Biografie

Roberto Formigoni

Roberto Formigoni
Roberto Formigoni nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

Biografia Complicazioni alla guida

Roberto Formigoni nasce il 30 marzo del 1947 a Lecco, primo di tre fratelli, figlio di Doralice Baroni e di Emilio Formigoni. Dopo aver frequentato il liceo classico Manzoni nella sua città natale, si iscrive all'Università Cattolica di Milano, dove nel 1971 si laurea in Filosofia: dopodiché, si sposta a Parigi, per studiare Economia Politica all'Università Sorbona. In questi anni fiorisce la sua attività in campo religioso, dopo aver conosciuto don Luigi Giussani: prima si iscrive a Gioventù Studentesca, movimento cristiano cattolico, quindi entra a far parte di Comunione e Liberazione (il movimento fondato proprio da Don Giussani), diventando, nel 1970, Memores Domini all'età di ventitré anni.

Parallelamente, Formigoni si dedica anche alla politica, militando fin da giovane nella Democrazia Cristiana, e fondando nel 1975 il Movimento Popolare (rimarrà alla sua guida come presidente fino al 1987): nel 1978, invece, fonderà il settimanale cattolico "Il Sabato".

Nel 1984 il politico lecchese è il primo degli eletti al Parlamento Europeo nelle liste della Dc, con più di 450mila preferenze: la sua attività politica in Europa lo porta a diventare prima Presidente della Commissione Politica, poi vice-presidente del Parlamento Europeo; nel 1989, Formigoni viene riconfermato europarlamentare. Nel frattempo, in occasione delle elezioni politiche italiane svoltesi nel giugno del 1987 era stato eletto, sempre per la Dc, deputato alla Camera. Diventato membro della Commissione Affari esteri della Camera, nel 1990 a Bagdad guida una spedizione di parlamentari che, ricevuta da Saddam Hussein, riesce a ottenere la liberazione di 450 ostaggi europei, di cui 250 italiani.

Formigoni, poi, viene confermato deputato dopo le elezioni del 1992 (nel 1993 e nel 1994 viene nominato sottosegretario al Ministero dell'Ambiente durante il governo di Carlo Azeglio Ciampi) e del 1994; nel frattempo, proprio dopo la nomina a sottosegretario aveva lasciato il posto nel Parlamento Europeo.

Nel 1994, dopo lo scandalo Tangentopoli, la Democrazia Cristiana si trasforma in Ppi, Partito Popolare Italiano: Formigoni ne fa parte, e insieme con Rocco Buttiglione si inserisce nella corrente di partito più moderata; quindi, il Celeste segue Buttiglione anche nel 1995, quando nasce il Cdu, il partito dei Cristiani Democratici Uniti.

Nello stesso anno, Formigoni viene eletto Presidente della Regione Lombardia, dopo gli accordi stipulati con Forza Italia, il partito di Silvio Berlusconi, e il Polo per le Libertà. Il politico ciellino, quindi, viene eletto Presidente di Giunta nella VI Legislatura del Consiglio Regionale. L'anno dopo Formigoni viene eletto presidente del Cdu, ma dopo poco il percorso compiuto fino a quel momento con Buttiglione si biforca: Buttiglione, infatti, decide che i Cristiani Democratici Uniti debbano far parte dell'Udr, mentre Formigoni è contrario: per questo nel 1998 si separa dalla Cdu e fonda la Cdl, movimento dei Cristiani Democratici per la Libertà, che in seguito entrerà a far parte di Forza Italia.

Nel 2000, Formigoni viene riconfermato Presidente della Lombardia, conquistando il secondo mandato e ottenendo il 62.4 % delle preferenze. La vittoria su Mino Martinazzoli arriva anche grazie all'alleanza con Umberto Bossi e la sua Lega Nord, nella lista regionale Per la Lombardia. Durante la seconda legislatura Formigoni, viene fatto esordire il sistema del buono scuola, che prevede di finanziare le famiglie per il pagamento delle rette scolastiche, al fine di assicurare la libertà d'educazione. Tradotto in concreto, tale sistema finisce per avvantaggiare gli studenti delle scuole private (che rappresentano meno del 10 % dell'intera popolazione scolastica), per una somma complessiva di 400 milioni di euro dal 2001 al 2009: secondo i detrattori di questo provvedimento, verrebbero aggirati i divieti di finanziamento diretto previsti dalla Costituzione, senza contare che non viene applicato alcun criterio di reddito o di merito. Secondo altri critici, inoltre, la misura non sortisce effetti positivi nemmeno sulle scuole private, il cui numero non aumenta (e non aumenta nemmeno il numero di iscritti): insomma, l'unico effetto di tale sistema sarebbe quello di trasferire denaro dalla Regione alle famiglie degli alunni che frequentano gli istituti privati.

Nel 2005, Formigoni (che nel frattempo ha ricevuto honoris causa la laurea in Scienze e tecnologie della Comunicazione dalla Facoltà di Scienze della comunicazione e dello spettacolo dello Iulm) viene eletto per la terza volta presidente della Lombardia, sconfiggendo l'avversario di centrosinistra, Riccardo Sarfatti. L'anno successivo, in occasione delle elezioni politiche del 2006, viene eletto senatore per Forza Italia, ma abbandona la carica dopo tre mesi scegliendo di dedicarsi completamente alla Regione. Eletto senatore per il Pdl anche dopo le politiche del 2008, non riceve tuttavia nessun incarico ufficiale (benché spesso si faccia il suo nome come componente del governo Berlusconi e addirittura per la presidenza del Senato) a parte la vice-presidenza di Forza Italia, partito destinato a scomparire di lì a poco: anche quell'incarico, tuttavia, verrà lasciato per continuare a rimanere a capo della Giunta Lombarda.

Dopo le elezioni del 28 e del 29 marzo 2010, Roberto Formigoni conquista il suo quarto mandato alla guida della Regione: sostenuto dal Popolo della Libertà e dalla Lega, sconfigge Filippo Penati, avversario di centrosinistra, ottenendo il 56.11 % dei voti. L'elezione di Formigoni, tuttavia, viene contestata: secondo diversi esponenti del centrosinistra, infatti, sarebbe stato violato l'articolo 2 della legge 165 del 2004. Chi difende la nomina di Formigoni sostiene che la legge, essendo stata promulgata nel 2004, non può essere applicata al mandato in corso, ma unicamente a partire dalle elezioni del 2015; secondo altri, invece, l'articolo 2 conterrebbe solo una norma di principio, che non può trovare applicazione se non esiste una normativa attuativa specifica emanata dalla Regione. In effetti, contro la nuova candidatura del Celeste già nel febbraio del 2010 era stato presentato un esposto alla Corte d'Appello di Milano.

Iniziative simili vengono adottate anche da Pierluigi Mantini, deputato dell'Udc, e dai Radicali, che propongono un ricorso all'Ufficio centrale elettorale della Corte d'Appello milanese. Gli esposti, tuttavia, non sono accolti, non in quanto privi di fondamento, ma semplicemente perché l'Ufficio centrale elettorale si dichiara incompetente in materia, e conferma che ogni decisione in merito spetta al Tribunale civile, che non potrà che esprimersi a elezioni concluse. Dopo le elezioni, quindi, i Radicali presentano un nuovo ricorso, sostenuti questa volta dal Movimento 5 Stelle: ma il tribunale milanese afferma che la norma sull'incandidabilità per poter essere valida deve essere recepita nella normativa regionale. Da questo punto di vista, la candidatura di Formigoni è valida.

I guai per il Celeste, però, non finiscono qui, perché i Radicali presentano un altro esposto, che denuncia diverse irregolarità nei documenti a supporto della lista di Formigoni: in pratica, diverse firme raccolte per la candidatura del politico pidiellino sarebbero false. L'Ufficio centrale dichiara che la lista di Formigoni non può essere ammessa, viste le irregolarità nelle firme, tuttavia il Tribunale Amministrativo Regionale della Lombardia dichiara la lista Per la Lombardia ammessa, accogliendo il ricorso di Roberto Formigoni. La sentenza del Tar viene confermata pochi giorni dopo dal Consiglio di Stato: eventuali ricorsi potranno essere effettuati solo dopo le elezioni. Così accade: i Radicali, avvalendosi di una perizia calligrafica di Laura Guzzardi, dimostrano che la stessa mano avrebbe realizzato centinaia di firme.

Nel registro degli indagati dell'inchiesta per falso ideologico finiscono quindici persone, tra cui Clotilde Strada, responsabile della raccolta delle firme e collaboratrice di Nicole Minetti, e quattro consiglieri della Provincia di Milano. Proprio la Provincia nel 2011 si costituirà come parte civile nella causa in corso. A luglio del 2012, i pubblici ministeri di Milano chiedono la condanna a un anno di reclusione per Roberto Formigoni, accusato di diffamazione e colpevole di aver detto che a manipolare le firme a sostegno delle sue liste erano stati i Radicali e il loro leader in Lombardia Marco Cappato; e il rinvio a giudizio per Guido Podestà, Presidente della Provincia di Milano nonché ex coordinatore del Pdl in Lombardia, accusato di falso ideologico aggravato, a causa delle presunte firme truccate.

Nel corso della sua presidenza, per altro, Formigoni era già stato processato in due occasioni: nell'ambito dell'inchiesta relativa alla bonifica della discarica di Cerro Maggiore, era stato assolto in maniera definitiva nel 2007; nell'ambito dell'inchiesta relativa all'inquinamento in Lombardia dovuto allo sforamento della soglia delle polveri sottili, invece, la sua posizione viene archiviata nel 2012.

Sempre nel 2012, Formigoni entra nell'occhio del ciclone a causa dell'arresto di Pierangelo Daccò, un suo amico tradotto in carcere con l'accusa di aver distratto 70 milioni di euro dal patrimonio della Fondazione Maugeri sotto forma di appalti fittizi e consulenze. Daccò avrebbe, tra l'altro, pagato diversi viaggi aerei a Formigoni e ai suoi familiari: per questo motivo viene presentata in Consiglio Regionale una mozione di sfiducia nei confronti del presidente, ad opera di Sel, Idv e Pd con il sostegno di Pensionati e Udc. La mozione, tuttavia, viene respinta grazie ai voti della Lega. A luglio dello stesso anno, la procura di Milano conferma che Formigoni è indagato per corruzione, in concorso con lo stesso Daccò, Umberto Maugeri, Antonio Simone e Costantino Passerino.

Giornalista professionista dal 2005, nel corso della sua carriera Formigoni è stato contestato diverse volte a causa delle sue prese di posizione e delle sue decisioni: in particolare, nel mirino è finita la realizzazione di Palazzo Lombardia, costata diversi milioni di euro e causa della distruzione del Bosco di Gioia. Negli anni passati il Celeste si è espresso contro la pillola RU486 (definita una non medicina che "non aiuta la vita ma la stronca sul nascere") e contro la sentenza della Corte d'Appello che permetteva di interrompere l'alimentazione forzata di Eluana Englaro.

Alla fine del 2016 Formigoni viene condannato a sei anni nel processo Maugeri e San Raffaele.

Frasi di Roberto Formigoni

4 fotografie

Foto e immagini di Roberto Formigoni

Video Roberto Formigoni

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Roberto Formigoni ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Roberto Formigoni nelle opere letterarie Libri in lingua inglese

13 biografie

Nati lo stesso giorno di Roberto Formigoni

Orlan

Orlan

Artista francese
α 30 maggio 1947
Alessandro Haber

Alessandro Haber

Attore italiano
α 19 gennaio 1947
Alfredo Castelli

Alfredo Castelli

Fumettista italiano
α 26 giugno 1947
Antonio Bassolino

Antonio Bassolino

Politico italiano
α 20 marzo 1947
Arnold Schwarzenegger

Arnold Schwarzenegger

Attore e politico statunitense
α 30 luglio 1947
Augusto Daolio

Augusto Daolio

Cantante italiano e leader storico dei Nomadi
α 18 febbraio 1947
ω 7 ottobre 1992
Bice Biagi

Bice Biagi

Giornalista italiana
α 5 maggio 1947
Brian May

Brian May

Musicista inglese, Queen
α 19 luglio 1947
Brian Johnson

Brian Johnson

Cantante inglese, AC/DC
α 5 ottobre 1947
Camilla Parker Bowles

Camilla Parker Bowles

Reale inglese
α 17 luglio 1947
Carlos Santana

Carlos Santana

Chitarrista messicano
α 20 luglio 1947
Cat Stevens

Cat Stevens

Cantante folk inglese
α 21 luglio 1947
Clemente Mastella

Clemente Mastella

Politico italiano
α 5 febbraio 1947
David Bowie

David Bowie

Cantante inglese
α 8 gennaio 1947
ω 10 gennaio 2016
David Letterman

David Letterman

Presentatore tv statunitense
α 12 aprile 1947
Dilma Rousseff

Dilma Rousseff

Presidente del Brasile
α 14 dicembre 1947
Elton John

Elton John

Cantante e musicista inglese
α 25 marzo 1947
Farrah Fawcett

Farrah Fawcett

Attrice statunitense
α 2 febbraio 1947
ω 25 giugno 2009
Franco Mussida

Franco Mussida

Chitarrista e compositore italiano, PFM
α 21 marzo 1947
Giancarlo Magalli

Giancarlo Magalli

Autore e conduttore tv italiano
α 5 luglio 1947
Gigliola Cinquetti

Gigliola Cinquetti

Cantante italiana
α 20 dicembre 1947
Giulio Tremonti

Giulio Tremonti

Politico e giurista italiano
α 18 agosto 1947
Glenn Close

Glenn Close

Attrice statunitense
α 19 marzo 1947
Hillary Clinton

Hillary Clinton

Politica statunitense
α 26 ottobre 1947
Iggy Pop

Iggy Pop

Cantante rock statunitense
α 21 aprile 1947
Ignazio La Russa

Ignazio La Russa

Politico italiano
α 18 luglio 1947
James Woods

James Woods

Attore statunitense
α 18 aprile 1947
James Hunt

James Hunt

Pilota inglese di F1
α 29 agosto 1947
ω 15 giugno 1993
Johan Cruijff

Johan Cruijff

Ex calciatore olandese
α 25 aprile 1947
ω 24 marzo 2016
L' Ufologia

L' Ufologia

Disciplina
α 24 giugno 1947
Leoluca Orlando

Leoluca Orlando

Politico italiano
α 1 agosto 1947
Luca di Montezemolo

Luca di Montezemolo

Imprenditore e industriale italiano
α 31 agosto 1947
Mario Draghi

Mario Draghi

Economista italiano
α 3 settembre 1947
Mario Borghezio

Mario Borghezio

Politico italiano
α 3 dicembre 1947
Mia Martini

Mia Martini

Cantante italiana
α 20 settembre 1947
ω 12 maggio 1995
Mitt Romney

Mitt Romney

Politico statunitense
α 12 marzo 1947
O. J. Simpson

O. J. Simpson

Ex giocatore di football americano e attore statunitense
α 9 luglio 1947
Paolo Romani

Paolo Romani

Politico italiano
α 18 settembre 1947
Paul Auster

Paul Auster

Scrittore statunitense
α 3 febbraio 1947
Paulo Coelho

Paulo Coelho

Scrittore brasiliano
α 24 agosto 1947
Riccardo Fogli

Riccardo Fogli

Cantante italiano
α 21 ottobre 1947
Ronnie Wood

Ronnie Wood

Musicista inglese, Rolling Stones
α 1 giugno 1947
Salman Rushdie

Salman Rushdie

Scrittore indiano
α 19 giugno 1947
Sam Neill

Sam Neill

Attore neozelandese
α 14 settembre 1947
Sandro Petraglia

Sandro Petraglia

Sceneggiatore e regista italiano
α 19 aprile 1947
Stefano Benni

Stefano Benni

Scrittore italiano
α 12 agosto 1947
Stephen King

Stephen King

Scrittore statunitense
α 21 settembre 1947
Tom Clancy

Tom Clancy

Scrittore statunitense
α 12 aprile 1947
ω 2 ottobre 2013
Walter Tobagi

Walter Tobagi

Giornalista italiano
α 18 marzo 1947
ω 28 maggio 1980
Zdenek Zeman

Zdenek Zeman

Allenatore ceco
α 12 maggio 1947