Biografie

Alejandro Gonzalez Inarritu

Alejandro Gonzalez Inarritu
Alejandro Gonzalez Inarritu nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Alejandro Gonzalez Inarritu

Biografia

Alejandro González Iñárritu nasce il 15 agosto del 1963 a Città del Messico, figlio di Luz Marìa e di Héctor González Gama. Cresciuto in un quartiere borghese non lontano dal centro della capitale messicana, La Colonia Narvarte, durante l'infanzia deve fare i conti con i problemi finanziari della famiglia, che - nonostante papà Héctor sia dirigente di banca - va in bancarotta in seguito a un tracollo economico.

Il padre di Alejandro, in ogni caso, non si perde d'animo e decide di aprire un'attività commerciale: acquista frutta e ortaggi dal mercato Central de Abastos e, in giornata, li rivende ai ristoranti del posto.

Superati i problemi economici, nel corso dell'adolescenza Iñárritu si imbarca su una nave cargo in qualità di mozzo per due volte, la prima a diciassette anni e la seconda a diciannove: così ha l'opportunità di attraversare l'Oceano Atlantico, seppure impegnato a ingrassare i motori e a pulire i pavimenti.

Al termine della seconda traversata, tuttavia, sceglie di non fare ritorno in America e di rimanere in Europa, pur avendo con sé appena mille dollari. Per un certo periodo vive anche in Africa: un'esperienza che si rivela, per lui, molto intensa, sia sul piano emotivo che su quello prettamente fisico.

Il ritorno in Messico e gli anni '80

Tornato in Messico, si iscrive all'Universidad Iberoamericana per studiare comunicazione. Nel 1984 si cimenta come conduttore radiofonico, lavorando per la stazione radio WFM di cui, un paio di anni più tardi, diventa direttore artistico. Sotto la sua guida la radio diventa una delle più apprezzate tra i ragazzi di Città del Messico; nel frattempo, alla fine degli anni Ottanta, Alejandro si occupa della realizzazione delle colonne sonore di diversi film del suo Paese.

Negli USA, negli anni '90

Successivamente studia teatro insieme con Ludwik Margules, celebre regista polacco; dopodiché si trasferisce negli Stati Uniti, e prima nel Maine e poi in California studia, sotto la guida di Judith Weston, direzione teatrale. Negli anni Novanta con Raul Olvera fonda la Z Films, casa di produzione con la quale, nelle sue intenzioni, dovrebbe scrivere, dirigere e produrre trasmissioni televisive, spot, cortometraggi e lungometraggi: l'obiettivo viene raggiunto, e nel 1995 la Z Films è la società di produzione del Messico più grande e più importante.

Proprio in quell'anno Iñárritu scrive, dirige e produce "Detràs del dinero", un mediometraggio destinato alla tv del suo Paese in cui il protagonista è interpretato da Miguel Bosé. Nello stesso periodo

Alejandro incontra e conosce Guillermo Arriaga, sceneggiatore con il quale inizia a collaborare: proprio con lui realizza, nel 2000, il film "Amores perros", frutto di un lavoro durato tre anni e che ha comportato la stesura di quasi quaranta bozze. Il lungometraggio, che mette in scena la vita messicana in modo crudo con tre storie, viene molto apprezzato dal pubblico e dalla critica, al punto da essere candidato come miglior film di lingua non inglese ai BAFTA; vince, inoltre, il Premio della Critica Giovani alla "Settimana della Critica" e il Gran Premio per il miglior lungometraggio al Festival di Cannes del 2000.

Questi sono solo pochi degli oltre sessanta premi che "Amores perros", che tra l'altro ha il merito di regalare l'esordio al cinema di Gael Garcìa Bernal, ottiene in tutto il mondo, in virtù di un successo che viene suggellato anche dalla nomination agli Oscar come miglior film straniero.

I film di Alejandro González Iñárritu

In seguito, Iñárritu realizza "Powder Keg", quinto cortometraggio della serie voluta da Bmw "The Hire" che prevede anche i contributi di John Frankenheimer, Guy Ritchie, Wong Kar-wai e Ang Lee, per poi portare a termine una parte di "11 settembre 2001", film indipendente che si presenta come un'opera collettiva firmata anche da Sean Penn, da Amos Gitai, da Mira Nair, da Ken Loach, da Shohei Imamura e da Claude Lelouch.

Quindi il regista messicano si dedica a "21 grammi", il suo secondo lungometraggio, che scrive con Guillermo Arriaga e che viene girato negli Stati Uniti: il film, che vede nel cast Benicio del Toro, Sean Penn e Naomi Watts, viene presentato al Festival di Venezia (e Sean Penn si aggiudica la Coppa Volpi come migliore attore), ottenendo due nomination agli Oscar (quella di migliore attrice protagonista per la Watts e quella di migliore attore non protagonista per del Toro).

Quindi Inarritu dirige "Babel", film che racconta quattro storie ambientate in Giappone, negli Usa, in Messico e in Marocco con Cate Blanchett, Brad Pitt e gli esordienti Rinko Kikuchi e Adriana Barraza: presentato nel 2006 a Cannes, vince il premio per la miglior regia nella kermesse francese, ma soprattutto viene candidato a ben sette Oscar, ricevendo le candidature - tra l'altro - per la migliore regia e per il miglior film (ma ottenendo solo il premio per la migliore colonna sonora originale, realizzata da Gustavo Santaolalla), oltre ad aggiudicarsi il Golden Globe come miglior film drammatico.

Gli anni 2010

Nel frattempo, le strade di Iñárritu e di Arriaga si separano, complice un'intervista polemica in cui lo sceneggiatore reclama maggiore attenzione. Dopo avere girato in lingua spagnola "Biutiful", con protagonista Javier Bardem, presentato in anteprima a Cannes nel 2010 (e candidato agli Oscar come miglior film straniero), nel 2012 il regista messicano dirige "Best Job", lo spot promozionale di Procter & Gamble che viene realizzato dalla multinazionale per i Giochi Olimpici di Londra e che è musicato da Ludovico Einaudi.

Un paio di anni più tardi esce al cinema "Birdman", film diretto da Iñárritu che si aggiudica ben quattro premi Oscar (su un totale di nove nomination), per la migliore fotografia, per la migliore sceneggiatura originale, per la miglior regia e per il miglior film.

Pochi mesi più tardi Alejandro inizia le riprese di "The Revenant", nuovo lungometraggio girato in condizioni climatiche proibitive e in contesti ambientali ostici, il cui protagonista è Leonardo DiCaprio: l'opera consente all'artista messicano di vincere nel 2016 un Golden Globe come miglior regista, oltre che il premio per il migliore film drammatico. Alla notte degli Oscar riceve tre statuette: miglior regia, miglior attore protagonista e miglior fotografia.

Frasi di Alejandro Gonzalez Inarritu

3 fotografie

Foto e immagini di Alejandro Gonzalez Inarritu

Video Alejandro Gonzalez Inarritu

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Alejandro Gonzalez Inarritu ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Alejandro Gonzalez Inarritu nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Alejandro Gonzalez Inarritu

12 biografie

Nati lo stesso giorno di Alejandro Gonzalez Inarritu

Afef Jnifen

Afef Jnifen

Indossatrice e conduttrice tv tunisina
α 3 novembre 1963
Antonella Clerici

Antonella Clerici

Conduttrice tv e giornalista italiana
α 6 dicembre 1963
Antonio Marcegaglia

Antonio Marcegaglia

Manager italiano
α 12 dicembre 1963
Biagio Antonacci

Biagio Antonacci

Cantautore italiano
α 9 novembre 1963
Brad Pitt

Brad Pitt

Attore statunitense
α 18 dicembre 1963
Claudio Amendola

Claudio Amendola

Attore italiano
α 16 febbraio 1963
Claudio Gregori

Claudio Gregori

Attore, comico, autore e conduttore tv italiano
α 17 novembre 1963
Concita De Gregorio

Concita De Gregorio

Giornalista e scrittrice italiana
α 19 novembre 1963
David LaChapelle

David LaChapelle

Fotografo, artista, regista statunitense
α 11 marzo 1963
Elisabeth Shue

Elisabeth Shue

Attrice statunitense
α 6 ottobre 1963
Enzo Salvi

Enzo Salvi

Attore italiano
α 16 agosto 1963
Eros Ramazzotti

Eros Ramazzotti

Cantautore italiano
α 28 ottobre 1963
Fabio Gallia

Fabio Gallia

Manager italiano
α Anno 1963
Federico Moccia

Federico Moccia

Scrittore, sceneggiatore e regista italiano
α 20 luglio 1963
Garri Kasparov

Garri Kasparov

Scacchista e attivista politico russo
α 13 aprile 1963
George Michael

George Michael

Cantante inglese
α 25 giugno 1963
ω 25 dicembre 2016
Irene Pivetti

Irene Pivetti

Ex politico e presentatrice tv italiana
α 4 aprile 1963
James LaBrie

James LaBrie

Cantante canadese, Dream Theater
α 5 maggio 1963
James Hetfield

James Hetfield

Musicista statunitense, Metallica
α 3 agosto 1963
Johnny Depp

Johnny Depp

Attore statunitense
α 9 giugno 1963
José Mourinho

José Mourinho

Allenatore portoghese
α 26 gennaio 1963
Lars Ulrich

Lars Ulrich

Musicista danese, batterista dei Metallica
α 26 dicembre 1963
Luca Laurenti

Luca Laurenti

Personaggio tv, conduttore, comico, cantante, attore e musicista italiano
α 29 aprile 1963
Maurizia Paradiso

Maurizia Paradiso

Conduttrice tv italiana
α 12 novembre 1963
Michael Jordan

Michael Jordan

Atleta statunitense, basket
α 17 febbraio 1963
Paola Concia

Paola Concia

Politica italiana
α 4 luglio 1963
Quentin Tarantino

Quentin Tarantino

Regista statunitense
α 27 marzo 1963
Raffaele Cantone

Raffaele Cantone

Magistrato italiano
α 24 novembre 1963
Roberto Donadoni

Roberto Donadoni

Allenatore italiano
α 9 settembre 1963
Sabina Guzzanti

Sabina Guzzanti

Regista, attrice ed imitatrice comica italiana
α 25 luglio 1963
Sergej Bubka

Sergej Bubka

Atleta ucraino, astista
α 4 dicembre 1963
Steven Soderbergh

Steven Soderbergh

Regista statunitense
α 14 gennaio 1963
Susanna Messaggio

Susanna Messaggio

Conduttrice tv e giornalista italiana
α 30 gennaio 1963
Whitney Houston

Whitney Houston

Cantante e attrice statunitense
α 9 agosto 1963
ω 11 febbraio 2012
Yngwie Malmsteen

Yngwie Malmsteen

Chitarrista svedese
α 30 giugno 1963