Biografie

Jean-Luc Godard

Jean-Luc Godard
Jean-Luc Godard nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Jean-Luc Godard

Biografia Le nuove ondate della settima arte

Nato il 3 dicembre del 1930 a Parigi, Jean-Luc Godard proviene da una famiglia protestante molto ricca, appartenente all'alta borghesia svizzera: la madre è figlia di banchieri, mentre il padre è medico. Dopo aver compiuto i primi studi in un collegio elvetico, durante l'adolescenza torna nella città natale, dove frequenta il liceo e la Sorbona: nel 1949 ottiene il diploma in Etnologia. Poco dopo, inizia a scrivere critiche cinematografiche su riviste specializzate come "Cahiers du cinéma" e "Arts". Il primo articolo risale al 1950, si intitola "Joseph Mankiewicz" e compare sulla "Gazette su cinéma". L'approdo ai "Cahiers du cinéma", invece, avviene due anni più tardi, quando, utilizzando lo pseudonimo di Hans Lucas, si occupa della recensione de "L'altro uomo", opera di Alfred Hitchcock, e propone un saggio chiamato "Difesa e illustrazione del decoupage classico" nel quale manifesta la propria visione delle arti totalizzante.

Abbandonata dopo poco tempo l'attività di critico, Godard viaggia diverse volte in America, prima di trovare lavoro nell'ambito della realizzazione della diga della Grande Dixence: da qui troverà lo spunto per "Operation beton", il primo cortometraggio, portato a termine grazie a un finanziamento dell'azienda appaltatrice nel 1955. Una volta tornato a Parigi, il giovane Jean-Luc decide di non abbandonare la strada dei cortometraggi: in quegli anni ha modo di collaborare anche con Jean-Paul Belmondo (del quale doppia la voce nel 1958 in "Charlotte et son Jules") e con Francois Truffaut (nello stesso anno, per "Une histoire d'eau").

Il debutto di Jean-Luc Godard nel lungometraggio, avvenuto grazie a un soggetto fornito proprio da Truffaut, si verifica nel 1955, con "Fino all'ultimo respiro", destinato a diventare subito il simbolo della "nouvelle vague". Girato in un solo mese con una cinepresa a mano e un budget alquanto ridotto, "Fino all'ultimo respiro", vincitore del premio Jean Vigo, rappresenta la prima tappa della filmografia godardiana, con le tipiche trasgressioni rispetto ai classici modelli narrativi che la "nouvelle vague" propone per prendere le distanza del "cinema de papà": dagli sguardi in macchina agli attori che si rivolgono agli spettatori, senza dimenticare il montaggio volutamente sconnesso.

Nel 1960 prende il via il cosiddetto primo periodo godardiano, contraddistinto da una vena creativa alquanto prolifica, che si traduce in ben ventidue film. Non manca lo spazio per i contenuti erotici, specialmente in opere come "Due o tre cose che so di lei", "Il bandito delle ore undici" e "Agente Lemmy Caution, missione Alphaville". L'attività dietro la cinepresa di Godard si fa influenzare anche dalle teorie marxiste, definitivamente sposate intorno alla metà degli anni Sessanta: e così il grande schermo prende le sembianze del luogo ideale in cui criticare con severità i costumi della civiltà dei consumi, caratterizzata da rapporti umani mercificati; l'immagine, viceversa, diventa lo strumento naturale per promuovere un'ideologia, come si può notare in "Week-end, un uomo e una donna dal sabato alla domenica" e in "La cinese", dove si evidenzia in tutta la sua pregnanza la questione della prassi.

Nel 1969 Godard, dopo aver tentato la strada del cinema totalmente rivoluzionario con "La gaia scienza", fonda il Gruppo Dziga Vertov insieme con altri colleghi, rigettando il ruolo di autore e dando vita a un cinema collettivo, così da bandire qualsiasi tipo di ideologia gerarchica. In "Lotte in Italia", ideologia e rappresentazione si intrecciano nel racconto di una giovane borghese che, pur non staccandosi dall'ideologia della società cui appartiene, fa parte di un gruppo extraparlamentare. A proposito di cinema politico, poi, non si può non citare la collaborazione con Gian Maria Volontè, in "Vent d'est".

L'attività di Jean-Luc Godard si rivela frenetica, ma subisce una brusca battuta d'arresto a causa di un incidente stradale, che lo tiene bloccato per diversi mesi in ospedale, e delle prime divergenze nel gruppo, determinate dalla consapevolezza che il periodo eversivo si sta esaurendo. Dopo essersi negato ai mezzi di comunicazione per molti mesi, il regista transalpino dà vita a "Crepa padrone, tutto va bene", un'indagine realizzata con la collaborazione di Jean-Pierre Gorin a proposito della situazione degli intellettuali del dopo Sessantotto. La fine del movimento, infatti, coincide per Godard con un periodo di pausa e di ritiro dalla vita pubblica.

A Grenoble sperimenta, nei laboratori di Sonimage, tecniche cinematografiche innovative e a basso costo, come i video-registratori e i super8, che contraddistingueranno i suoi lavori di lì in avanti.

Quello che viene identificato come terzo periodo di Godard prende il via nel 1975, e si caratterizza per una sperimentazione intensa e concreta, in cui le immagini sono utilizzate per criticare - paradossalmente - le immagini. Anche i temi affrontati nei film cambiano: per esempio, in "Si salvi chi può (la vita)" si nota una particolare attenzione alla famiglia, mentre una nuova concezione dell'immagine si palesa in "Passion", dove sequenze staccate dalla trama vengono inserite e valorizzate solo per il puro gusto della bellezza.

Nel 1983 Godard vince il Leone d'Oro al Festival del Cinema di Venezia con "Prenom Carmen": un'opera piena di brani musicali, citazioni, giochi di parole, inquadrature avulse dalla trama e paesaggi naturali (per esempio il Lago Lemano) che evidenziano come il testo sia solo un elemento non indispensabile in un film. Le sperimentazioni di Godard si fanno sempre più intense: nel 1990, per esempio, in "Nouvelle Vague" scrive una sceneggiatura intera utilizzando semplicemente citazioni e frasi altrui, senza scrivere nulla di proprio pugno: una novità che viene poi ripetuta tre anni più tardi in "Helas pur moi". In "Allemagne 90 neuf zero", invece, il cineasta, basandosi su "Germania anno zero" di Roberto Rossellini, gioca con il tedesco e il francese, citando a sua volta "Fino all'ultimo respiro", in cui aveva usato il francese e l'inglese.

Vincitore nel 1995 del Pardo d'Onore al Festival Internazionale del film di Locarno, Jean-Luc Godard viene insignito nel 2011 del Premio Oscar alla Carriera.

Aforismi di Jean-Luc Godard

4 fotografie

Foto e immagini di Jean-Luc Godard

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Jean-Luc Godard ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Jean-Luc Godard nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Jean-Luc Godard

6 biografie

Nati lo stesso giorno di Jean-Luc Godard

Alberto Arbasino

Alberto Arbasino

Scrittore, giornalista e critico italiano
α 22 gennaio 1930
Aldo Biscardi

Aldo Biscardi

Giornalista sportivo italiano
α 26 ottobre 1930
Amelia Rosselli

Amelia Rosselli

Poetessa italiana
α 28 marzo 1930
ω 11 febbraio 1996
Boris Giuliano

Boris Giuliano

Ufficiale di polizia italiano, vittima di mafia
α 22 ottobre 1930
ω 21 luglio 1979
Clint Eastwood

Clint Eastwood

Attore e regista statunitense
α 31 maggio 1930
Edna O'Brien

Edna O'Brien

Scrittrice irlandese
α 15 dicembre 1930
Edoardo Sanguineti

Edoardo Sanguineti

Poeta e scrittore italiano
α 9 dicembre 1930
ω 18 maggio 2010
Edwin Aldrin

Edwin Aldrin

Pioniere astronauta statunitense
α 20 gennaio 1930
Emmanuel Milingo

Emmanuel Milingo

Religioso zambiano, ex vescovo cattolico
α 13 giugno 1930
Ferruccio Amendola

Ferruccio Amendola

Attore e doppiatore italiano
α 22 luglio 1930
ω 3 settembre 2001
Folco Quilici

Folco Quilici

Documentarista e scrittore italiano
α 9 aprile 1930
Frank Lucas

Frank Lucas

Ex criminale statunitense, signore della droga
α 9 settembre 1930
Gene Hackman

Gene Hackman

Attore statunitense
α 30 gennaio 1930
George Soros

George Soros

Imprenditore e attivista ungherese naturalizzato statunitense
α 12 agosto 1930
Giò Pomodoro

Giò Pomodoro

Scultore italiano
α 17 novembre 1930
ω 21 dicembre 2002
Gualtiero Marchesi

Gualtiero Marchesi

Chef italiano
α 19 marzo 1930
Harold Pinter

Harold Pinter

Drammaturgo inglese, premio Nobel
α 10 ottobre 1930
ω 24 dicembre 2008
Harvey Milk

Harvey Milk

Politico statunitense
α 22 maggio 1930
ω 27 novembre 1978
Helmut Kohl

Helmut Kohl

Politico tedesco
α 3 aprile 1930
ω 16 giugno 2017
Jean-Louis Trintignant

Jean-Louis Trintignant

Attore francese
α 11 dicembre 1930
Lorin Maazel

Lorin Maazel

Direttore d'orchestra statunitense
α 6 marzo 1930
ω 13 luglio 2014
Marco Pannella

Marco Pannella

Politico italiano
α 2 maggio 1930
ω 19 maggio 2016
Neil Armstrong

Neil Armstrong

Astronauta statunitense
α 5 agosto 1930
ω 25 agosto 2012
Pierre Bourdieu

Pierre Bourdieu

Sociologo francese
α 10 agosto 1930
ω 23 gennaio 2002
Ray Charles

Ray Charles

Cantante statunitense
α 23 settembre 1930
ω 10 giugno 2004
Richard Donner

Richard Donner

Regista e produttore statunitense
α 24 aprile 1930
Sean Connery

Sean Connery

Attore scozzese
α 25 agosto 1930
Silvana Mangano

Silvana Mangano

Attrice italiana
α 21 aprile 1930
ω 16 dicembre 1989
Steve McQueen

Steve McQueen

Attore statunitense
α 24 marzo 1930
ω 7 novembre 1980
Totò Riina

Totò Riina

Boss mafioso italiano
α 16 novembre 1930
Walter Bonatti

Walter Bonatti

Alpinista, scalatore ed esploratore italiano
α 22 giugno 1930
ω 13 settembre 2011
Warren Buffett

Warren Buffett

Imprenditore statunitense
α 30 agosto 1930
Zhores Alferov

Zhores Alferov

Fisico bielorusso, premio Nobel
α 15 marzo 1930