passioni e di seguirla in attività che potevano apparire velleitarie (come spesso succede nelle famiglie benestanti e no).

Purtroppo, un trauma non da poco segna la futura e già sensibile attrice, ossia il suicidio del fratello, che si tolse la vita per motivi mai chiariti. Non solo non lasciò praticamente nulla di scritto che potesse giustificare il suo gesto, ma non diede neanche segnali che potessero far sospettare la scelta di una decisione così estrema. Così, questa improvvisa scomparsa peserà sempre come un macigno nell'animo della Hepburn.

Dal canto suo, la piccola Katharine comincia a recitare già in tenera età e proprio negli spettacoli "femministi" organizzati dalla madre. Pur coltivando un animo sensibile e introspettivo, molto profondo e maturo rispetto alla media dei suoi coetanei, la corteccia caratteriale che la distingue è forte e determinata, con punte che potevano arrivare all'asprezza.

Insomma, tutto fa pensare che la ragazzina abbia un carattere aggressivo, mentre in realtà dentro è una donna dolce e con le fragilità di tutti. Tuttavia, quella dose di aggressività che riusciva a far emergere durante la preparazione delle rappresentazioni l'aiutarono non poco nel mondo dello spettacolo. Da buona figlia appartenente all'upper-class, non trascura comunque gli studi e si laurea al Bryn Mawr, college frequentato appunto dai rampolli dell'alta società.

A ventiquattro anni sposa l'agente di cambio Ludlow Smith dal quale però divorzia dopo soli cinque anni. Anche in campo professionale le cose non vanno molto meglio: le prime esperienze sono fallimentari, la futura diva non riesce a far emergere il suo talento. Oppure, semplicemente non era sufficientemente apprezzata e capita da chi le stava intorno: non lo sapremo mai.

E' un inizio di carriera che la vede impegnata più che altro a teatro, con spettacoli contrassegnati da alti e bassi.

Sta di fatto che però giusto un anno prima della separazione col marito, nel 1932, arriva il primo riconoscimento, quello che la vede protagonista in "Febbre di vivere", accanto ad un altrettanto validissimo John Barrymore, negli anni Trenta un divo a tutti gli effetti.

Come si suol dire, sono io primi squilli di tromba che salutano una carriera in ascesa.

Ma quel film è fortunato anche per un altro motivo: sul set incontra un certo George Cukor, un vero mago della macchina da presa, un professionista di ferro che sarà il regista cardine di quasi tutta la sua produzione, accompagnandola per tutta la carriera.

Subito dopo, sull'onda della notorietà e con la frenesia, da parte dei produttori, di battere il "ferro caldo" del successo, gira "La falena d'argento", un film della RKO, la casa di produzione a cui sarà professionalmente legata fino al 1940. Il ruolo è quello romantico e un pò eroico di un'aviatrice emancipata e ribelle (quasi il ritratto della madre!) che, volendo rompere il circolo vizioso di un mondo ipocrita e condizionato da falsi valori, si lascia morire lanciandosi dal proprio bimotore.

Questa tipologia di personaggio, un pò contro le regole e diffidente nei confronti della società ligia alle regole tradizionali la rende in breve tempo un'icona della nuova gioventù, forse non ancora del tutto ribelle ma sulla buona strada per diventarlo.

Per tutti gli anni Trenta Katharine Hepburn sarà dunque il simbolo della ragazza moderna e spregiudicata, che non guarda in faccia a nessuno e che sa apprezzare le novità e le innovazioni del costume e della tecnologia. Un esempio classico di questa ideale incarnazione di un prototipo femminile lo offre ancora una volta nel nuovo modello di donna che riesce a creare nel personaggio di Jo (non esente da qualche punta di androginia), nel film tratto da "Piccole donne", diretto ancora una volta da Cukor. Qui siamo lontanissimi dal canone imperante di donna burrosa e remissiva in voga al tempo: viceversa, l'attrice propone un modello di persona forte che sa quello che vuole e che è in grado di rapportarsi alla pari con l'altro sesso, pur non arrivando necessariamente allo scontro ma anzi essendo anche capace di amare appasionatamete.

Nel 1933 arriva il primo riconoscimento alla carriera con l'assegnazione dell'Oscar per il film "La gloria del mattino". Nel 1935, invece, dopo l'insuccesso inatteso de "Il Diavolo è femmina" (accanto a Cary Grant), recita e ottiene consensi in "Primo Amore". La gloria cinematografica ritorna ancora con il film "Palcoscenico" di Gregory La Cava. Nel 1938 interpreta Susanna e si rivela oltretutto pure una straordinaria attrice brillante.

Successivamente Katharine Hepburn tornerà al suo vecchio e inizialmente poco riconoscente amore: il teatro. Dopo qualche mese passato sulle tavole del palcoscenico, agli inizi degli anni ?40 si ripresenta ad Hollywood e abbandona la RKO, dopo una serie di insuccessi commerciali che le valgono l'immeritato soprannome di "veleno del botteghino". Ma si sa: Hollywood ti incensa quando hai successo e ti seppellisce quando incontri difficoltà.

Fortunatamente, il successo le arride nuovamente con il ruolo dell'ereditiera capricciosa in "Scandalo a Filadelfia", prodotto dalla MGM e diretto dall'amico e fidato regista Cukor. L'interpretazione è impeccabile, sofisticata, elegante e di grande stile. Il 1942 è l'anno dell'incontro con Spencer Tracy, l'uomo che rappresenterà per venticinque anni non solo lo straordinario partner artistico con cui stabilisce un'intesa perfetta, ma anche il grande amore della sua vita. Tale è l'affiatamento che nei film girati insieme si avverte in modo impressionante e anche il pubblico non può che percepirlo a pelle: questo "plus" che si offre nell'interpretazione e che emerge dalla pellicola contribuisce al successo de "La donna del giorno".

Nel 1947 è invece la volta di un ruolo un pò anomalo, che potrebbe apparentemente sembrare un passo indietro rispetto all'immagine che l'attrice aveva dato di sè al pubblico. Intrepreta cioè in "Canto d'amore" un'eroina romantica come Clara, la moglie del "folle" musicista Robert Schumann. Il titolo fa indubbiamente pensare a svenevolezze di vario tipo, ma non bisogna comunque dimenticare che la Schumann fu pur sempre una delle donne più indipendenti del suo tempo, riuscendo ad imporre per prima alle società dei concerti la figura della donna musicista, delle grande virtuosa in competizione con i più celebri mostri sacri dello strumento (il pianoforte, in questo caso) e capace di tener testa al dominio maschile anche sul fronte della composizione (anche se le sue partiuture cominciano ad essere apprezzate solo adesso). Insomma, un altro caso di donna anomala, di mosca bianca.

Nel 1951 eccezionale è la pellicola del film "La Regina d'Africa", girata a fianco di un grande Humphrey Bogart. Emozionante ed indimenticabile, poi, la sua Madame Venable in "Improvvisamente l'estate scorsa" di J.L. Mankiewicz.

Quando Spencer Tracy si ammala, la Hepburn trascura il lavoro per stargli accanto. L'ultimo film che girano insieme è "Indovina chi viene a cena" che varrà alla Hepburn il secondo Oscar nel 1967 (il primo l'aveva ottenuto per "Gloria del mattino"). Poche settimane dopo Spencer Tracy muore.

Dopo la scomparsa dell'amato compagno, la Hepburn torna sul set ancora molte volte e vince altri due Oscar: per "Il leone d'inverno" e "Sul lago dorato", che è anche l'ultimo film girato dall'attrice, nel 1981.

Quattro Oscar vinti e dodici nomination in quasi cinquant'anni di carriera: è un record che nessun altra star ha mai registrato.

Katharine Hepburn si è spenta il 29 giugno 2003 all'età di 96 anni.

Di lei il celebre drammaturgo Tennesse Williams ha detto: "Kate è l'attrice sognata da ogni drammaturgo. Riempie ogni azione, ogni frammento del testo con l'intuito di un artista che sia nata soltanto per quello scopo".

Frasi di Katharine Hepburn

3 fotografie

Foto e immagini di Katharine Hepburn

Video Katharine Hepburn

Commenti

Non ci sono commenti per Katharine Hepburn.

Argomenti e biografie correlate

Film e DVD di Katharine Hepburn

10 biografie

Nati lo stesso giorno di Katharine Hepburn

Ferdinando I d'Austria

Ferdinando I d'Austria

Monarca austriaco
α 19 aprile 1793
ω 29 giugno 1875
Elizabeth Barrett Browning

Elizabeth Barrett Browning

Poetessa inglese
α 6 marzo 1806
ω 29 giugno 1861
Lana Turner

Lana Turner

Attrice statunitense
α 8 febbraio 1921
ω 29 giugno 1995
Margherita Hack

Margherita Hack

Scienziata e astrofisica italiana
α 12 giugno 1922
ω 29 giugno 2013
Paul Klee

Paul Klee

Pittore tedesco
α 18 dicembre 1879
ω 29 giugno 1940
Primo Carnera

Primo Carnera

Pugile italiano
α 25 ottobre 1906
ω 29 giugno 1967
Alberto Moravia

Alberto Moravia

Scrittore italiano
α 28 novembre 1907
ω 26 settembre 1990
Claus von Stauffenberg

Claus von Stauffenberg

Ufficiale nazista, autore del complotto per assassinare Hitler
α 15 novembre 1907
ω 21 luglio 1944
Compay Segundo

Compay Segundo

Cantautore cubano
α 18 novembre 1907
ω 14 luglio 2003
Frida Kahlo

Frida Kahlo

Pittrice messicana
α 6 luglio 1907
ω 13 luglio 1954
John Wayne

John Wayne

Attore statunitense
α 26 maggio 1907
ω 11 giugno 1979
Laurence Olivier

Laurence Olivier

Attore e regista inglese
α 22 maggio 1907
ω 11 luglio 1989
Robert A. Heinlein

Robert A. Heinlein

Scrittore statunitense, fantascienza
α 7 luglio 1907
ω 8 maggio 1988
Vitaliano Brancati

Vitaliano Brancati

Scrittore e sceneggiatore italiano
α 24 luglio 1907
ω 25 settembre 1954
Wystan Hugh Auden

Wystan Hugh Auden

Poeta e scrittore inglese
α 21 febbraio 1907
ω 29 settembre 1973
Alberto Sordi

Alberto Sordi

Attore e comico italiano
α 15 giugno 1920
ω 25 febbraio 2003
Barry White

Barry White

Cantante statunitense
α 12 settembre 1944
ω 4 luglio 2003
Carlo Urbani

Carlo Urbani

Medico italiano
α 19 ottobre 1956
ω 29 marzo 2003
Charles Bronson

Charles Bronson

Attore statunitense
α 3 novembre 1921
ω 30 agosto 2003
Ciccio Ingrassia

Ciccio Ingrassia

Attore italiano
α 5 ottobre 1922
ω 28 aprile 2003
Compay Segundo

Compay Segundo

Cantautore cubano
α 18 novembre 1907
ω 14 luglio 2003
Edward Teller

Edward Teller

Fisico ungherese naturalizzato statunitense
α 15 gennaio 1908
ω 9 settembre 2003
Elia Kazan

Elia Kazan

Regista statunitense
α 7 settembre 1909
ω 28 settembre 2003
Gianni Agnelli

Gianni Agnelli

Industriale italiano
α 12 marzo 1921
ω 24 gennaio 2003
Giorgio Gaber

Giorgio Gaber

Cantautore italiano
α 25 gennaio 1939
ω 1 gennaio 2003
Gregory Peck

Gregory Peck

Attore statunitense
α 5 aprile 1916
ω 12 giugno 2003
Guido Crepax

Guido Crepax

Fumettista italiano
α 15 luglio 1933
ω 31 luglio 2003
Johnny Cash

Johnny Cash

Cantante country statunitense
α 26 febbraio 1932
ω 12 settembre 2003
Nina Simone

Nina Simone

Cantante statunitense
α 21 febbraio 1933
ω 20 aprile 2003
Oreste Del Buono

Oreste Del Buono

Scrittore italiano
α 8 marzo 1923
ω 30 settembre 2003
Pecora Dolly

Pecora Dolly

Primo clone animale
α 5 luglio 1996
ω 14 febbraio 2003
Roberto Murolo

Roberto Murolo

Cantante napoletano
α 19 gennaio 1912
ω 14 marzo 2003
Sandro Ciotti

Sandro Ciotti

Giornalista, radiocronista sportivo e conduttore TV
α 4 novembre 1928
ω 18 luglio 2003
Sergio Anselmi

Sergio Anselmi

Scrittore e storico italiano
α 11 novembre 1924
ω 7 novembre 2003