Biografie

Jacques Brel

Jacques Brel
Jacques Brel nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Jacques Brel Discografia

Biografia Cantore della tenerezza

Il grande chansonnier Jacques Brel nasce a Bruxelles l'8 aprile 1929 da padre fiammingo ma francofono e da madre di lontane origini franco-spagnole. Non ancora diciottenne, a causa degli scarsi risultati negli studi, inizia a lavorare nella fabbrica di cartone gestita dal padre (da questa esperienza la sua affermazione di sentirsi "encartonner"). Nello stesso periodo frequenta un movimento di ispirazione cristiano-sociale, la Franche Cordée, fondato nel 1940 da Hector Bruyndonckx.

Nella sua prima produzione artistica è possibile ritrovare gli ideali vissuti all'interno di questo gruppo, ossia spunti di religiosità, cristianesimo, umanitarismo evangelico, che sfoceranno, nel Brel più maturo, in un esistenzialismo umanistico alla Camus (che l'artista ritiene cristiano di spirito), in un socialismo libertario e anarcoide e in un acceso antimilitarismo. Proprio all'interno della Franche Cordée Brel conosce Thèrese Michelsen, che diventerà sua moglie e gli darà tre figlie.

Partecipa a Bruxelles a diversi spettacoli teatrali e propone canzoni di sua composizione in alcuni cabaret, durante feste organizzate da studenti o a balli. Nel 1953 incide il suo primo disco con "La foire" e "Il y a". Queste canzoni sono ascoltate da uno dei più grandi scopritori di talenti dell'epoca, Jacques Canetti (fratello di Elias). Convocato da lui a Parigi, Brel decide di lasciare la città natale e di trasferirsi nella capitale francese, dove si esibisce al Trois Baudets, lo stesso teatro in cui poco tempo prima ha debuttato Georges Brassens.

Da quel momento inizia per Brel un periodo di grande lavoro: canta in molte delle "caves" e dei bistrot parigini, si dice addirittura sette per notte, senza ottenere un immediato successo. Il pubblico e la critica francesi, infatti, non apprezzano subito la sua musica, forse anche a causa della sua origine belga: è rimasta celebre la frase di un giornalista che in un articolo ricorda a Brel che "ci sono ottimi treni per Bruxelles".

Jacques Canetti, però, crede in lui: dal 1955 gli dà la possibilità di incidere i primi 33 giri. Una delle più grandi cantanti dell'epoca, la "dea di Saint-Germain-des-Pres", Juliette Gréco, registra una sua canzone, "Le diable", e gli presenta Gérard Jouannest, pianista, e François Rauber, arrangiatore, che diventano i suoi principali collaboratori.

Nel 1957, con "Quand on n'a que l'amour", Brel vince il Grand Prix du Disque dell'Académie Charles Gros e vende, in soli due mesi, quarantamila copie. Canta all'Alhambra e al Bobino. Nel 1961, improvvisamente, Marlene Dietrich dà forfait all'Olympia; Bruno Coquatrix, responsabile del teatro, chiama Brel: è un trionfo.

Gli spettacoli dell'artista belga (fino a 350 l'anno) incontrano adesso ovunque uno straordinario successo, che lo porta anche in Unione Sovietica (Siberia e Caucaso compresi), Africa e America. Un fatto curioso, a testimoniare la sua fama, avviene nel 1965 in occasione del suo primo concerto al Carnegie Hall: 3800 spettatori entrano nel teatro per assistere allo spettacolo, ma ben 8000 rimangono fuori dai cancelli.

Nel 1966, all'apice del successo e nello stupore generale, Brel dichiara che, a partire dall'anno successivo e dopo una serie di concerti di congedo dai suoi costernati ammiratori, non canterà più in pubblico. I recital all'Olimpia, iniziati in novembre, durano ben tre settimane.

Desideroso di provare nuove strade ed emozioni, si dedica in particolare al teatro e al cinema. Riscrive il libretto di una commedia musicale americana su Don Chisciotte, personaggio a lui molto caro, che decide di interpretare trasgredendo (unica volta) alla regola che si era data di non calcare più le scene teatrali. La rappresentazione ottiene grandi successi a Bruxelles ma non a Parigi.

Nel 1967 scrive una commedia, "Voyage sur la lune", che non debutterà mai.

Lo stesso anno inizia a recitare in alcune pellicole come attore protagonista, per poi passare alla regia e alla sceneggiatura di due film: il primo, "Franz", del 1972, narra l'amore tra due quarantenni; accanto a lui una cantante molto popolare in Francia: Barbara. Il secondo, "Far West", cerca di far rivivere nelle pianure del Belgio le vicende dei cercatori d'oro e dei pionieri, che avevano fatto sognare Brel bambino. In questo film l'artista inserisce una delle sue più celebri canzoni: "J'arrive".

Anche l'esperienza cinematografica, però, un poco alla volta si esaurisce. Brel si lascia allora tutto alle spalle e inizia a girare il mondo sul suo veliero chiamato Askoy. Giunto in Polinesia si ferma, con la nuova compagna, la ballerina Maddly Bamy, ad Atuona, un villaggio di Hiva Oa, isola dell'arcipelago delle Marchesi dove era vissuto Paul Gaugin. Qui inizia una nuova vita, immerso in una società del tutto diversa da quella occidentale, con ritmi più umani, circondato da una natura incontaminata. Allestisce spettacoli e cineforum per le popolazioni locali e porta, col suo bimotore, la posta alle isole più lontane.

Nel frattempo, però, si ammala di cancro: cominciano segreti viaggi in Europa per sottoporsi a terapie nella speranza della guarigione. Con l'aiuto di una cerchia ristretta di amici, gli stessi che lo hanno accompagnato per tutta la sua carriera di artista (Gréco, Jouannest e Rauber) registra in presa diretta l'ultimo disco, nato nelle isole Marchesi. Pubblicato nel 1977 ottiene un grandissimo successo.

Brel muore a Parigi, nell'ospedale di Bobigny, il 9 ottobre 1978. E' sepolto nel cimitero di Hiva Oa, a pochi metri da Gaugin.

Con lui scompare uno dei più grandi artisti del ventesimo secolo, capace di fare della canzone non solo un brano da ascoltare, ma una vera e propria rappresentazione teatrale. Ogni spettacolo lo sfiniva, come scrive Enrico De Angelis nella prefazione al libro che raccoglie le sue canzoni tradotte da Duilio Del Prete: "I suoi recital sono un capolavoro di indecenza e di matematica insieme. Grondano realmente sentimento, tumulto, rabbia, dolore e ironia da ogni stilla di sudore, da ogni "perla di pioggia" che gli luccica in volto. Ma ogni cosa è in realtà calcolata ? come in ogni grande artista ? al millesimo. [...] In sessanta minuti esatti di tempo tutto doveva essere detto, a costo di vomitare prima e dopo. Mai un pezzo già eseguito è stato bissato una sola volta".

Tra gli artisti che in Italia hanno interpretato le sue canzoni ricordiamo in particolare Duilio Del Prete, Gipo Farassino, Giorgio Gaber, Dori Ghezzi, Bruno Lauzi, Gino Paoli, Patty Pravo, Ornella Vanoni e Franco Battiato.

Frasi di Jacques Brel

3 fotografie

Foto e immagini di Jacques Brel

Video Jacques Brel

Loading...

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Jacques Brel ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Jacques Brel nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Jacques Brel Discografia

8 biografie

Nati lo stesso giorno di Jacques Brel

Ernesto Che Guevara

Ernesto Che Guevara

Rivoluzionario argentino
α 14 giugno 1928
ω 9 ottobre 1967
Felix Wankel

Felix Wankel

Inventore tedesco
α 13 agosto 1902
ω 9 ottobre 1988
Jean Giono

Jean Giono

Scrittore francese
α 30 marzo 1895
ω 9 ottobre 1970
Joseph Pilates

Joseph Pilates

Insegnante e imprenditore tedesco naturalizzato statunitense
α 9 dicembre 1883
ω 9 ottobre 1967
Katherine Mansfield

Katherine Mansfield

Scrittrice neozelandese
α 14 ottobre 1888
ω 9 ottobre 1923
Maurice Allais

Maurice Allais

Economista francese
α 31 maggio 1911
ω 9 ottobre 2010
Oskar Schindler

Oskar Schindler

Imprenditore tedesco, famoso per aver salvato oltre 1000 ebrei dalla Shoah
α 28 aprile 1908
ω 9 ottobre 1974
Papa Pio XII

Papa Pio XII

Pontefice della Chiesa cattolica italiano
α 2 marzo 1876
ω 9 ottobre 1958
Città del Vaticano

Città del Vaticano

Stato
α 7 giugno 1929
Anna Frank

Anna Frank

Scrittrice tedesca, vittima del nazismo
α 12 giugno 1929
ω Anno 1945
Antonino Zichichi

Antonino Zichichi

Fisico e divulgatore scientifico italiano
α 15 ottobre 1929
Audrey Hepburn

Audrey Hepburn

Attrice britannica
α 4 maggio 1929
ω 20 gennaio 1993
Bud Spencer

Bud Spencer

Attore italiano
α 31 ottobre 1929
ω 27 giugno 2016
Chet Baker

Chet Baker

Trombettista jazz statunitense
α 23 dicembre 1929
ω 13 maggio 1988
Christa Wolf

Christa Wolf

Scrittrice tedesca
α 18 marzo 1929
ω 1 dicembre 2011
Christopher Plummer

Christopher Plummer

Attore canadese
α 13 dicembre 1929
Delia Scala

Delia Scala

Soubrette e attrice italiana
α 25 settembre 1929
ω 15 gennaio 2004
Emanuele Severino

Emanuele Severino

Filosofo italiano
α 26 febbraio 1929
Franca Rame

Franca Rame

Attrice teatrale, drammaturga e politica italiana
α 18 luglio 1929
ω 29 maggio 2013
Grace Kelly

Grace Kelly

Attrice statunitense e reale monegasca
α 12 novembre 1929
ω 14 settembre 1982
Jacqueline Kennedy

Jacqueline Kennedy

First Lady statunitense
α 28 luglio 1929
ω 19 maggio 1994
Jean Baudrillard

Jean Baudrillard

Filosofo e sociologo francese
α 20 giugno 1929
ω 6 marzo 2007
Jürgen Habermas

Jürgen Habermas

Filosofo, storico e sociologo tedesco
α 18 giugno 1929
Martin Luther King

Martin Luther King

Politico statunitense, difensore dei diritti civili
α 15 gennaio 1929
ω 4 aprile 1968
Max von Sydow

Max von Sydow

Attore svedese
α 10 aprile 1929
Milan Kundera

Milan Kundera

Scrittore ceco
α 1 aprile 1929
Nicoletta Orsomando

Nicoletta Orsomando

Storica annunciatrice tv italiana
α 11 gennaio 1929
Oriana Fallaci

Oriana Fallaci

Giornalista e scrittrice italiana
α 29 giugno 1929
ω 15 settembre 2006
Paolo Poli

Paolo Poli

Attore teatrale italiano
α 23 maggio 1929
ω 25 marzo 2016
Peter Higgs

Peter Higgs

Fisico inglese, premio Nobel
α 29 maggio 1929
Sergio Leone

Sergio Leone

Regista italiano
α 3 gennaio 1929
ω 30 aprile 1989
Ursula K. Le Guin

Ursula K. Le Guin

Scrittrice statunitense, fantascienza
α 21 ottobre 1929
Vittorio Taviani

Vittorio Taviani

Regista italiano
α 20 settembre 1929
Yasser Arafat

Yasser Arafat

Leader politico palestinese
α 24 agosto 1929
ω 11 novembre 2004
Giovanni Paolo I

Giovanni Paolo I

Pontefice della Chiesa cattolica italiano
α 17 ottobre 1912
ω 28 settembre 1978
Aldo Moro

Aldo Moro

Statista italiano
α 23 settembre 1916
ω 9 maggio 1978
Costante Girardengo

Costante Girardengo

Atleta italiano, ciclismo
α 18 marzo 1893
ω 9 febbraio 1978
Ed Wood

Ed Wood

Regista e attore statunitense
α 10 ottobre 1924
ω 10 dicembre 1978
Giorgio De Chirico

Giorgio De Chirico

Pittore italiano
α 10 luglio 1888
ω 20 novembre 1978
Giovanni Gronchi

Giovanni Gronchi

Terzo Presidente della Repubblica Italiana
α 10 settembre 1887
ω 17 ottobre 1978
Harvey Milk

Harvey Milk

Politico statunitense
α 22 maggio 1930
ω 27 novembre 1978
Ignazio Silone

Ignazio Silone

Scrittore italiano
α 1 maggio 1900
ω 22 agosto 1978
Jim Jones

Jim Jones

Predicatore statunitense
α 13 maggio 1931
ω 18 novembre 1978
Kurt Godel

Kurt Godel

Matematico e filosofo statunitense di origine austro-ungarica
α 28 aprile 1906
ω 14 gennaio 1978
Marcello Marchesi

Marcello Marchesi

Comico, giornalista, sceneggiatore e regista italiano
α 4 aprile 1912
ω 19 giugno 1978
Mary Blair

Mary Blair

Ilustratrice statunitense
α 21 ottobre 1911
ω 26 luglio 1978
Papa Paolo VI

Papa Paolo VI

Pontefice della Chiesa cattolica italiano
α 26 settembre 1897
ω 6 agosto 1978
Peppino Impastato

Peppino Impastato

Giornalista e attivista italiano, vittima di mafia
α 5 gennaio 1948
ω 9 maggio 1978
Robert Menzies

Robert Menzies

Leader politico australiano
α 20 dicembre 1894
ω 14 maggio 1978
Umberto Nobile

Umberto Nobile

Esploratore italiano
α 21 gennaio 1885
ω 30 luglio 1978