Biografie

Nicolás Maduro

Nicolás Maduro
Nicolás Maduro nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Nicolás Maduro

Biografia

Nicolás Maduro Moros nasce il 23 novembre del 1962 a Caracas, in Venezuela, da padre di origini ebraiche e madre di origini colombiane. Dopo avere lavorato per la Metropolitana di Caracas come autista, diventa sindacalista e, grazie a questa carica, entra a far parte del consiglio di amministrazione dell'azienda di trasporti pubblici della capitale del suo Paese.

L'impegno politico

Fondatore del Sindacato Metro de Caracas, negli anni Novanta si avvicina a Hugo Chàvez, che sta per candidarsi alla presidenza del Venezuela. Con il partito del MVR prende parte alla campagna elettorale del 1998 e viene eletto deputato all'Assemblea Nazionale Costituente che ha il compito di scrivere la nuova Costituzione.

Gli anni 2000

Nel 2000 viene eletto all'Assemblea Nazionale, per poi essere confermato nel 2005, anno in cui viene scelto anche come presidente del parlamento. Abbandona tale carica già nel corso del 2006 per entrare a far parte del governo in qualità di capo del Ministero del Potere Popolare per gli Affari Esteri.

Nel 2011 Nicolás Maduro viene scelto da Chávez come suo successore. Viene apprezzato per la sua realtà, oltre che per la sua capacità di intessere buoni rapporti con Jorge Rodriguez, Jesse Chacòn e Elìas Jaua, vale a dire gli altri esponenti della fascia del partito chavista più dura.

Dopo le elezioni presidenziali dell'ottobre del 2012 viene nominato vice presidente del Venezuela, prendendo il posto di Elìas Jaua.

La guida del Venezuela da Chávez a Nicolás Maduro

A dicembre, Hugo Chávez in un discorso alla nazione rende noto che le sue condizioni di salute, a causa del cancro che lo ha colpito, si stanno aggravando, e che per questo motivo sta per farsi ricoverare a Cuba. Il presidente invita il popolo a votare per Maduro nel caso in cui la situazione dovesse precipitare. Chávez muore il 5 marzo del 2013.

A questo punto Nicolás Maduro diventa presidente del Venezuela ad interim, annunciando nel contempo la sua candidatura alle elezioni che si svolgeranno poche settimane più tardi, scelto all'unanimità in qualità di candidato del Partito socialista.

Il 14 aprile del 2013 diventa ufficialmente il presidente del Venezuela, sconfiggendo Henrique Capriles Radonski, che tuttavia contesta l'esito delle votazioni. Il Consiglio Nazionale Elettorale, in ogni caso, sostiene la validità del responso delle urne.

La politica di Maduro

Una volta diventato presidente, Nicolás Maduro segue la scia lasciata da Chávez, proseguendo sull'onda del suo socialismo bolivariano. Tuttavia già nella seconda metà del 2013 egli deve fare i conti con proteste popolari piuttosto forti, dovute a una situazione economica sfavorevole e a una gestione complessiva del Paese segnata da accuse di corruzione.

Anche l'anno successivo le sommosse popolari proseguono, non senza vittime. Maduro, intanto, governa con quella che si definisce Legge Abilitante: in altri termini, emana leggi senza che queste debbano ricevere l'approvazione del Parlamento.

Nel settembre del 2014 egli rende noto l'intenzione del suo governo di investire poco meno di cinquanta milioni di bolivar nella realizzazione di sessanta nuovi centri di disarmo e quasi quaranta milioni di bolivar per il piano di disarmo che prevede il pattugliamento dei quartieri pericolosi da parte delle milizie della guardia nazionale.

Nel 2015 dà il la alla Olp, la Operaciòn Liberaciòn y Protecciòn del Pueblo, così da rendere più sicuro il Paese attraverso un'ingente campagna militare che presuppone lo schieramento di tremila soldati in uno degli Stati dell'America Latina in cui si riscontra il numero maggiore di omicidi.

La politica estera

Anche per quel che concerne la politica estera, Maduro non cambia la linea impostata dal suo predecessore, ma deve affrontare la crisi con gli Stati Uniti. L'amministrazione Obama, infatti, nei primi mesi del 2015 sottoscrive un ordine esecutivo con il quale vengono imposte delle sanzioni nei confronti di alcuni funzionari del Venezuela accusati di aver contribuito alla corruzione pubblica e alla persecuzione degli oppositori. Maduro, di fronte alle parole del presidente americano, che identifica il Venezuela come una straordinaria minaccia per gli Stati Uniti, risponde per le rime al titolare della Casa Bianca, invitandolo a cessare le azioni ostili nei confronti del suo popolo.

Il 6 aprile del 2015, più di trenta leader di Paesi di ogni angolo del mondo sottoscrivono la Dichiarazione di Panama, un manifesto di accusa contro il governo di Maduro. Tra i firmatari ci sono lo spagnolo José Maria Aznar, il colombiano Andrés Pastrana, il cileno Ricardo Lagos e il panamense Ricardo Martinelli.

Poche settimane più tardi, tra il Venezuela e la Colombia si innesca una crisi diplomatica relativa al Dipartimento di La Guajira, una zona marittima i cui confini sono in discussione.

Siamo nel momento più difficile, ma la nuova America latina è viva: nella forza del suo popolo, della piazza, dell'amore, che è la grande causa dell'umanità, come diceva il poeta Che Guevara. Fin dove siamo disposti a spingerci? Fino a dare la vita per questo: per costruire la vita ogni giorno. (Luglio 2016)

Le rivolte popolari del 2017

Nell'estate del 2017, il Venezuela è colpito da rivolte popolari che provocano numerose morti: il 31 luglio il premier italiano Paolo Gentiloni si riferisce al governo di Maduro come a un regime dittatoriale, rifiutandosi di riconoscere l'assemblea costituente del presidente venezuelano.

Frasi di Nicolás Maduro

6 fotografie

Foto e immagini di Nicolás Maduro

Video Nicolás Maduro

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Nicolás Maduro ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Nicolás Maduro nelle opere letterarie Libri in lingua inglese Film e DVD di Nicolás Maduro

9 biografie

Nati lo stesso giorno di Nicolás Maduro

Scialpi

Scialpi

Cantante italiano
α 14 maggio 1962
Alain Robert

Alain Robert

Scalatore e arrampicatore urbano francese
α 7 agosto 1962
Alberto Angela

Alberto Angela

Paleoantropologo e Conduttore TV italiano
α 8 aprile 1962
Alessandra Mussolini

Alessandra Mussolini

Politica italiana
α 30 dicembre 1962
Anna Maria Barbera

Anna Maria Barbera

Attrice e comica italiana
α 15 gennaio 1962
Anthony Kiedis

Anthony Kiedis

Cantante statunitense, Red Hot Chili Peppers
α 1 novembre 1962
Axl Rose

Axl Rose

Cantante rock statunitense
α 6 febbraio 1962
Baz Luhrmann

Baz Luhrmann

Regista australiano
α 17 settembre 1962
Biagio Izzo

Biagio Izzo

Attore italiano
α 13 novembre 1962
Billy Beane

Billy Beane

Dirigente sportivo statunitense
α 29 marzo 1962
Bruno Barbieri

Bruno Barbieri

Chef italiano
α 12 gennaio 1962
Chuck Palahniuk

Chuck Palahniuk

Scrittore statunitense
α 21 febbraio 1962
Cristiano De André

Cristiano De André

Cantautore italiano
α 29 dicembre 1962
David Fincher

David Fincher

Regista statunitense
α 28 agosto 1962
David Foster Wallace

David Foster Wallace

Scrittore statunitense
α 21 febbraio 1962
ω 12 settembre 2008
Dean Karnazes

Dean Karnazes

Atleta statunitense, ultra-maratoneta
α 23 agosto 1962
Demi Moore

Demi Moore

Attrice statunitense
α 11 novembre 1962
Elena Sofia Ricci

Elena Sofia Ricci

Attrice italiana
α 29 marzo 1962
Ferran Adrià

Ferran Adrià

Chef spagnolo
α 14 maggio 1962
Gabriele Oriali

Gabriele Oriali

Ex calciatore italiano
α 25 novembre 1962
Jim Carrey

Jim Carrey

Attore canadese
α 17 gennaio 1962
Jodie Foster

Jodie Foster

Attrice e regista statunitense
α 19 novembre 1962
Jon Bon Jovi

Jon Bon Jovi

Cantante e musicista statunitense
α 2 marzo 1962
Jordan Belfort

Jordan Belfort

Noto truffatore statunitense
α 9 luglio 1962
Kirk Hammett

Kirk Hammett

Chitarrista statunitense, Metallica
α 18 novembre 1962
Licia Colò

Licia Colò

Conduttrice TV italiana
α 7 luglio 1962
Luca Carboni

Luca Carboni

Cantautore italiano
α 12 ottobre 1962
Manuel Valls

Manuel Valls

Politico francese di origine spagnola
α 13 agosto 1962
Margherita Buy

Margherita Buy

Attrice italiana
α 15 gennaio 1962
Maria Grazia Cutuli

Maria Grazia Cutuli

Giornalista italiana, assassinata in Afghanistan
α 26 ottobre 1962
ω 19 novembre 2001
Massimo Giletti

Massimo Giletti

Conduttore tv italiano
α 18 marzo 1962
Massimo Giannini

Massimo Giannini

Giornalista e conduttore tv italiano
α 6 febbraio 1962
Massimo Bottura

Massimo Bottura

Chef italiano
α 30 settembre 1962
Michel Petrucciani

Michel Petrucciani

Pianista jazz francese
α 28 dicembre 1962
ω 6 gennaio 1999
Paolo Belli

Paolo Belli

Cantante italiano
α 21 marzo 1962
Paolo Longo

Paolo Longo

Pianista jazz e compositore italiano
α 19 luglio 1962
Pasquale Petrolo

Pasquale Petrolo

Attore, comico, autore e conduttore tv italiano
α 27 agosto 1962
Piero Pelù

Piero Pelù

Cantante italiano
α 10 febbraio 1962
Ralph Fiennes

Ralph Fiennes

Attore e regista inglese
α 22 dicembre 1962
Riccardo Rossi

Riccardo Rossi

Attore e personaggio tv italiano
α 24 ottobre 1962
Scarlett Von Wollenmann

Scarlett Von Wollenmann

Cantante britannica
α 27 febbraio 1962
Stefano Gabbana

Stefano Gabbana

Stilista e imprenditore italiano, fondatore di Dolce e Gabbana
α 14 novembre 1962
Tom Cruise

Tom Cruise

Attore statunitense
α 3 luglio 1962
Vincenzo Di Michele

Vincenzo Di Michele

Scrittore e giornalista italiano
α 23 settembre 1962
Vinny Paz

Vinny Paz

Ex pugile statunitense
α 16 dicembre 1962