Biografie

Cary Grant

Cary Grant
Cary Grant nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Cary Grant Discografia

Biografia Fascino spumeggiante e ironia raffinata

Non esistono termini esaurienti per descrivere una persona decisamente eccelsa, sia sul piano artistico che privato, come Cary Grant. È stato un artista raffinato e versatile, capace di passare, con estrema maestria ed eleganza, dal registro recitativo brillante a quello drammatico, conservando sempre l'accattivante aplomb che lo contraddistingueva. Nasce con il nome di Archibald Alexander Leach a Bristol, in Inghilterra, il 18 gennaio 1904.

La prima parte della sua infanzia non è molto serena: la madre viene ricoverata in una clinica per malattie mentali quando egli ha solo nove anni; il fatto però gli verrà tenuto nascosto ed egli la rivedrà solo dopo molto tempo. Il giovane Archibald sviluppa un carattere ribelle e caparbio, e a quindici anni abbandona la scuola, per unirsi alla compagnia di saltimbanchi di Bob Pender, falsificando la firma del padre per l'autorizzazione.

La compagnia gira l'Inghilterra, e il giovane Archie ha l'occasione di apprendere i primi rudimenti della recitazione, sviluppando contemporaneamente una buona capacità di acrobata e funambolo. Sempre con la compagnia di Pender, nel 1920 parte per l'America al fine di partecipare ad uno spettacolo, intitolato "Good Times", a Broadway.

Grazie alla sua recitazione briosa e raffinata, e al suo prestante aspetto fisico, ottiene un buon successo; decide così di rimanere in America e, per mantenersi, si adatta a svolgere i più svariati mestieri.

Dopo tre anni torna in Inghilterra per poi ripartire definitivamente qualche mese dopo per gli Stati Uniti. Qui si esibisce sui palcoscenici americani ballando, cantando e recitando fino ai primi anni '30 quando entra a far parte, come caratterista e factotum, della casa di produzione cinematografica Paramount. È qui che il suo nome viene cambiato in Cary Grant.

Il suo primo film è del 1932 e si intitola "This is the night", ma si tratta solo di una particina. Comincia a farsi notare in rilievo in "Venere bionda" (Blonde Venus, 1932) di Josef von Sternberg, nel ruolo di un raffinato e brillante milionario che fa la corte a Marlene Dietrich. L'anno seguente Mae West, procace e attraente attrice specializzata in parti di vamp cinica e sarcastica, lo vuole accanto a lei in due film di grande successo, "Lady Lou - La donna fatale" (She done him wrong) di Lowell Sherman e "Non sono un angelo" (I'm no angel) di Wesley Ruggles. Il ruolo è sempre quello dell'azzimato e affascinante damerino, figura questa che lo metterà in mostra agli occhi del regista George Cukor, il quale decide di mettere in risalto il suo notevole talento di attore brillante, affidandogli il personaggio dell'eccentrico e truffaldino Jimmy "Monk" Monkley nel film "Il diavolo è femmina" (Sylvia Scarlett, 1935), accanto ad un'altrettanto vivace e spigliata Katharine Hepburn.

È grazie a Cukor quindi che Cary Grant esce finalmente da quei ruoli sentimentali un po' stereotipati, dimostrando così una spumeggiante quanto raffinata verve, e un fascino decisamente accattivante, che egli stesso non prenderà mai sul serio, prendendosi talvolta, proprio per questo, mirabilmente in giro.

Grande sintonia e affetto si instaureranno tra l'attore e Katharine Hepburn, sua compagna in diversi film successivi e carissima amica nella vita. Con lei Cary Grant condivide lo stesso sottile ed elegante senso dell'umorismo, nonché il medesimo talento nel genere della commedia brillante.

Oltre che con Cukor (che dirigerà Grant in altri due capolavori della sophisticated comedy, quali "Incantesimo", Holiday, del 1938, e "Scandalo a Filadelfia", The Philadelphia Story, del 1940), Grant stabilirà un lungo e profondo legame con un altri due importantissimi registi, quali Howard Hawks e Alfred Hitchcock.

Hawks mette ancor più in risalto la sua straordinaria vena comica in esilaranti commedie come "Susanna" (Bringing up baby, 1938), in cui impersona un timido e impacciato paleontologo la cui vita tranquilla viene stravolta da una bizzarra e stralunata ereditiera (interpretata da Katharine Hepburn) e dal suo leopardo, e "La signora del venerdì" (His girl friday, 1940), che lo vede nelle vesti del sarcastico e dispotico direttore di un grande quotidiano, il quale fa di tutto per riconquistare l'amore della sua avvenente e scapigliata ex moglie (impersonata da Rosalind Russell); ma ha saputo sfruttare anche l'aspetto sensibile e drammatico della sua recitazione in "Avventurieri dell'aria" (Only angels have wings, 1939).

Anche George Stevens si è servito del forte temperamento drammatico di Cary Grant per il difficile ruolo del sergente Archibald Cutter in un capolavoro del genere dei film d'avventura, quale "Gunga Din" (Gunga Din, 1939). Alfred Hitchcock invece trascina Cary Grant in un genere del tutto nuovo per lui: il thriller. Sarà capace di sfruttare appieno le sue abilità recitative, per renderlo sullo schermo un personaggio ambiguo e tenebroso, in alcuni dei suoi film migliori, quali "Il sospetto" (Suspicion, 1941), "Notorious - L'amante perduta" (Notorious, 1946), al fianco dell'incantevole Ingrid Bergman, "Caccia al ladro" (To catch a thief, 1955) e "Intrigo internazionale" (North by Northwest, 1959). In quest'ultimo film l'attore impersona mirabilmente un attempato pubblicitario il quale, scambiato per un agente federale, viene rapito da un'organizzazione spionistica che tenta di ucciderlo, e nonostante riesca a fuggire nessuno poi vorrà credere alla sua storia.

Nel 1944 arriva un altro straordinario successo con l'interpretazione di "Arsenico e vecchi merletti" (Arsenic and Old Lace), diretto da Frank Capra, un'esilarante commedia nera tratta dall'omonima opera di Joseph Kesselring. Qui Cary Grant è al massimo delle sue capacità, furoreggiante e spassoso come non mai, nella parte di un critico teatrale il quale scopre che le sue due buone e cordiali ziette, in realtà ammazzano col veleno vecchi soli e tristi, pensando di liberarli così dalle pene della vita. Il film è una delle migliori commedie mai realizzate in assoluto, e senz'altro la migliore prova di Grant.

Come non ricordarlo poi diretto da Leo McCarey nel romantico "Un amore splendido" (An affair to remember, 1957) oppure, disincantato e brillante, in "Il magnifico scherzo" (Monkey Business, 1952) di Howard Hawks, "Operazione sottoveste" (Operation Petticoat, 1959) di Blake Edwards, "L'erba del vicino è sempre più verde" (The grass is greener, 1960) e "Sciarada" (Charade, 1963), entrambi di Stanley Donen.

Per quanto riguarda la sua vita privata, Cary Grant si è sposato ben cinque volte. Dalla quarta moglie, Dyan Cannon ha avuto una figlia, Jennifer. Con la sua quinta moglie, Barbara Harris, rimarrà per gli ultimi cinque anni della sua vita.

Nel 1966, dopo la sua gustosa interpretazione di "Cammina, non correre" (Walk don't run) di Charles Walters, Cary Grant decide di ritirarsi, convinto, ormai da tempo, di non essere mai stato veramente apprezzato. Nel 1970 gli viene assegnato il premio Oscar alla carriera, meritatissimo riconoscimento di una fantastica carriera, che lo ha visto decine di volte sullo schermo, sempre in eccellenti interpretazioni.

Conclusa la sua attività cinematografica, l'attore si dedica alla gestione di una nota fabbrica di cosmetici, la Fabergé. Ma il richiamo dell'arte è più forte di lui, così Cary Grant torna in teatro, il suo primo amore: ma sarà proprio sul palcoscenico dell'Adler Theater di Davenport, nell'Iowa, durante la rappresentazione di "An evening with Cary Grant", che un attacco di cuore stroncherà la sua vita. E' il 29 novembre 1986. Quel giorno è scomparso per sempre un grande artista e un grande uomo, che per il suo charme, la sua ironia, la sua eleganza e la sua generosità, rimarrà per sempre nel cuore e nel firmamento del cinema hollywoodiano.

Frasi di Cary Grant

4 fotografie

Foto e immagini di Cary Grant

Video Cary Grant

Loading...

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Cary Grant ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Cary Grant nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Cary Grant Discografia

13 biografie

Nati lo stesso giorno di Cary Grant

Maria Teresa d'Asburgo

Maria Teresa d'Asburgo

Imperatrice d'Austria
α 13 maggio 1717
ω 29 novembre 1780
Enrico Fermi

Enrico Fermi

Fisico italiano, premio Nobel
α 29 settembre 1901
ω 29 novembre 1954
George Harrison

George Harrison

Cantante e musicista inglese, Beatles
α 25 febbraio 1943
ω 29 novembre 2001
Giacomo Puccini

Giacomo Puccini

Compositore italiano
α 22 dicembre 1858
ω 29 novembre 1924
James J. Braddock

James J. Braddock

Atleta statunitense, boxe
α 7 giugno 1905
ω 29 novembre 1974
Luigi Veronelli

Luigi Veronelli

Gastronomo, enologo e scrittore italiano
α 2 febbraio 1926
ω 29 novembre 2004
Luigi Capuana

Luigi Capuana

Scrittore, giornalista, critico e verista italiano
α 28 maggio 1839
ω 29 novembre 1915
Mario Monicelli

Mario Monicelli

Regista italiano
α 16 maggio 1915
ω 29 novembre 2010
Natalie Wood

Natalie Wood

Attrice statunitense
α 20 luglio 1938
ω 29 novembre 1981
Umberto II di Savoia

Umberto II di Savoia

Monarca italiano
α 15 settembre 1904
ω 18 marzo 1983
Clifford D. Simak

Clifford D. Simak

Giornalista e scrittore statunitense
α 3 agosto 1904
ω 25 aprile 1988
Deng Xiaoping

Deng Xiaoping

Leader politico cinese
α 22 agosto 1904
ω 19 febbraio 1997
Giorgio De Stefani

Giorgio De Stefani

Tennista italiano
α 24 febbraio 1904
ω 22 ottobre 1992
Giuseppe Terragni

Giuseppe Terragni

Architetto italiano
α 18 aprile 1904
ω 19 luglio 1943
Glenn Miller

Glenn Miller

Musicista jazz e direttore d'orchestra statunitense
α 1 marzo 1904
ω 15 dicembre 1944
Graham Greene

Graham Greene

Scrittore e drammaturgo inglese
α 2 ottobre 1904
ω 3 aprile 1991
Isaac Bashevis Singer

Isaac Bashevis Singer

Scrittore polacco, Premio Nobel
α 14 luglio 1904
ω 24 luglio 1991
Joan Crawford

Joan Crawford

Attrice statunitense
α 23 marzo 1904
ω 10 maggio 1977
Johnny Weissmuller

Johnny Weissmuller

Attore e atleta statunitense
α 2 giugno 1904
ω 20 gennaio 1984
Pablo Neruda

Pablo Neruda

Poeta cileno
α 12 luglio 1904
ω 23 settembre 1973
René Lacoste

René Lacoste

Tennista e stilista francese
α 2 luglio 1904
ω 12 ottobre 1996
Robert Oppenheimer

Robert Oppenheimer

Fisico statunitense
α 22 aprile 1904
ω 18 febbraio 1967
Salvador Dalì

Salvador Dalì

Pittore spagnolo
α 11 maggio 1904
ω 23 gennaio 1989
Shunryu Suzuki

Shunryu Suzuki

Monaco Zen giapponese
α 18 maggio 1904
ω 4 dicembre 1971
Albert Szent-Gyorgyi

Albert Szent-Gyorgyi

Fisiologo e scienziato ungherese, premio Nobel, scopritore della vitamina C
α 16 settembre 1893
ω 22 ottobre 1986
Andrej Tarkovskij

Andrej Tarkovskij

Regista russo
α 4 aprile 1932
ω 29 dicembre 1986
Carlo Betocchi

Carlo Betocchi

Poeta italiano
α 23 gennaio 1899
ω 25 maggio 1986
Dian Fossey

Dian Fossey

Zoologa statunitense
α 16 gennaio 1932
ω 26 dicembre 1986
Frank Herbert

Frank Herbert

Scrittore statunitense, fantascienza, Dune
α 8 ottobre 1920
ω 11 febbraio 1986
Jiddu Krishnamurti

Jiddu Krishnamurti

Filosofo apolide
α 12 maggio 1895
ω 18 febbraio 1986
Jorge Luis Borges

Jorge Luis Borges

Scrittore e poeta argentino
α 24 agosto 1899
ω 14 giugno 1986
Mazzino Montinari

Mazzino Montinari

Filosofo italiano
α 4 aprile 1928
ω 24 novembre 1986
Michele Sindona

Michele Sindona

Banchiere e criminale italiano
α 8 maggio 1920
ω 22 marzo 1986
Olof Palme

Olof Palme

Leader politico svedese
α 30 gennaio 1927
ω 28 febbraio 1986
Piero Chiara

Piero Chiara

Scrittore italiano
α 23 marzo 1913
ω 31 dicembre 1986
Ron Hubbard

Ron Hubbard

Scrittore statunitense, fondatore di Scientology
α 13 marzo 1911
ω 24 gennaio 1986
Simone de Beauvoir

Simone de Beauvoir

Scrittrice, filosofa e femminista francese
α 9 gennaio 1908
ω 14 aprile 1986
Vjaceslav Michajlovic Molotov

Vjaceslav Michajlovic Molotov

Politico russo
α 9 marzo 1890
ω 8 novembre 1986