Biografie

Sidney Lumet

Sidney Lumet
Sidney Lumet nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Sidney Lumet

Biografia Attraverso gli anni di Hollywood

Sidney Lumet nasce a Filadelfia, negli USA, il 25 giugno del 1924. Considerato un grande regista, oltre che sceneggiatore, attore e produttore cinematografico, è il teatro, però, il suo punto di partenza. A lanciarlo sul palcoscenico dell'Yddish Art Theatre di New York, all'età di soli quattro anni, nel 1924, è il padre, l'attore Baruch Lumet, marito della ballerina Eugenia Wermus. Figlio d'arte, il piccolo Sidney risente subito delle avanguardie teatrali newyorchesi, immerse di slanci civili e politici. Si fa le ossa al Professional Children School e, in ambito televisivo, curando la regia di alcune serie televisive per il network CBS. Sin da queste prime battute però, si rivela in lui lo stile diretto, impegnato, con un linguaggio "stretto" sui personaggi, tipico della sua produzione futura. Ed è in questi anni che inizia anche la sua "carriera di marito". Nel 1949 infatti, sposa la sua prima moglie, l'attrice Rita Gam. Cinque anni dopo, nel 1954, divorzia e sposa un'altra attrice, Gloria Vanderbilt, ma anche con lei le cose non vanno meglio e divorziano nel 1963.

Nel frattempo, nel 1957 il trentatreenne Sidney Lumet debutta al cinema come regista, con il lungometraggio "La parola ai giurati", il quale scava nel razzismo e nella violazione dei diritti civili. L'interprete d'eccezione è l'amico Henry Fonda e il film ottiene l'Orso d'Oro al Festival di Berlino e una nomination all'Oscar. L'anno dopo esce con "Il Fascino del palcoscenico", un omaggio al teatro, da cui trae spunto per i futuri film di successo. Tra questi, grande successo ha "Pelle di serpente", del 1959, con Anna Magnani e Marlon Brando.

Negli anni Sessanta Sidney Lumet si apre alle tecnologie moderne con film più spettacolarizzati ma, forte della sua mai nascosta fede democratica, non rinuncia mai ai temi dell'impegno civile. "A prova di errore", del 1963, risente del clima di crisi nucleare di quegli anni. Qui, il presidente americano è interpretato ancora una volta da Henry Fonda. Sulla stessa scia poi, ma affrontando l'uno l'odio razziale, l'altro la condizione femminile, sono "L'uomo del banco dei pegni" e "Il gruppo", entrambi del 1965, con protagonisti rispettivamente Rod Steiger e la giovane Candice Bergen. L'attore Sean Connery invece, è presente ne "La collina del disonore", coevo dei precedenti film.

Intanto, la vita privata del regista di Filadelfia lo vede protagonista di un altro matrimonio, quello con Gail Buckley, che gli dà due figlie: la montatrice del suono Amy Lumet e l'attrice Jenny Lumet. Negli anni che vanno dal 1972 in poi, per tutto il decennio, Sidney Lumet si ritaglia il proprio posto ad Hollywood, affermando definitivamente le proprie qualità artistiche.

Con "Rapina record a New York", di quell'anno, inaugura il filone della violenza metropolitana, facendo suo, a seconda del tipo di film, il punto di vista del poliziotto o del criminale. Il 1973 è l'anno di "Serpico" e il 1975 quello di "Quel pomeriggio di un giorno da cani": in entrambi i film, c'è un Al Pacino agli inizi della sua carriera ma già pieno di talento. Tra questi due, si inserisce "Assassinio sull'Orient-Express", ricavato da una storia della scrittrice di gialli Agatha Christie. Qui, il cast mette insieme attori come Lauren Bacall, Anthony Perkins, Sean Connery, Vanessa Redgrave, Albert Finney e Ingrid Bergman, che vince l'Oscar come migliore attrice non protagonista.

L'anno dopo Sidney Lumet torna all'impegno, ma lo fa attraverso un film differente, che parla del sistema televisivo e, soprattutto, del pubblico. "Quinto potere", grande film del 1976, mette in luce il ruolo politico e autoritario di chi controlla i mass media per propri fini, ed è tanto "disturbante" quanto illuminato. Non a caso, i due attori protagonisti, Peter Finch e Faye Dunaway, vincono l'Oscar. Intanto, divorzia da Gail Buckley e sposa la sua ultima moglie, nel 1980, Mary Gimbel. Paul Newman invece, è l'avvocato alcolista de "Il verdetto", girato nel 1982 e considerato un altro grande film d'impegno. In "Daniel" invece, del 1983, Sidney Lumet mette alla berlina l'intero sistema maccartista. Nel 1986, il film "Il mattino dopo" vede l'attrice Jane Fonda nominata all'Oscar.

A partire da questo momento, il regista di Filadelfia comincia una fase calante, caratterizzata da eccessivi richiami alle proprie produzioni. La denuncia civile resta, ma si affievolisce, perde di originalità. È il caso "Vivere in fuga", del 1988, di "Terzo grado", del 1990, e di "Prove apparenti", del 1996. Ma è soprattutto con il remake di uno storico film firmato Cassavetes che Sidney Lumet perde la sua partita: il suo "Gloria", del 1998, con Sharon Stone nella parte della "pupa del gangster", viene molto criticato e si rivela un flop.

Nel 2004 gira "Strip Search" con Glenn Close e nel 2005, con Vin Diesel, il film "Prova a incastrarmi". I due film non ottengono un grande successo di critica e pubblico ma, nonostante ciò, alla settantasettesima edizione degli Oscar, nel 2004, riceve il riconoscimento alla carriera. Un colpo d'ala, infine, Sidney Lumet lo dà in "Onora il padre e la madre", nel 2007, con Ethan Hawke e Philip Seymour Hoffman, incassando più di 25 milioni di dollari al botteghino mondiale e raccontando una storia cruda, drammatica, fatta di sangue e disperazione.

Infine, nel 2009 prende parte al documentario "I Knew It Was You", diretto da Richard Shepard, in memoria dell'attore John Cazale a trent'anni dalla morte.

Muore il 9 aprile 2011 all'età di 86 anni.

Frasi di Sidney Lumet

3 fotografie

Foto e immagini di Sidney Lumet

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Sidney Lumet ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Sidney Lumet nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Sidney Lumet

7 biografie

Nati lo stesso giorno di Sidney Lumet

Dante Gabriel Rossetti

Dante Gabriel Rossetti

Pittore e poeta inglese
α 12 maggio 1828
ω 9 aprile 1882
Dietrich Bonhoeffer

Dietrich Bonhoeffer

Teologo polacco
α 4 febbraio 1906
ω 9 aprile 1945
Edda Ciano Mussolini

Edda Ciano Mussolini

Figlia del Duce
α 1 settembre 1910
ω 9 aprile 1995
Francesco Bacone

Francesco Bacone

Filosofo inglese
α 22 gennaio 1561
ω 9 aprile 1626
Francois Rabelais

Francois Rabelais

Frate umanista e scrittore francese
α Anno 1483
ω 9 aprile 1553
Frank Lloyd Wright

Frank Lloyd Wright

Architetto statunitense
α 8 giugno 1869
ω 9 aprile 1959
Georg Elser

Georg Elser

Attivista tedesco, attentatore alla vita di Hitler
α 4 gennaio 1903
ω 9 aprile 1945
Lorenzo il Magnifico

Lorenzo il Magnifico

Politico e letterato italiano, mecenate della dinastia dei Medici
α 1 gennaio 1449
ω 9 aprile 1492
Alberto Manzi

Alberto Manzi

Insegnante italiano
α 3 novembre 1924
ω 4 dicembre 1997
Antonio Maccanico

Antonio Maccanico

Politico italiano
α 4 agosto 1924
ω 23 aprile 2013
Benny Hill

Benny Hill

Comico inglese
α 21 gennaio 1924
ω 20 aprile 1992
Charles Aznavour

Charles Aznavour

Cantautore e attore francese
α 22 maggio 1924
Charlton Heston

Charlton Heston

Attore statunitense
α 4 ottobre 1924
ω 5 aprile 2008
Christopher Tolkien

Christopher Tolkien

Scrittore inglese
α 21 novembre 1924
Corrado Mantoni

Corrado Mantoni

Conduttore TV italiano
α 2 agosto 1924
ω 8 giugno 1999
Doris Day

Doris Day

Attrice e cantante statunitense
α 3 aprile 1924
Ed Wood

Ed Wood

Regista e attore statunitense
α 10 ottobre 1924
ω 10 dicembre 1978
Eugenio Scalfari

Eugenio Scalfari

Giornalista e scrittore italiano
α 6 aprile 1924
Franco Basaglia

Franco Basaglia

Psichiatra e neurologo italiano
α 11 marzo 1924
ω 29 agosto 1980
George Brecht

George Brecht

Artista statunitense
α 7 marzo 1924
ω 5 dicembre 2008
George H.W. Bush

George H.W. Bush

41° Presidente degli Stati Uniti d'America
α 12 giugno 1924
Giovanni Sartori

Giovanni Sartori

Politologo italiano
α 13 maggio 1924
ω 4 aprile 2017
Jimmy Carter

Jimmy Carter

39° Presidente degli Stati Uniti d'America, Premio Nobel
α 1 ottobre 1924
Lauren Bacall

Lauren Bacall

Attrice statunitense
α 16 settembre 1924
ω 13 agosto 2014
Leo Buscaglia

Leo Buscaglia

Scrittore e docente statunitense
α 31 marzo 1924
ω 12 giugno 1998
Manlio Sgalambro

Manlio Sgalambro

Filosofo e scrittore italiano
α 9 dicembre 1924
ω 6 marzo 2014
Marcello Mastroianni

Marcello Mastroianni

Attore italiano
α 28 settembre 1924
ω 19 dicembre 1996
Marlon Brando

Marlon Brando

Attore statunitense
α 3 aprile 1924
ω 2 luglio 2004
Mike Bongiorno

Mike Bongiorno

Conduttore TV italiano
α 26 maggio 1924
ω 8 settembre 2009
Paul K. Feyerabend

Paul K. Feyerabend

Filosofo della scienza austriaco
α 13 gennaio 1924
ω 11 febbraio 1994
Rosamunde Pilcher

Rosamunde Pilcher

Scrittrice inglese
α 22 settembre 1924
Sergio Anselmi

Sergio Anselmi

Scrittore e storico italiano
α 11 novembre 1924
ω 7 novembre 2003
Truman Capote

Truman Capote

Scrittore e sceneggiatore statunitense
α 30 settembre 1924
ω 25 agosto 1984
Walter Chiari

Walter Chiari

Attore italiano
α 8 marzo 1924
ω 20 dicembre 1991
Amy Winehouse

Amy Winehouse

Cantante inglese
α 14 settembre 1983
ω 23 luglio 2011
Andrea Zanzotto

Andrea Zanzotto

Poeta italiano
α 10 ottobre 1921
ω 18 ottobre 2011
Cesaria Evora

Cesaria Evora

Cantante capoverdiana
α 27 agosto 1941
ω 17 dicembre 2011
Christa Wolf

Christa Wolf

Scrittrice tedesca
α 18 marzo 1929
ω 1 dicembre 2011
Elizabeth Taylor

Elizabeth Taylor

Attrice inglese
α 27 febbraio 1932
ω 23 marzo 2011
Gary Moore

Gary Moore

Musicista, chitarrista britannico
α 4 aprile 1952
ω 6 febbraio 2011
Giorgio Bocca

Giorgio Bocca

Giornalista e scrittore italiano
α 18 agosto 1920
ω 25 dicembre 2011
Jack Kevorkian

Jack Kevorkian

Medico statunitense
α 26 maggio 1928
ω 3 giugno 2011
Joe Frazier

Joe Frazier

Pugile statunitense
α 12 gennaio 1944
ω 7 novembre 2011
Ken Russell

Ken Russell

Regista inglese
α 3 luglio 1927
ω 27 novembre 2011
Kim Jong Il

Kim Jong Il

Leader politico e dittatore nordcoreano
α 16 febbraio 1942
ω 17 dicembre 2011
Luigi Maria Verzé

Luigi Maria Verzé

Sacerdote e professore italiano
α 14 marzo 1920
ω 31 dicembre 2011
Marco Simoncelli

Marco Simoncelli

Pilota motociclistico italiano
α 20 gennaio 1987
ω 23 ottobre 2011
Mirko Tremaglia

Mirko Tremaglia

Politico italiano
α 17 novembre 1926
ω 30 dicembre 2011
Muammar Gheddafi

Muammar Gheddafi

Dittatore libico
α 7 giugno 1942
ω 20 ottobre 2011
Nilla Pizzi

Nilla Pizzi

Cantante italiana
α 16 aprile 1919
ω 12 marzo 2011
Osama Bin Laden

Osama Bin Laden

Terrorista saudita, fondamentalista islamico sunnita, fondatore e leader di al-Qaida
α 10 marzo 1957
ω 2 maggio 2011
Peter Falk

Peter Falk

Attore statunitense
α 16 settembre 1927
ω 23 giugno 2011
Sathya Sai Baba

Sathya Sai Baba

Maestro spirituale indiano
α 23 novembre 1926
ω 24 aprile 2011
Sergio Bonelli

Sergio Bonelli

Sceneggiatore di fumetti, editore italiano
α 2 dicembre 1932
ω 26 settembre 2011
Steve Jobs

Steve Jobs

Informatico statunitense, fondatore di Apple Inc.
α 24 febbraio 1955
ω 5 ottobre 2011
Tullia Zevi

Tullia Zevi

Giornalista e scrittrice italiana
α 2 febbraio 1919
ω 22 gennaio 2011
Walter Bonatti

Walter Bonatti

Alpinista, scalatore ed esploratore italiano
α 22 giugno 1930
ω 13 settembre 2011