Oggi: mercoledì 16 aprile 2014 » S. Bernardetta
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Edward Teller

L'orrido Sole

Commenta

Nato a Budapest, Ungheria, nel 1908, ha condotto i suoi studi in Germania, completandoli con un dottorato in Fisica sotto la guida di Werner Heisenberg nel 1930, presso l'Università di Lipsia.

Edward Teller, figura tra le più controverse dell'era nucleare, ha avuto un ruolo centrale nell'invenzione della bomba atomica e della bomba all'idrogeno (e nel ridimensionare, di conseguenza, la carriera di Robert Oppenheimer, che aveva diretto durante la seconda guerra mondiale il laboratorio sulle montagne del Nuovo Messico dove fu costruita la bomba). In seguito, tuttavia, mise in discussione la moralità dell'ideare un'arma ancora più potente di quella.

Fisico teorico, Teller è membro anziano della Hoover Institution di Stanford e direttore emerito del laboratorio militare Livermore. Accanito sostenitore delle "Guerre stellari" dell'amministrazione Reagan, più recentemente ha proposto l'idea di manipolare l'atmosfera terrestre per contrastare l'effetto serra.

Se la versione dei fatti data da Teller è esatta, lui e il suo collega e rivale Richard L. Garwin (oggi un fervente pacifista e anti-nuclearista), furono i principali artefici di una delle più spaventose invenzioni di ogni tempo, una bomba che utilizzava il potere di fusione del sole. Teller si era battuto per raggiungere questo obiettivo fin dall'inizio degli anni '40, molto prima che la bomba atomica apparisse.

La sua idea era quella di sfruttare l'immenso calore prodotto dall'esplosione di una bomba atomica per innescare il combustibile all'idrogeno, fonderne gli atomi e liberare enormi quantità di energia nucleare. A Los Alamos, però, nessuno sapeva come ottenere una cosa simile.

L'idea, nota come implosione da irradiazione, era quella di costruire un grande involucro cilindrico che contenesse la bomba atomica a un estremo e il combustibile all'idrogeno all'estremo opposto. La vampata dell'esplosione della bomba doveva colpire l'involucro rendendolo incandescente e inondando l'interno dell'involucro stesso con una pressione sufficiente a comprimere e innescare il combustibile all'idrogeno.

Nessuno sapeva se l'idea avrebbe funzionato. Gli studi erano rallentati dai contrasti tra Teller e Ulam, ma anche dalla discussione, all'interno del laboratorio, se fosse eticamente corretto costruire una bomba all'idrogeno, dato il suo potere potenzialmente illimitato.

Il primo test della bomba all'idrogeno, nel 1952, distrusse l'isola di Elugelab, nell'Oceano Pacifico.

Nel frattempo, Teller diventò un eroe per i conservatori ma venne screditato dai liberali come modello ispiratore del dottor Stranamore, lo scienziato pazzo del film di Stanley Kubrick del 1964, ossessionato dalla distruzione di massa.

Teller, ad ogni modo, ha ricevuto numerose onorificenze, fra le quali l'Albert Einstein Award e l'Enrico Fermi Award, l'Harvey Prize from the Technion-Israel Institute, e il National Medal of Science.

Ultranovantenne, dopo aver subito un grave infarto ha comunque continuato a insegnare e a diffondere le sue idee in giro per il mondo, contribuendo con la sua verve aggressiva al dibattito continuo intorno al nucleare.

Edward Teller è morto il 9 settembre 2003.

Ultimo aggiornamento: 05/08/2004
Altre frasi di Edward Teller Foto di Edward Teller

Accadde oggi

16 aprile 1943
Il chimico Albert Hoffmann scopre casualmente le proprietà allucinogene dell’LSD.
Leggi l'articolo:
Storia e scoperta dell'LSD

Ha detto:

«Il potere logora chi non ce l'ha.

[Frase attribuita: la citazione completa dovrebbe essere "Un mio amico siciliano mi diceva che il potere logora chi non ce l'ha". Tale frase è attribuita anche a Charles-Maurice de Talleyrand-Périgord]»
Giulio_Andreotti
Testo di Stefano Moraschini