Oggi: mercoledì 10 febbraio 2016 » S. Scolastica
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Reeva Steenkamp

Commenta

Reeva Steenkamp è la modella sudafricana tristemente nota per essere stata uccisa dal fidanzato Oscar Pistorius il giorno di San Valentino del 2013.

Lui, famosissimo a livello planetario per aver partecipato alle Olimpiadi con le sue gambe artificiali gareggiando contro i normodotati, avrebbe sparato pensando che di avere di fronte a sé un ladro.

Reeva Steenkamp era conosciuta soprattutto come cover girl del magazine sudafricano FHM e come volto dei noti cosmetici Avon.

Proprio il giorno prima della sua tragica morte scriveva su Twitter "Cosa avete in serbo per il vostro amore domani?".

La sua relazione con il connazionale campione paralimpico era cominciata solo da circa due mesi. Nello stesso periodo avrebbe dovuto partecipare a un reality show televisivo dal titolo "Tropika Island of Treasure".

Nata il 19 agosto del 1983 Reeva Steenkamp è cresciuta in un piccolo borgo alla periferia di Cape Town, prima di trasferirsi con i genitori ancora bambina a Port Elizabeth. Qui ha iniziato ha poi compiuto gli studi fino ad arrivare a frequentare la facoltà di Legge dell'University di Port Elizabeth.

Una volta conseguita la laurea ha iniziato la sua carriera come assistente in uno studio di avvocati, ma è poi divenuta famosa come modella, soprattutto grazie ai già citati FHM e Avon.

Reeva Steenkamp è morta alla giovane età di 29 anni.

Ultimo aggiornamento: 14/02/2013
Foto di Reeva Steenkamp

Accadde oggi

10 febbraio 2005
Istituito un anno prima, si commemora il primo "Giorno del ricordo", in memoria delle vittime delle foibe, gli eccidi contro gli italiani della Venezia Giulia e della Dalmazia, occorsi durante la Seconda guerra mondiale perpetrati per motivi etnici e politici.

Ha detto:

«Io non amo la gente perfetta, quelli che non sono mai caduti, non hanno inciampato.
A loro non si è svelata la bellezza della vita.»
Boris_Pasternak
Testo di Stefano Moraschini