Oggi: venerdì 31 ottobre 2014 » S. Quintino
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Cher

Camaleontica ed intramontabile

Commenta

Cantante, attrice, icona gay. Sin dai mitici anni '60 Cher è famosa non solo per le sue doti artistiche, ma anche perché viene considerata da molti un vero e proprio pioniere nell'industria della chirurgia estetica.

Cherilyn Sarkisian La Pierre nasce ad El Centro, (California) il 20 maggio 1946, figlia dell'attrice Jakie Jean Crouch (in arte Georgia Holt) e di John Sarkisian La Pierre. A 16 anni lascia la scuola superiore e si trasferisce a Los Angeles, dove incontra il produttore e compositore Sonny (Salvatore) Bono, di chiare origini Italiane, in un bar. Tra i due si instaura subito un forte legame che ben presto diventerà qualcosa in più di un'amicizia.

Un giorno Cherilyn segue Sonny presso i Gold Star Studios e, durante una registrazione, viene messa al posto di una corista che era assente. Da quel momento Cherilyn comincia a cantare canzoni di basso successo come "Be My Baby" e "You've Lost That Loving Feeling", oltre ad incidere qualche duetto con Sonny. Ma il successo non decolla. Durante gli anni '60 Cherilyn e Sonny si sposano: il nome della futura Cher diventa Cherilyn Sarkisian La Pierre Bono. Dopo alcuni anni vedrà la luce Chastity Bono, la loro primogenita.

Fu soltanto nel 1965 con il duetto rock-pop "I got you babe" che la carriera comincia a decollare, infatti riescono a piazzare ben 5 canzoni nella classifica americana, impresa riuscita soltanto ai Beatles e ad Elvis Presley.

Inizialmente il duo è chiamato "Cesar and Cleo", e firmano un contratto con la casa discografica "Atlantic". Il successo raggiunge l'apice della notorietà con lo show televisivo "The Sonny and Cher Comedy Hour" del 1971, in cui i due coniugi riescono a mettere in risalto le loro capacità di recitazione, oltre a quelle canore. Ma Cesar and Cleo continuano ad incidere e Cherilyn ottiene un bel flop con la canzone solista "Classified 1 A".

La situazione si aggrava nel 1974, quando oltre ai vari insuccessi collezionati in ambito professionale il matrimonio con Sonny finisce. Inaspettatamente Cherilyn esce dal sodalizio più forte del marito e ciò non può far altro che bene alla sua instabile carriera. Nonostante ciò non si allontana troppo da Sonny, che resta suo collaboratore in ambito professionale.

Negli anni successivi Cherilyn si trasferisce a New York e abbandona un po il mondo musicale per dedicarsi a quello della recitazione, ed in questo contesto conosce il suo futuro marito, Greg Allman, con il quale sarà sposata per due anni, oltre ad avere un figlio, Elijah Allman.

Dopo il secondo divorzio Cherilyn fa cancellare all'anagrafe i suoi cognomi, diventando semplicemente Cher. La sua carriera di attrice è ricca di successi, nel 1983 riceve una nomination Oscar come attrice non protagonista per il film "Silkwood" e vince un Golden Globe per il ruolo stesso.

Nel 1985 viene premiata come migliore attrice al Festival di Cannes per il film "Mask", e nel 1987 è protagonista in "Le Streghe di Eastwick" (con Jack Nicholson e Susan Sarandon), "Suspect" e "Stregata dalla Luna" (con Nicolas Cage) con cui vince il secondo Golden Globe e l'Oscar come migliore attrice.

Nello stesso anno Cher torna nel mondo della musica con il successo "I Found Someone".

Due anni dopo, nel 1989 incide l'album "Heart of Stone" che include gli hits "Just like Jesse James" e "If I Could Turn Back Time". Nel 1990 Cher entra a testa alta nelle classfiche di tutto il mondo con il singolo "The Shoop Shoop Song". Un altro successo collezionato.

La carriera di Cher si stabilizza definitivamente nel 1995 grazie all'album "It's a Man's World", dal quale vengono tratti successi come "One by One" e "Walking in Memphis".

Nel 1998 recita nel film "Un Té con Mussolini", di Franco Zeffirelli.

Nello stesso anno un pesante lutto sconvolge la vita della diva: in un incidente sciistico perde la vita Sonny. Al funerale Cher lo elogia ripetutamente, e lo fa con grande forza. In sua memoria incide un nuovo album, "Believe", dal quale oltre al singolo omonimo sono estratti anche "Strong Enough" e "All Or Nothing".

La stessa Cher dubita dello stesso ma ben presto si ricrede. "Believe" diventa un successo planetario, vince un Grammy Awards e ridefinisce il concetto di musica dance. Vende oltre 10 milioni di copie ed è l'album più venduto da parte di un'artista donna.

Nel 2000 duetta con Eros Ramazzotti in "Più Che Puoi".

Nel 2002 Cher incide ancora un nuovo album, l'ultimo della sua carriera, "Living Proof", che contiene il singolo "The Music's No Good Without You".

Con questi due album Cher riesce a farsi conoscere anche dai più giovani: le sue canzoni sono ascoltate e ballate in tutto il globo.

Dopo 40 anni di carriera Cher decide ad abbandonare il mondo della musica per sempre: il tour d'addio porta il nome di "Living Proof - The Farewell Tour", probabilmente il più lungo del mondo per salutare i suoi fan. Tuttavia Cher non abbandonerà tanto facilmente i riflettori: continueremo a vederla sul grande e piccolo schermo. Il suo primo libro, "The first Time", è divenuto un cult negli Stati Uniti. Torna nuovamente in studio per realizzare un album, dal titolo "Closer to the Truth" che esce nel mese di settembre 2013.

Cher è un mito, una leggenda vivente, che si è differenziata da tutto il resto semplicemente per il suo stile e per la sua capacità di aggiornarsi, di risultare sempre al passo con i tempi. Ed ha avuto un'incredibile carriera, lunga ben 40 anni, che l'ha resa di sicuro un punto di riferimento nel mondo del cinema come in quello della musica. Rimarrà per sempre indelebile nella memoria collettiva.

Video Cher

Ultimo aggiornamento: 18/09/2013
Commenta Ci sono 2 commenti • Leggi i commenti per CherScrivi un commento
Altre frasi di Cher Foto di Cher

Accadde oggi

31 ottobre 1984
Indira Gandhi, primo ministro dell'India dal 1980, viene assassinata da due guardie del corpo, nel giardino della sua residenza di Nuova Delhi.
Leggi l'articolo:
L'attentato a Indira Gandhi

Ha detto:

«Una cosa buona non ci piace, se non ne siamo all'altezza.»
Friedrich_Nietzsche
Testo di Stefano Moraschini