Biografie

Rafael Nadal

Rafael Nadal
Rafael Nadal nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Rafael Nadal

Biografia Cannonate sul pianeta terra

Rafael Nadal Parera nasce a Manacor, Mallorca (Spagna) il 3 giugno 1986 da Sebastien, proprietario di un ristorante e uomo d'affari e Ana Maria. Diventa il più giovane giocatore di tennis ad entrare nella classifica dei primi 100 al mondo e il primo a spezzare il record detenuto da Roger Federer. Allenato dallo zio Toni da quando ha 5 anni, comincia a giocare a tennis fin da bambino.

Abita nella piazzetta più suggestiva di Manacor, vicino a una chiesetta del XVIII secolo, e nella casa di cinque piani della famiglia si è costruito pure la palestra. Rafael e la sorella Maria Isabel occupano il quarto e il quinto piano, mentre al primo ci sono i nonni Rafael e Isabel, e al secondo lo zio Toni con la moglie e i tre figli; al terzo i genitori di Rafa, Sebastien e Ana Maria.

Rafael, per tutti Rafa, è la dimostrazione che campioni non si nasce ma lo si diventa. E per diventarlo sono necessari costanza, fatica, sudore, non arrendersi alle prime sconfitte ed un braccio che spazza diritti e rovesci ad una potenza terribile. Doti fisiche sintetizzabili in un mix incredibile di velocità, tenuta ed equilibrio. Doti mentali che permettono al campione spagnolo di alzare il livello del suo tennis in modo direttamente proporzionale all'importanza del punto giocato. Doti tecniche che all'occhio meno attento possono apparire non eccezionali e che invece, soprattutto quando Nadal si difende, lo rendono degno dell'Olimpo del tennis. Ma ciò che più caratterizza il gioco di Rafael Nadal - e che irretisce i suoi avversari - è la percentuale minima di errori che caratterizza le sue partite.

Pochissimi "quindici" perduti gratuitamente e scelte tattiche mai discutibili, perché sempre coerenti con il momento e con il contesto. Non si può nascondere che la potenza fisica sia la dinamite con la quale lo spagnolo fa esplodere il suo gioco da fondo campo, ma ciò non deve trarre in inganno gli esteti e gli amanti di un tennis più classico, giocato con maniche e colletti; infatti, i passanti dagli angoli stretti e dalle traiettorie imprendibili targati Nadal non possono che partire da una raffinata racchetta. La cifra di un talento superiore alle apparenze è riscontrabile dall'uso chirurgico ed efficace della palla corta, o il piazzamento della seconda di servizio (visto a Wimbledon nel 2008) colpi che richiedono tocco e sensibilità.

Si può sostenere che talvolta la foga e la cattiveria (agonistica) con la quale attacca la palla non sia elegante, che il suo dritto mancino sia strappato, che il rovescio sembri rubato al baseball, che a rete sia scolastico, ma ciò che però esce da tutti i suoi colpi non è mai casuale e banale, bensì è un inno al tennis moderno, sintesi di potenza e controllo.

Esordisce fra i professionisti alla tenera età di 14 anni nei tornei satellite; a settembre 2001 ottiene i primi punti e a fine anno è il tennista n° 818 al mondo. Vince il suo primo match ATP nell'aprile del 2002 a Maiorca contro Ramon Delgado, diventando il 9° Under 16 a vincere un match nell'era Open.

Nel 2002 vince 6 futures e chiude l'anno al 235° posto ATP conquistando le semifinali al Wimbledon juniores.

Nel 2003 Nadal a soli 16 anni si classifica tra i top 100 single player del mondo ed è il secondo più giovane tennista ad averlo mai fatto. A 17 anni Nadal debutta a Wimbledon e si guadagna l'onore di essere il più giovane giocatore di sesso maschile ad aver raggiunto il terzo turno dal 1984, anno in cui ci di lì passò il sedicenne Boris Becker.

Nel 2003 Rafa Nadal arriva in finale a Cagliari dove viene sconfitto dall'italiano Filippo Volandri. Conquista il prestigioso challenger di Barletta e poche settimane dopo gioca il suo primo torneo Master a Montecarlo, passando 2 turni; questa performance gli permette di entrare fra i primi 100 al mondo. Debutta a Wimbledon e arriva fino al 3° turno. Dopo un mese è fra i top 50.

Nel gennaio 2004 raggiunge la sua prima finale ATP ad Auckland e un mese dopo esordisce in Coppa Davis nel match contro la Repubblica Ceca; perde con Jiri Novak, ma vince poi contro Radek Stepanek. Nel torneo Master Series di Miami ottiene una prestigiosa vittoria, affrontando e battendo al terzo turno, in due set, il numero uno del mondo Roger Federer; inizia qui quella che sarà una delle più grandi rivalità della storia del tennis. Ad agosto conquista a Sopot il secondo titolo ATP. Il 3 dicembre la sua vittoria su Andy Roddick è decisiva per il quinto trionfo della Spagna nella Coppa Davis e Nadal diventa il più giovane vincitore nella storia del trofeo. Chiude la stagione al 48esimo posto della classifica mondiale.

Il 2005 è l'anno della consacrazione. Conquista ben undici tornei in stagione (Costa Do Sauipe, Acapulco, Montecarlo AMS, Barcellona, Roma AMS, Open di Francia, Bastad, Stoccarda, Montreal AMS, Pechino, Madrid AMS) su dodici finali disputate (solo Roger Federer vince tanto quanto lui nel 2005), stabilisce il record di tornei Master Series vinti in un anno con 4 vittorie (record che condivide con Roger Federer vincitore di 4 tornei Master Series nella stessa stagione e nel 2006).

Al Master Series di Roma vince contro Guillermo Coria dopo una sfida infinita durata 5 ore e 14 minuti. Il 23 maggio batte in finale Mariano Puerta conquistando il suo primo Roland Garros e raggiunge la seconda posizione nella classifica ATP. Un infortunio al piede gli impedisce di disputare la Masters Cup di Shanghai.

Il 2006 si apre con il "forfait" di Nadal agli Australian Open sempre a causa degli stessi problemi fisici, ma al suo ritorno sui campi vince il torneo di Dubai in finale contro Roger Federer. Conquista nuovamente i tornei Master Series di Montecarlo e Roma, e batte in entrambe le occasioni Federer in finale. Conferma la vittoria del torneo casalingo di Barcellona e l'11 giugno 2006, nella finale del Roland Garros, battendo nuovamente il rivale svizzero, conquista il suo secondo torneo dello Slam. Con questo risultato, Nadal diviene il primo giocatore della storia a realizzare il cosiddetto "Slam rosso" (vittorie nei tre più prestigiosi tornei su terra rossa: Montecarlo, Roma, Parigi) per due anni di seguito, confermandosi uno specialista della superficie.

Dopo un inizio stentato (sconfitto tra l'altro agli Australian Open nei quarti di finale dal cileno Fernando Gonzalez) il 2007 di Nadal lo vede trionfare a marzo al Master Series di Indian Wells, battendo in finale il serbo Novak Djokovic, ad aprile al Master Series di Montecarlo, sconfiggendo per l'ennesima volta in finale Roger Federer, a Barcellona e di seguito in finale Guillermo Canas, e a maggio al Master Series di Roma, battendo in finale il cileno Fernando Gonzalez. Nel corso di questo torneo, inoltre, supera il record di 75 vittorie consecutive su un singolo tipo di terreno (nel suo caso la terra battuta) che era detenuto da John McEnroe.

Successivamente, al torneo di Amburgo, lo spagnolo perde la finale contro Roger Federer, fermando a 81 la sua striscia di vittorie consecutive sulla terra. In quell'occasione, a dimostrazione dei rapporti cordiali e di stima che legano i due rivali, Nadal vuole che Federer gli firmi la maglietta indossata durante l'incontro.

La rivincita sullo svizzero arriva dopo appena due settimane, al Roland Garros. Di nuovo assieme in finale come l'anno precedente, Nadal porta a casa per il terzo anno consecutivo il titolo (unico tennista dopo Bjorn Borg nell'era Open), con il punteggio di 6-3,4-6,6-3,6-4, cedendo proprio nell'ultima partita l'unico set perso nel torneo.

Incrementa la sua serie incredibile di vittorie all'Open di Francia, 21-0; di fatto è ancora imbattuto sulla terra di Parigi. Con questa vittoria il tennista maiorchino porta a 3 i titoli vinti nel grande Slam, in 13 partecipazioni (terzo nella statistica dopo John McEnroe e Jimmy Connors).

Detiene anche un altro record: nei 34 match disputati al meglio dei 5 set sulla terra, Nadal li ha vinti tutti.

Raggiunge di nuovo la finale del Torneo di Wimbledon e spaventa Roger Federer costringendolo per la prima volta in cinque anni ad un match di cinque set sull'erba londinese (7-6,4-6,7-6,2-6,6-2). Nelle dichiarazioni di fine gara lo svizzero affermerà: "meritava anche lui questo titolo".

In seguito Nadal vince a Stoccarda ma, come l'anno precedente, non brilla nella seconda parte di stagione e viene eliminato al 4° turno agli US Open dal connazionale Ferrer in 4 set. Chiude la stagione con la finale del torneo Master Series di Parigi Bercy (sconfitto da David Nalbandian per 6-4 6-0) e con una nuova semifinale alla Masters Cup di Shanghai (ancora battuto da Federer per 6-4 6-1). Per il terzo anno consecutivo chiude la stagione al secondo posto del ranking mondiale. Nella classifica ATP 2007 Entry Ranking di fine anno Rafael Nadal dista 1445 punti dal campione elvetico, il fenomeno maiorchino riesce a rosicchiare in un anno oltre 2500 punti al numero uno del mondo, uno dei distacchi minori da quando Roger Federer è il capofila.

Arriva il 2008 e Nadal partecipa al torneo ATP di Chennai, dove raggiunge la finale perdendo però contro il russo Mikhail Youzhny, in maniera molto netta (6-0, 6-1). Nonostante la sconfitta in finale, Nadal riesce a rosicchiare ulteriori punti a Roger Federer. Per la prima volta in carriera Rafael Nadal approda in semifinale agli Australian Open dove viene sconfitto dal sorprendente francese Jo-Wilfred Tsonga. Agli Australian Open guadagna ben 200 punti in classifica, e ad avvicinarsi ulteriormente a Roger Federer, riducendo la distanza a soli 650 punti (gennaio 2008). A marzo arriva ai quarti di finale del torneo di Dubai, sconfitto in due set (7-6, 6-2) da Andy Roddick, ma grazie alla concomitante sconfitta al primo turno di Roger Federer, si porta ad un minimo storico di 350 punti dal numero uno mondiale.

Il periodo non roseo dello spagnolo viene evidenziato dalla sconfitta al II turno del torneo di Rotterdam per mano dell'italiano Andreas Seppi in tre set abbastanza combattuti. Adesso per il maiorchino c'è da difendere un risultato molto importante : la vittoria del I Master Series stagionale di Indian Wells che si aggiudica in finale per 7-5 6-3 sul serbo Djokovic. Nadal arriva agevolmente agli ottavi di finale dove incontra il fresco finalista francese degli Australian Open Tsonga che si era aggiudicato la finale proprio a sue spese.

Dopo una partita molto combattuta lo spagnolo recupera uno svantaggio di 5-2 e servizio Tsonga al terzo e si aggiudica la partita per 6-7 7-6 7-5, vendicandosi della recente sconfitta. Nei quarti Rafa trova un altro avversario ostico che non ha mai battuto, James Blake. Anche in questo caso la partita arriva al III set e come nella precedente vince il muscoloso n°2 del mondo. La speranza di Nadal di eguagliare il risultato dello scorso anno si infrange contro lo scoglio n°3 del mondo Djokovic che lo batte in due set. Al torneo di Miami arriva in finale dopo aver sconfitto tra gli altri: Kiefer, Blake e Berdych; ma in finale è superato dal russo Nikolay Davydenko, che s'impone per 6-4 6-2.

Dopo aver giocato e vinto a Brema in Coppa Davis e contro Nicolas Kiefer, in aprile si aggiudica per la quarta volta consecutiva il Master Series di Montecarlo, dopo aver battuto in sequenza Ancic, Ferrero, Ferrer, Davvdenko e, in finale, Federer. Non solo; poco dopo, circa un'ora, si aggiudica sempre a Montecarlo insieme a Tommy Robredo il doppio battendo in finale la coppia M. Bhupathi-M. Knowles con il punteggio di 6-3,6-3. Il primo giocatore a fare la doppietta singolare-doppio a Montecarlo. Il poker arriva anche a Barcellona dove in finale sconfigge il connazionale Ferrer con il punteggio di 6-1 4-6 6-1. Al torneo masters series di Roma Nadal è sconfitto al secondo turno dal connazionale Juan Carlos Ferrero con il punteggio di 7-5 6-1. Hanno contribuito alla sconfitta di Nadal le sue non buone condizioni fisiche ed in particolare un problema al piede. E' la prima sconfitta dal 2005 di Nadal sulla terra rossa, prima di raggiungere la finale di un torneo su terra. L'ultimo ad aver battuto Nadal sulla terra rossa era stato Roger Federer nel 2007 nella finale del masters series di Amburgo.

Ad Amburgo vince per la prima volta battendo in finale con il punteggio di 7-5 6-7 6-3 il numero 1 del mondo Roger Federer, in semifinale aveva sconfitto Novak Djokovic, disputando una splendida partita. Al Roland Garros vince per la quarta volta consecutiva, per la prima volta senza perdere un set, spazzando via in finale Federer con l'incredibile punteggio di 6-1 6-3 6-0, eguagliando così il primato dello svedese Bjorn Borg che si era imposto per quattro volte di seguito dal 1978 al 1981 nel torneo francese. Al torneo ATP del Queen's, test di avvicinamento in vista di Wimbledon, Nadal si dimostra in grandissima forma anche sulla superficie - l'erba - che meno si confà alle sue caratteristiche. In finale sconfigge 7-6 7-5 Djokovic in una partita di altissimo spessore tecnico e spettacolare, diventando il primo spagnolo a conquistare un torneo sull'erba dopo la vittoria a Eastbourne di Andres Gimeno nel 1972.

Vola in Inghilterra: a Wimbledon arriva in finale dopo aver lasciato per strada un solo set (a Gulbis). In finale incontra il cinque volte campione e numero 1 del mondo Roger Federer, dopo una partita estenuante continuamente interrotta dalla pioggia, Nadal riesce a vincere per 6-4 6-4 6-7 6-7 9-7, dopo aver avuto ben 4 match point, interrompendo così l'incredibile striscia di vittorie sull erba (66) di Federer. Si tratta di risultato grandissimo, poichè da cinque anni Federer era padrone del All england club (2003-2007). Con la vittoria a Wimbledon manca pochissimo per diventare il nuovo numero uno al mondo.

Nel torneo Master Series di Cincinnati arriva in semifinale, ma viene sconfitto nettamente da un ritrovato Novak Djokovic (6-1, 7-5), numero tre al mondo. Grazie a questo risultato e alla concomitante ed inaspettata sconfitta di Federer al terzo turno, Nadal si assicura l'aritmetica certezza di diventare il nuovo numero uno del mondo della classifica ATP. Rafael Nadal è il 24° numero uno della storia del ranking, il terzo spagnolo dopo Juan Carlos Ferrero e Carlos Moya.

L'ufficialità del primo posto mondiale arriva il 18 agosto 2008, solo un giorno dopo aver conquistato la medaglia d'oro per la Spagna alle Olimpiadi di Pechino 2008.

Nel 2010 vince per la quinta volta il torneo di Roma Masters 1000, battendo in finale David Ferrer, eguagliando il record di 17 vittorie di Andre Agassi. Poche settimane dopo torna sul tetto del mondo vincendo per la quinta volta il Roland Garros (superando in finale lo svedese Robin Soderling).

Entra nella storia del tennis mondiale nel settembre dello stesso anno quando, vincendo lo US Open di Flushing Meadows, diventa il tennista più giovane di sempre ad aggiudicarsi il Grande Slam.

Rafael Nadal negli anni 2010

Nel 2011 eguaglia nuovamente un record dello svedese Bjorn Borg, quando all'inizio di Giugno vince il suo sesto Roland Garros, battendo in finale ancora una volta il rivale Federer; ma è nel 2013 che entra nella storia vincendo per l'ottava volta questo torneo. Dilaga l'anno successivo vincendo per la nona volta.

Dopo un ennesimo infortunio, il recupero nel 2015 sembra precario tanto che questo è un anno sfortunato, forse il peggiore della carriera dello spagnolo. Chiude il 2015 come numero 5 al mondo. Nel 2016 conquista un prezioso oro olimpico nel doppio ai Giochi di Rio, in Brasile. Arriva però un nuovo infortunio. Il 2017 inizia con un'inaspettata finale in un torneo Slam, quello australiano: manco a dirlo, si trova di nuovo davanti l'eterno rivale; questa volta è Federer a vincere, al 5° set. Nel mese di giugno vince ancora a Parigi: porta così il totale di vittorie del Roland Garros a 10.

Frasi di Rafael Nadal

4 fotografie

Foto e immagini di Rafael Nadal

Video Rafael Nadal

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Rafael Nadal ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Rafael Nadal nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Rafael Nadal

7 biografie

Nati lo stesso giorno di Rafael Nadal

Mondo Marcio

Mondo Marcio

Rapper italiano
α 1 dicembre 1986
Lady Gaga

Lady Gaga

Pop star statunitense
α 28 marzo 1986
Eder

Eder

Calciatore italiano
α 15 novembre 1986
Alessandra Amoroso

Alessandra Amoroso

Cantante italiana
α 12 agosto 1986
Alessandra Mastronardi

Alessandra Mastronardi

Attrice italiana
α 18 febbraio 1986
Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso

Pilota motociclistico italiano
α 23 marzo 1986
Chiara Galiazzo

Chiara Galiazzo

Cantante italiana
α 12 agosto 1986
Claudio Marchisio

Claudio Marchisio

Calciatore italiano
α 19 gennaio 1986
Cristina Chiabotto

Cristina Chiabotto

Conduttrice tv, showgirl e modella italiana
α 15 settembre 1986
Daniele Bongiovanni

Daniele Bongiovanni

Pittore italiano
α 11 aprile 1986
Dylan Dog

Dylan Dog

Indagatore dell'incubo
α 26 settembre 1986
Ellie Goulding

Ellie Goulding

Cantante inglese
α 30 dicembre 1986
Irina Shayk

Irina Shayk

Top model russa
α 6 gennaio 1986
Keeley Hazell

Keeley Hazell

Modella inglese
α 18 settembre 1986
Lana Del Rey

Lana Del Rey

Cantautrice e modella statunitense
α 21 giugno 1986
Lindsay Lohan

Lindsay Lohan

Attrice statunitense
α 2 luglio 1986
Luigi Di Maio

Luigi Di Maio

Politico italiano
α 6 luglio 1986
Megan Fox

Megan Fox

Attrice statunitense
α 16 maggio 1986
Melissa Satta

Melissa Satta

Showgirl tv italiana
α 7 febbraio 1986
Mia Ceran

Mia Ceran

Giornalista e conduttrice tv italiana
α 15 novembre 1986
Nancy Coppola

Nancy Coppola

Cantante italiana
α 21 luglio 1986
Oscar Pistorius

Oscar Pistorius

Paratleta sudafricano
α 22 novembre 1986
Robert Pattinson

Robert Pattinson

Attore inglese
α 13 maggio 1986
Usain Bolt

Usain Bolt

Atleta giamaicano
α 21 agosto 1986
Veridiana Mallmann

Veridiana Mallmann

Modella e showgirl brasiliana
α 13 giugno 1986