Oggi: sabato 1 novembre 2014 » Tutti i Santi
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Belen Rodriguez

Belle figure

Commenta

Belen Rodriguez (il cui nome completo è María Belén Rodríguez Cozzani) nasce nella città di Buenos Aires (Argentina) il 20 settembre 1984 dove inizia la sua carriera lavorativa a diciassette anni, come modella.

Consegue il diploma presso un liceo artistico di Buenos Aires nell'anno 2003; in seguito si iscrive alla Facoltà di Scienze della comunicazione e dello spettacolo dell'Università della capitale.

Da sempre sogna comunque di poter lavorare nella moda e nello spettacolo. Questi sono anni fondamentali per il lancio della sua carriera. Nonostante sui rotocalchi rosa le sue foto riempiano le pagine Belen è ancora poco conosciuta rispetto alle sue colleghe. Nonostante le sue origini napoletane, la bella argentina arriva in Italia con un permesso di soggiorno che le permette solamente di fare la modella: non ha il pass per lavorare in televisione e forse è solo questo il motivo per cui non concretizza subito la sua figura nel mondo dello show-biz.

Dopo un anno passato in Italia viene notata da un agente televisivo ma le parti che le vengono proposte sono quelle di gatta nera alla trasmissione "Mercante in fiera" (Italia Uno), la schedina a "Quelli del calcio" (Rai Due), la primadonna a "Controcampo", ecc.

I provini vanno bene, ma poi tutto sfuma perché mancano i termini di garanzia contrattuale. Quando finalmente viene confermata, il permesso di soggiorno di Belen è scaduto, così vede sfumare molti contratti per la televisione.

Più che per qualche comparsata in TV, Belen Rodruguez pare acquisire notorietà grazie alla sua relazione con il calciatore milanista Marco Borriello (di due anni più vecchio), confermando l'abbinata bella-campione sportivo.

Belen era sbarcata in Italia grazie all'agenzia di modelle "Elite", che in Argentina ha fatto un casting dove si sono presentate cinquemila ragazze; di quella moltitudine ne sono state scelte solo quindici tra cui la bella Belen. Da qui la pubblicità ed i molti casting di intimo e costumi da bagno le hanno aperto le porte per tutte le passerelle. Belen un po' per dono di natura un po' perché da sempre coltiva la passione per la moda e le sfilate, raggiunge in pochi anni anni discreti traguardi, come quello di diventare testimonial ufficiale della Yamamay nel 2005. Posa poi per il catalogo dell'importante casa di lingerie. L'anno si conclude alla grande, posando per il mensile "Fox Uomo" che le dedica un servizio fotografico e la copertina del numero di dicembre.

Il 2006 è caratterizzato dalla preparazione del celebre calendario, che uscirà solo in quest'anno, per la ditta FER. Belen Rodriguez viene fotografata da Luca Cattoretti che la ritrae abilmente mostrando le sue generose curve in un contesto marino, esaltandone la sensualità e la sua conturbante bellezza. Questa opportunità diventa un vero trampolino di lancio per approdare sugli schermi di Rai Tre nel 2007, anno in cui esordisce in televisione conducendo con Taiyo Yamanouchi la seconda edizione del programma comico "La Tintoria" in seconda serata, in sostituzione di Carolina Marconi. Conduce poi "Circo di Parigi" e "Il Circo Massimo Show" con Fabrizio Frizzi, sempre su Rai Tre. Poi il suo volto si diffonde per l'etere grazie al suo ruolo di donna dei sogni, accanto ai protagonisti Christian De Sica ed Elisabetta Canalis nello spot TIM.

Modesta di animo, Belen sembra non essere la classica "pantera" arrampicatrice sociale, piuttosto la classica ragazza della porta accanto. Non si vede bella e non si atteggia da grande star, ma soprattutto non crede che basti avere un bel corpo per fare cinema. Guardando i bollenti scatti dei suoi super sexy calendari (nel 2007 per Maxim, nel 2008 per Matrix) risulta però molto difficile pensare che Belen Rodriguez sia, una volta lontana dai riflettori, una ragazza acqua e sapone come ce ne sono tante in giro con la convinzione che non ci si possa improvvisare, come fanno invece in tante.

Segni particolari, due tatuaggi: una farfalla e una luna con due stelline (fatto uguale identico a sua sorella).

Nel 2008 diventa inviata del programma comico di Rai Due "Pirati" con Marco Cocci e Selvaggia Lucarelli; segna il suo esordio come cantante incidendo un singolo con Nek. Nel mese di settembre è una delle concorrenti della sesta edizione de "L'isola dei famosi", condotta da Simona Ventura: arriverà fino in fondo rischiando di vincere il gioco, che però andrà a Vladimir Luxuria.

Il 2009 si rivela un anno di consacrazione, tra partecipazioni televisive e spot pubblicitari di grande diffusione. A completare la ricetta c'è anche il nuovo fidanzato, Fabrizio Corona. Dopo diversi tira e molla la relazione con Corona però finisce nell'estate dell'anno seguente.

La sua immagine di personaggio pubblico vince e convince: a testimoniarlo sono le numerose campagne pubblicitarie dedicate all'operatore telefonico mobile TIM, la partecipazione nel cast del cinepanettone "Natale in Sudafrica", ma anche i dati di marketing che la incoronano prima personaggio femminile più ammirato dai giovani e poi personaggio famoso più cercato in rete. Non a caso Belen viene scelta per il Festival di Sanremo del 2011: insieme a Elisabetta Canalis affiancherà il designato conduttore Gianni Morandi.

Nel mese di aprile esce al cinema una commedia d'autore, il cui titolo è "Se sei così, ti dico sì" per la regia di Eugenio Cappuccio, in cui Belen è protagonista insieme a Emilio Solfrizzi. Poco tempo dopo (all'inizio di novembre) fa sapere di essere in dolce attesa di un figlio, dal suo compagno Fabrizio Corona.

Ultimo aggiornamento: 02/11/2011
Altre frasi di Belen Rodriguez Foto di Belen Rodriguez

Accadde oggi

1 novembre 2007
A Perugia si consuma l'omicidio di Meredith Kercher, assassinata nella sua camera da letto con un taglio alla gola. L'evento dà origine a un evento mediatico (noto anche come Delitto di Perugia) i cui protagonisti accusati sono Amanda Knox e Raffaele Sollecito.

Ha detto:

«La politica è l'arte del compromesso.»
Antonio_Di_Pietro
Testo di Stefano Moraschini