Biografie

Karl Kraus

Karl Kraus
Karl Kraus nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia La professione della satira

Karl Kraus nasce il 28 aprile 1874 a Gitschin, in Bohemia, città oggi appartenente alla Repubblica Ceca. Scrittore, giornalista, saggista e poeta è generalmente noto come uno dei principali satirici di lingua tedesca del XX secolo.

Figlio di Jakob, fabbricante di carta e di Ernestine Kantor, Kraus cresce in una famiglia ricca, di origini ebraiche, che nel 1877 si trasferisce in Austria, a Vienna.

L'infanzia rappresenta il terreno fertile su cui cresce quella polemica e quella vena satirica che poi il mondo conoscerà; i fattori essenziali che determinano l'identità di Kraus saranno la sua nazionalità austriaca, le sue origini ebraiche e l'appartenenza ad una famiglia borghese.

I suoi rapporti con la cultura ed il pensiero borghese sarebbero stati sempre molto contradditori.

Il giovane Karl Kraus era un bambino molto delicato, predisposto ad ammalarsi ed afflitto già durante la sua prima infanzia da evidenti sintomi di una deviazione della colonna vertebrale, e da miopia. Paul Schick, il suo biografo più importante, ricorda come la madre si preoccupava molto teneramente della sua salute e come Kraus soffrì tremendamente dopo la sua scomparsa prematura.

Ciò che più di ogni altra cosa risveglia lo spirito critico e curioso di Kraus durante i suoi primi anni scolastici sono l'arte, la poesia, la musica e il teatro.

Completati gli studi, si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza di Vienna nel 1892: in questo periodo inizia una lunga collaborazione giornalistica. La sua prima pubblicazione è una recenzione dell'opera teatrale di Gerhart Hauptmann, dal titolo "Die Weber", pubblicata sulla "Wiener Literaturzeitung".

Kraus tenta anche una carriera teatrale, senza tuttavia ottenere alcun successo.

Soffre la rigidità delle materie giuridiche e decide presto di cambiare indirizzo, passando ad aree più umanistiche e a lui più congeniali, come Germanistica e Filosofia. Non porterà mai a termine gli studi universitari.

Inizia proprio in questi anni ad instaurare amicizie con i più noti letterati viennesi, frequentando il noto Café Griensteidl, e scrivendo numerosi articoli sulle più prestigiose riviste della città. Le sue amicizie si trasformarono però molto presto in terribili bersagli di critica e satira, come dimostra la sconcertante pubblicazione dei uno dei testi più provocatori e coraggiosi della Vienna fin de siécle: "Die demolierte Literatur" (La letteratura demolita), che scrive nel 1896 in occasione dell'imminente demolizione del Café Griensteidl. E' con la pubblicazione di questo articolo che si può identificare l'inizio del grande successo giornalistico di Kraus.

Viene nominato corrispondente per il quotidiano "Breslauer Zeitung". Come sostenitore non compromesso nella causa dell'assimilazione ebraica, attacca il sionista Theodor Herzl con il polemico "Eine Krone für Zion" ("Una corona per Sion", 1898).

Nel 1899 rinnega il Giudaismo e pubblica il primo numero della rivista satirica "Die Fackel" (La Fiaccola), da lui fondata e che continuerà a dirigere per tutta la vita. Da qui Krays lancia i suoi attacchi contro l'ipocrisia morale e intellettuale, la psicoanalisi, la corruzione dell'impero degli Asburgo, il nazionalismo del movimento pangermanico, le politiche economiche liberiste e molte altre tematiche.

Agli inizi "Die Fackel" poteva essere considerata simile a riviste come "Weltbühne", poi però si distingue per l'indipendenza editoriale di cui Kraus poteva godere grazie ai propri fondi. Nei primi dieci anni molti eminenti scrittori ed artisti contribuiscono al giornale: fra gli altri vi sono Peter Altenberg, Richard Dehmel, Egon Friedell, Oskar Kokoschka, Else Lasker-Schüler, Adolf Loos, Heinrich Mann, Arnold Schönberg, August Strindberg, Georg Trakl, Frank Wedekind, Franz Werfel, Houston Stewart Chamberlain e Oscar Wilde.

Dopo il 1911 tuttavia Kraus è quasi l'unico autore.

Kraus partecipa anche a numerose conferenze pubbliche che hanno un grande seguito: tra il 1892 e il 1936 mette in scena circa 700 esibizioni durante le quali legge drammi di Bertolt Brecht, Gerhart Hauptmann, Johann Nestroy, Goethe e Shakespeare, e interpreta anche le operette di Offenbach, accompagnato dal piano, cantando e interpretando da solo tutti i ruoli.

Elias Canetti che seguiva regolarmente le conferenze Kraus, intitolerà la propria autobiografia "Die Fackel im Ohr" (traducibile liberamente come "ascoltando Die Fackel"), sia in riferimento alla rivista che al suo autore.

Il capolavoro di Kraus è la commedia satirica "Gli ultimi giorni dell'umanità", che tratta della Prima guerra mondiale attraverso fantasiosi resoconti apocalittici ed i relativi commenti di due personaggi, "il Grumbler" (soprannome che indica un amante dei giochi di guerra da tavolo) e "l'Ottimista".

Kraus inizia a lavorare a quest'opera nel 1915: verrà pubblicata nella sua versione definitiva nel 1922.

Battezzato come cattolico nel 1911, lascia la Chiesa nel 1923. Non si sposerà mai, ma dal 1913 fino alla fine dei suoi giorni ha una stretta relazione con la Baronessa Sidonie Nádherný von Borutin.

Karl Kraus muore a Vienna il 12 giugno 1936.

Frasi di Karl Kraus

3 fotografie

Foto e immagini di Karl Kraus

Commenti

Non ci sono commenti per Karl Kraus.

Argomenti e biografie correlate

Karl Kraus nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

13 biografie

Nati lo stesso giorno di Karl Kraus

Bruno Misefari

Bruno Misefari

Anarchico italiano
α 17 gennaio 1892
ω 12 giugno 1936
Gregory Peck

Gregory Peck

Attore statunitense
α 5 aprile 1916
ω 12 giugno 2003
Arnold Schönberg

Arnold Schönberg

Compositore austriaco
α 13 settembre 1874
ω 13 luglio 1951
Ernest Henry Shackleton

Ernest Henry Shackleton

Esploratore irlandese
α 15 febbraio 1874
ω 5 gennaio 1922
Gilbert Keith Chesterton

Gilbert Keith Chesterton

Scrittore e giornalista inglese
α 29 maggio 1874
ω 14 giugno 1936
Guglielmo Marconi

Guglielmo Marconi

Fisico italiano, premio Nobel
α 25 aprile 1874
ω 20 luglio 1937
Harry Houdini

Harry Houdini

Illusionista ungherese
α 24 marzo 1874
ω 31 ottobre 1926
Herbert Hoover

Herbert Hoover

31° presidente degli Stati Uniti d'America
α 10 agosto 1874
ω 20 ottobre 1964
Howard Carter

Howard Carter

Archeologo ed egittologo inglese
α 9 maggio 1874
ω 2 marzo 1939
Hugo von Hofmannsthal

Hugo von Hofmannsthal

Scrittore e drammaturgo austriaco
α 1 febbraio 1874
ω 15 luglio 1929
Luigi Einaudi

Luigi Einaudi

Secondo Presidente della Repubblica italiana
α 24 marzo 1874
ω 30 ottobre 1961
Robert Frost

Robert Frost

Poeta statunitense
α 26 marzo 1874
ω 29 gennaio 1963
Ugo Bernasconi

Ugo Bernasconi

Pittore e scrittore italiano
α Anno 1874
ω 2 gennaio 1960
William Somerset Maugham

William Somerset Maugham

Scrittore britannico
α 25 gennaio 1874
ω 16 dicembre 1965
Winston Churchill

Winston Churchill

Statista inglese, premio Nobel
α 30 novembre 1874
ω 24 gennaio 1965
Bruno Misefari

Bruno Misefari

Anarchico italiano
α 17 gennaio 1892
ω 12 giugno 1936
Buenaventura Durruti

Buenaventura Durruti

Sindacalista e rivoluzionario anarchico spagnolo
α 14 luglio 1896
ω 20 novembre 1936
Edward Bach

Edward Bach

Medico gallese
α 24 settembre 1886
ω 27 novembre 1936
Federico Garcia Lorca

Federico Garcia Lorca

Poeta spagnolo
α 5 giugno 1898
ω 19 agosto 1936
Gilbert Keith Chesterton

Gilbert Keith Chesterton

Scrittore e giornalista inglese
α 29 maggio 1874
ω 14 giugno 1936
Grazia Deledda

Grazia Deledda

Scrittrice italiana, premio Nobel
α 27 settembre 1871
ω 15 agosto 1936
Ivan Pavlov

Ivan Pavlov

Medico fisiologo russo
α 4 settembre 1849
ω 27 febbraio 1936
Louis Blériot

Louis Blériot

Aviatore pioniere e imprenditore francese
α 1 luglio 1872
ω 2 agosto 1936
Luigi Pirandello

Luigi Pirandello

Drammaturgo, scrittore e poeta italiano, premio Nobel
α 28 giugno 1867
ω 10 dicembre 1936
Paul Bourget

Paul Bourget

Scrittore e saggista francese
α 2 settembre 1852
ω 25 dicembre 1936
Rudyard Kipling

Rudyard Kipling

Scrittore inglese, premio Nobel
α 30 dicembre 1865
ω 18 gennaio 1936