Biografie

Osvaldo Valenti

Osvaldo Valenti
Osvaldo Valenti nelle opere letterarie Film e DVD di Osvaldo Valenti

Biografia Passioni d'epoca fascista

Osvaldo Valenti nasce a Costantinopoli (oggi Istanbul, Turchia) il 17 febbraio 1906. La famiglia benestante era composta dal padre siciliano, commerciante in tappeti, e dalla madre, libanese di condizione agiata di origine greca. Allo scoppio della I Guerra Mondiale (1915) la famiglia è costretta a lasciare la Turchia trasferendosi in Italia, prima a Bergamo, poi a Milano. Dopo aver frequentato in Svizzera i licei di San Gallo e di Würzburg, il diciannovenne Osvaldo si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza presso l'Università Cattolica di Milano; abbandona gli studi dopo due anni per trasferirsi all'estero, prima a Parigi e successivamente a Berlino.

E' in Germania che interpreta il suo primo film dal titolo "Rapsodia ungherese" (Ungarische rhapsodie, 1928) diretto da Hans Schwarz: Osvaldo Valenti qui recita in un ruolo secondario. Rientra in Italia all'inizio degli anni '30 e viene notato prima dal regista Mario Bonnard, con il quale gira "Cinque a zero" (1932); poi Amleto Palermi lo dirige in "La fortuna di Zanze" (1933) e in "Creature della notte" (1934).

I ruoli sin qui interpretati da Osvaldo Valenti tuttavia non sono di primo piano e l'attore fa fatica ad affermarsi ed emergere come vorrebbe. Attorno alla metà degli anni '30 arriva però l'incontro con il regista Alessandro Blasetti, che sarà determinante per la carriera artistica di Valenti.

Blasetti gli affida un ruolo di rilievo nel film "Contessa di Parma" (1937) cui fa seguito dopo circa un anno, il ruolo del capitano francese Guy de la Motte nell'"Ettore Fieramosca" (1938); quest'ultima pellicola sancisce l'affermazione di Osvaldo Valenti presso critica e pubblico italiani.

Alla fine degli anni '30 e all'inizio degli anni '40 il regista romano si impone, assieme a Mario Camerini, come il massimo cineasta italiano del tempo e Valenti come uno degli attori più richiesti nonché pagati. Grazie alla direzione di Alessandro Blasetti l'attore raccoglie altri tre successi: in "Un'Avventura di Salvator Rosa" (1939), "La corona di ferro" (1940, dove interpreta il principe tartaro Eriberto) e "La cena delle beffe" (1941, dove interpreta Giannetto Malespini).

In questi anni Valenti lavora tantissimo, recitando in numerosi film: viene diretto da Goffredo Alessandrini in "La vedova" (1939), da Carmine Gallone in "Oltre l'amore" (1940) e "L'amante segreta" (1941), da Giovacchino Forzano in "Piazza San Sepolcro" (1942), da Mario Mattoli in "Abbandono" (1940), da Luigi Chiarini in "La bella addormentata" (1942) e "La locandiera" (1943), da Camillo Mastrocinque in "Fedora" (1942). Tra gli altri noti registi del tempo con cui lavora vi sono Duilio Coletti e Piero Ballerini.

Attore dall'indubbio fascino rimarrà uno degli interpreti più originali della cinematografia italiana del ventennio fascista. Il volto espressivo e mimetico, l'espressione vagamente melanconica, gli occhi cerulei e ardenti, fanno di lui uno degli idoli del grande pubblico, incarnazione nella vita reale degli eroi negativi che spesso ha interpretato sul grande schermo.

Nell'estate del 1943 il crollo del fascismo e i primi bombardamenti aerei su Roma interrompono l'attività cinematografica; l'industria del grande schermo si riattiva solo qualche mese più tardi, a Venezia, in due stabilimenti allestiti con povertà di mezzi, subito dopo la costituzione della R.S.I. (Repubblica Sociale Italiana). Osvaldo Valenti è fra i pochi protagonisti del mondo del cinema (attori e registi) che aderiscono al nuovo Stato fascista: accompagnato da Luisa Ferida, sua compagna di vita e di lavoro, Valenti si trasferisce a Venezia per girare "Un Fatto di Cronaca" (1944), diretto da Piero Ballerini. Sarà questo il suo ultimo lungometraggio.

Nella primavera del 1944 Valenti entra con il grado di tenente nella X Flottiglia MAS comandata dal principe Junio Valerio Borghese, trasferendosi a Milano con Luisa Ferida. A Milano entra in contatto con Pietro Koch, torturatore di partigiani ed altri oppositori al regime, protetto dal ministro degli interni Guido Buffarini-Guidi. Koch a causa della sua efferatezza risulta essere impopolare ad una parte dei gerarchi fascisti: nel dicembre del 1944 viene arrestato dalla polizia di Salò, per ordine dello stesso Benito Mussolini. Insieme a Koch vengono rinchiusi nel carcere milanese di San Vittore undici suoi complici. Valenti non figura fra questi, anche se è stato visto più volte aggirarsi nel loro quartier generale durante gli interrogatori effettuati da Koch e dalla sua banda.

Sperando di poter avviare delle trattative, durante la sollevazione di Milano contro le forze nazifasciste, Valenti e la moglie si consegnano spontaneamente ad alcuni membri della divisione partigiana Pasubio. Accusati entrambi di crimini di guerra e processati in maniera sommaria, considerate le circostanze eccezionali del momento, nella notte del giorno 30 aprile 1945 Osvaldo Valenti e Luisa Ferida vengono ritenuti colpevoli e giustiziati con l'esplosione di una raffica di colpi provenienti da mitra. Osvaldo Valenti aveva solamente 39 anni.

Nel 2008 il regista Marco Tullio Giordana ha presentato fuori concorso al Festival di Cannes il film "Sanguepazzo", ispirato alle gesta di Osvaldo Valenti (interpretato da Luca Zingaretti) e Luisa Ferida (interpretata da Monica Bellucci).

3 fotografie

Foto e immagini di Osvaldo Valenti

Video Osvaldo Valenti

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Osvaldo Valenti ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Osvaldo Valenti nelle opere letterarie Film e DVD di Osvaldo Valenti

12 biografie

Nati lo stesso giorno di Osvaldo Valenti

Adolf Hitler

Adolf Hitler

Dittatore tedesco
α 20 aprile 1889
ω 30 aprile 1945
Edouard Manet

Edouard Manet

Pittore francese
α 23 gennaio 1832
ω 30 aprile 1883
Eva Braun

Eva Braun

Compagna del Fuhrer
α 6 febbraio 1912
ω 30 aprile 1945
Luisa Ferida

Luisa Ferida

Attrice italiana
α 18 marzo 1914
ω 30 aprile 1945
Sante Pollastri

Sante Pollastri

Noto criminale italiano
α 14 agosto 1899
ω 30 aprile 1979
Sergio Leone

Sergio Leone

Regista italiano
α 3 gennaio 1929
ω 30 aprile 1989
Maria José del Belgio

Maria José del Belgio

Ultima regina italiana
α 4 agosto 1906
ω 27 gennaio 2001
Adolf Eichmann

Adolf Eichmann

Gerarca nazista
α 19 marzo 1906
ω 31 maggio 1962
Aristotele Onassis

Aristotele Onassis

Armatore greco
α 15 gennaio 1906
ω 15 marzo 1975
Billy Wilder

Billy Wilder

Regista austriaco naturalizzato statunitense
α 22 giugno 1906
ω 27 marzo 2002
Dietrich Bonhoeffer

Dietrich Bonhoeffer

Teologo polacco
α 4 febbraio 1906
ω 9 aprile 1945
Dino Buzzati

Dino Buzzati

Scrittore italiano
α 16 ottobre 1906
ω 28 gennaio 1972
Emmanuel Levinas

Emmanuel Levinas

Filosofo lituano
α 12 gennaio 1906
ω 25 dicembre 1995
Enrico Mattei

Enrico Mattei

Industriale italiano, fondatore dell'Eni
α 29 aprile 1906
ω 27 ottobre 1962
Fernanda Gattinoni

Fernanda Gattinoni

Stilista italiana
α 20 dicembre 1906
ω 26 novembre 2002
Hannah Arendt

Hannah Arendt

Filosofa tedesca
α 14 ottobre 1906
ω 4 dicembre 1975
Henny Youngman

Henny Youngman

Comico statunitense
α 16 marzo 1906
ω 24 febbraio 1998
John Huston

John Huston

Regista statunitense
α 5 agosto 1906
ω 28 agosto 1987
Junio Valerio Borghese

Junio Valerio Borghese

Militare italiano
α 6 giugno 1906
ω 26 agosto 1974
Kurt Godel

Kurt Godel

Matematico e filosofo statunitense di origine austro-ungarica
α 28 aprile 1906
ω 14 gennaio 1978
Lalla Romano

Lalla Romano

Scrittrice, poetessa, giornalista e aforista italiana
α 11 novembre 1906
ω 26 giugno 2001
Luchino Visconti

Luchino Visconti

Regista italiano
α 2 novembre 1906
ω 17 marzo 1976
Mario Soldati

Mario Soldati

Scrittore e regista italiano
α 16 novembre 1906
ω 19 giugno 1999
Nelson Goodman

Nelson Goodman

Filosofo statunitense
α 7 agosto 1906
ω 25 novembre 1998
Primo Carnera

Primo Carnera

Pugile italiano
α 25 ottobre 1906
ω 29 giugno 1967
Roberto Rossellini

Roberto Rossellini

Regista italiano
α 8 maggio 1906
ω 3 giugno 1977
Samuel Beckett

Samuel Beckett

Scrittore e drammaturgo irlandese, premio Nobel
α 13 aprile 1906
ω 22 dicembre 1989
Sandro Penna

Sandro Penna

Poeta italiano
α 12 giugno 1906
ω 21 gennaio 1977
Secondo Casadei

Secondo Casadei

Musicista italiano
α 1 aprile 1906
ω 19 novembre 1971
Adolf Hitler

Adolf Hitler

Dittatore tedesco
α 20 aprile 1889
ω 30 aprile 1945
Anna Frank

Anna Frank

Scrittrice tedesca, vittima del nazismo
α 12 giugno 1929
ω Anno 1945
Benito Mussolini

Benito Mussolini

Dittatore italiano
α 29 luglio 1883
ω 28 aprile 1945
Clara Petacci

Clara Petacci

Amante del Duce
α 28 febbraio 1912
ω 28 aprile 1945
David Lloyd-George

David Lloyd-George

Politico, ex primo ministro britannico
α 17 gennaio 1863
ω 26 marzo 1945
Dietrich Bonhoeffer

Dietrich Bonhoeffer

Teologo polacco
α 4 febbraio 1906
ω 9 aprile 1945
Edgar Cayce

Edgar Cayce

Guaritore statunitense
α 18 marzo 1877
ω 3 gennaio 1945
Eva Braun

Eva Braun

Compagna del Fuhrer
α 6 febbraio 1912
ω 30 aprile 1945
Franklin Delano Roosevelt

Franklin Delano Roosevelt

32° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 30 gennaio 1882
ω 12 aprile 1945
Georg Elser

Georg Elser

Attivista tedesco, attentatore alla vita di Hitler
α 4 gennaio 1903
ω 9 aprile 1945
George Patton

George Patton

Generale statunitense
α 11 novembre 1885
ω 21 dicembre 1945
Heinrich Himmler

Heinrich Himmler

Gerarca nazista
α 7 ottobre 1900
ω 23 maggio 1945
Joseph Goebbels

Joseph Goebbels

Gerarca nazista
α 29 ottobre 1897
ω 1 maggio 1945
Luisa Ferida

Luisa Ferida

Attrice italiana
α 18 marzo 1914
ω 30 aprile 1945
Paul Valéry

Paul Valéry

Poeta francese
α 20 ottobre 1871
ω 20 luglio 1945
Pietro Mascagni

Pietro Mascagni

Compositore e direttore d'orchestra italiano
α 7 dicembre 1863
ω 2 agosto 1945
Teresio Olivelli

Teresio Olivelli

Docente italiano, medaglia d'oro al valor militare
α 7 gennaio 1916
ω 17 gennaio 1945