Biografie

Carolina Kostner

Carolina Kostner
Carolina Kostner nelle opere letterarie

Biografia Lame danzanti

La pattinatrice italiana Carolina Kostner nasce a Bolzano il giorno 8 febbraio 1987. Inizia a indossare i pattini da ghiaccio fin dalla tenera età diquattro anni, spinta dai genitori. Il padre Erwin Kostner è un ex giocatore (difensore) di hockey su ghiaccio che in carriera è stato capitano della nazionale italiana (212 presenze tra il 1976 e il 1992) ed allenatore della nazionale azzurra under 18; la madre Maria Patrizia è un ex pattinatrice (da giovane la sua allenatrice era la madre, nonna di Carolina) ed allenatrice delle giovanissime ragazze della squadra di pattinaggio "Ice Club Gardena". Carolina ha due fratelli, Martin e Simon. Ha anche una parente famosa: l'ex sciatrice azzurra Isolde Kostner è cugina del padre, ma anche sua madrina di cresima.

Carolina Kostner sviluppa il proprio talento artistico e sportivo a Ortisei (in provincia di Bolzano), dove risiede.

Nel 2001 crolla la pista e Carolina non ha più un allenatore che la può seguire. Grazie all'appoggio dei genitori, la giovane coglie l'opportunità di trasferirsi in Germania, a Oberstdorf, dove continua gli studi linguistici e si allena sotto la guida dal tedesco Michael Huth. Per tutta la sua carriera sportiva si dividerà tra Ortisei e la Germania.

Dopo le prime gare del 2001 in categoria junior, arriva la sua prima vittoria importante a Oberstdorf nel settembre 2002: è la sua prima gara senior e subito vince. Giunge quindi ai campionati Europei del 2003 dove presenta un programma lungo e di grande prestigio; sulle note del tema del film "Schindler's List" commette un errore, toccando il ghiaccio con una mano: arriva al quarto posto.

Ai mondiali che si svolgono lo stesso anno a Washington presenta un programma corto. Pattina sulle note di George Winston ed il suo "Variations on Canon in D" e ottiene il terzo posto.

Ai mondiali di Dortmund del 2004 presenta di nuovo un programma corto sulla canzone "Song from a Secret Garden". Inizia molto bene, ma commette poi alcuni errori che sarebbero da giudicare gravi: sorprendentemente i punteggi dei giudici rimangono alti e Carolina si aggiudica il quinto posto.

Nel 2005 vince la medaglia di bronzo ai Campionati mondiali di pattinaggio di figura che si svolgono a Mosca. Presenta un programma corto che entusiasma il pubblico: sulle note di "Sunday" di George Winston esegue senza problemi tutti gli elementi previsti: al collo le viene posta una medagli di bronzo.

Arrivano le Olimpiadi invernali di Torino 2006: il 22 novembre 2005 il presidente del CONI nomina la giovane Carolina Kostner portabandiera dell'Italia nella cerimonia di apertura della XX Olimpiade Invernale. Prende il testimone proprio dalla cugina Isolde che fu portabandiera nell'ultima Olimpiade quattro anni prima a Salt Lake City. A meno di un mese dall'inizio delle Olimpiadi, il 19 gennaio 2006 Carolina si classifica al terzo posto ai Campionati europei di pattinaggio di figura di Lione sulle note dell'Inverno di Vivaldi.

Intanto tutti i media la cercano: Carolina diventa testimonial di numerose marche in vari campi (Lancia, Biotherm, Dainese, Grissin Bon, Asics/Onitsuka Tiger...) e lo stilista italiano Roberto Cavalli, crea appositamente per lei - prima volta di Cavalli in ambito sportivo - gli abiti da gara per l'importante evento Olimpico. Purtroppo le tanto attese Olimpiadi casalinghe le riservano solo un nono posto, complice sicuramente la tensione e la pressione mediatica che gravava sulla sua persona.

Agli impegni sportivi intanto affianca il percorso di studi che continua al DAMS di Torino.

Dopo essersi ripresa da un infortunio torna nel 2007 vincendo i Campionati Italiani: poi ai Campionati Europei di Varsavia si aggiudica la tanto attesa medaglia d'oro di specialità; a livello europeo il miglior risultato italiano risaliva all'argento di Rita Trapanese, 35 anni prima.

Arrivano poi i campionati del mondo di Tokyo dove Carolina presenta un programma corto perfetto aggiudicandosi il terzo posto parziale. Complice però la tensione, sbaglia molto nel programma lungo e scivola in sesta posizione.

Il 2008 si apre qualificandosi alla finale di Grandprix e vincendo la medaglia di bronzo con un programma sulle musiche di Antonin Dvorak "Dumky Trio op.90". A Zagabria conferma poi il titolo europeo con un buon programma. Alla fine del mese di marzo, ai mondiali di Goteborg (Svezia), è medaglia d'argento dietro la giapponese Mao Asada.

All'inizio del 2010 vince la medaglia d'oro nella prova individuale di figura agli Europei di pattinaggio artistico a Tallinn, in Estonia. Poche settimane dopo vola a Vancouver per le Olimpiadi invernali canadesi, dove però non riesce a brillare.

Torna sul podio mondiale ai campionati che si svolgono alla fine di aprile 2011 a Mosca (Russia), conquistando una meritatissima medaglia di bronzo. All'inizio del 2012 si laurea campionessa europea per la quarta volta in carriera. La serie positiva prosegue e alla fine del mese di marzo 2012, a Nizza, si laurea campionessa a livello mondiale vincendo per la prima volta l'oro.

Nel 2014 alle Olimpiadi Invernali di Sochi, in Russia, vince la sua prima medaglia olimpica: è un meritatissimo bronzo. Diviene così la prima pattinatrice nella storia dello sport italiano a vincere una medaglia olimpica nella specialità del pattinaggio di figura singolo.

Nel novembre del 2014 l'ex fidanzato di Carolina Alex Schwazer viene condannato per doping: anche Carolina viene coinvolta nelle indagini e a gennaio del 2015 la campionessa viene accusata di aver fornito copertura a Schwazer. Riceve una squalifica di un anno e quattro mesi con sentenza di primo grado: Carolina Kostner si proclama innocente e annuncia che farà ricorso al Tribunale Arbitrale dello Sport.

Frasi di Carolina Kostner

4 fotografie

Foto e immagini di Carolina Kostner

Video Carolina Kostner

Commenti

Scrivi un commento o un suggerimento per Carolina Kostner
Scrivi

Argomenti e biografie correlate

Carolina Kostner nelle opere letterarie

12 biografie

Nati lo stesso giorno di Carolina Kostner

Telefono Azzurro

Telefono Azzurro

Ente morale italiano
α 8 giugno 1987
Alessia Filippi

Alessia Filippi

Atleta italiana, nuoto
α 23 giugno 1987
Anna Tatangelo

Anna Tatangelo

Cantante italiana
α 9 gennaio 1987
Bianca Atzei

Bianca Atzei

Cantante italiana
α Anno 1987
Blake Lively

Blake Lively

Attrice e modella statunitense
α 25 agosto 1987
Ellen Page

Ellen Page

Attrice canadese
α 21 febbraio 1987
Georg Listing

Georg Listing

Musicista tedesco, Tokio Hotel
α 31 marzo 1987
Gonzalo Higuaín

Gonzalo Higuaín

Calciatore argentino
α 10 dicembre 1987
Hilary Duff

Hilary Duff

Attrice e cantante statunitense
α 28 settembre 1987
Jesus Luz

Jesus Luz

Modello brasiliano
α 15 gennaio 1987
Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo

Motociclista spagnolo
α 4 maggio 1987
Joss Stone

Joss Stone

Cantante inglese
α 11 aprile 1987
Leonardo Bonucci

Leonardo Bonucci

Calciatore italiano
α 1 maggio 1987
Lionel Messi

Lionel Messi

Calciatore argentino
α 24 giugno 1987
Marco Simoncelli

Marco Simoncelli

Pilota motociclistico italiano
α 20 gennaio 1987
ω 23 ottobre 2011
Maria Sharapova

Maria Sharapova

Tennista russa
α 19 aprile 1987
Novak Djokovic

Novak Djokovic

Tennista serbo
α 22 maggio 1987
Raimondo Todaro

Raimondo Todaro

Ballerino e attore italiano
α 19 gennaio 1987
Sara Errani

Sara Errani

Tennista italiana
α 29 aprile 1987
Sebastian Vettel

Sebastian Vettel

Pilota F1 tedesco
α 3 luglio 1987
Valerio Aspromonte

Valerio Aspromonte

Atleta schermidore italiano, fioretto
α 16 marzo 1987
Zac Efron

Zac Efron

Attore statunitense
α 18 ottobre 1987