Oggi: venerdì 24 ottobre 2014 » S. Gilberto
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Roberto Gervaso

Pungenti vene aforistiche

Commenta

Roberto Gervaso nasce a Roma il 9 luglio 1937. E' giornalista, storico e scrittore. E' noto per le sue massime, i suoi aforismi, i suoi interventi precisi e taglienti; val la pena introdurlo con le sue stesse parole: "Io sono un divulgatore e un polemista. Ho questa vena un po' epigrammatica e aforistica: non potrei mai scrivere non dico un romanzo, ma neanche un racconto, perchè non ho il tipo di fantasia necessario. Ho bisogno di fatti e di attaccare: sono un po' un pubblico ministero, non sono capace di difendere nessuno salvo me stesso, e comunque mi difendo attaccando".

Roberto Gervaso studia prima in Italia, poi negli USA conseguendo una laurea in Lettere moderne. Diventa presto collaboratore di quotidiani e periodici: il suo lavoro si dimostra da subito molto prolifico. Lavora anche per radio e televisione, in radio e in televisione, dove viene chiamato in qualità di opinionista o commentatore, sia politico che di costume.

A partire dalla seconda metà degli anni '60 si dedica alla divulgazione storica: insieme all'amico e collega Indro Montanelli firma sei volumi dell'opera "Storia d'Italia".

Come commentatore politico, a partire dal 1996 e ininterrottamente fino al 2005, conduce "Peste e Corna e... Gocce di storia", alle 7.30 del mattino su Retequattro. Nel 2002 presenta il programma "Storie dell'altro secolo".

Vive a Roma ma è solito girare l'Italia (e l'estero) frequentando convegni e conferenze dove è spesso invitato. Appena gli è possibile trova rifugio nella sua casa di Spoleto che contient una fornita e ricca biblioteca.

Ama anche la musica classica: tra i suoi compositori preferiti vi sono Bach, Wagner, Brahms, Grieg e Vivaldi.

Nel corso della sua carriera Gervaso ha anche avuto modo di incontrare molti protagonisti del XX secolo come Georges Simenon, Salvador Dalì, Andres Segovia, Arthur Miller, Lauren Bacall, Michail Gorbaciov e David Rockefeller.

Nel 1981 è stato scoperto appartanere della lista massonica P2 (con la tessera n.622).

I suoi 40 libri sono stati tradotti in molti paesi tra cui Stati Uniti, Spagna, Portogallo, Francia, Gran Bretagna, Germania, America Latina, Giappone, Bulgaria e Polonia. Nella sua carriera ha avuto numerosi riconoscimenti letterari tra cui due prestigiosi Premi Bancarella.

Video Roberto Gervaso

Ultimo aggiornamento: 09/07/2014
Altre frasi di Roberto Gervaso Foto di Roberto Gervaso

Accadde oggi

24 ottobre 1929
Dopo alcuni anni di boom economico accade il più rovinoso crollo della borsa di New York: la giornata è ricordata come "il giovedì nero di Wall Street"

Ha detto:

«Si nasce tutti pazzi, alcuni lo restano.»
Samuel_Beckett
Testo di Stefano Moraschini