Biografie

Gus Van Sant

Gus Van Sant
Gus Van Sant nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Gus Van Sant

Biografia Fuga da Hollywood

Genio ribelle, dalla fine degli anni '80, è diventato il simbolo del cinema indipendente americano di successo e figura di riferimento della cultura gay. Figlio di un commesso viaggiatore, Gus Van Sant nasce a Louisville, Kentucky, il 24 luglio 1952 e passa un'infanzia da girovago insieme al genitore.

Ai tempi del college scopre la vocazione alla pittura ma si avvicina anche al cinema, attratto dalle infinite possibilità offerte dalla settima arte. Accanto ai lavori su tela comincia anche a girare brevi pellicole in Super 8.

Si forma definitivamente alla Rhode Island School of Design, scuola d'arte d'avanguardia, dove matura un interesse verso le tecniche del cinema sperimentale che non abbandonerà mai definitivamente. Dopo il diploma Van Sant realizza diversi cortometraggi in 16mm, e successivamente si trasferisce a Hollywood, dove collabora ad un paio di non memorabili film diretti da Ken Shapiro. Durante la sua permanenza a Los Angeles frequenta il mondo marginale degli aspiranti divi e dei falliti in preda alla tossicodipendenza ma ha comunque modo di sviluppare un lavoro personale, testimoniato ad esempio da "Alice in Hollywood" (1981), un mediometraggio in 16mm. E' in questa fase che diventa un po' l'icona dei registi indipendenti.

Si sposta a Manhattan dove realizza alcuni spot pubblicitari per poi stabilirsi definitivamente a Portland, Oregon, sede del suo lavoro e della sua vita da ormai diversi anni. A Portland Gus Van Sant continua a dirigere film, spot e videoclip, ma insegna anche cinema all'Oregon Art Institute, dedicandosi alla sua antica passione, la pittura. Dagli anni '80 le produzioni indipendenti di Gus Van Sant, come "La disciplina di DE" (1978), tratto da un breve racconto di William Burroughs, o "Cinque modi per uccidere se stessi" (1986), cominciano ad ottenere diversi riconoscimenti in tutto il mondo.

Nel 1985 gira "Mala Noche", il suo primo lungometraggio, acclamato subito dalla critica. Completamente autoprodotto, è la storia d'amore tra il commesso di un negozio di alcolici e un immigrato di origine messicana, e già presenta molti dei temi che stanno a cuore all'autore e che sono alla base della sua poetica: romanticismo underground e omosessualità esplicita ma pudica.

Nel 1989 Van Sant realizza "Drugstore Cowboy", interpretato da Matt Dillon e con la straordinaria partecipazione di William Burroughs (mito suo e della "beat generation"), nella parte di un prete tossicodipendente. Il film e stato accolto con entusiasmo dalla critica americana e ha permesso a Van Sant di entrare nel ciclo produttivo di Hollywood. Questo passaggio segna una nuova svolta. Inevitabilmente il passaggio alle "majors" lo corrompe. Ad ogni modo non si può non citare un film-fenomeno di quegli anni: "Belli e dannati", rivisitazione in chiave postmoderna dell'"Enrico IV" di Shakespeare che vede la partecipazione del ragazzo prodigio, scomparso tragicamente in età prematura (stroncato da un cocktail di droghe), River Phoenix.

Il fascinoso e sfortunato Phoenix interpreta la parte di un ragazzo di vita, tossicodipendente e narcolettico, che vive sulla strada sogni e allucinazioni, alla ricerca della madre perduta. Trova una speranza nel sodalizio con Scott (Keanu Reeves), rampollo della famiglia più in vista della città, piombato nei bassifondi per sfida alla figura paterna. Tra prostituzione, depravazioni e incontri amorosi, solo uno dei due personaggi, tradendo l'altro, troverà la via di uscita d'un ritorno alla "normalità".

Altra grandissima prova sarà "Cowgirls: il nuovo sesso" (1993, con Uma Thurman): Van Sant firma, oltre alla solita regia, anche la sceneggiatura, il montaggio e la produzione). Si tratta probabilmente del punto più alto della sua cinematografia. Ardua sperimentazione, opera altamente visionaria, come dire un western di fine millennio, è stato però brutalmente stroncato dalla critica della Mostra di Venezia. Afflitto da grossi problemi di produzione, è stato rimontato da capo dallo stesso regista e questa versione definitiva non ha goduto di maggior fortuna.

Due anni dopo sarà la volta di "Da morire", commedia noir sulle ambizioni di una giovane psicopatica, aspirante giornalista di provincia e disposta a tutto pur di sfondare in televisione. Lei è Nicole Kidman, magnifica nella sua rappresentazione atona d'una femme fatale da tv-movie, bambola ottusa e ferocemente determinata. Su una sceneggiatura di Buck Henry, il film, che non perde un colpo nel ritmo della regia e del montaggio, non manca il suo bersaglio di critica alla società dello spettacolo. Piccola parte per l'altro outsider del cinema americano, David Cronenberg nel ruolo di un sicario.

D'altronde per Gus Van Sant l'eccesso non è mai eccessivo, ma è il contraltare della cultura contemporanea (americana, va da sé), il suo lato nascosto ma nello stesso tempo ben visibile a chi ha occhi per vedere. I suoi personaggi non sono eroi né sopravvissuti ma solo sottoprodotti, sempre malformati e non classificabili, della società. In "Will Hunting, genio ribelle" (1998, con Robin Williams e Ben Affleck) Matt Damon è appunto un genio assolutamente incontrollabile ed eccessivo, la forma tangibile di certe deformazioni indotte dagli apparati che ci circondano.

Il progetto (sulla carta fallimentare) del remake filologico di "Psycho" del maestro Hitchcock (1998, con Anne Heche), ha dato invece un esito sorprendente e pienamente autoriale. Tutti i suoi lavori successivi godono di notevole rilievo: ricordiamo "Scoprendo Forrester" (2001, con Sean Connery e F. Murray Abraham) e "Elephant" (2003). Quuest'ultimo, vincitore al Festival di Cannes 2003, è il film che segna il ritorno alla produzione indipendente per una simbolica "fuga da Hollywood".

Nel gennaio del 2009 è candidato all'Oscar come miglior regista per "Milk", film biografico sulla vita di Harvey Milk, primo consigliere comunale apertamente gay assassinato nel 1978. Il film ottiene in totale otto candidature all'Oscar: vincerà due statuette, per il miglior attore protagonista (Sean Penn) e per la miglior sceneggatura originale.

Frasi di Gus Van Sant

3 fotografie

Foto e immagini di Gus Van Sant

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Gus Van Sant ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Gus Van Sant nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Gus Van Sant

13 biografie

Nati lo stesso giorno di Gus Van Sant

Andrea De Carlo

Andrea De Carlo

Scrittore italiano
α 11 dicembre 1952
Antonella Ruggiero

Antonella Ruggiero

Cantante italiana
α 15 novembre 1952
Claudio Cecchetto

Claudio Cecchetto

Produttore discografico e talent-scout italiano
α 19 aprile 1952
Dan Aykroyd

Dan Aykroyd

Attore canadese
α 1 luglio 1952
David Hasselhoff

David Hasselhoff

Attore statunitense
α 17 luglio 1952
Douglas Adams

Douglas Adams

Scrittore di fantascienza, sceneggiatore e umorista inglese
α 11 marzo 1952
ω 11 maggio 2001
Enzo Iacchetti

Enzo Iacchetti

Attore, comico e conduttore tv italiano
α 31 agosto 1952
Eugenio Finardi

Eugenio Finardi

Cantautore italiano
α 16 luglio 1952
Filippo Penati

Filippo Penati

Politico italiano
α 30 dicembre 1952
Francesco Graziani

Francesco Graziani

Ex calciatore ed allenatore italiano
α 16 dicembre 1952
Gaetano Curreri

Gaetano Curreri

Cantante italiano, Stadio
α 26 giugno 1952
Gary Moore

Gary Moore

Musicista, chitarrista britannico
α 4 aprile 1952
ω 6 febbraio 2011
Gianfranco Fini

Gianfranco Fini

Politico italiano
α 3 gennaio 1952
Gigi Sabani

Gigi Sabani

Presentatore TV e imitatore italiano
α 5 ottobre 1952
ω 4 settembre 2007
Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Giornalista, conduttore tv e politico italiano
α 7 gennaio 1952
Guido Silvestri

Guido Silvestri

Fumettista italiano, padre di Lupo Alberto
α 9 dicembre 1952
Isabella Rossellini

Isabella Rossellini

Attrice e modella italiana
α 18 giugno 1952
Jean Paul Gaultier

Jean Paul Gaultier

Stilista francese
α 24 aprile 1952
Jeff Goldblum

Jeff Goldblum

Attore statunitense
α 22 ottobre 1952
Jimmy Connors

Jimmy Connors

Tennista statunitense
α 2 settembre 1952
Joe Strummer

Joe Strummer

Cantante e musicista inglese, The Clash
α 21 agosto 1952
ω 22 dicembre 2002
John Goodman

John Goodman

Attore statunitense
α 20 giugno 1952
Lamberto Sposini

Lamberto Sposini

Giornalista e conduttore tv italiano
α 17 febbraio 1952
Lella Costa

Lella Costa

Attrice italiana
α 30 settembre 1952
Liam Neeson

Liam Neeson

Attore irlandese
α 7 giugno 1952
Massimo Lopez

Massimo Lopez

Attore, comico e showman italiano
α 11 gennaio 1952
Massimo Caputi

Massimo Caputi

Imprenditore e Top manager italiano nella finanza immobiliare
α 11 dicembre 1952
Michele Cucuzza

Michele Cucuzza

Giornalista italiano
α 14 novembre 1952
Mickey Rourke

Mickey Rourke

Attore e sceneggiatore statunitense
α 16 settembre 1952
Paolo Hendel

Paolo Hendel

Comico italiano
α 2 gennaio 1952
Patrick Swayze

Patrick Swayze

Attore statunitense
α 18 agosto 1952
ω 14 settembre 2009
Pietro Mennea

Pietro Mennea

Atleta italiano
α 28 giugno 1952
ω 21 marzo 2013
Robert Zemeckis

Robert Zemeckis

Regista statunitense
α 14 maggio 1952
Roberto Benigni

Roberto Benigni

Attore comico e regista italiano
α 27 ottobre 1952
Sergio Marchionne

Sergio Marchionne

Manager italiano
α 17 giugno 1952
Steven Seagal

Steven Seagal

Attore statunitense
α 10 aprile 1952
Syusy Blady

Syusy Blady

Attrice italiana
α 7 febbraio 1952
Umberto Tozzi

Umberto Tozzi

Cantautore italiano
α 4 marzo 1952
Vanessa Del Rio

Vanessa Del Rio

Pornostar statunitense
α 31 marzo 1952
Vasco Rossi

Vasco Rossi

Cantautore italiano
α 7 febbraio 1952
Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi

Saggista, critico d'arte e politico italiano
α 8 maggio 1952
Vladimir Putin

Vladimir Putin

Politico russo
α 7 ottobre 1952