Biografie

Jean-Paul Sartre

Jean-Paul Sartre
Jean-Paul Sartre nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Il peso della libertà

Jean-Paul Sartre nasce a Parigi il 21 giugno 1905 da Jean-Baptiste Sartre, ufficiale di marina, e da Anne-Marie -Schweitzer (il celebre "dottor Schweitzer" era cugino di Sartre). Morendo il padre solo due anni dopo la nascita di Jean-Paul, la giovane Anne-Marie si rifugia a Meudon dai suoi genitori. Qui il nonno materno esercita sul futuro scrittore una profonda influenza, anche per quel che concerne la sua precoce "vocazione" letteraria. La madre passa quindi a nuove nozze con il direttore dei cantieri navali di La Rochelle. Nella stessa città, il piccolo Jean-Paul frequenta il liceo. Dopo aver conseguito il baccalaureato è ammesso alla Scuola Normale a Parigi.

A questi anni risale la sua conoscenza con Simone de Beauvoir, in seguito pure lei celebre scrittrice e fervida promotrice di movimenti in difesa delle donne, con la quale resterà sentimentalmente legato per tutta la vita. Ottenuta l'abilitazione all'insegnamento, insegna filosofia a Le Havre. Nel 1933 si reca per un anno a Berlino con una borsa di studio dell'Istituto francese. Vi assiste alla presa del potere da parte dei nazisti, e legge per la prima volta le opere di Husserl, Heidegger e Scheler. Letture assai importanti, alla luce di poi, dato che la "fenomenologia" ispirerà tutta la sua opera filosofica. Tre anni dopo, nel '36, pubblica il suo primo libro, il saggio filosofico "L'immaginazione". Intanto, anche la sua carriera accademica subisce degli scossoni. Prima insegna per un anno a Laon, poi diventa professore di filosofia al Liceo Pasteur di Parigi. Sono anni importantissimi per la sua maturazione e una riprova è nel fatto che nel '38 pubblica il romanzo "La nausea" e la raccolta di novelle "Il muro", nei quali già sono sviluppati i principi della filosofia esistenzialista.

"La nausea", più che un romanzo in senso stretto, è un "racconto filosofico": Antoin Roquentin, il narratore, scopre nell'angoscia che niente nella sua vita è motivato o giustificato, e che, d'altra parte, questa gratuità non lo esime dalla necessità di scegliere. Egli è libero e responsabile, e spetta a lui solo giudicare se stesso. I cinque racconti de "Il Muro", pubblicato l'anno seguente, esprimono questi temi in un linguaggio più letterario, risolvendoli senza residui nel tessuto narrativo. Per cui, più della Nausea, essi rivelano il clima socioculturale di quegli anni. Il racconto che dà il titolo al volume rappresenta l'uomo in una situazione estrema, e il suo sforzo di assumerla, padroneggiarla, superarla.

L 'esistenzialismo sartriano può infatti essere definito una filosofia della libertà, della scelta e della responsabilità. L 'uomo deve inventare la propria vita e il proprio destino, deve costruire i propri valori. Non c'è un'essenza dell'uomo, che prefiguri la sua esistenza; non ci sono norme, leggi, autorità che predeterminino il suo comportamento. Solo i benpensanti, i farisei, che rifiutano la responsabilità di un'esistenza libera, credono in una necessità esterna all'uomo, in una stabilità delle cose, in un ordine metafisico che presieda alla vita della natura e della società. I benpensanti rifiutano le esperienze radicali e rivelatrici del nulla, della nausea, dell'angoscia, che Sartre ritiene fondamentali per provocare nell'uomo la crisi da cui emerge l'esigenza della libertà e dei valori. Tale precisazione, sarà approfondita da Sartre undici anni dopo, quando, su invito di una rivista polacca, scriverà il saggio pubblicato poi come "Questioni di metodo" (1957). In questo saggio, e nella successiva "Critica della ragione dialettica" (1960), egli cerca soprattutto di integrare il proprio esistenzialismo nel pensiero marxista, da lui considerato "l'insuperabile filosofia del nostro tempo".

Intanto, in quegli anni, presta servizio militare a Nancy, Brumath e Mossbronn. Esce "Immagine e coscienza", dove l'immagine è vista come la prima espressione della libertà e del dramma dell'uomo. Il 21 giugno viene fatto prigioniero dai tedeschi a Padoux, in Lorena, e quindi internato a Treviri. Ottenuta la libertà (facendosi passare per civile}, partecipa attivamente alla Resistenza clandestina e riprende l'insegnamento al Liceo Pasteur e poi al Liceo Condorcet, dove insegna fino alla liberazione di Parigi. Nel 1943 pubblica il suo primo dramma, "Le mosche" (riprendendo il mito all'Orestiade}, e il trattato d'ontologia fenomenologica "L' essere e il nulla".

Nel 1945 Fonda la rivista "Les Temps Modernes", nella quale troverano espressione le tre esperienze fondamentali della sua vita: quella filosofica, quella letteraria e quella politica. Escono "L'età della ragione" e "Il rinvio", i primi due volumi della serie romanzesca "Le vie della libertà", e l'atto unico "A porte chiuse". Pubblica i saggi "L'esistenzialismo è un umanismo", "Materialismo e rivoluzione", "L' antisemitismo", e i drammi "La sgualdrina timorata" e "Morti senza tomba". Ne "L 'esistenzialismo è un umanismo" si preoccupa di precisare in che senso vada inteso il termine, che era diventato in breve tempo cosi generico "da non significare più nulla: o meglio, da significare le cose più assurde". Compie un viaggio in Italia, con Simone de Beauvoir. Negli anni successivi Sartre tornerà in Italia decine di volte. Anche l'attività politica è assai intensa. Dà vita, con Rousset, Rosenthal e altri, a un nuovo partito: il "Rassemblement Democratique Revolutionnaire", d'ispirazione marxista ma privo d'impostazione classista; l'anno seguente il risultato delle elezioni determinerà il fallimento di questo partito e, successivamente, il suo scioglimento. Pubblica un lungo saggio su Baudelaire e un altro su "Che cos'è la letteratura?" Si occupa anche di cinema, predisponendo la sceneggiatura cinematografica "Il gioco è fatto".

Nel '49 appare "La morte dell'anima", terzo volume della serie "Le vie della libertà", e il saggio "Discussioni sulla politica" (insieme a D. Rousset e G. Rosenthal. Inoltre, escono il dramma "Il diavolo e il buon Dio" e il saggio "Gide vivente".

Inizia la pubblicazione su "Les Temps Modernes" del lungo saggio "I comunisti e la pace" (I e II), dove sostiene la fondamentale validità delle tesi marxiste, sottolineando una posizione da "compagno di strada critico". L'elemento costante del suo rapporto col il Partito Comunsita Francese è che ciascuna delle parti si atteggia a "cattiva coscienza" dell'altra. Così, i sartriani sono in continua ricerca del "buon comunismo" che li accetti, andandolo a cercare, via via, in Jugoslavia, in Polonia, a Cuba, in Italia, senza però mai trovarlo completamente. Ecco come lo stesso Sartre sintetizzava questa situazione nel 1952: "I comunisti sono colpevoli perché hanno torto nella loro maniera d'aver ragione, e ci rendono colpevoli, perché hanno ragione nella loro maniera d'aver torto.

Lo scritto sartriano suscita clamorose polemiche con Camus, Merleau-Ponty e Lefort. Appare anche il saggio "San Genet, commediante e martire". Sullo sfondo della guerra d'Indocina, si pronuncia sul caso Henri Martin, e pubblica una raccolta di testi commentati che ha per titolo "L'affare Henri Martin". In maggio, con Simone de Beauvoir, visita l'URSS. Visita anche la Cina, e scrive la prefazione a "Da una Cina all'altra", "libro fotografico" di Cartier-Bresson. Il numero di gennaio di "Les Temps Modernes" esce interamente dedicato alla Rivolta ungherese. Sartre, che aveva già pubblicato sull' "Express" una prima energica protesta, ribadisce, nel saggio "Il fantasma di Stalin", il suo atto di accusa contro la politica sovietica e compie un'acuta analisi del dramma che ha sconvolto il campo socialista.

Appare l'opera filosofica "Critica della ragione dialettica", nella quale Sartre instaura un colloquio critico tra il marxismo e il proprio esistenzialismo. Risiede per un mese a Cuba, ospite di Fidel Castro, e vi dedica un reportage su "France-Soir". È l'autore del famoso "Manifesto dei 121" che proclama il diritto all'insubordinazione per i francesi mobilitati nella guerra d'Algeria. Dà la propria pubblica adesione al Reseau. Jeanson, l'organizzazione clandestina sostenitrice del Fronte Nazionale di Liberazione algerino. Pubblica il saggio "Merleau-Ponty vivente", e la Prefazione ai "Dannati della terra" di F .Fanon.

Nel 1963 esce l'opera autobiografica "Le parole". Lo stesso anno gli viene assegnato il premio Nobel per la letteratura. Sartre lo rifiuta, giustificando il suo gesto con ragioni personali ("ho sempre declinato le distinzioni ufficiali") e con ragioni obiettive ("io sto lottando per avvicinare la cultura occidentale a quella orientale, e svuoterei la mia azione se accettassi onorificenze da Est o da Ovest" ). Tiene un ciclo di conferenze in Brasile. Pubblica "Bariona", il suo primo dramma (scritto durante la prigionia in Germania).

Rifiuta un invito, rivoltogli da università americane, a svolgere un ciclo di conferenze negli USA per protestare contro l'intervento americano nel Vietnam. A questo proposito è fra i promotori e fra i membri del Tribunale B. Russell, che in due sedute (maggio '67 a Stoccolma e novembre '67 a Copenaghen), stende un documento di condanna. Appare il volume miscellaneo "Che cosa può la letteratura?" e il dramma "Le Troiane" in un adattamento da Euripide. Pubblica i saggi "La coscienza di classe in Flaubert" e "Dal poeta all' artista".

Nell'inverno '66-'67, compie un giro di conferenze in Egitto e in Israele, esprimendo in entrambi i paesi con grande franchezza la sua opinione sulla questione arabo-israeliana. Nel 1968, durante i fatti di maggio, Sartre prende parte alle lotte studentesche, allineandosi alle posizioni politiche di alcuni gruppi della sinistra extraparlamentare. Più tardi ribadirà questo orientamento aspramente critico nei confronti del Partito Comunista Francese e, sul piano internazionale, dell'U.R.S.S. in svariate occasioni: per esempio, insorgendo contro l'invasione della Cecoslovacchia, e assumendo la responsabilità giuridica di periodici "filocinesi ". Pubblica "L'idiota di famiglia", saggio monografico dedicato a Gustave Flaubert, in due tomi (più di 2000 pagine complessive).

Sartre non ha voluto essere un letterato, nel senso in cui lo furono André Gide o Paul Valery. Come tanti scrittori francesi a lui contemporanei, ha subito l'influenza di Andre Malraux, che vedeva nella letteratura uno tra i modi per partecipare alla tragedia del proprio tempo. L "'impegno" dello scrittore è uno degli aspetti essenziali della morale sartriana, così come si è venuta configurando soprattutto dalla Resistenza in poi. Esso significa, in sostanza, che lo scrittore non è un officiante dell'arte, e che l'arte è per lui una maniera di esprimere e di trasformare il mondo. L 'artista non può limitarsi a descrivere; anche se non lo vuole, è attore. Quel che dice deve concorrere a una dialettica generale che lo concerne e di cui fa parte. Perciò l'impegno filosofico finisce per prolungarsi nell'impegno sociale e politico: come potrebbe, infatti, lo scrittore sentirsi responsabile di se stesso, degli altri, del futuro del mondo, senza adottare, a un certo momento, un atteggiamento pragmatico esterno alla sua opera?

Come ha mirabilmente scritto Carlo Bo ne "Il romanziere e il mondo vischioso" ("Aut Aut", n. 51, p. 175.): " Non c'è dubbio che Sartre rappresenta, dopo la grande stagione proustiana, il primo tentativo serio di restituire al romanzo la sua dignità di mezzo illuminante. Tutta la festa proustiana finiva per chiudersi su alcune domande essenziali della storia dell'uomo: fino a che punto siamo vittime dell'apparenza delle cose? Che cosa resta della massa dei sentimenti, a cui abbiamo legato i fili dell'esistenza? Che cosa si salva dalla ruota impietosa del tempo? Quale l'immagine probabile della divinità? Anche se avvolta nelle pieghe di una musica sorprendente, la verità ultima di queste domande finiva per salire a galla e rovesciare completamente l'ordine stesso della realtà. Sartre, a modo suo, ha cercato di dare una risposta ai problemi messi sul tavolo da Proust: uno dei rarissimi, insieme a Bernanos, a Mann, a Svevo. Senonché, il suo tentativo si distingue dagli altri perché è totale, unitario, e, quel che più conta, diretto in un senso unico".

Sartre muore a Parigi nel 1980.

Aforismi di Jean-Paul Sartre

3 fotografie

Foto e immagini di Jean-Paul Sartre

Commenti

Non ci sono commenti per Jean-Paul Sartre.

Argomenti e biografie correlate

Jean-Paul Sartre nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

11 biografie

Nati lo stesso giorno di Jean-Paul Sartre

Totò

Totò

Comico italiano
α 15 febbraio 1898
ω 15 aprile 1967
Pol Pot

Pol Pot

Politico, rivoluzionario e dittatore cambogiano
α 25 gennaio 1925
ω 15 aprile 1998
Abraham Lincoln

Abraham Lincoln

16° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 12 febbraio 1809
ω 15 aprile 1865
Bruno Barilli

Bruno Barilli

Scrittore e compositore italiano
α 14 dicembre 1880
ω 15 aprile 1952
Filippo Brunelleschi

Filippo Brunelleschi

Architetto, ingegnere, scultore e orafo italiano
α Anno 1377
ω 15 aprile 1446
Giovanni Gentile

Giovanni Gentile

Filosofo e pedagogista italiano
α 29 maggio 1875
ω 15 aprile 1944
Greta Garbo

Greta Garbo

Attrice svedese
α 18 settembre 1905
ω 15 aprile 1990
Joey Ramone

Joey Ramone

Cantante e musicista rock statunitense
α 19 maggio 1951
ω 15 aprile 2001
Marie Tussaud

Marie Tussaud

Scultrice francese, fondatrice del museo delle cere Madame Tussauds
α 1 dicembre 1761
ω 15 aprile 1850
Raimondo Vianello

Raimondo Vianello

Attore italiano
α 7 maggio 1922
ω 15 aprile 2010
Robert Musil

Robert Musil

Scrittore e drammaturgo austriaco
α 6 novembre 1880
ω 15 aprile 1942
Christian Dior

Christian Dior

Stilista francese
α 21 gennaio 1905
ω 24 ottobre 1957
Elias Canetti

Elias Canetti

Scrittore bulgaro, premio Nobel
α 25 luglio 1905
ω 14 agosto 1994
Ettore Majorana

Ettore Majorana

Fisico italiano
α 5 agosto 1905
ω 27 marzo 1938
Greta Garbo

Greta Garbo

Attrice svedese
α 18 settembre 1905
ω 15 aprile 1990
Hans Urs von Balthasar

Hans Urs von Balthasar

Teologo svizzero
α 12 agosto 1905
ω 26 giugno 1988
Howard Hughes

Howard Hughes

Imprenditore, regista, produttore cinematografico e aviatore statunitense
α 24 settembre 1905
ω 5 aprile 1976
James J. Braddock

James J. Braddock

Atleta statunitense, boxe
α 7 giugno 1905
ω 29 novembre 1974
Leo Longanesi

Leo Longanesi

Giornalista, editore, disegnatore e umorista italiano
α 30 agosto 1905
ω 27 settembre 1957
Lillian Hellman

Lillian Hellman

Scrittrice e commediografa statunitense
α 20 giugno 1905
ω 30 giugno 1984
Lucia Valerio

Lucia Valerio

Tennista italiana
α 28 febbraio 1905
ω 26 settembre 1996
Myrna Loy

Myrna Loy

Attrice statunitense
α 2 agosto 1905
ω 14 dicembre 1993
Wanda Osiris

Wanda Osiris

Attrice, cantante e soubrette italiana
α 3 giugno 1905
ω 11 novembre 1994
Alfred Hitchcock

Alfred Hitchcock

Regista inglese
α 13 agosto 1899
ω 29 aprile 1980
Bon Scott

Bon Scott

Cantante scozzese, AC/DC
α 9 luglio 1946
ω 19 febbraio 1980
Erich Fromm

Erich Fromm

Psicoanalista e sociologo tedesco
α 23 marzo 1900
ω 18 marzo 1980
Erminio Macario

Erminio Macario

Attore italiano
α 27 maggio 1902
ω 26 marzo 1980
Franco Basaglia

Franco Basaglia

Psichiatra e neurologo italiano
α 11 marzo 1924
ω 29 agosto 1980
Gianni Rodari

Gianni Rodari

Scrittore italiano
α 23 ottobre 1920
ω 14 aprile 1980
Henry Miller

Henry Miller

Scrittore statunitense
α 26 dicembre 1891
ω 7 giugno 1980
Jesse Owens

Jesse Owens

Atleta statunitense
α 12 settembre 1913
ω 31 marzo 1980
John Lennon

John Lennon

Cantante e musicista inglese, Beatles
α 9 ottobre 1940
ω 8 dicembre 1980
Josip Broz Tito

Josip Broz Tito

Leader politico jugoslavo
α 7 maggio 1892
ω 4 maggio 1980
Oskar Kokoschka

Oskar Kokoschka

Pittore austriaco
α 1 marzo 1886
ω 22 febbraio 1980
Peter Sellers

Peter Sellers

Attore inglese
α 8 settembre 1925
ω 24 luglio 1980
Piersanti Mattarella

Piersanti Mattarella

Politico, vittima di mafia
α 24 gennaio 1935
ω 6 gennaio 1980
Pietro Nenni

Pietro Nenni

Politico italiano
α 9 febbraio 1891
ω 1 gennaio 1980
Roland Barthes

Roland Barthes

Critico letterario francese
α 12 novembre 1915
ω 26 marzo 1980
Steve McQueen

Steve McQueen

Attore statunitense
α 24 marzo 1930
ω 7 novembre 1980
Tamara De Lempicka

Tamara De Lempicka

Pittrice polacca
α 16 maggio 1898
ω 18 marzo 1980
Vittorio Bachelet

Vittorio Bachelet

Giurista e politico italiano
α 20 febbraio 1926
ω 12 febbraio 1980
Walter Tobagi

Walter Tobagi

Giornalista italiano
α 18 marzo 1947
ω 28 maggio 1980
Willard Frank Libby

Willard Frank Libby

Scienziato statunitense, premio Nobel
α 17 dicembre 1908
ω 8 settembre 1980