Biografie

Ariel Sharon

Ariel Sharon
Ariel Sharon nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Responsabilità di ferro

Ariel Sharon (vero nome Ariel Scheinermann), talvolta noto con il soprannome di Arik, nasce da una famiglia di immigrati russi il 27 febbraio 1928 nel Kfar Malal, la regione che poi diventerà lo stato di Israele (1948).

Percorre sin da giovanissimo una lunga carriera nell'esercito israeliano: nel 1942 all'età di 14 anni, si unisce al Gadna, un battaglione paramilitare, poi all'Haganah, la forza ebrea paramilitare che dopo la nascita dello stato di Israele diventerà ufficialmente la forza di difesa nazionale.

A vent'anni partecipa come comandante di una compagnia di fanteria alla guerra di indipendenza. Al termine della guerra rimane nell'esercito prendendo attivamente parte ad operazioni di intelligence e di rappresaglia contro i vicini stati arabi, fondando nel 1953 anche un gruppo speciale denominato "101", che agirà sotto la sua guida.

Il suo avanzamento nella carriera militare riceve un brusco rallentamento che dura fino al 1965, anno in cui viene eletto capo di stato maggiore Yitzhak Rabin. Durante questo periodo Ariel Sharon rimane comunque attivo frequentando in Inghilterra il Camberley Staff College (1957); tornato in patria, ricopre incarichi di responsabilità e rilievo: dal 1958 al 1962, mentre frequenta la facoltà di Giurisprudenza all'Università di Tel Aviv, è prima comandante della brigata di fanteria e poi comandante della scuola di fanteria; nel 1964 viene nominato capo del Northen Command Staff e nel 1966, capo del dipartimento di addestramento dell'esercito.

Ricevuto il grado di generale di brigata, partecipa alla guerra dei sei giorni come comandante di una divisione corazzata e, nel 1969, viene nominato capo del Southern Command Staff. Si congeda nel giugno 1972, ma nell'ottobre dell'anno successivo, con lo scoppio della guerra dello Yom Kippur viene richiamato a prestare il proprio servizio, comandando nuovamente una divisione corazzata.

Tra il 1975 e il 1976, Sharon è consigliere speciale per la Sicurezza nel governo del Primo Ministro Yitzhak Rabin.

L'anno successivo forma il partito Shlomzion e, nelle elezioni del 1977, quando questo partito riceverà due seggi, viene eletto deputato della Knesset e poi ministro dell'Agricoltura.

Negli anni guiderà diversi ministeri.

Nominato ministro della Difesa nel 1981, guida l'invasione del Libano ricevendo pesanti accuse tanto sul piano nazionale, quanto su quello internazionale; viene anche giudicato responsabile da una commissione d'inchiesta israeliana dei massacri di Sabra e Chatila e costretto alle dimissioni il 14 febbraio 1983.

Gli viene successivamente affidato un nuovo dicastero con il governo di Shimon Peres. E' ministro dell'Industria e del commercio dal 1984 - anno in cui diviene anche leader del Likud - al 1990, anno in cui si dimette da tale incarico, destabilizzando, tra l'altro, anche il governo che sarà destinato a cadere.

Dal maggio 1990, con il governo Shamir, Ariel Sharon è a capo del ministero dell'Edilizia e dell'accoglienza; fino al 1992 - quando con la sconfitta del Likud alle elezioni verrà dimesso - Sharon favorisce energicamente la politica di insediamento israeliano nei territori occupati, contribuendo così ad accrescere ancora di più la propria impopolarità.

Tra il giugno e il luglio del 1997, la sua candidatura a ministro delle Finanze nel governo Netanyahu contro il volere dello stesso primo ministro, lo pone al centro di pesanti discussioni. Benjamin Netanyahu lo nomina comunque ministro degli Esteri all'inizio del mese di ottobre 1998, incarico che detiene fino alla caduta del governo, nel maggio dell'anno successivo.

Il 28 settembre 2000, Sharon si reca in visita alla Spianata delle Moschee, a Gerusalemme, gesto che viene interpretato dai palestinesi come una vera e propria provocazione e che innescherà una pesante crisi; le gravi conseguenze causeranno, in tre mesi di scontri, oltre 350 vittime, in gran parte palestinesi.

Viene eletto Primo Ministro nel febbraio del 2001 con il 62,5 per cento delle preferenze, undicesimo a ricoprire questo incarico.

La sua linea dura gli vale il soprannome di "falco" o anche "bulldozer".

Relativamente alla questione palestinese inizialmente Sharon sembra seguire una politica aggressiva contro la negoziazione. Sono gli anni in cui il mondo conosce come mai prima di allora lo spettro del terrorismo internazionale. Sharon vive anche il delicato momento in cui scompare il leader Yasser Arafat (novembre 2004), protagonista da lungo tempo della scena politica palestinese. Nel periodo post-Arafat Sharon sembra porre la mediazione come uno degli obiettivi primari, tanto da condurre lotte interno al proprio partito, che lo porteranno verso la fine del 2005, a uscire dal Likud per fondare un nuovo partito, il Kadima.

Sharon è stato sposato e vedovo per due volte. All'epoca in cui è ancora un istruttore militare sposa Margalith, dalla quale avrà il figlio Gur. Margalith muore in un incident automobilistico nel 1962; Gur morirà cinque anni più tardi (1967), per un colpo accidentale partito giocando con il fucile del padre. Sharon sposa poi la sorella minore di Margalith, Lily, dalla quale avrà due figli, Omri e Gil'ad. Lily muore nel 2000.

Ricoverato in ospedale il 18 dicembre 2005, dopo aver sofferto di un leggero ictus, Sharon viene dimesso pochi giorni dopo. Il 4 gennaio 2006 è colpito da una grave emorragia cerebrale e viene ricoverato d'urgenza all'ospedale di Hadassa a Gerusalemme.

Nel marzo 2006 il suo partito vince le elezioni parlamentari.

Considerato il perdurare dello stato comatoso viene ufficialmente destituito dalla sua carica. Da lì a poco l'incarico di primo ministro verrà assunto "ad interim" da Ehud Olmert. I medici affermano che le possibilità che Sharon possa riprendere conoscenza sono estremamente basse: da allora ha vissuto in uno stato vegetativo persistente, fino al gennaio del 2014 quando le sue condizioni subiscono un significativo peggioramento. Ariel Sharon muore a Ramat Gan, vicino Tel Aviv, il 14 gennaio 2014.

Frasi di Ariel Sharon

3 fotografie

Foto e immagini di Ariel Sharon

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Ariel Sharon ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Ariel Sharon nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

9 biografie

Nati lo stesso giorno di Ariel Sharon

Alberto Giacometti

Alberto Giacometti

Scultore e artista svizzero
α 10 ottobre 1901
ω 11 gennaio 1966
Ambrose Bierce

Ambrose Bierce

Scrittore e giornalista statunitense
α 24 giugno 1842
ω 11 gennaio 1914
Anita Ekberg

Anita Ekberg

Attrice svedese
α 29 settembre 1931
ω 11 gennaio 2015
Eric Rohmer

Eric Rohmer

Regista francese
α 4 aprile 1920
ω 11 gennaio 2010
Fabrizio De André

Fabrizio De André

Cantautore italiano
α 18 febbraio 1940
ω 11 gennaio 1999
Galeazzo Ciano

Galeazzo Ciano

Politico e diplomatico italiano
α 18 marzo 1903
ω 11 gennaio 1944
Giovanni Boldini

Giovanni Boldini

Pittore italiano
α 31 dicembre 1842
ω 11 gennaio 1931
Mariangela Melato

Mariangela Melato

Attrice italiana
α 19 settembre 1941
ω 11 gennaio 2013
Thomas Hardy

Thomas Hardy

Poeta e scrittore inglese
α 2 giugno 1840
ω 11 gennaio 1928
Alberto Sughi

Alberto Sughi

Pittore italiano
α 5 ottobre 1928
ω 31 marzo 2012
Andy Warhol

Andy Warhol

Artista statunitense
α 6 agosto 1928
ω 22 febbraio 1987
Burt Bacharach

Burt Bacharach

Compositore statunitense
α 12 maggio 1928
Cesare Segre

Cesare Segre

Filologo, semiologo e critico letterario italiano
α 4 aprile 1928
ω 16 marzo 2014
Ciriaco De Mita

Ciriaco De Mita

Politico italiano
α 2 febbraio 1928
Domenico Modugno

Domenico Modugno

Cantante e attore italiano
α 9 gennaio 1928
ω 6 agosto 1994
Elliott Erwitt

Elliott Erwitt

Fotografo statunitense
α 26 luglio 1928
Ennio Morricone

Ennio Morricone

Compositore italiano
α 10 novembre 1928
Enzo Tortora

Enzo Tortora

Conduttore TV italiano
α 30 novembre 1928
ω 18 maggio 1988
Ernesto Che Guevara

Ernesto Che Guevara

Rivoluzionario argentino
α 14 giugno 1928
ω 9 ottobre 1967
Francesco Cossiga

Francesco Cossiga

Ottavo Presidente della Repubblica Italiana
α 26 luglio 1928
ω 17 agosto 2010
Franco Franchi

Franco Franchi

Attore comico
α 18 settembre 1928
ω 9 dicembre 1992
Gabriel Laub

Gabriel Laub

Scrittore e aforista polacco
α 24 ottobre 1928
ω 3 febbraio 1998
George Peppard

George Peppard

Attore statunitense
α 1 ottobre 1928
ω 8 maggio 1994
Giuseppe Pinelli

Giuseppe Pinelli

Ferroviere, noto anarchico italiano
α 21 ottobre 1928
ω 15 dicembre 1969
Hans Küng

Hans Küng

Teologo svizzero
α 19 marzo 1928
Hosni Mubarak

Hosni Mubarak

Statista egiziano
α 4 maggio 1928
Jack Kevorkian

Jack Kevorkian

Medico statunitense
α 26 maggio 1928
ω 3 giugno 2011
James Coburn

James Coburn

Attore statunitense
α 31 agosto 1928
ω 18 novembre 2002
James Ivory

James Ivory

Regista statunitense
α 7 giugno 1928
Jean-Marie Le Pen

Jean-Marie Le Pen

Politico francese
α 20 giugno 1928
Jeanne Moreau

Jeanne Moreau

Attrice francese
α 23 gennaio 1928
John Nash

John Nash

Matematico statunitense, Premio Nobel
α 13 giugno 1928
ω 23 maggio 2015
Lina Wertmuller

Lina Wertmuller

Regista italiana
α 14 agosto 1928
Luciano De Crescenzo

Luciano De Crescenzo

Scrittore italiano
α 18 agosto 1928
Mazzino Montinari

Mazzino Montinari

Filosofo italiano
α 4 aprile 1928
ω 24 novembre 1986
Noam Chomsky

Noam Chomsky

Linguista statunitense
α 7 dicembre 1928
Philip K. Dick

Philip K. Dick

Scrittore statunitense
α 16 dicembre 1928
ω 2 febbraio 1982
Piero Angela

Piero Angela

Scrittore, giornalista e divulgatore italiano
α 22 dicembre 1928
Sandro Ciotti

Sandro Ciotti

Giornalista, radiocronista sportivo e conduttore TV
α 4 novembre 1928
ω 18 luglio 2003
Stanley Kubrick

Stanley Kubrick

Regista statunitense
α 26 luglio 1928
ω 7 marzo 1999
Tommaso Buscetta

Tommaso Buscetta

Pentito di mafia
α 13 luglio 1928
ω 4 aprile 2000
Mango

Mango

Cantautore italiano
α 6 novembre 1954
ω 7 dicembre 2014
Alfredo Di Stefano

Alfredo Di Stefano

Calciatore argentino e spagnolo
α 4 luglio 1926
ω 7 luglio 2014
Cesare Segre

Cesare Segre

Filologo, semiologo e critico letterario italiano
α 4 aprile 1928
ω 16 marzo 2014
Claudio Abbado

Claudio Abbado

Direttore d'orchestra italiano
α 26 giugno 1933
ω 20 gennaio 2014
Eli Wallach

Eli Wallach

Attore statunitense
α 7 dicembre 1915
ω 24 giugno 2014
Gabriel Garcia Marquez

Gabriel Garcia Marquez

Scrittore colombiano
α 6 marzo 1927
ω 17 aprile 2014
Giorgio Faletti

Giorgio Faletti

Artista e scrittore italiano
α 25 novembre 1950
ω 4 luglio 2014
Joe Cocker

Joe Cocker

Cantante inglese
α 20 maggio 1944
ω 22 dicembre 2014
Lauren Bacall

Lauren Bacall

Attrice statunitense
α 16 settembre 1924
ω 13 agosto 2014
Lorin Maazel

Lorin Maazel

Direttore d'orchestra statunitense
α 6 marzo 1930
ω 13 luglio 2014
Louis Zamperini

Louis Zamperini

Atleta, militare ed eroe di guerra statunitense
α 26 gennaio 1917
ω 2 luglio 2014
Magda Olivero

Magda Olivero

Cantante lirica italiana, soprano
α 25 marzo 1910
ω 8 settembre 2014
Manlio Sgalambro

Manlio Sgalambro

Filosofo e scrittore italiano
α 9 dicembre 1924
ω 6 marzo 2014
Maria Luisa Spaziani

Maria Luisa Spaziani

Poetessa italiana
α 7 dicembre 1922
ω 30 giugno 2014
Nadine Gordimer

Nadine Gordimer

Scrittrice sudafricana, premio Nobel
α 20 novembre 1923
ω 13 luglio 2014
Paolo Salvati

Paolo Salvati

Pittore e artista italiano
α 22 febbraio 1939
ω 24 giugno 2014
Philip Seymour Hoffman

Philip Seymour Hoffman

Attore statunitense
α 23 luglio 1967
ω 2 febbraio 2014
Robin Williams

Robin Williams

Attore statunitense
α 21 luglio 1951
ω 11 agosto 2014
Rubin Carter

Rubin Carter

Ex pugile statunitense
α 6 maggio 1937
ω 20 aprile 2014
Virna Lisi

Virna Lisi

Attrice italiana
α 8 novembre 1936
ω 18 dicembre 2014
Vujadin Boskov

Vujadin Boskov

Ex calciatore e allenatore serbo
α 16 maggio 1931
ω 27 aprile 2014