Biografie

Emilio Fede

Emilio Fede

Biografia Cronache dalla lingua lunga

Chiacchierato e criticato giornalista televisivo, Emilio Fede mescola grinta e caparbietà a uno stile tutto personale nella conduzione dei notiziari. C'è chi lo stima e apre un fan club, chi lo denigra e lo accusa di essere un ruffiano, di fare disinformazione e non informazione. Emilio Fede è e rimane un volto noto dei nostri teleschermi che nella sua lunga carriera è stato in grado di compiere scelte coraggiose per documentare i fatti che accadono nel mondo.

Nasce a Barcellona, in provincia di Messina, il 24 giugno 1931 e inizia giovanissimo la carriera giornalistica come cronista de "Il momento - Mattino" di Roma, dove si trasferisce "alla vigilia dei ventidue anni" e dove ha modo di portare a termine gli studi. Si trasferisce in seguito a Torino a lavorare per la "Gazzetta del Popolo" per la quale, dopo un po' di tempo, diventa inviato speciale.

Le prime tappe importanti che decretano il suo successo sono allacciate all'emittente televisiva pubblica Rai dove entra nel 1954 e ne diviene giornalista fisso a partire dal 1961. Si sposa nel 1964 con Diana De Feo (figlia di Italo De Feo, allora vicepresidente della Rai, personaggio molto potente), sua attuale compagna, dalla quale ha due figlie Simona e Sveva (che gli daranno 4 nipoti).

In quegli anni alla Rai, Emilio Fede è inviato itinerante in Africa, dove documenta gli avvenimenti di ben 44 Paesi: l'incarico durerà otto anni. Chiusa l'esperienza africana, dalla quale esce con tanti ricordi e con una malattia (forse il colera o una forma grave di malaria), le cui prime avvisaglie si verificano proprio durante l'incontro/intervista a Mohamed Siad Barre, inizia il periodo delle inchieste per il settimanale tv7 del tg1. Seguirà la conduzione del tg1 dal 1976 al 1981, del quale diviene direttore pro tempore dal 1981 al 1983. Nel 1983 conduce inoltre la trasmissione di intrattenimento "Test".

Tra le inchieste condotte ne ricordiamo una divenuta famosa, che tanto fa scandalo e solleva l'opinione pubblica italiana. Si tratta dell'inchiesta che porta alla luce l'utilizzo di un farmaco da parte di allevatori per gonfiare la carne, farmaco che produrrebbe il rischio in chi la consuma, di tumore e impotenza sessuale: la famosa bistecca agli estrogeni.

Un'altra vicenda importante coinvolge Emilio Fede - ormai direttore del tg1 - e gli da modo di dimostrare il suo carattere caparbio, la forza e la convinzione riposta nelle sue scelte nell'esercizio della missione di giornalista. Tali scelte potrebbero addirittura compromettere la sua posizione lavorativa. Si tratta della decisione di documentare in diretta per intero, lo straziante tentativo di salvataggio di Alfredino, caduto nel pozzo e tragicamente deceduto a Vermicino (un piccolo comune sui colli di Roma) il 10 giugno 1981. Vicenda in cui interverrà anche l'allora presidente della Repubblica Sandro Pertini.

Si dimette dalla Rai nel 1987 (è in quest'anno che sarà colpito - tra l' altro - da una condanna per gioco d'azzardo) passando a Rete A di cui dirige il notiziario. Approda nel 1989 alla Fininvest (anno in cui allaccia più saldamente l'amicizia con Silvio Berlusconi), diviene inizialmente direttore della struttura informativa Video News, e in seguito è ideatore, conduttore e direttore di Studio Aperto (il telegiornale di Italia Uno). Nel 1992 è il primo giornalista ad annunciare l'attacco americano su Baghdad e la cattura di Bellini e Cocciolone, due piloti italiani. E' dallo stesso anno (1992) che ricopre la carica di direttore del tg4.

Ma l'anchor man più appassionato dei nostri schermi si rivela col tempo anche scrittore: Emilio Fede esordisce infatti nel 1997 con il libro dal titolo "Finché c'è Fede", al quale seguiranno altri sei: "Privè. La vita è un gioco" (1998), "L'invidiato speciale" (1999), "La foglia di fico" (2000), "Samba dei ruffiani" (2001), "La cena dei cretini" (2002). I suoi libri sono caratterizzati da uno stile semplice e pulito attraverso il quale riesce a mescolare riflessioni sulla propria esperienza di giornalista e considerazioni sugli eventi mondani e non, sulle amicizie, i gossip, i personaggi politici e dello spettacolo.

Fanno più parte dei gossip che della "storia" il suo ingresso a sorpresa vestito da Babbo Natale nella casa del Grande Fratello (durante la prima edizione, 2000) dispensando regali agli ultimi 4 sopravvissuti e la sua presenza a sostituzione di un influenzato Enzo Iacchetti nella conduzione di Striscia la Notizia (febbraio 2005). Stiamo tuttavia parlando di due programmi che segnano notevolmente la storia televisiva dei nostri anni, dati i successi di pubblico e le elevate audience ottenute.

Sono in un certo senso famosi anche i "fuori onda" del tg4 che, sempre il programma Striscia la Notizia, mette in onda per canzonare il giornalista e denunciarne il carattere un po' burbero e collerico.

Emilio Fede, vanta anche un fan club, presente in internet, nato il 27 ottobre 1995.

Nella primavera del 2012 viene data notizia da alcuni quotidiani che Fede nel dicembre 2011 avrebbe voluto depositare 2 milioni e mezzo di euro presso una banca di Lugano, in Svizzera, ma questa avrebbe rifiutato a causa della dubbia provenienza della grande somma. A seguito del fatto l'Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza hanno avviato delle indagini; il 28 marzo 2012, a seguito di una trattativa con Mediaset non andata a buon fine, Fede lascia la direzione del Tg di Rete 4 e anche Mediaset. A sostituirlo alla guida del Tg è Giovanni Toti.

Aforismi di Emilio Fede

2 fotografie

Foto e immagini di Emilio Fede

Commenti

Ci sono 11 commenti su Emilio Fede
Leggi i commenti per Emilio Fede
Scrivi un commento o un suggerimento per Emilio Fede
Scrivi

Argomenti e biografie correlate

17 biografie

Nati lo stesso giorno di Emilio Fede

Joao Gilberto

Joao Gilberto

Cantante e chitarrista brasiliano
α 10 giugno 1931
Alda Merini

Alda Merini

Poetessa italiana
α 21 marzo 1931
ω 1 novembre 2009
Anita Ekberg

Anita Ekberg

Attrice svedese
α 29 settembre 1931
ω 11 gennaio 2015
Anne Bancroft

Anne Bancroft

Attrice statunitense
α 17 settembre 1931
ω 6 giugno 2005
Boris Eltsin

Boris Eltsin

1° presidente della Federazione russa
α 1 febbraio 1931
ω 23 aprile 2007
Desmond Tutu

Desmond Tutu

Arcivescovo anglicano sudafricano, premio Nobel
α 7 ottobre 1931
Enzo Maiorca

Enzo Maiorca

Atleta italiano, apnea
α 21 giugno 1931
Ermanno Olmi

Ermanno Olmi

Regista italiano
α 24 luglio 1931
Ettore Scola

Ettore Scola

Regista italiano
α 10 maggio 1931
ω 20 gennaio 2016
Giorgio Forattini

Giorgio Forattini

Vignettista satirico italiano
α 14 marzo 1931
Guy Debord

Guy Debord

Filosofo francese
α 28 dicembre 1931
ω 30 novembre 1994
James Dean

James Dean

Attore statunitense
α 8 febbraio 1931
ω 30 settembre 1955
Jim Jones

Jim Jones

Predicatore statunitense
α 13 maggio 1931
ω 18 novembre 1978
John Le Carré

John Le Carré

Scrittore inglese
α 19 ottobre 1931
Lamberto Dini

Lamberto Dini

Politico ed economista italiano
α 1 marzo 1931
Leonard Nimoy

Leonard Nimoy

Attore statunitense
α 26 marzo 1931
ω 27 febbraio 2015
Marta Marzotto

Marta Marzotto

Stilista italiana
α 24 febbraio 1931
Mikhail Gorbaciov

Mikhail Gorbaciov

Statista russo
α 2 marzo 1931
Moira Orfei

Moira Orfei

Artista circense italiana
α 21 dicembre 1931
ω 15 novembre 2015
Monica Vitti

Monica Vitti

Attrice italiana
α 3 novembre 1931
Osho Rajneesh

Osho Rajneesh

Mistico e maestro spirituale indiano
α 11 dicembre 1931
ω 19 gennaio 1990
Paolo Taviani

Paolo Taviani

Regista italiano
α 8 novembre 1931
Robert Duvall

Robert Duvall

Attore statunitense
α 5 gennaio 1931
Rupert Murdoch

Rupert Murdoch

Imprenditore australiano
α 11 marzo 1931
Sandra Mondaini

Sandra Mondaini

Attrice italiana
α 1 settembre 1931
ω 21 settembre 2010
Tom Wolfe

Tom Wolfe

Saggista, giornalista, scrittore e critico d'arte statunitense
α 2 marzo 1931
Vujadin Boskov

Vujadin Boskov

Ex calciatore e allenatore serbo
α 16 maggio 1931
ω 27 aprile 2014
William Shatner

William Shatner

Attore canadese
α 22 marzo 1931
Wilma De Angelis

Wilma De Angelis

Cantante, conduttrice tv e attrice italiana
α 8 aprile 1931