Oggi: giovedì 24 aprile 2014 » S. Fedele da Sigmaringa
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Carlo Lucarelli

Giallo, noir e blu notte

Commenta
Carlo Lucarelli

Nato il 26 ottobre 1960 a Parma, lo scrittore "noir" ormai di culto del patrio panorama letterario (a giudizio di molti assai stantìo), attualmente vive tra Mordano, in provincia di Bologna, e San Marino. La sua capacità di mescolare sapientemente generi diversi tra loro ottenendo risultati sorprendenti è ormai nota e lo ha ampiamente accreditato non solo presso il pubblico ma anche fra gli "addetti ai lavori" (registi e sceneggiatori).

La conseguenza è che ormai Carlo Lucarelli, abituato a muoversi fra torbidi intrighi con quella sua faccia da bravo ragazzo non più solo sulla carta ma da qualche anno anche in televisione - con la fortunata trasmissione "Blu notte" - non ha più il tempo neanche per guardarsi allo specchio.

Il suo percorso narrativo parte da lontano, e un'occhiata alla sua scheda biografica lo conferma: si va dai racconti brevi sparsi nelle varie antologie del "Gruppo 13" (di cui fa parte) alla fortunata trilogia giallo-storica con il commissario De Luca pubblicata da una casa prestigiosa come Sellerio (si tratta dei tre bei romanzi: "Carta bianca", "L'estate torbida" e "Via delle Oche").

Carlo Lucarelli è un vulcano. Non è certo il classico scrittore chiuso nella sua torre d'avorio uso ad osservare il mondo da una splendida distanza, ma è uno che si sporca le mani, che viaggia e che fa una miriade di cose. E' membro della sezione italiana dell'AIEP (Associazion Internazional Escritor de Poliziaco, fondata a Cuba da Paco Ignatio Taibo II) e dell'Associazione Scrittori-Bologna, ma è anche docente di scrittura creativa sia alla Scuola Holden di Alessandro Baricco a Torino, che nel carcere "Due Palazzi" di Padova. E' inoltre curatore della rivista telematica "Incubatoio 16".

Lucarelli ha vinto il "Premio Alberto Tedeschi" con il romanzo "Indagine non autorizzata" nel 1993, il "Premio Mistery" con "Via delle Oche" nel 1996 e con il romanzo "L'isola dell'Angelo Caduto" è stato finalista al "Premio Bancarella" nel 2000, anno in cui ha portato a casa il "Premio Franco Fedeli". I suoi romanzi sono stati tradotti per la prestigiosa Série noir della Gallimard, in Francia.

Collaboratore della collana "Stile libero" di Einaudi - nella quale sono inseriti i suoi romanzi "Il giorno del lupo", "Almost Blue" e "Guernica" - ne cura la selezione noir insieme a Luigi Bernardi.

Come ricordato, il più venduto scrittore giallo del momento ha condotto per la RAI il programma televisivo "Mistero in Blu" successivamente intitolato "Blu notte". In ogni puntata Lucarelli narra di un caso insoluto di omicidio come fosse un giallo. Il successo della trasmissione e del suo conduttore è confermato dalla spassosa imitazione che Fabio De Luigi, insieme al trio Aldo, Giovanni e Giacomo, hanno fatto nell'edizione 2003 di "Mai dire domenica".

Tra le sue numerose altre attività Lucarelli scrive sceneggiature di fumetti e soggetti per videoclip (uno dei più recenti: per Vasco Rossi, con la regia di Roman Polanski) e canta talvolta con il gruppo post-punk "Progetto K".

Dal suo racconto "La tenda nera" è stato tratto uno sceneggiato televisivo con Luca Barbareschi, e dal suo romanzo "Almost blue", il regista Alex Infascelli ha tratto il film omonimo. Carlo Lucarelli ha inoltre collaborato con Dario Argento per il film "Non ho sonno". Il suo libro "Lupo mannaro" è diventato un film di Antonio Tibaldi, con sceneggiatura sua e di Laura Paolucci.

Lucarelli è sempre in movimento da un capo all'altro dell'Italia, senza contare le presenze estere. Partecipa volentieri a quante più manifestazioni e incontri letterari può (soprattutto se dedicati alla letteratura gialla e noir). Quasi tutti i suoi romanzi sono stati tradotti e pubblicati in Francia, Olanda, Grecia, Spagna, Germania e Norvegia.

Uno dei suoi lavori più recenti è "Un giorno dopo l'altro" nel quale riprende il personaggio Grazia Negro apparso per la prima volta in "Lupo mannaro" e successivamente in "Almost blue".

Ultimo aggiornamento: 25/10/2004

Accadde oggi

24 aprile 1184
E' in questa data che secondo la tradizione gli antichi greci guidati da Ulisse entrano a Troia servendosi di un cavallo di legno. Sebbene la storia epica di Omero sia ricca di invenzioni, contiene numerosi indizi che hanno portato 3.000 anni più tardi l'archeologo Schliemann alla scoperta di Troia.
Leggi la biografia:
Heinrich Schliemann

Ha detto:

«Chi non punisce il male comanda che lo si faccia.»
Leonardo_da_Vinci
Testo di Stefano Moraschini