Marty Feldman

Marty Feldman
Marty Feldman nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Marty Feldman

Biografia Lupu ululà e castellu ululì

Marty Feldman, grande comico anglosassone, è nato nell'East End di Londra nel 1934, figlio di un sarto ebreo. Lasciata la scuola a soli quindici anni, segue inizialmente la vocazione di trombettista jazz, che in quel momento sentiva di possedere.

Solo più tardi scopre in realtà di provare una forte attrazione per il palcoscenico e per la recitazione. Prende parte allora ad alcune commedie, dove comincia a farsi strada la sua vena comica arguta e surreale, sulla scia dei suoi maestri ideali, Buster Keaton e i fratelli Marx in testa.

Il suo primo ingaggio nel mondo dello spettacolo avviene grazie ad una commedia comica creata insieme a due amici, gli stessi con cui forma un trio chiamato "Morris, Marty and Mitch", trio comico estremamente influenzato da quello che nello stesso periodo stavano appunto facendo i già ricordati fratelli Marx (Grouche, Harpo, Chico e Zeppo), e che ricalcava, più o meno, lo stesso tipo di comicità stralunata.

Nel '54 incontra Barry Took, un altro umorista di talento. L'uno rimane colpito, in un singolare gioco incrociato, dal pazzo umorismo dell'altro, simpatizzano, e decidono di creare un sodalizio professionale. Cominciano dunque a scrivere soggetti di tutti i generi e in gran quantità per programmi radiofonici di vario tipo fino a che Marty, sul finire degli anni cinquanta, entra a far parte di un vero e proprio team di sceneggiatori assoldati per trovare idee divertenti per i radio show. In particolare, il team si applica, con lodevoli risultati di ascolto, ad uno dei programmi più in voga all'epoca "Educating Archie".

Fortunatamente Marty e Barry, che rischiavano di prendere strade separate a causa dei sopravvenuti impegni del primo, vengono chiamati ad unire i loro sforzi per realizzare altri due programmi radiofonici "We're in Business" e il clamoroso, in termini di ascolto, "The Army Game". Due di quei popolari show danno vita ad altre esperienze, nate più o meno sulla base delle caratterizzazioni create per lo show precedente (quindi utilizzando gli stessi personaggi, modificati o arricchiti con altre trovate). Uno di questi è "Bootsie and Snudge", per il quale Feldman diventa lo sceneggiatore responsabile. Indubbiamente un passaggio di carriera non indifferente. Ma l'aspetto più importante è che questo tipo di produzioni cominciano a sbarcare anche in televisione, raggiungendo una massa più imponente di spettatori, rispetto alla sola radio.

Inoltre, ora non è più uno scribacchino che si deve adattare ad integrare o modificare quello che scrivono altri, ma è l'ideatore diretto di tutti i programmi che gli vengono affidati. Naturalmente, si prende di converso anche la responsabilità delle battute e degli andamenti degli ascolti. Di certo l'artista non delude le aspettative, visto che gli spettacoli da lui ideati diventano tra i più visti della televisione inglese.

Alla metà del 1961, il comico scopre di essere affetto da una grave forma degenerativa di natura ipertiroidea. Gli effetti di questa malattia si ripercuotono soprattutto sull'apparato oculare, che subisce gravi modificazioni. Questo "difetto", e l'immagine dell'attore che di conseguenza ha impresso, è uno dei motivi iconografici per cui oggi è così ricordato, tanto che il suo volto è quasi diventato un'icona. In effetti, è difficile dimenticare quello sguardo, espressamente accentuato dallo stesso Feldman per renderlo il più caricaturale possibile (com'è facilmente osservabile nelle numerose foto che lo ritraggono anche fuori dal set).

Fortunatamente dunque, anche grazie al suo grande spirito reattivo, la carriera non subisce grandi scossoni e anzi per tutti gli anni sessanta intensifica le sue collaborazioni con la BBC nella realizzazione di programmi televisivi, fino a creare show poi diventati fucina di talenti comici. Ricordiamo, fra gli altri, alcuni dei futuri Monty Python come Michael Palin, Terry Jones e John Cleese.

In uno di questo show, inoltre, dette vita ad uno dei suoi più fortunati personaggi, entrati poi anche nel costume del popolo britannico con i suoi tormentoni. In questo periodo avvenne la consacrazione ufficiale di Feldman e di conseguenza si verificò un'ulteriore spinta in avanti della carriera: il simbolo tangibile della stima che la BBC provava per lui fu l'offerta di realizzare proprie commedie sul secondo canale per gli anni a venire, commedie in cui fosse il protagonista assoluto.

Restava però, in questa fulgida ascesa, ancora un territorio da conquistare, e stavolta nel vero senso della parola, ossia l'America. Ancora sconosciuto negli Stati Uniti, Feldman decise di farsi conoscere anche in quel grande continente. Il suo debutto televisivo sugli schermi statunitensi risale alla fine degli anni sessanta, quando appare in alcuni sketch del popolarissimo "Dean Martin Show". La riuscita è buona, l'accoglienza più che lusinghiera. Il ghiaccio sembra rotto e allora eccolo negli anni settanta regolarmente ospite di numerosi show così come di repliche estive. Negli stessi anni progetta e mette in piedi un altro spettacolo basato su di lui che infatti prenderà il nome di "The Marty Feldman Comedy Machine".

In Italia, invece, Feldam non ha avuto moltissime occasioni per essere conosciuto. L'immagine più dirompente che tutti ricordano è infatti legata ad un film di diffusione internazionale e di enorme successo, tanto da diventare un classico ed essere annoverato come uno dei tributi più divertenti al cinema in bianco e nero e alle pellicole ingenuamente horror del passato. Stiamo parlando di "Frankestein junior", indubbiamente uno degli exploit più clamorosi della carriera di Feldman, basata fino a quel momento più che altro sul rapporto diretto con il pubblico, in una sorta di dimensione cabarettistica. Invece, in quel caso, Mel Brooks lo sceglie per il cast del film avendo la brillante idea di assegnargli il personaggio di Igor, l'assistente tanto funereo quanto spassoso del Dr. Frankenstein, incarnato con esiti altrettanto memorabili da un altro istrione della cinematografia umoristica, Gene Wilder.

Dopo il film di Brooks, vennero a seguire altre partecipazioni, fra cui quella alle "The Adventure of Sherlock Holmes' Smarter Brother", e all'altra pellicola di Mel Brooks dal titolo "Silent Movie". Molti di questi film, purtroppo, non sono stati distribuiti in Italia.

Tale, comunque, è il successo dei film e il riscontro personale di Feldman presso il pubblico che il comico prende il coraggio di cimentarsi in prima persona con il lavoro registico. L'esordio è con " Io, Beau Geste e la legione straniera", scherzoso rifacimento di un film del '39 di Wellman, in cui due fratelli, uno bellissimo e l'altro bruttissimo, finiscono nella legione straniera. In seguito, dirige "In God We Trust", dopo il quale torna comunque davanti alla macchina da presa nei più congeniali panni dell'attore.

Durante la lavorazione del picaresco "Yellowbeard in Mexico", il quarantanovenne Feldman viene colto da un grave malore di origine cardiaca, morendo il 2 dicembre del 1982 a Mexico City, nella sua stanza d'albergo. Viene seppellito al cimitero "Forest Lawn" di Los Angeles, vicino alla tomba del suo idolo, Buster Keaton, al quale si era sempre ispirato, malgrado gli esiti diversissimi della sua comicità.

Marty Feldman, fu un personaggio più unico che raro nel panorama della comicità anglosassone, riuscendo a riassumere in sè diverse figure: comico, regista, scrittore e commediante. Il suo stile fu del tutto unico e personale, contrassegnato in modo indelebile dalla sua indimenticabile fisionomia. Impersonificò il vero spirito della commedia, motivo per cui sarà ricordato molto a lungo.

Frasi di Marty Feldman

5 fotografie

Foto e immagini di Marty Feldman

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Marty Feldman nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Marty Feldman

8 biografie

Nati lo stesso giorno di Marty Feldman

Achille Castiglioni

Achille Castiglioni

Architetto e designer italiano
α 16 febbraio 1918
ω 2 dicembre 2002
Edmond Rostand

Edmond Rostand

Drammaturgo e poeta francese
α 1 aprile 1868
ω 2 dicembre 1918
Filippo Tommaso Marinetti

Filippo Tommaso Marinetti

Poeta e scrittore italiano, fondatore del futurismo
α 22 dicembre 1876
ω 2 dicembre 1944
Hernán Cortés

Hernán Cortés

Condottiero spagnolo
α Anno 1485
ω 2 dicembre 1547
Ivan Illich

Ivan Illich

Sociologo e filosofo austriaco
α 4 settembre 1926
ω 2 dicembre 2002
Marchese De Sade

Marchese De Sade

Scrittore francese
α 2 giugno 1740
ω 2 dicembre 1814
Pablo Escobar

Pablo Escobar

Criminale colombiano
α 1 dicembre 1949
ω 2 dicembre 1993
Alasdair Gray

Alasdair Gray

Scrittore, artista e poeta scozzese
α 28 dicembre 1934
Alberto Bevilacqua

Alberto Bevilacqua

Scrittore e regista italiano
α 27 giugno 1934
ω 9 settembre 2013
Bettino Craxi

Bettino Craxi

Politico italiano
α 24 febbraio 1934
ω 19 gennaio 2000
Brigitte Bardot

Brigitte Bardot

Attrice francese
α 28 settembre 1934
Carlo De Benedetti

Carlo De Benedetti

Imprenditore italiano
α 14 novembre 1934
Carlo Rubbia

Carlo Rubbia

Fisico italiano, premio Nobel
α 31 marzo 1934
Charles Manson

Charles Manson

Famigerato criminale statunitense
α 12 novembre 1934
ω 19 novembre 2017
Cino Ricci

Cino Ricci

Skipper e velista italiano
α 4 settembre 1934
Dionigi Tettamanzi

Dionigi Tettamanzi

Arcivescovo e cardinale cattolico italiano
α 14 marzo 1934
ω 5 agosto 2017
Gino Paoli

Gino Paoli

Cantautore italiano
α 23 settembre 1934
Giorgio Armani

Giorgio Armani

Stilista italiano
α 11 luglio 1934
Harlan Ellison

Harlan Ellison

Scrittore statunitense, fantascienza e fantasy
α 27 maggio 1934
Jimmy Fontana

Jimmy Fontana

Cantante italiano degli anni '60
α 13 novembre 1934
ω 11 settembre 2013
Judi Dench

Judi Dench

Attrice inglese
α 9 dicembre 1934
Leonard Cohen

Leonard Cohen

Cantautore, poeta e scrittore canadese
α 21 settembre 1934
ω 10 novembre 2016
Loriano Macchiavelli

Loriano Macchiavelli

Scrittore italiano
α 12 marzo 1934
Maggie Smith

Maggie Smith

Attrice inglese
α 28 dicembre 1934
Ornella Vanoni

Ornella Vanoni

Cantante italiana
α 22 settembre 1934
Pat Boone

Pat Boone

Cantante statunitense
α 1 giugno 1934
Rino Tommasi

Rino Tommasi

Giornalista, telecronista sportivo e conduttore tv italiano
α 23 febbraio 1934
Robert Moog

Robert Moog

Ingegnere statunitense pioniere della musica elettronica
α 23 maggio 1934
ω 21 agosto 2005
Shirley MacLaine

Shirley MacLaine

Attrice statunitense
α 24 aprile 1934
Sophia Loren

Sophia Loren

Attrice italiana
α 20 settembre 1934
Sydney Pollack

Sydney Pollack

Regista statunitense
α 1 luglio 1934
ω 26 maggio 2008
Tarcisio Bertone

Tarcisio Bertone

Cardinale e arcivescovo cattolico italiano
α 2 dicembre 1934
William F. Sharpe

William F. Sharpe

Economista statunitense, premio Nobel
α 16 giugno 1934
Yuri Gagarin

Yuri Gagarin

Astronauta russo
α 9 marzo 1934
ω 27 marzo 1968
Achille Lauro

Achille Lauro

Armatore, politico e dirigente sportivo italiano
α 16 giugno 1887
ω 15 novembre 1982
Carlo Alberto Dalla Chiesa

Carlo Alberto Dalla Chiesa

Generale italiano dei Carabinieri, vittima di mafia
α 27 settembre 1920
ω 3 settembre 1982
Georges Perec

Georges Perec

Scrittore francese
α 7 marzo 1936
ω 3 marzo 1982
Gilles Villeneuve

Gilles Villeneuve

Pilota F1 canadese
α 18 gennaio 1950
ω 8 maggio 1982
Giuseppe Prezzolini

Giuseppe Prezzolini

Giornalista, scrittore, editore e aforista italiano
α 27 gennaio 1882
ω 14 luglio 1982
Glenn Gould

Glenn Gould

Pianista canadese
α 25 settembre 1932
ω 4 ottobre 1982
Grace Kelly

Grace Kelly

Attrice statunitense e reale monegasca
α 12 novembre 1929
ω 14 settembre 1982
Ingrid Bergman

Ingrid Bergman

Attrice svedese
α 29 agosto 1915
ω 29 agosto 1982
John Belushi

John Belushi

Attore e cantante statunitense
α 24 gennaio 1949
ω 5 marzo 1982
John Cheever

John Cheever

Scrittore statunitense
α 27 maggio 1912
ω 18 giugno 1982
Louis Aragon

Louis Aragon

Poeta francese
α 3 ottobre 1897
ω 24 dicembre 1982
Philip K. Dick

Philip K. Dick

Scrittore statunitense
α 16 dicembre 1928
ω 2 febbraio 1982
Romy Schneider

Romy Schneider

Attrice austriaca naturalizzata francese
α 23 settembre 1938
ω 29 maggio 1982