Biografie

Eric Rohmer

Eric Rohmer
Eric Rohmer nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Eric Rohmer

Biografia Itinerario di un eclettico

Eric Rohmer è sempre rimasto lontano dalla luce dei riflettori, tanto che tutto ciò che riguarda la sua vita è circondato da un alone di mistero, ma molto più spesso di mistificazione: autore di film e di scritti egli è stato anche accorto biografo di se stesso. La critica si è perciò trovata a lungo in disaccordo sulle notizie anagrafiche di un personaggio così misterioso, tanto da attribuirgli date e luoghi di nascita differenti. Si va dal 1920 al 1928, spostandosi da Nancy fino a Nuits-les-Saulniers. Il luogo certo è Tulle (Corrèze). Il suo vero nome è Jean Marie Maurice Schérer e la sua famiglia è di origine alsaziana.

Dopo avere conseguito la laurea in lettere si trasferisce a Parigi per insegnare in una cittadina della provincia, Vierzon. L'ambiente parigino e la diffusione dei cineclub nel secondo dopoguerra accrescono così l'interesse di Rohmer per l'arte cinematografica. Tuttavia, nonostante la sua vocazione per il cinema, egli esordisce come scrittore, nel 1946, con il suo primo e unico romanzo, «Elisabeth», che firma con lo pseudonimo Gilbert Cordier.

Nel 1948 inizia la sua carriera come critico cinematografico collaborando con alcune riviste. Il suo primo articolo, «Le cinéma, art de l'espace» appare su "La Revue du cinéma" diretta da Jean George Auriol.

Nel 1949 partecipa al «Festival du film maudit» di Biarritz che è organizzato dal cineclub Objectif di cui fanno parte personalità quali R. Bresson, R. Queneau, J. Cocteau, R. Clement, I. Kast e A. Astruc. È in questa occasione che il ventinovenne Rohmer fa la conoscenza del diciassettenne cinefilo François Truffaut. Presentatore del Ciné-Club del Quartiere Latino insieme a J.Rivette, egli trasforma il bollettino del Ciné-Club nella "Gazette du cinéma" che esce nel 1950 per soli cinque numeri. Sarà in occasione dei suoi articoli pubblicati su "La Gazette" che egli sceglierà lo pseudonimo di Eric Rohmer.

Rohmer esordisce nel 1950 con il suo primo cortometraggio «Journal d'un scélérat», opera irrimediabilmente perduta il cui titolo riecheggia il Diario di un seduttore di Kierkegaard, seguito nel 1951 dal cortometraggio «Présentation» realizzato in collaborazione con J-L. Godard e nel 1952 da «Les petites filles modèles».

Nell'aprile del 1951 nascono i "Cahiers du cinéma" la famosa rivista che raccoglie l'eredità di "Objectif 49", fondata da André Bazin e Jaques Doniol-Valcroze. Intorno ad essi si radunò un gruppo di giovani critici, organizzatori di cineclub e cineasti alle prime armi che militavano contro il cinema commerciale e contro la rigida struttura produttiva che in Francia impediva gli esordi di chi non si adattasse alle leggi di mercato. Rohmer vi entra tre mesi più tardi come collaboratore e diventerà poi redattore e infine redattore-capo dal 1957 al 1963.

Dopo aver realizzato nel 1956 il film, oggi irreperibile, «La sonate à Kreutzer», nel 1957 pubblica insieme a Claude Cabrol un bellissimo saggio su Alfred Hitchcock che segnerà il passaggio dalla considerazione del maestro inglese come abile artigiano a quella di autore e fondatore di arte cinematografica, mentre del 1958 è il corto «Véronique et son cancre».

Gli anni che vanno dalla primavera del 1959 all'autunno del 1963 sono anni di fermento e di rinnovamento per il cinema francese che spazza via l'accademismo che lo contraddistingueva e che era l'eredità più pesante dei favolosi anni Trenta: saranno gli anni dei registi della Nouvelle Vague. «Le signe du lion», girato nel 1959 ma proposto al pubblico nel 1962, film intimistico e particolare, ma troppo in anticipo su una certa cinematografia di moda negli anni '70, segna l'esordio di Rohmer nel lungometraggio.

Nel 1962 e 1963 riesce a girare due brevi film con un budget ridottissimo, «La boulangère de Monceau» e «La carrière de Suzanne»: prime due opere di un vasto progetto che lo porterà alla notorietà, «Six contes moraux». I film vengono venduti alla televisione, e il regista riesce a trovare le risorse sufficienti per ritornare nel 1967 al lungometraggio con «La collectionneuse» che vince l'Orso d'argento al Festival di Berlino.

Negli anni successivi realizza gli altri tre racconti morali: «Ma nuit chez Maud» (1969), «Le genou de Claire» (1970) e «L'amour, l'après-midi» (1972). La serie dei sei racconti morali è imperniata sul medesimo tema: un uomo è tentato da una donna proprio nel momento in cui sta per legarsi ad un'altra (spesso la compagna della sua vita). Questo nucleo tematico si innesta su una struttura dalle caratteristiche letterarie: il personaggio principale funge da narratore, talvolta intervenendo con la sua voce fuori campo.

Dopo la realizzazione dei primi due Contes Moraux, Rohmer si dedica ai suoi ultimi cortometraggi «Nadja à Paris» (1964), «Une étudiante aujourd'hui» (1966) e «Fermière à Montfaucon» (1968) e al cortometraggio del 1965 «Place de l'Etoile», che si inserisce in un film a episodi intitolato «Paris vu par...».

Nel 1980 inizia con «La femme de l'aviateur» una nuova serie, «Comédies et proverbes», destinata a raccogliere l'eredità di certa comicità alla Marivaux: sono storie moderne percorse da un sottile humour, con finali immancabilmente a sorpresa, che illustrano proverbi d'uso abbastanza comune. A questa serie appartengono: «Le beau mariage» (1982), «Pauline à la plage» (1982), «Les nuits de la pleine lune» (1984), «Le rayon vert» (1986), insignito del Leone d'Oro a Venezia, «Quatre aventures de Reinette et Mirabelle» (1987) e «L'ami de mon amie» (1987).

Nel 1989 Rohmer inaugura con «Conte de printemps» il ciclo dei «Contes des quatres saisons», con il quale cerca di approfondire il rapporto che sussiste tra i propri personaggi, lo spazio in cui vivono e la luce e il colore che costruiscono il mondo che li circonda. A questo ciclo appartengono: «Conte d'hiver» (1991), «Conte d'été» (1996) e «Conte d'automne» (1998).

Nel 1993 realizza «L'arbre, le maire et la médiatèque» seguito, nel 1995, da «Les rendez-vouz de Paris».

A 81 anni realizza «L'anglaise et le duc», che è stato presentato alla Mostra internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia in occasione della quale Rohmer è stato insignito del suo più recente riconoscimento: il Leone d'Oro alla carriera. Seguono «Triple Agent» (2004), «Le Canapé rouge» (2005) e «Gli amori di Astrea e Celadon» (Les amours d'Astrée et de Céladon, 2007).

Eric Rohmer muore a Parigi il giorno 11 gennaio 2010.

Frasi di Eric Rohmer

3 fotografie

Foto e immagini di Eric Rohmer

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Eric Rohmer ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Eric Rohmer nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Eric Rohmer

16 biografie

Nati lo stesso giorno di Eric Rohmer

Alberto Giacometti

Alberto Giacometti

Scultore e artista svizzero
α 10 ottobre 1901
ω 11 gennaio 1966
Ambrose Bierce

Ambrose Bierce

Scrittore e giornalista statunitense
α 24 giugno 1842
ω 11 gennaio 1914
Anita Ekberg

Anita Ekberg

Attrice svedese
α 29 settembre 1931
ω 11 gennaio 2015
Ariel Sharon

Ariel Sharon

Leader politico israeliano
α 27 febbraio 1928
ω 11 gennaio 2014
Fabrizio De André

Fabrizio De André

Cantautore italiano
α 18 febbraio 1940
ω 11 gennaio 1999
Galeazzo Ciano

Galeazzo Ciano

Politico e diplomatico italiano
α 18 marzo 1903
ω 11 gennaio 1944
Giovanni Boldini

Giovanni Boldini

Pittore italiano
α 31 dicembre 1842
ω 11 gennaio 1931
Mariangela Melato

Mariangela Melato

Attrice italiana
α 19 settembre 1941
ω 11 gennaio 2013
Thomas Hardy

Thomas Hardy

Poeta e scrittore inglese
α 2 giugno 1840
ω 11 gennaio 1928
Alberto Sordi

Alberto Sordi

Attore e comico italiano
α 15 giugno 1920
ω 25 febbraio 2003
Amalia Rodrigues

Amalia Rodrigues

Cantante e attrice portoghese
α 23 luglio 1920
ω 6 ottobre 1999
Carlo Alberto Dalla Chiesa

Carlo Alberto Dalla Chiesa

Generale italiano dei Carabinieri, vittima di mafia
α 27 settembre 1920
ω 3 settembre 1982
Carlo Azeglio Ciampi

Carlo Azeglio Ciampi

Decimo Presidente della Repubblica Italiana
α 9 dicembre 1920
ω 16 settembre 2016
Charles Bukowski

Charles Bukowski

Poeta e scrittore statunitense
α 16 agosto 1920
ω 9 marzo 1994
Charlie Parker

Charlie Parker

Sassofonista e jazzista statunitense
α 29 agosto 1920
ω 12 marzo 1955
Enzo Biagi

Enzo Biagi

Giornalista italiano
α 9 agosto 1920
ω 6 novembre 2007
Federico Fellini

Federico Fellini

Regista italiano
α 20 gennaio 1920
ω 31 ottobre 1993
Franca Valeri

Franca Valeri

Attrice italiana
α 31 luglio 1920
Frank Herbert

Frank Herbert

Scrittore statunitense, fantascienza, Dune
α 8 ottobre 1920
ω 11 febbraio 1986
Gesualdo Bufalino

Gesualdo Bufalino

Scrittore italiano
α 15 novembre 1920
ω 14 giugno 1996
Gianni Rodari

Gianni Rodari

Scrittore italiano
α 23 ottobre 1920
ω 14 aprile 1980
Giorgio Bocca

Giorgio Bocca

Giornalista e scrittore italiano
α 18 agosto 1920
ω 25 dicembre 2011
Helmut Newton

Helmut Newton

Fotografo tedesco
α 31 ottobre 1920
ω 23 giugno 2004
Henry Heimlich

Henry Heimlich

Medico statunitense, noto per la Manovra di Heimlich
α 3 febbraio 1920
ω 17 dicembre 2016
Isaac Asimov

Isaac Asimov

Scrittore e scienziato russo, naturalizzato statunitense
α 2 gennaio 1920
ω 6 aprile 1992
Javier Pérez de Cuéllar

Javier Pérez de Cuéllar

Politico e diplomatico peruviano
α 19 gennaio 1920
Luciano Barca

Luciano Barca

Giornalista, scrittore, partigiano e politico italiano
α 21 novembre 1920
ω 7 novembre 2012
Luigi Maria Verzé

Luigi Maria Verzé

Sacerdote e professore italiano
α 14 marzo 1920
ω 31 dicembre 2011
Mario Puzo

Mario Puzo

Scrittore e sceneggiatore statunitense
α 15 ottobre 1920
ω 2 luglio 1999
Michele Sindona

Michele Sindona

Banchiere e criminale italiano
α 8 maggio 1920
ω 22 marzo 1986
Papa Giovanni Paolo II

Papa Giovanni Paolo II

Pontefice della Chiesa cattolica polacco
α 18 maggio 1920
ω 2 aprile 2005
Ray Bradbury

Ray Bradbury

Scrittore di fantascienza statunitense
α 22 agosto 1920
ω 5 giugno 2012
Salvo D'Acquisto

Salvo D'Acquisto

Carabiniere italiano, eroe durante la Seconda guerra mondiale per il suo sacrificio
α 15 ottobre 1920
ω 23 settembre 1943
Saul Bass

Saul Bass

Designer e regista statunitense
α 8 maggio 1920
ω 25 aprile 1996
Tonino Guerra

Tonino Guerra

Poeta, scrittore e sceneggiatore italiano
α 16 marzo 1920
ω 21 marzo 2012
Toshiro Mifune

Toshiro Mifune

Attore giapponese
α 1 aprile 1920
ω 24 dicembre 1997
Walter Matthau

Walter Matthau

Attore statunitense
α 1 ottobre 1920
ω 1 luglio 2000
Art Clokey

Art Clokey

Artista statunitense
α 12 ottobre 1921
ω 8 gennaio 2010
Dino De Laurentiis

Dino De Laurentiis

Produttore cinematografico italiano
α 8 agosto 1919
ω 11 novembre 2010
Edoardo Sanguineti

Edoardo Sanguineti

Poeta e scrittore italiano
α 9 dicembre 1930
ω 18 maggio 2010
Enzo Bearzot

Enzo Bearzot

Allenatore di calcio italiano
α 26 settembre 1927
ω 21 dicembre 2010
Francesco Cossiga

Francesco Cossiga

Ottavo Presidente della Repubblica Italiana
α 26 luglio 1928
ω 17 agosto 2010
Jerome David Salinger

Jerome David Salinger

Scrittore statunitense
α 1 gennaio 1919
ω 28 gennaio 2010
José Saramago

José Saramago

Scrittore portoghese, premio Nobel
α 16 novembre 1922
ω 18 giugno 2010
Lelio Luttazzi

Lelio Luttazzi

Cantante, compositore e presentatore italiano
α 27 aprile 1923
ω 8 luglio 2010
Mario Monicelli

Mario Monicelli

Regista italiano
α 16 maggio 1915
ω 29 novembre 2010
Maurice Allais

Maurice Allais

Economista francese
α 31 maggio 1911
ω 9 ottobre 2010
Maurizio Mosca

Maurizio Mosca

Giornalista e opinionista sportivo italiano
α 24 giugno 1940
ω 3 aprile 2010
Raimondo Vianello

Raimondo Vianello

Attore italiano
α 7 maggio 1922
ω 15 aprile 2010
Ronnie James Dio

Ronnie James Dio

Cantante heavy metal statunitense
α 10 luglio 1942
ω 16 maggio 2010
Sandra Mondaini

Sandra Mondaini

Attrice italiana
α 1 settembre 1931
ω 21 settembre 2010