Biografie

Nigella Lawson

Nigella Lawson
Nigella Lawson nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Nigella Lawson

Biografia

Nigella Lucy Lawson nasce il 6 gennaio 1960 a Londra, figlia di Vanessa e Nigel, Barone di Blaby e ex Chancellor of the Exchequer nel governo di Margaret Thatcher. Gli anni a scuola sono molto difficili, sia a causa dei difficili rapporti con la madre sia a causa della diffidenza nei confronti dei compagni di classe, al punto che tra i nove e i diciotto anni di età la ragazza è costretta a cambiare scuola per ben nove volte. Frequenta, tra l'altro, una scuola privata nelle Midlands prima di tornare alla Godolphin and Latymer School di Londra. Lavora quindi in alcuni centri commerciali della città, per poi laurearsi a Oxford in Linguaggi medievali e moderni.

Dopo avere vissuto per un periodo a Firenze, Nigella Lawson lavora nel mondo dell'editoria presso Naim Attallah. A ventitré anni intraprende la carriera giornalistica dopo che Charles Moore l'ha convinta a scrivere per "The Spectator". All'inizio il suo compito nella rivista è quello di elaborare recensioni di libri; in seguito, a partire dal 1985, assume l'incarico di critica gastronomica.

L'anno successivo il "Sunday Times" le affida il compito di editor in campo letterario. Ai tempi è poco nota, se non per la fama riflessa dovuta alla popolarità del padre: nel 1989, per esempio, attira l'attenzione dell'opinione pubblica quando ammette di votare per i Laburisti (suo padre, invece, faceva parte del Partito Conservatore) criticando apertamente Margaret Thatcher.

Dopo aver lasciato il "Sunday Times", Nigella decide di diventare una freelance: collabora, quindi, con "The Daily Telegraph", "The Observer", l'"Evening Standard" e "The Times Literary Supplement"; firma, inoltre, una rubrica dedicata al cibo su "Vogue" e una rubrica dedicata al trucco su "The Times Magazine". Ancora, lavora per "Gourmet" e "Bon Appétit", magazine statunitensi, e per "Talk Radio". Alla fine degli anni Novanta la Lawson inizia a pensare all'idea di scrivere un libro di cucina: nel 1998 pubblica "How to eat", libro che contiene consigli culinari relativi alla preparazione degli alimenti e ai vari modi per risparmiare tempo. Il volume vende 300mila copie solo nel Regno Unito, e viene definito da "The Sunday Telegraph" come "la guida culinaria di maggior valore pubblicata in questo decennio".

Nigella Lawson - è proprio il caso di dirlo - ci prende gusto, e nel 2000 pubblica "How to be a domestic goddess", che in soli quattro mesi vende 180mila copie e vale all'autrice il titolo di autrice dell'anno in occasione dei British Book Awards del 2001 (tra gli altri candidati al premio c'è anche J.K. Rowling, l'autrice dei libri di Harry Potter). Non mancano, tuttavia, le malelingue: in molti sostengono che il premio sia assegnato alla Lawson solo perché suo marito, il giornalista John Diamond, è malato terminale di cancro. Agli inizi degli anni Duemila, comunque, "How to eat" e "How to be a domestic goddess" vengono pubblicati anche negli Stati Uniti: visto il successo ottenuto dai libri, "The Observer" chiama Nigella a lavorare come editorialista di costume.

Nel frattempo l'autrice è approdata anche in televisione: nel 1999, infatti, su Channel 4 è iniziata la serie "Nigella Bites", sempre dedicata alla cucina, che nella prima stagione ha ottenuto una media di quasi due milioni di spettatori e che è valso alla critica londinese il premio Television Broadcast of the Yeat assegnato ai Guild of Food Writers Awards. Nel 2001, Nigella con "Nigella Bites" vince anche il premio Best Television Food Show ai World Food Media Awards. Complici gli ottimi riscontri sul piccolo schermo, la Lawson torna in libreria con "Nigella Bites", libro di ricette che vende oltre 300mila copie e che si aggiudica il W.H. Smith Award come libro dell'anno nel segmento Lifestyle.

Intanto, il programma viene notato anche fuori dalla Gran Bretagna, e viene trasmesso negli Stati Uniti dai canali E! e Style Network. Il libro "Nigella Bites" negli Usa diventa il secondo libro di cucina più venduto a Natale del 2002, mentre in tv la Lawson propone "Forever Summer with Nigella". Sul fronte editoriale, intraprende una collaborazione con "The New York Times", mentre crea anche una linea di prodotti di cucina, denominata "Living Kitchen", in vendita in numerosi centri commerciali. Nel mese di novembre del 2003 la Lawson viene scelta per seguire il menù e la preparazione di un pranzo organizzato a Downing Street da Tony Blair per il presidente americano George W. Bush e sua moglie, Laura, fan di Nigella e delle sue ricette.

L'anno successivo esce il quinto libro della giornalista, "Feast: Food that Celebrates Lifes", che incassa ben tre milioni di sterline. Nello stesso periodo, Nigella Lawson appare con una certa frequenza in numerosi programmi tv americani, incluso il celebre "Ellen DeGeneres Show". Nel 2005, invece, è protagonista di un talk show su ITV1 intitolato "Nigella", in cui ospita personaggi famosi nel suo studio-cucina. Lo show, tuttavia, non viene apprezzato dal pubblico (la prima puntata ottiene solo 800mila spettatori) e dalla critica, e viene cancellato dopo aver perso il 40 % di audience nella prima settimana.

Nell'autunno del 2006 in America debutta "Nigella Feasts", programma tv in onda per tredici settimane, che viene recensito positivamente dal "Time". La Lawson guadagna oltre due milioni e mezzo di sterline solo grazie alla messa in onda della trasmissione in altri dieci Paesi del mondo. In seguito firma un accordo con la BBC Two per uno show intitolato "Nigella's Christmas Kitchen", che esordisce con più di tre milioni e mezzo di spettatori, e negli anni successivi consolida il proprio successo in televisione (anche in Italia).

Nel giugno del 2013 viene alla luce un fatto spiacevole e drammatico: il "Sunday People" pubblica una foto in cui Charles Saatchi, collezionista d'arte e secondo marito di Nigella (si sono sposati nel 2003), mette le mani attorno al collo della moglie nel corso di una discussione all'esterno di un ristorante. In seguito all'episodio, Saatchi viene indagato per aggressione e rende noto che sono in corso le pratiche per il divorzio dalla Lawson. Nigella non rilascia alcun commento ufficiale sulla vicenda, fino all'accordo di divorzio raggiunto il 31 luglio del 2013.

Poco dopo, la giornalista denuncia Elisabetta e Francesca Grillo, due sorelle italiane che hanno lavorato per molti anni per lei come assistenti personali, e le accusa di avere usato le sue carte di credito in maniera fraudolenta, spendendo in maniera ingiustificata centinaia di migliaia di euro. Nel corso del processo che ne segue, Nigella - interrogata come testimone - è costretta ad ammettere di avere fatto uso in passato di sostanze stupefacenti, e di avere consumato cocaina e cannabis.

Frasi di Nigella Lawson

7 fotografie

Foto e immagini di Nigella Lawson

Video Nigella Lawson

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Nigella Lawson ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Nigella Lawson nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Nigella Lawson

8 biografie

Nati lo stesso giorno di Nigella Lawson

Bono

Bono

Cantante irlandese, U2
α 10 maggio 1960
Adam Clayton

Adam Clayton

Musicista britannico, U2
α 13 marzo 1960
Anthony Robbins

Anthony Robbins

Formatore motivazionale statunitense
α 29 febbraio 1960
Antonello Piroso

Antonello Piroso

Giornalista e conduttore tv italiano
α 7 dicembre 1960
Antonio Banderas

Antonio Banderas

Attore spagnolo
α 10 agosto 1960
Atom Egoyan

Atom Egoyan

Regista canadese di origini armene
α 19 luglio 1960
Ayrton Senna

Ayrton Senna

Pilota F1 brasiliano
α 21 marzo 1960
ω 1 maggio 1994
Barbara De Rossi

Barbara De Rossi

Attrice e conduttrice tv italiana
α 9 agosto 1960
Carlo Lucarelli

Carlo Lucarelli

Scrittore e conduttore tv italiano
α 26 ottobre 1960
Carlo Clavarino

Carlo Clavarino

Dirigente d'azienda italiano
α Anno 1960
Carlo Zannetti

Carlo Zannetti

Cantautore, musicista e scrittore italiano
α 10 marzo 1960
Carol Alt

Carol Alt

Modella e attrice statunitense
α 1 dicembre 1960
Colin Firth

Colin Firth

Attore inglese
α 10 settembre 1960
Diego Armando Maradona

Diego Armando Maradona

Allenatore ed ex calciatore argentino
α 30 ottobre 1960
Enrico Bertolino

Enrico Bertolino

Comico, conduttore televisivo e cabarettista italiano
α 4 luglio 1960
Erin Brockovich

Erin Brockovich

Attivista statunitense
α 22 giugno 1960
Fabiola Gianotti

Fabiola Gianotti

Fisica italiana
α 29 ottobre 1960
Francesco Schettino

Francesco Schettino

Comandante noto per il naufragio della Costa Concordia del 2012
α 14 novembre 1960
Giorgio Panariello

Giorgio Panariello

Attore, comico e conduttore tv italiano
α 30 settembre 1960
Graziano Delrio

Graziano Delrio

Politico italiano
α 27 aprile 1960
Heather Parisi

Heather Parisi

Ballerina e soubrette statunitense naturalizzata italiana
α 27 gennaio 1960
Hugh Grant

Hugh Grant

Attore inglese
α 9 settembre 1960
Hugo Weaving

Hugo Weaving

Attore britannico naturalizzato australiano
α 4 aprile 1960
Jean-Claude Van Damme

Jean-Claude Van Damme

Attore belga
α 18 ottobre 1960
Jean-Michel Basquiat

Jean-Michel Basquiat

Artista statunitense
α 22 dicembre 1960
ω 12 agosto 1988
Jeffrey Dahmer

Jeffrey Dahmer

Serial killer statunitense
α 21 maggio 1960
ω 28 novembre 1994
John F. Kennedy Jr.

John F. Kennedy Jr.

Avvocato e giornalista statunitense
α 25 novembre 1960
ω 16 luglio 1999
José Luis Zapatero

José Luis Zapatero

Politico spagnolo
α 4 agosto 1960
Julianne Moore

Julianne Moore

Attrice statunitense
α 3 dicembre 1960
Kenneth Branagh

Kenneth Branagh

Attore irlandese
α 10 dicembre 1960
Luciano Ligabue

Luciano Ligabue

Cantautore e rocker italiano
α 13 marzo 1960
Massimo Gramellini

Massimo Gramellini

Giornalista e scrittore italiano
α 2 ottobre 1960
Maurizio Cattelan

Maurizio Cattelan

Artista italiano
α 21 settembre 1960
Michael Stipe

Michael Stipe

Cantante statunitense, R.E.M.
α 4 gennaio 1960
Nicky Nicolai

Nicky Nicolai

Cantante jazz italiana
α 28 gennaio 1960
Patrick De Gayardon

Patrick De Gayardon

Paracadutista francese
α 23 gennaio 1960
ω 13 aprile 1998
Pierluigi Collina

Pierluigi Collina

Ex arbitro italiano di calcio
α 13 febbraio 1960
Rafael Benitez

Rafael Benitez

Allenatore di calcio spagnolo
α 16 aprile 1960
Rosario Fiorello

Rosario Fiorello

Show man italiano
α 16 maggio 1960
Sean Penn

Sean Penn

Attore statunitense
α 17 agosto 1960
Sergio Cammariere

Sergio Cammariere

Cantautore e musicista jazz italiano
α 15 novembre 1960
Stefania Giannini

Stefania Giannini

Accademica e politica italiana
α 18 novembre 1960
Steve Vai

Steve Vai

Chitarrista statunitense
α 6 giugno 1960
Tilda Swinton

Tilda Swinton

Attrice inglese
α 5 novembre 1960
Tim Cook

Tim Cook

Dirigente d'azienda statunitense, CEO di Apple
α 1 novembre 1960
Tony Hadley

Tony Hadley

Cantante inglese, Spandau Ballet
α 2 giugno 1960
Walter Zenga

Walter Zenga

Allenatore, ex portiere italiano
α 28 aprile 1960
Yulia Tymoshenko

Yulia Tymoshenko

Leader politica ed imprenditrice ucraina
α 27 novembre 1960