Biografie

Eddie Van Halen

Eddie Van Halen
Libri in lingua inglese Film e DVD di Eddie Van Halen Discografia

Biografia L'invenzione, il successo e l'eccesso

Edward Lodewijk, detto Eddie van Halen, nasce ad Amsterdam, il 26 gennaio del 1955. Chitarrista e compositore olandese, ormai statunitense d'adozione, è il leader dello storico gruppo rock omonimo, definito come uno dei più grandi di sempre. Al suo nome è accostata la tecnica chitarristica del "tapping", di cui si dice sia stato l'inventore. In realtà, il bravo chitarrista l'ha perfezionata, facendola diventare una parte fondamentale del rock in genere e di tutti quegli assolo di chitarra che si dicono comunemente "rock", "hard rock" ed "heavy metal", dando al "numero", per così dire, anche dei fondamenti armonici.

Nella famiglia van Halen la musica è qualcosa di più di un semplice hobby. Sin dai tempi di Nimega, città dei Paesi Bassi nella quale il piccolo Eddie vive fino all'età di sette anni, nella loro casa si sentono suonare diversi strumenti. Il padre, tra l'altro, che alleva praticamente da solo tutti i suoi figli, è un buon musicista jazz. Il futuro leader dei Van Halen comincia dal pianoforte, si accosta alla batteria ma è all'età di dodici anni incontra il suo grande amore: la chitarra. È il fratello maggiore Alex a fargliene dono. Questi, al momento di formare il primo gruppo, passa alla batteria, mentre il terzo figlio dei van Halen si dà da fare come tecnico.

Nel 1962 si trasferiscono negli Usa, a Pasadena. I futuri fratelli Van Halen apprendono a piene mani da gruppi come i Beatles e i Led Zeppelin. Tuttavia, di grande ispirazione per Eddie si rivelano i Cream di Eric Clapton e, soprattutto, il modo di suonare di un altro grande della chitarra, Jimmy Page. Si racconta che il chitarrista dei futuri Van Halen abbia "creato", per così dire, il tapping, proprio durante lo studio di un brano di Page. Non riuscendo a farlo proprio, avrebbe cominciato a battere con entrambe le mani sulla tastiera della chitarra, ottenendo quella serie di intervalli ampi e febbrili, di cui si dice che il musicista olandese sia stato l'inventore. In verità, come già detto, esempi di tapping, benché in forma differente, si hanno già nel secolo XIX, come nel Capriccio n. 24 del grande Niccolò Paganini. Barney Kessel, jazzista straordinario, ne dà un saggio in alcune sue esibizioni dal vivo, datate anni '60. Stessa cosa avrebbe fatto il chitarrista dei Genesis Steve Hackett, nel brano "Dancing With The Moonlit Knight".

Ad ogni modo, è solo intorno al 1975, dopo l'incontro con il bassista Michael Anthony e con il cantante David Lee Roth, che nasce un vero e proprio gruppo. Da principio, si chiama "Mammoth", mentre sarebbe stato solo successivamente, in occasione del loro primo contratto, che si sarebbero dati il nome di "Van Halen". A scoprirli, è il bassista dei Kiss, Gene Simmons. Questi li mette in contatto con la famosa casa Warner. Nel 1978 esce il loro primo album, ad oggi il più bello della storia della band. Si intitola semplicemente "Van Halen", e contiene alcuni dei brani che hanno reso celebre il chitarrista Eddie, come "Eruption", nel quale il tapping la fa da padrone.

Il successo è istantaneo. Lo stile innovativo, il talento di Eddie e la grande capacità da frontman di Roth, carismatico e vero animale da palcoscenico, si rivelano vincenti.

L'anno dopo pubblicano l'album "II", il quale contiene il singolo di successo "Dance the night away", mentre è del 1980 il loro album meno commerciale, ma molto sperimentale: "Women and children First". Quest'ultimo lavoro contiene un altro singolo molto apprezzato, "And the cradle rock".

Nel 1981 Eddie Van Halen sposa l'attrice Valerie Bertinelli, dalla quale ha un figlio nel 1991, che chiama, in onore del grande compositore austriaco Mozart, Wolfgang.

Nel 1983, a conferma del loro successo, i Van Halen si guadagnano una voce sul Guinness dei Primati per l'apparizione più pagata nella storia (almeno fino agli anni '90). All'US Festival, il cachet dei Van Halen è di 1 milione di dollari. Quello stesso anno però il produttore della Warner ed Eddie litigano e decidono di separarsi. Il chitarrista e leader della band vuole più indipendenza nella composizione e dà vita, proprio per questo, ai "5150 Studios", sede di tutti gli altri album dei Van Halen. La scelta si rivela azzeccata e nel 1984 esce l'album "1984", l'unico in grado di avvicinarsi al successo del loro disco d'esordio. Qui, Eddie suona anche le tastiere e il loro singolo, "Jump", in breve tempo balza in testa alle classifiche.

All'apice del successo però il cantante Dave "Diamond" Roth lascia la band, per dedicarsi alla propria carriera da solista. Nel 1985, la scelta del nuovo cantante ricade su Sammy Hagar, proveniente dai Montrose. Il nuovo sodalizio dura undici anni. Il loro primo album di questo periodo si chiama come gli studios appena nati: "5150", datato 1986. È il disco più venduto dell'era Hagar ed è anche il primo album a raggiungere la prima posizione in classifica, almeno negli Usa.

Escono "Why Can't This Be Love, OU812" nel 1988 e "When It's Love", ma è solo con "For Unlawful Carnal Knowledge", nel 1991, che la band torna sulla cresta dell'onda. Questo disco, è l'unico che permette alla band di Eddie Van Halen di aggiudicarsi dei premi, come il "Grammy Award" per il migliore album Hard Rock dell'anno, oltre al riconoscimento di miglior video datogli dal canale MTV per il singolo "Right Now". Di questo periodo è anche il loro unico disco live.

Nel 1996 arriva un nuovo cambio. Mentre la band registra la colonna sonora del film "Twister", il cantante Sammy Hagar viene escluso dai lavori. Due anni dopo, viene scelto Gary Cherone, proveniente dagli Extreme. La scelta non si rivela vincente. L'album "Van Halen 3", sperimentale, scontenta i fan, vendendo di meno dei precedenti. Di lì a poco il gruppo si scioglie, dopo un concerto tenuto alle Hawaii, anche a causa dei problemi di salute di Edward Van Halen.

Si capisce ben presto che senza un frontman di grande livello la strada per ritornare in vetta è piuttosto dura. Nel 1996 allora, il gruppo cerca di riavere il suo cantante storico, David Lee Roth, che ritorna in un loro lavoro con un suo contributo vocale, comparendo in due brani della raccolta "The Best of Van Halen, Vol. 1". Ma i litigi riprendono e il gruppo non riesce a ricomporsi.

Passano diversi anni, fino a che non si riprova con Hagar, richiamato nel 2003 per l'album "The Best of Both Worlds", una raccolta di successi con l'aggiunta di tre nuovi inediti con Hagar alla voce.

Sembra la strada giusta, e il tour 2004, con Hagar in prima linea, si rivela positivo, dando alle casse della band oltre 55 milioni di dollari. Tuttavia, è proprio in questi anni che Eddie comincia ad avere seri problemi con l'alcol, cosa che causa anche la definitiva uscita di scena di Hagar.

Nel 2006, il bassista Michael Anthony viene cacciato dal gruppo. Al suo posto arriva il figlio di Eddie, Wolfgang Van Halen. Inseriti nella Hall of Fame nel 2007, i Van Halen annunciano proprio in quell'anno che il loro leader si trova in un centro, per riabilitarsi dalla dipendenza dall'alcol. Quello stesso anno, il chitarrista e la moglie divorziano definitivamente.

Ad oggi i Van Halen sono una delle cinque band rock di sempre, ad aver composto più di un album registrato in studio che è riuscito a vendere oltre 10 milioni di copie negli Usa. Mentre Eddie Van Halen è considerato dalla rivista Rolling Stone alla posizione numero 70, in una classifica che comprende 100 tra i migliori chitarristi della storia. Inoltre, lo storico giornale ha dichiarato l'album d'esordio che porta lo stesso nome della band, tra i migliori 500 di sempre.

Frasi di Eddie Van Halen

3 fotografie

Foto e immagini di Eddie Van Halen

Video Eddie Van Halen

Commenti

Dopo aver letto la biografia di Eddie Van Halen ti invitiamo a lasciare un commento, qui: sarà utile ai visitatori, alla redazione e a un confronto tra opinioni diverse. L'opinione può essere soggettiva ma può in ogni caso fornire spunti preziosi.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Libri in lingua inglese Film e DVD di Eddie Van Halen Discografia

9 biografie

Nati lo stesso giorno di Eddie Van Halen

Guinness dei primati

Guinness dei primati

Fenomeno editoriale internazionale
α 27 agosto 1955
Pupo

Pupo

Cantautore e conduttore tv italiano
α 11 settembre 1955
Platinette

Platinette

Conduttore radiotelevisivo, personaggio tv e cantante
α 4 novembre 1955
Adelmo Fornaciari

Adelmo Fornaciari

Cantautore e musicista italiano
α 25 settembre 1955
Angela Finocchiaro

Angela Finocchiaro

Attrice italiana
α 20 novembre 1955
Anna Finocchiaro

Anna Finocchiaro

Politica italiana
α 31 marzo 1955
Bill Gates

Bill Gates

Imprenditore statunitense, fondatore di Microsoft
α 28 ottobre 1955
Billy Idol

Billy Idol

Cantante rock inglese
α 30 novembre 1955
Bruce Willis

Bruce Willis

Attore statunitense
α 19 marzo 1955
Debra Winger

Debra Winger

Attrice statunitense
α 17 maggio 1955
Diego Abatantuono

Diego Abatantuono

Attore italiano
α 20 maggio 1955
Donatella Versace

Donatella Versace

Stilista italiana
α 2 maggio 1955
Donatella Rettore

Donatella Rettore

Cantante italiana
α 8 luglio 1955
Enrico Mentana

Enrico Mentana

Giornalista italiano
α 15 gennaio 1955
Francesco Nuti

Francesco Nuti

Attore e regista italiano
α 17 maggio 1955
Gene Gnocchi

Gene Gnocchi

Comico e presentatore tv italiano
α 1 marzo 1955
Grazia Di Michele

Grazia Di Michele

Cantante italiana
α 9 ottobre 1955
Hector Cuper

Hector Cuper

Allenatore di calcio argentino
α 16 novembre 1955
Ignazio Marino

Ignazio Marino

Medico chirurgo e politico italiano
α 10 marzo 1955
Isabelle Adjani

Isabelle Adjani

Attrice francese
α 27 giugno 1955
Jacopo Fo

Jacopo Fo

Scrittore, attore, regista, fumettista, blogger e attivista italiano
α 31 marzo 1955
Jay McInerney

Jay McInerney

Scrittore statunitense
α 13 gennaio 1955
Jeff Koons

Jeff Koons

Artista statunitense
α 21 gennaio 1955
Kevin Costner

Kevin Costner

Attore e regista statunitense
α 18 gennaio 1955
Lele Mora

Lele Mora

Agente dello spettacolo italiano
α 31 marzo 1955
Leonid Afremov

Leonid Afremov

Pittore bielorusso
α 12 luglio 1955
Livia Turco

Livia Turco

Politica italiana
α 13 febbraio 1955
Mariano Rajoy

Mariano Rajoy

Politico spagnolo
α 27 marzo 1955
Mario Castelnuovo

Mario Castelnuovo

Cantautore italiano
α 25 gennaio 1955
Martin Schulz

Martin Schulz

Politico tedesco
α 20 dicembre 1955
Michel Platini

Michel Platini

Calciatore francese
α 21 giugno 1955
Nicolas Sarkozy

Nicolas Sarkozy

23° Presidente della Repubblica francese
α 28 gennaio 1955
Ornella Muti

Ornella Muti

Attrice italiana
α 9 marzo 1955
Pier Ferdinando Casini

Pier Ferdinando Casini

Politico italiano
α 3 dicembre 1955
Pino Daniele

Pino Daniele

Cantautore italiano
α 19 marzo 1955
ω 4 gennaio 2015
Riccardo Illy

Riccardo Illy

Imprenditore e politico italiano
α 24 settembre 1955
Ricky Tognazzi

Ricky Tognazzi

Attore e regista italiano
α 1 maggio 1955
Roberto Maroni

Roberto Maroni

Politico italiano
α 15 marzo 1955
Steve Jobs

Steve Jobs

Informatico statunitense, fondatore di Apple Inc.
α 24 febbraio 1955
ω 5 ottobre 2011
Susanna Camusso

Susanna Camusso

Dirigente sindacale italiana, CGIL
α 14 agosto 1955
Tim Berners-Lee

Tim Berners-Lee

Informatico inglese, inventore del World Wide Web
α 8 giugno 1955
Vasco Errani

Vasco Errani

Politico italiano
α 17 maggio 1955
Vauro Senesi

Vauro Senesi

Vignettista italiano
α 24 marzo 1955
Walter Veltroni

Walter Veltroni

Politico italiano
α 3 luglio 1955
Whoopi Goldberg

Whoopi Goldberg

Attrice statunitense
α 13 novembre 1955
Willem Dafoe

Willem Dafoe

Attore statunitense
α 22 luglio 1955