Biografie

Rita Pavone

Rita Pavone
Rita Pavone nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Rita Pavone Discografia

Biografia

Rita Pavone nasce il 23 agosto 1945 a Torino: il suo debutto avviene al Teatro Alfieri, nel capoluogo piemontese, nel 1959 in occasione di uno show per bambini chiamato "Telefoniade", organizzato dalla Stipe, società telefonica del tempo. Per la prima volta davanti al pubblico, si esibisce nell'interpretazione dei brani di Al Jolson "Swanee" e di Renato Rascel "Arrivederci Roma". Negli anni successivi, sale sul palco in diversi locali della città come il "Principe", l'"Hollywood Dance", "La Perla", "La Serenella" e l'"Apollo Danze", venendo soprannominata "la Paul Anka in gonnella", visto che il suo repertorio attinge soprattutto alle canzoni dell'artista canadese.

Nel 1962 prende parte alla prima edizione del "Festival degli sconosciuti" di Ariccia, manifestazione patrocinata dal cantante Teddy Reno: egli diventa in breve tempo il pigmalione di Rita, ma anche il suo compagno (si sposeranno sei anni più tardi tra le polemiche, dovute alla differenza di età tra i due e al fatto che l'uomo è già padre di un figlio e sposato civilmente). Rita vince il festival e si guadagna un provino con la RCA Italiana: provino superato cantando alcuni brani di Mina. Dal suo esordio a livello nazionale alla fama il passo è molto breve: merito di singoli di successo come "Sul cucuzzolo", "La partita di pallone" (entrambe scritte da Edoardo Vianello), "Come te non c'è nessuno", "Alla mia età", "Il ballo del mattone", "Cuore" (versione italiana di "Heart", hit americana), "Non è facile avere 18 anni", "Che m'importa del mondo" e "Datemi un martello", cover di "If I had a hammer".

Nel 1964, la Pavone viene chiamata a interpretare "Il giornalino di Gian Burrasca", sceneggiato televisivo diretto da Lina Wertmuller e tratto dal famoso romanzo di Vamba, musicato da Nino Rota. La sigla di questo prodotto è "Viva la pappa col pomodoro", brano destinato a scavalcare i confini nazionali nelle versioni inglese ("The man who makes the music"), tedesca ("Ich frage mainen papa") e spagnola ("Que ricas son le papasin"). Finita addirittura nel saggio di Umberto Eco "Apocalittici e integrati", vince nel 1965 il "Cantagiro" con la canzone "Lui", cui fanno seguito hit famose come "Solo tu", "Qui ritornerà", "Fortissimo", "Questo nostro amore", "Gira gira", "La zanzara" e "Stasera con te", sigla di "Stasera Rita", programma tv diretto da Antonello Falqui; nel 1966, invece, incide "Il geghegè", sigla di "Studio Uno".

L'anno successivo Rita vince nuovamente il "Cantagiro" con il brano scritto da Lina Wertmuller e Luis Enriquez Bacalov "Questo nostro amore", colonna sonora della pellicola "Non stuzzicate la Zanzara"; partecipa, inoltre, ai film "La Feldmarescialla" e "Little Rita nel West", al fianco di Terence Hill. La sua popolarità in quel periodo supera i confini nazionali: viene invitata per cinque volte nella trasmissione della Cbs "Ed Sullivan Show", negli Stati Uniti, e si ritrova sul palco al fianco di artisti come Ella Fitzgerald, Duke Ellington, Marianne Faithfull, The Beach Boys, The Supremes, The Animals e addirittura Orson Welles.

Tra le date indimenticabili c'è il 20 marzo del 1965, quando Rita si esibisce in concerto nella Carnegie Hall di New York. Con la Rca Victor Americana pubblica tre dischi, che vengono distribuiti in tutto il mondo: "The International teen-age sensation", "Small wonder" e "Remember me". Ma il successo della cantante piemontese arriva anche in Francia, grazie a "Coeur" e "Clementine Cherie", colonna sonora dell'omonimo film con Philippe Noiret. Oltralpe, però, le soddisfazioni maggiori arrivano grazie a "Bonjour la France", scritto da Claudio Baglioni, con oltre 650mila copie vendute. Mentre in Germania i suoi 45 giri compaiono spesso nelle classifiche dei dischi più venduti ("Wenn Ich ein Junge War" vende da solo più di mezzo milione di copie), e "Arrivederci Hans" arriva addirittura al primo posto, Argentina, Giappone, Spagna, Brasile e Regno Unito sono altri Paesi in cui il mito di Rita Pavone si impone: nella terra di Albione soprattutto grazie a "You only you", che le spalanca tra l'altro le porte di programmi tv in cui compare al fianco di Cilla Black e Tom Jones, con la Bbc che le dedica addirittura uno speciale chiamato "Segni personali: lentiggini".

Il matrimonio con Teddy Reno del 1968, tuttavia, pare produrre un effetto piuttosto destabilizzante rispetto alla carriera della Pavone: da adolescente sbarazzina ma rassicurante, diventa una giovane donna che si unisce in matrimonio a un uomo più vecchio di lei e già sposato. Complice l'interesse della stampa scandalistica, che riporta le vicende relative alla separazione dei suoi genitori, il personaggio di Rita appare in discussione. Lasciata la RCA, la cantante approda alla Ricordi, con cui incide canzoni per bambini che passano inosservate. Nel 1969 arriva al Festival di Sanremo, ma il suo brano, "Zucchero", non supera il tredicesimo posto. Diventata mamma di Alessandro, suo primogenito, Rita viene imitata da Sandra Mondaini a "Canzonissima", mentre suo marito non gradisce l'imitazione a "Doppia coppia" di Alighiero Noschese. Anche per questo motivo, le sue apparizioni in tv si diradano.

Il rilancio arriva negli anni Settanta, con i brani "Finalmente libera" (cover di "Free again" di Barbra Streisand) e con "Ciao Rita", speciale sul piccolo schermo in cui l'artista canta, presenta, imita e balla. Partecipa, con "La suggestione" (scritta da Baglioni), a "Canzonissima", e torna a Sanremo nel 1972 con "Amici mai". La seconda metà del decennio regala successi come "…E zitto zitto" e "My name is Potato", sigla della trasmissione con Carlo Dapporto "Rita ed io". Molto più sfortunata la partecipazione a "Che combinazione", show in onda sul secondo canale in prima serata, a causa dello scarso feeling con l'altro conduttore Gianni Cavina: il programma, comunque, guadagna dodici milioni di spettatori di media e si avvale delle sigle "Mettiti con me" e "Prendimi", realizzate dalla stessa Pavone.

Negli anni Ottanta, la cantante insiste sul proprio ruolo di cantautrice con "Rita e l'Anonima Ragazzi" e "Dimensione donna", mentre la sua canzone "Finito" diventa la sigla di "Sassaricando", soap opera in onda in Brasile su Tv Globo. Nel 1989 esce "Gemma e le altre", il suo ultimo disco di inediti. Da quel momento, Rita si gode un meritato riposo, alternato a numerose partecipazioni teatrali: veste i panni di Maria nella "XII Notte" di William Shakespeare, al fianco di Renzo Montagnani e Franco Branciaroli nel 1995, e di Gelsomina ne "La strada", al fianco di Fabio Testi nel 1999.

Nel 2000 e nel 2001 su Canale 5 conduce "I ragazzi irresistibili", varietà musicale che vede protagonisti anche Maurizio Vandelli, Little Tony e Adriano Pappalardo, in occasione del quale ha l'opportunità di duettare, tra l'altro, con Josè Feliciano e Bruno Lauzi: sempre sulla rete ammiraglia Mediaset, è protagonista di "Giamburrasca", spettacolo teatrale in cui interpreta Giannino Stoppani, al fianco di Ambra Angiolini, Katia Ricciarelli e Gerry Scotti. Nel 2006, ufficializza a "L'anno che verrà" la decisione di ritirarsi a vita privata, esibendosi in pubblico per l'ultima volta e si candida per la Circoscrizione Estero (visto che vive in Svizzera, Paese di cui ha anche la cittadinanza) alle elezioni per il Senato nella lista di Mirko Tremaglia "Per l'Italia nel mondo".

Torna a esibirsi il 6 ottobre del 2010 con Renato Zero, in concerto a Roma, in occasione del sessantesimo compleanno del cantautore romano, cantando tra l'altro "Fortissimo", "Mi vendo" e "Come te non c'è nessuno". Nel 2011 riceve il premio "Capri Legend Award 2011", nel corso della sedicesima edizione di "Capri - Hollywood International Film Festival".

8 fotografie

Foto e immagini di Rita Pavone

Video Rita Pavone

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Rita Pavone ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Rita Pavone nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Rita Pavone Discografia

13 biografie

Nati lo stesso giorno di Rita Pavone

Lula

Lula

Politico, ex presidente brasiliano
α 27 ottobre 1945
Alberto Castagna

Alberto Castagna

Giornalista e conduttore tv italiano
α 23 dicembre 1945
ω 1 marzo 2005
Aung San Suu Kyi

Aung San Suu Kyi

Politica birmana, premio Nobel
α 19 giugno 1945
Bob Marley

Bob Marley

Cantante giamaicano
α 6 febbraio 1945
ω 11 maggio 1981
Bobby Solo

Bobby Solo

Cantante italiano
α 18 marzo 1945
Catherine Spaak

Catherine Spaak

Attrice e conduttrice tv francese
α 3 aprile 1945
Claudio Lippi

Claudio Lippi

Cantante e presentatore tv italiano
α 3 giugno 1945
Cristiano Malgioglio

Cristiano Malgioglio

Cantante, paroliere e personaggio tv italiano
α 12 aprile 1945
Eddy Merckx

Eddy Merckx

Atleta belga, ciclismo
α 17 giugno 1945
Enrico Montesano

Enrico Montesano

Attore italiano
α 7 giugno 1945
Eric Clapton

Eric Clapton

Chitarrista inglese
α 30 marzo 1945
Franco Battiato

Franco Battiato

Cantautore italiano
α 23 marzo 1945
Franz Beckenbauer

Franz Beckenbauer

Ex calciatore tedesco
α 11 settembre 1945
Gianni Amelio

Gianni Amelio

Regista italiano
α 20 gennaio 1945
Giovanni Minoli

Giovanni Minoli

Giornalista, autore e conduttore tv italiano
α 26 maggio 1945
Giuseppe Ayala

Giuseppe Ayala

Politico e magistrato italiano
α 18 maggio 1945
Go Nagai

Go Nagai

Disegnatore giapponese
α 6 settembre 1945
Goldie Hawn

Goldie Hawn

Attrice statunitense
α 21 novembre 1945
Helen Mirren

Helen Mirren

Attrice inglese
α 26 luglio 1945
Ian Gillan

Ian Gillan

Cantante inglese, Deep Purple
α 19 agosto 1945
Il 45 giri

Il 45 giri

-
α 10 gennaio 1945
Ivan Graziani

Ivan Graziani

Cantautore italiano
α 6 ottobre 1945
ω 1 gennaio 1997
John McAfee

John McAfee

Informatico statunitense creatore di un noto software antivirus
α 18 settembre 1945
Keith Jarrett

Keith Jarrett

Pianista e compositore statunitense
α 8 maggio 1945
L' O.N.U.

L' O.N.U.

Organizzazione Internazionale
α 24 ottobre 1945
Luigi Ciotti

Luigi Ciotti

Sacerdote italiano, fondatore di Libera
α 10 settembre 1945
Massimo Boldi

Massimo Boldi

Attore, comico e cabarettista italiano
α 23 luglio 1945
Massimo Moratti

Massimo Moratti

Imprenditore e dirigente sportivo italiano
α 16 maggio 1945
Mia Farrow

Mia Farrow

Attrice statunitense
α 9 febbraio 1945
Milo Manara

Milo Manara

Disegnatore italiano
α 12 settembre 1945
Patch Adams

Patch Adams

Medico statunitense celebre per la Terapia del Sorriso
α 28 maggio 1945
Pete Townshend

Pete Townshend

Musicista inglese, The Who
α 19 maggio 1945
Pierluigi Castagnetti

Pierluigi Castagnetti

Politico italiano
α 9 ottobre 1945
Piero Grasso

Piero Grasso

Politico ed ex magistrato antimafia italiano
α 1 gennaio 1945
Radovan Karadzic

Radovan Karadzic

Politico e poeta bosniaco
α 19 giugno 1945
Ritchie Blackmore

Ritchie Blackmore

Chitarrista rock inglese
α 14 aprile 1945
Rod Stewart

Rod Stewart

Cantante inglese
α 10 gennaio 1945
Santo Versace

Santo Versace

Imprenditore, manager e politico italiano
α 2 gennaio 1945
Steve Martin

Steve Martin

Attore statunitense
α 14 agosto 1945
Teo Teocoli

Teo Teocoli

Attore e comico italiano
α 25 febbraio 1945
Tom Selleck

Tom Selleck

Attore statunitense
α 29 gennaio 1945
Wilma Goich

Wilma Goich

Cantante italiana
α 16 ottobre 1945
Wim Wenders

Wim Wenders

Regista tedesco
α 14 agosto 1945