Biografie

Muhammad Yunus

Muhammad Yunus
Muhammad Yunus nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Una banca per i poveri

Muhammad Yunus nasce il 28 giugno 1940 a Chittagong, il più importante centro economico del Bengala Orientale, in Bangladesh. Terzo di 14 figli, cinque dei quali morti ancora bambini, si è laureato in Economia nella sua città e ha conseguito il dottorato all'Università Vandebirlt di Nashville (Tennessee).

A differenza di molti coetanei rimasti a lavorare negli Stati Uniti, dopo gli studi è tornato in patria.

Nel 1972 diviene capo del Dipartimento economico dell'università di Chittagong. Nel 1974 il Bangladesh è colpito da una grave carestia. Il professore ogni mattina varca la porta del dipartimento universitario, lasciandosi alle spalle una miriade di mendicanti e, anche volendo, è impossibile non vedere.

E' da questo momento che il Prof. Yunus comincia a sentirsi a disagio nel suo ruolo di professore di economia, capisce che la montagna di teorie acquisite in anni di studio sono distanti ed estranee al mondo di miseria che lo circonda.

Di fronte a tanta miseria verrebbe spontaneo fare l'elemosina, ma la carità secondo il Prof. Yunus non solo non è utile ma persino dannosa.

Il Prof. Yunus comincia insieme ai suoi studenti a visitare le case del vicino villaggio di Jobra per calarsi nella realtà che lo circonda e per capire la vita delle persone più povere. Interrogando gli abitanti del villaggio, scopre la loro condizione di schiavitù: essi acquistano a credito la materia prima da un commerciante al quale sono costretti a rivendere i prodotti per un guadagno di pochi centesimi; oppure si rivolgono agli usurai, poichè il credito ordinario è loro inaccessibile. Le banche infatti non sono disposte a dare prestiti per cifre molto piccole, perché il costo dell'apertura della pratica è sproporzionato rispetto all'entità del credito stesso e, non sono disposte a fare prestiti ai poveri perché non hanno garanzie patrimoniali da offrire per la loro solvibilità. Ma come fanno ad avere garanzie se sono poveri? E come fanno a non essere più poveri se non ottengono i prestiti necessari?

Agli studenti del proprio dipartimento affida il compito di compilare un elenco di tutte le persone di Jobra che ricorrono ai prestiti dei commercianti e i risultati sono sconcertanti: l'elenco contiene 42 nomi di persone per un prestito totale di 856 taka, vale a dire meno di 27 dollari, per ripagare i quali 42 famiglie sono ridotte alla fame.

Il prof. Yunus si rivolge alla banca Janata di Jobra per chiedere altro denaro per i poveri del villaggio. Con molta fatica Yunus riesce a farsi concedere un prestito di 10.000 taka, l'equivalente di 300 dollari. I beneficiari sono i poveri del villaggio ma ogni microcredito, deve essere personalmente garantito dal professore.

Fino a questo momento il progetto è solo sperimentale, limitato al villaggio di Jobra e si avvale del lavoro volontario degli studenti. Nel 1977 grazie all'aiuto dell'amministratore delegato, Yunus riesce ad ottenere dalla Krishi Bank, la gestione sperimentale di una filiale della banca che chiama "Grameen Bank" (banca rurale o del villaggio). Yunus approfitta di un seminario organizzato dalla Banca centrale dal titolo "Finanziare i poveri in ambiente rurale" per illustrare la sua iniziativa.

Mentre gli altri esperti sostengono la necessità di rendere difficile l'accesso al credito, al fine di attirare soltanto i clienti realmente solvibili, Yunus sostiene che si debbano impostare le procedure così da facilitare la modalità di rimborso. Le dimensioni del progetto sono però ancora poco significative, i clienti sono meno di 500 e l'esperimento è effettuato in scala troppo ridotta per poter destare l'interesse delle banche governative.

Yunus deve quindi dimostrare che il microcredito può funzionare anche su scala nazionale: ad accogliere la sua sfida é il vicegovernatore della Banca Centrale. Il 6 giugno 1979 il prof. Yunus assume ufficialmente l'incarico di avviare il progetto "Grameen" nella regione del Tangail.

Il progetto prevede che ogni banca nazionale metta a disposizione della banca Grameen almeno tre agenzie nella provincia di Tangail più alcune nella provincia di Chittagong, tra cui l'agenzia della Banca agricola già aperta a Jobra, per un totale di venticinque agenzie. La regione è sull'orlo di una guerra civile, ma nonostante ciò, nel 1982 solo dopo tre anni dall'insediamento nella regione, i risultati sono stupefacenti: i clienti Grameen sono 28.000.

L'impostazione data dalla Grameen Bank nel fornire i propri servizi rappresenta un modo totalmente nuovo di agire e di porsi nei confronti del cliente rispetto all'approccio tradizionale delle banche. Mentre gli istituti creditizi tradizionali prevedono di norma che siano i potenziali clienti a recarsi presso i propri uffici a richiedere un prestito, nel modello Grameen sono gli operatori della banca a raggiungere le persone nei villaggi. L'intento è quello di riuscire a creare un rapporto paritario tra funzionario di banca e cliente, in modo da evitare ai poveri di trovarsi a disagio in un luogo a loro non abituale: per un povero e per giunta analfabeta un ufficio è un luogo minaccioso, terrificante, è un modo ulteriore per interporre una distanza.

I clienti di Grameen sono i più poveri tra i poveri e concedere loro dei finanziamenti vuol dire ritenere solvibili soggetti che il sistema bancario mondiale non ha mai ritenuto tali. Il programma di microcredito della Grameen si articola utilizzando una serie di diversi strumenti finanziari per rendere più completo il servizio finanziario. Oltre il servizio di base costituito dalla concessione del credito, sono così previsti fondi di risparmio mutualistici, fondi assicurativi, contratti di leasing per l'acquisto di attrezzature e veicoli.

C' è poi un aspetto sociale assai rilevante: il 94% dei beneficiari dei prestiti Grameen sono donne. Se il denaro è affidato ad una donna, il prestito risulta più sicuro. All'epoca in Bangladesh le banche tradizionali non prestavano denaro alle donne. Vi erano "agenzie per signore" ma solo per raccogliere i loro depositi: se una donna - pur se ricca - si rivolgeva ad una banca per farsi prestare del denaro, il funzionario chiedeva immancabilmente di poter parlare al marito.

Quest'attenzione per la donna ha provocato non pochi problemi e resistenze soprattutto da parte di mariti, mullah e usurai, che più direttamente sentivano minacciato il loro potere.

Dopo il successo riscontrato nonostante le difficoltà, nel 1982 il progetto viene esteso ad altri tre distretti: Dhaka, Rangpur e Ptuakhali, caratterizzati dai medesimi problemi del Paese in termini di crescita demografica, di presenza di senza terra, di produttività agricola e di sviluppo.

Alla fine del settembre del 1983 il consiglio dei ministri approva la proposta che rende la Grameen Bank un'istituzione finanziaria indipendente a tutti gli effetti: il capitale sociale è detenuto al 60% dal Governo e il 40% dai clienti stessi. Nel 1985 la partecipazione azionaria è modificata a favore dei clienti azionisti ai quali va il 75% delle azioni emesse, mentre il restante 25% è distribuito tra lo Stato e altri due istituti governativi: la Sonali Bank e la Krishi Bank.

Nel 1986 l'autonomia della banca è ulteriormente rafforzata, il Governo del Bangladesh ha beneficiato la Grameen bank, a differenza delle altre banche, di uno statuto speciale. La composizione del consiglio di amministrazione è modificata in modo che i clienti?azionisti risultino maggioritari e il direttore generale nominato non più dal Governo ma dal consiglio di amministrazione. Al 2007 il 92% delle azioni è posseduto dai clienti, il restante 8% è detenuto dal Governo11.

Nel 2006 Muhammad Yunus viene insignito del Nobel per la pace, così motivato: "per l'impegno nel creare sviluppo sociale ed economico partendo dal basso. La pace duratura non può essere realizzata se ampi gruppi di popolazione non trovano il modo per uscire dalla povertà. Il microcredito è uno dei modi. Lo sviluppo dal basso serve anche a promuovere la democrazia e i diritti umani. Il microcredito si è dimostrato una forza liberatrice in società dove le donne in particolare devono lottare contro condizioni economiche e sociali repressive".

Per molti versi il Nobel per la pace a Yunus e alla banca del microcredito sono atipici, il Comitato del Nobel dimostra di voler ampliare il senso della parola "pace": non solo la risoluzione di conflitti armati, ma le condizioni che rendono possibile mantenere la pace, dunque anche la difesa dei diritti umani o dell'ambiente o dello sviluppo sociale.

Per ridurre la povertà, ci insegna Yunus, è necessario sostenere con il credito le piccole attività che garantiscono ai poveri la sopravvivenza. La disponibilità di credito è fondamentale per la crescita di qualsiasi attività economica, che provoca l'aumento dei redditi delle famiglie e quindi la riduzione della povertà. Ma la sola crescita economica non basta ed è invece necessario che progredisca tutto il contesto sociale fatto di infrastrutture e servizi migliori, valorizzazione delle risorse del territorio, istruzione, sanità, ecc.

Oltre ai microprestiti la Grameen Bank ha assunto in prima persona iniziative in vari settori dell'economia, nell'irrigazione, nell'allevamento del pesce e nella telefonia; è impegnata a promuovere presso i propri clienti l'igiene, la salute, l'istruzione scolastica, la pianificazione familiare, l'abbandono di usanze feudali come l'istituto della dote e dei matrimoni precoci. Il risultato è una profonda rivoluzione sociale nella direzione di una società più moderna e tollerante con un ruolo accresciuto delle donne nella famiglia e nella società. La crescita dell'economia e del benessere, insieme a una maggiore istruzione e informazione, ha l'effetto di allentare le tensioni sociali, e a togliere spazio all'intolleranza religiosa. L'esempio è proprio il Bangladesh, dove il numero delle donne che partecipano al voto da minoritario è diventato preponderante e dove nelle elezioni del 1996 l'integralismo religioso è risultato sconfitto: le donne, più che per un candidato o per un partito, hanno votato per avere diritto alla casa, a un reddito che garantisca la sopravvivenza, all'acqua potabile, ai servizi sanitari.

Il successo nel combattere la povertà è palese ma il lato dell'azione forse più difficile da cogliere, è quello della dimensione sociale e politica del microcredito: esso libera il povero dalla fame, ma lo libera anche dalla soggezione politica.

Aforismi di Muhammad Yunus

2 fotografie

Foto e immagini di Muhammad Yunus

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Muhammad Yunus ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Muhammad Yunus nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

11 biografie

Nati lo stesso giorno di Muhammad Yunus

Pele'

Pele'

Calciatore brasiliano
α 23 ottobre 1940
Mina

Mina

Cantante italiana
α 25 marzo 1940
Al Pacino

Al Pacino

Attore statunitense
α 25 aprile 1940
Al Jarreau

Al Jarreau

Cantante statunitense
α 12 marzo 1940
ω 12 febbraio 2017
Brian De Palma

Brian De Palma

Regista statunitense
α 11 settembre 1940
Bruce Lee

Bruce Lee

Attore statunitense, leggenda del kung fu
α 27 novembre 1940
ω 20 luglio 1973
Bruce Chatwin

Bruce Chatwin

Scrittore inglese
α 13 maggio 1940
ω 8 gennaio 1989
Carlo Taormina

Carlo Taormina

Avvocato, giurista e politico italiano
α 17 dicembre 1940
Chuck Norris

Chuck Norris

Attore statunitense, campione di Karate
α 10 marzo 1940
Dario Argento

Dario Argento

Regista italiano
α 7 settembre 1940
Ernesto Pellegrini

Ernesto Pellegrini

Imprenditore ed ex dirigente sportivo italiano
α 14 dicembre 1940
Fabrizio De André

Fabrizio De André

Cantautore italiano
α 18 febbraio 1940
ω 11 gennaio 1999
Fausto Bertinotti

Fausto Bertinotti

Politico italiano
α 22 marzo 1940
Francesco Guccini

Francesco Guccini

Cantautore e scrittore italiano
α 14 giugno 1940
Frank Zappa

Frank Zappa

Chitarrista statunitense
α 21 dicembre 1940
ω 4 dicembre 1993
George Romero

George Romero

Regista statunitense
α 4 febbraio 1940
Gigi Proietti

Gigi Proietti

Attore italiano
α 2 novembre 1940
Giorgio Moroder

Giorgio Moroder

Compositore e discografico italiano
α 26 aprile 1940
Herbie Hancock

Herbie Hancock

Musicista statunitense jazz, fusion e funky
α 12 aprile 1940
Iva Zanicchi

Iva Zanicchi

Cantante e presentatrice tv italiana
α 18 gennaio 1940
James Caan

James Caan

Attore statunitense
α 26 marzo 1940
John Lennon

John Lennon

Cantante e musicista inglese, Beatles
α 9 ottobre 1940
ω 8 dicembre 1980
John Gotti

John Gotti

Criminale statunitense di origini italiane
α 27 ottobre 1940
ω 10 giugno 2002
Martin Sheen

Martin Sheen

Regista e attore statunitense
α 3 agosto 1940
Maurizio Mosca

Maurizio Mosca

Giornalista e opinionista sportivo italiano
α 24 giugno 1940
ω 3 aprile 2010
Max Mosley

Max Mosley

Manager inglese, Presidente FIA
α 13 aprile 1940
Nick Nolte

Nick Nolte

Attore statunitense
α 8 febbraio 1940
Paolo Borsellino

Paolo Borsellino

Magistrato italiano, vittima di mafia
α 19 gennaio 1940
ω 19 luglio 1992
Paolo Limiti

Paolo Limiti

Autore e conduttore tv italiano
α 8 maggio 1940
Patrick Stewart

Patrick Stewart

Attore inglese
α 13 luglio 1940
Pina Bausch

Pina Bausch

Coreografa tedesca
α 27 luglio 1940
ω 30 giugno 2009
Pippo Franco

Pippo Franco

Attore, cabarettista e conduttore tv italiano
α 2 settembre 1940
Placido Domingo

Placido Domingo

Tenore spagnolo
α 21 gennaio 1940
Raquel Welch

Raquel Welch

Attrice statunitense
α 5 settembre 1940
Renato Pozzetto

Renato Pozzetto

Attore e comico italiano
α 14 luglio 1940
Ringo Starr

Ringo Starr

Musicista inglese, Beatles
α 7 luglio 1940
Roberto Cavalli

Roberto Cavalli

Stilista italiano
α 15 novembre 1940