Oggi: martedì 2 settembre 2014 » S. Elpidio
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Gabriella Carlucci

Vi presento il mio programma

Commenta
Gabriella Carlucci

Gabriella Carlucci è nata il 28 Febbraio 1959 ad Alghero, è sposata con l'avvocato Marco Catelli. Dal 1996 è diventata mamma di Matteo.

Nota soprattutto per le sue apparizioni televisive, che l'hanno vista alle prese anche con performance pericolose (come quando, partecipando alla trasmissione "Buona domenica" si sottoponeva a test e prove al cardiopalmo), pochi sanno che ha alle spalle una carriera accademica di tutto rispetto. Laureata in lingue e letterature straniere presso l'università di Roma, specializzazione inglese, tedesco e spagnolo, con votazione di 110 e lode, e con una tesi in letteratura nordamericana degli anni '30, ha conseguito anche una seconda laurea in Storia dell'arte (sempre presso l'Università degli studi di Roma), con una tesi sul restauro conservativo.

Nel 1982 e 1983 è stata Lecturer of Italian Literature presso la U.C.L.A., università della California Los Angeles, e ha pubblicato una tesi riguardante gli studi della letteratura nord americana. Nel 1983 e 1984 è stata assistente della cattedra di letteratura nord americana con la professoressa Bianca Maria Tedeschini Lalli presso l'Università degli Studi di Roma.

Nel 1983 ha iniziato appunto la carriera televisiva con Portobello, condotta dal compianto Enzo Tortora, per il quale curava i collegamenti con l'estero. Ha presentato le più importanti manifestazioni canore italiane: Azzurro, Festivalbar, Cantagiro, Festival di Sanremo nel 1988 e nel 1990. Si è divisa tra Rai e Mediaset (già Fininvest) con Cocco, Giallo, Luna di Miele, Piccolo Grande Amore e il già ricordato Buona Domenica. Ha condotto importanti serate quali il David di Donatello e Donna Sotto le Stelle. Dal 1998 conduce con Edoardo Raspelli su Rete 4 Mela Verde, con cui va alla scoperta delle più belle realtà agricole e gastronomiche d'Italia.

Nel 1993 è entrata nel mondo della moda con una serie di linee di abbigliamento: il pret a porter, gli abiti da sposa, gli accessori.

Ma Gabriella Carlucci è assai impegnata anche sul piano politico. Nel 1994 si è iscritta a Forza Italia, attirata dalle sirene berlusconiane e affascinata dai progetti di rinnovamento che il più discusso leader politico degli ultimi anni ha messo in cantiere. Gabriella Carlucci ha però molto saggiamente preferito occuparsi solo di quello che conosce bene, ossia il variopinto universo dello spettacolo.

Dal 1996 è diventata infatti Responsabile del Dipartimento dei Beni Culturali e dello Spettacolo per la regione Lazio, mentre nel 1999 ha fondato il Dipartimento Nazionale dello Spettacolo di Forza Italia. L'intensa attività politica a supporto dei candidati di Forza Italia impegnati nelle varie competizioni elettorali (Provinciali, Europee, Regionali) ha avuto come sbocco naturale la candidatura nel Collegio 24 della Puglia comprendente Trani, Corato, e Ruvo di Puglia.

Al temine di una campagna elettorale molto dura Gabriella Carlucci è dunque riuscita a diventare Onorevole, riscuotendo ben 33.887 consensi. Da quel momento, per mantenere fede al suo mandato, cercando di onorarlo nel migliore dei modi, ha cominciato ad occuparsi intensamente del territorio barese, attività che la tiene tuttora assai impegnata.

Nel 2010 si candida a sindaco di Margherita di Savoia (in provincia di Barletta-Andria-Trani), per le elezioni comunali, sostenuta da una coalizione di centrodestra, risultando poi eletta il 29 marzo con 5.641 preferenze.

Nel 2011 in pieno periodo di crisi economica lascia il suo partito (PdL) per approdare nell'UdC di Pier Ferdinando Casini.

Ultimo aggiornamento: 07/11/2011

Accadde oggi

2 settembre 1973
Felice Gimondi diventa Campione del mondo di ciclismo su strada: a Barcellona batte allo sprint finale Freddy Maertens e Luis Ocana.
Leggi l'articolo:
Felice Gimondi

Ha detto:

«Nel migliore dei casi uno regala quello che gli piacerebbe per sé, ma di qualità leggermente inferiore.»
Theodor_W._Adorno
Testo di Stefano Moraschini