Oggi: martedì 21 ottobre 2014 » S. Orsola
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Alberto Angela

Passato presente

Commenta

Figlio del più noto e inossidabile Piero, Alberto Angela è nato a Parigi il giorno 8 aprile 1962. La sua nascita francese e il fatto di aver accompagnato il padre nei suoi molti viaggi intorno al mondo gli hanno fruttato una formazione cosmopolita, tale per cui è un ottimo conoscitore delle più importanti lingue europee.

Deciso a seguire le orme del padre, campione della divulgazione scientifica, esordisce in televisione nel 1990, realizzando "Albatros", un programma in dodici puntate per la Rtsi, la Televisione della Svizzera Italiana, riproposto poi in Italia da TeleMontecarlo.

Non si pensi però che l'approccio di Alberto a questo tipo di tematiche sia frutto di improvvisazione; tutt'altro. Il suo curriculum di studi è infatti di tutto rispetto, degno di un vero e proprio scienziato. Diplomatosi alla Scuola francese, consegue poi la laurea in Scienze Naturali all'Università "La Sapienza" di Roma con 110 e Lode, più un premio per la tesi; ha poi frequentato diversi corsi di specializzazione presso alcune delle più prestigiose Università statunitensi.

In seguito, si è dedicato per alcuni anni all'attività di ricerca sul campo, partecipando a spedizioni internazionali di paleoantropologia (una branca che studia gli antenati dell'uomo), in località come lo Zaire, la Tanzania, l'Oman e la Mongolia. In quest'ultimo paese, in particolare, in pieno deserto del Gobi, si è dedicato alla ricerca di resti di dinosauri e di mammiferi primitivi.

Ma Alberto Angela non si è limitato solo a studiare e a girare per il mondo. E' autore di un saggio sulle nuove tecniche interattive nei musei scientifici ("Musei e mostre a misura d'uomo", Armando editore, 1988), e continua a lavorare in questo settore partecipando alla progettazione di musei e di mostre oltre ad aver firmato, insieme al padre, diversi volumi di divulgazione scientifica di grande successo. Inoltre, svolge regolarmente attività di collaborazione con quotidiani, settimanali e mensili fra i più prestigiosi. Nella sua molteplice attività editoriale, si è anche occupato della realizzazione di alcuni cd-rom, riuscendo a dimostrare come passione per l'antico e attenzione per il moderno si possano felicemente coniugare.

Per la televisione ha invece ideato, scritto e condotto in studio, assieme al padre, il programma "Il pianeta dei dinosauri", trasmesso da Rai Uno nel 1993, una serie a puntate sempre improntate alla più rigorosa, ma anche straordinariamente divertente (come nella tradizione degli Angela), divulgazione scientifica. Perfetto conoscitore di numerose lingue, ha realizzato lui stesso i suoi interventi anche in francese ed i inglese, per le vendite all'estero del programma (acquistato da una quarantina di Paesi). Infine, è uno degli autori di programmi come "Superquark", "Quark speciale" e "Viaggio nel cosmo".

E' inoltre autore e conduttore di "Passaggio a nord ovest", ormai giunto a numerose edizioni, e del recentissimo "Ulisse", andato in onda nel 2001 su Rai Tre. Per tale programma Alberto Angela ha vinto il Premio Flaiano per la TV.

Nel '98 e' stato il conduttore sul campo della versione italiana della serie "Big cat diary" dedicata ai grandi felini africani, realizzata in coproduzione tra la Rai e la Bbc e girata interamente nel Parco Nazionale di Masai Mara, in Kenya.

E' in preparazione una collaborazione con la National Geographic Society per una serie dedicata al mare.

Attualmente fa parte del gruppo di lavoro impegnato nella realizzazione del futuro Museo della Scienza della città di Roma.

Fra le curiosità circa la sua attività che si possono segnalare, una in particolare ci rende orgogliosi come italiani: il prestigioso Museo di Storia Naturale di New York gli ha richiesto di prestare la propria voce per la versione italiana di un filmato realizzato con sofisticate tecnologie di realtà virtuale e dedicato all'esplorazione dell'Universo. Per la versione inglese di questo filmato, proiettato quotidianamente nel Museo, hanno prestato la voce personaggi come Tom Hanks, Harrison Ford, Jodie Foster, Liam Neeson, e altri ancora.

Alberto Angela è membro dell'Istituto Italiano di Paleontologia Umana di Roma e del Centro Studi e Ricerche Ligabue di Venezia.

Ultimo aggiornamento: 10/07/2003
Foto di Alberto Angela

Accadde oggi

21 ottobre 1977
Debutta al cinema in Italia il primo film di Guerre Stellari (Capitolo IV: "Una nuova speranza")
Leggi l'articolo:
Guerre Stellari

Ha detto:

«Nei momenti critici una sigaretta porta più sollievo che i vangeli.»
Emil_Cioran
Testo di Stefano Moraschini