Giulia Bongiorno

Giulia Bongiorno

Giulia Bongiorno

Biografia Vincere in difesa

Giulia Bongiorno nasce a Palermo il giorno 22 marzo 1966. Conseguita la laurea in Giurisprudenza diviene avvocato penalista nel 1992 (iscritta all'Ordine degli Avvocati dal 16 luglio 1992, appartenente al foro di Roma). È molto giovane quando entra a far parte del collegio di difesa di Giulio Andreotti, accusato di associazione mafiosa. In tale occasione Giulia Bongiorno è assistente di Franco Coppi, difensore principale, in entrambi i processi contro Andreotti (iniziati nel 1993 e durati dieci anni, si sono svolti a Perugia e a Palermo). La grande risonanza mediatica dei processi, dovuti alla popolarità e alla fama dell'imputato, danno all'avvocato Bongiorno grande notorietà a livello nazionale.

Un indice che sottolinea la popolarità acquisita viene anche dalla seguitissima trasmissione satirica televisiva "Striscia la notizia", nella quale l'imitatore Dario Ballantini fa di Giulia Bongiorno un'imitazione irriverente quanto comica, creando di fatto un personaggio televisivo.

Nel periodo successivo alla fine del processo Andreotti, tra gli altri clienti illustri difesi da Giulia Bongiorno vi sono Piero Angela, in un processo per diffamazione, Sergio Cragnotti e il calciatore Stefano Bettarini, quest'ultimo accusato di scommesse illecite. Anche il popolarissimo Francesco Totti si è affidato a lei in seguito alla sua squalifica dal campionato Europeo del 2004 (per l'episodio in cui lo si vede sputare in direzione del danese Poulsen).

Giulia Bongiorno e l'impegno politico

Il 2006 è l'anno in cui entra in politica, candidandosi e venendo eletta deputata alla Camera, nelle file di Alleanza Nazionale. Nell'ambito del mandato è stata membro della Commissione giustizia e del Consiglio di Giurisdizione.

In seguito alla nomina parlamentare Giulia Bongiorno non smette di esercitare la professione forense. Tra gli altri difende Vittorio Emanuele di Savoia nell'ambito di un'indagine legata al casinò di Campione d'Italia: è accusato di associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e al falso, e associazione a delinquere finalizzata allo sfruttamento della prostituzione. Difende poi il magistrato Clementina Forleo, coinvolta da un lato nella querelle riguardante le pressioni subite da alcuni politici durante le indagini su scalate bancarie e, dall'altro, nell'azione disciplinare dovuta al presunto utilizzo illegittimo di alcune intercettazioni telefoniche.

Nel mese di giugno del 2007 l'avvocato si è anche occupata della pratica di separazione del leader di An Gianfranco Fini dalla moglie Daniela Di Sotto.

Nel 2008 nell'ambito del delitto Meredith Kercher, che tanta risonanza ha avuto a livello sia italiano che internazionale, ha assunto la difesa di Raffaele Sollecito, uno dei principali indagati, imputato insieme ad Amanda Knox. La vicenda di grande rilievo mediatico del delitto di Perugia del 2007 porta all'inizio del mese di ottobre 2011, l'avvocato Giulia Bongiorno a far ottenere che Raffaele e Amanda vengano liberati e scagionati dalle accuse di omicidio.

L'impegno sociale

Impegnata anche nel sociale, Giulia Bongiorno ha fondato insieme a Michelle Hunziker l'associazione onlus "Doppia difesa", in aiuto delle donne vittime di abusi e maltrattamenti.

Nel luglio 2010 lascia il gruppo parlamentare del PdL alla Camera, per aderire al movimento guidato da Gianfranco Fini, Futuro e Libertà. Il 22 gennaio del 2011 dà alla luce il suo primo figlio. Tra i vari ruoli di rilievo c'è anche quello di essere membro del Consiglio di Amministrazione della Juventus Football Club.

Ministro della Repubblica

Dopo il 2013 lascia il partito Futuro e Libertà per operare in modo indipendente. Entra nel 2018 nelle file della Lega, il partito guidato da Matteo Salvini. Dopo le elezioni del 4 marzo 2018, con la formazione (a giugno) del governo guidato da Giuseppe Conte, Giulia Bongiorno viene scelta per essere a capo del Ministero per la Pubblica Amministrazione.

Frasi di Giulia Bongiorno

3 fotografie

Foto e immagini di Giulia Bongiorno

Commenti

Nota bene
Biografieonline non ha contatti diretti con Giulia Bongiorno. Tuttavia pubblicando il messaggio come commento al testo biografico, c'è la possibilità che giunga a destinazione, magari riportato da qualche persona dello staff di Giulia Bongiorno.

Domenica 3 ottobre 2021 06:47:55

Buongiorno avvocato Buongiorno,
Ho bisogno di un avvocato per la difesa di mio figlio con urgenza, ha la prima udienza il 2/2/22, è accusato dial padre di tentato omicidio ed estorsione… purtroppo ho avuto nella separazione un avvocato dove NON sono stata tutelata per niente.. non ho ottenuto nulla è per di più ho tutto da risolvere, purtroppo questo di mio figlio è una conseguenza di tutto ciò che il padre ci ha fatto.. rovinato a tutti.. lui si gode la vita con il giro di prostitute, e noi a difenderci dagli attacchi che ci fa.. la prego mi risponda.. vorrei sapere a distanza di 3/4 mesi dall’udienza si può cambiare avvocato.. ? Il mio numero e il 340-------, a mia e-mail e; -------

Domenica 8 agosto 2021 09:21:14

Separazione da una straniera


Il messaggio l'ho lanciato ieri sono disperato

Martedì 13 aprile 2021 17:49:20

Problemi di debiti


Salve Avv. Buongiorno, mi chiamo Rosalia Gaziano sono di Palermo ho problemi di debiti ho avuto un'attività ma mi ha portato alla fine dei debiti, si è indebitato anche mio marito per cercare di pagare i debiti, hanno pignorato lo stipendio di mio marito, sono ne guai, mi hanno presentato un avvocato per procedere all legge 3 /2012 ma non ci sono riusciti ancora sto pagando, mi creda le parlo con il cuore in mano, non riusciamo più a vivere la prego ci aiuti, le porgo i miei saluti

Martedì 9 febbraio 2021 13:48:11

A questo punto dico davvero di averne sentite di tutti i colori, come si suol dire.
Abbiamo anche l importante contributo che potrebbe dare Conte al nuovo governo.
Ma mi faccia il piacere!!!

Domenica 7 febbraio 2021 14:55:30

Contatti con la gentma avvto bongiorno mi chiamo Daniela Gandolfi e desidero fortemente parlare con Lei che è una donna umanissima, dolcissima e sensibilissia ma le sue maleducatissime segretarie di milano e di roma non me lo permettono


gent, mna avvto bongiorno mi chiamo daniela gandolfi e come avrà visto dall'oggetto deesidero fortemente incontrarla x spiegarle immiei problemi ma le sue segretarie di milano e r0ma non me lo permettono. sono rimasta solav al mondo perche' quel disgraziato del mio ex marito e le mie figlie che ho cresciuto da sola con tanto amore perche' appunto lui non c'era mai ed era sempre fuorim conb altre donne, amici; moto, macchine di lusso e ora anche le mie ingrate figlie non mi rivolgono piu' la parola ed io sono disperata. so che ha fondato un? associazione con psicologhe insieme a michelle hunziker a roma, ma io ho assolutamente bisogno di parlare con lei!!! la supplico mi aiuti e se sara' il caso faremo delle denunce (se possibile in grauito patrocinio) ., mi ncontri la prego. le do i miei contatti:: daniela gandolfi di 65 anni cell 334 2207009 (non ho whats app ma solo sms) oppure mi contatti gentilmente sulla mia mail: ------- e x ora domiciliata a savona in via -------, 30 ma residente a genova ancora x poco in via -------, 1 int. 5 scala a 2° piano e penso entro la fine del mese sempre genova in via ------- zona voltri.. la supplico, aspetto un suo cortese contatto x incontrarci dove lei preferisce, non mi abbandoni anche lei perche' nela mia disgraziata vita ho gia' tentato 5 suicidi., con tanto affetto aspetto un suo cortese appuntamento. grazie di cuore!!! daniela gandolfi

Domenica 7 febbraio 2021 12:00:48

Soccombere


Avv buon giorno, mi scusi se la disturbo ma sono tanto disperata, sono una Mamma e di nascosto mi sento muovendo senza che mia figlia si aggiunge, r da troppo che lei e violenta psicologicamente da questo marito che ne approfitta drlla situazione x che sa che lei non può lasciarlo in quanto non potrebbe fare fronte al quotidiano (hanno due figli di, 8, e, 3 anni) lei non riesce a trovare un lavoro che le possa consentire di guardare con gli orari anche i duoi figli. ORA IO MI DOMANDO FATE TANTA PUBBLICITÀ FI DENUNCIARE MA FORSE NON CAPITE CHE SE NON CI SONO LE CONDIZIONI. NOI DONNE PURTROPPO SAREMO SEMPRE VITTIME DI QUESTI UOMINI PADRONI. LEI NON DA CHE IO STO CHIEDENDO AIUTO MA NON CE LA FACCIO PIÙ A VEDERLA SOFFRIRE E NON VORRRI METTETE IN UNA CASSA MIS FIGLIA, LA PREGO AVVOCATO GIULIA LA AIUTI. LE CHIEDO SCUSA SE L'HO DISTURBATA IL MIO CELL È 348------- buona giornata

Martedì 26 gennaio 2021 16:13:39

Come funziona il ricorso al consiglio di stato


Salve sen. Giulia Bongiorno, io sono un cittadino che ha querelato diversi magistrati, tra cui la PRESIDENTE della corte d' appello di Firenze Margherita Cassano, la consorte di colui che ha indagato sul caso Ruby, ed altri.
A tale querele il csm mi ha risposto affermando che non sono responsabili di interpretazioni di norme compiuti dai magistrati... nonostante abbi evidenziato il conflitto di interesse (marito e meglio nello stesso tribunale di Prato).
Trovo assurdo inoltre che la PRESIDENTE Margherita Cassuno mentre polemizzava con l' onorevole Matteo Salvini, non abbia mai risposto al sottoscritto alle mie richiesta di provvedimenti disciplinari nei CONFRONTI di diversi magistati, responsabili, a mio avviso, di dolo e abuso di potere nei miei CONFRONTI (causa civile di quale anno fa').
Premesso tutto cio' vorrei sapere al riguardo come funziona la nuova riforma che da' la possibilita' di rivalsa nei CONFRONTI dello stato.
Questo tipo di ricorso necessita di un legale?
Il termine di tre anni parte da quando la causa e' passata in giudicato o da quando sono state archiviate le querele nei CONFRONTI dei magistrati?
Grazie

Giovedì 21 gennaio 2021 18:17:03

Spero di un suo intervento per un problema di commissariamento di una cooperativa edilizia


Avv chi le scrive e un pensionato di 80 anni per raccontarle delle cose che succedono solo in questoa nostra Italia, da circa trenta anni sono assegnatario di un alloggio di una cooperativa a proprieta indivisa, nel 2014 i burocrati del ministero ci hanno commisariato con un commissario che per 4 anni non si e mai fatto vedere o sentire nel 2018 ci manda una e mail alla quale ad un debito della cooperativa di circa ventiseimila euro si sono aggiunti altri ventimila chiesti di sua parcella, ad una nostra richiesta di dividere le spese per dodici soci ci ma nda dei conteggi strampalati alla quale otto soci devono pagare 5. 800., euro uno 2900, ooeuro e altri quqattro solo 147, oo euro conti strampalati per una cooperativa indivisa, le dico pure che nelle prima e mail ci chiese 200euro pro capite per spese di gestione, e poi venti euro al me se a dimendicavo in piena pandemia da gennaio 2020 ci chide un aumento di 10 euro al mese allora senatrice o scritto a parecchi politici che quando ci sono le elezioni, di dicono caro amico ma nessuno si degnato di rispondere le dico solo che ce minaccia di messa all, asta degli alloggi entro Aprile. aiuto ? Aiuto.

Domenica 17 gennaio 2021 18:11:59

Bambini sottratti


Mi rivolgo a lei senatrice Bongiorno x esporle un grave problema. Lei si batte contro la violenza sulle donne, e quale peggior violenza c è di portar via i figli ad una mamma?. Qua a Cuneo a luglio 2020 sono stati sottratti 4 fratelli di 16 14 11 e 6 anni e rinchiusi in altrettante case famiglia tranne la piccola affidata ad una famiglia e sa perché? Perché la mamma ha denunciato il papà x abusi sui minori. Qua è stata fuori l alienazione parentale la bigenitorialità, la legge 54 del 2006 che andrebbe abolita subito. Dapprima vengono tolti alla mamma e consegnati ai nonni paterni i quali li han sempre minacciati di mandarli in comunità se non avessero ritrattato le accuse al padre. Questi ragazzi erano uniti tra loro ora soffrono tantissimo subiscono pure perizie psichiatriche il bambino è terrorizzato lo stanno veramente massacrando non è più lui. Le chiedo Avvocato e senatrice se può far qualcosa x questo caso e x tutti i bambini come loro, Bibbiano è in tutta Italia. La mamma si Chiama Alma Badino. i figli più grandi Francesco e Caterina Ricca ora che son riusciti ad impossessarsi di un cell scrivono il loro dolore su Facebook (xché in comunità il cell viene tolto subito). Se vuole il numero della mamma me lo chieda e le verrà dato. L avvocato della mamma Domenico Morace. Il tribunale di questo scempio è di Torino. La ringrazio di cuore
Dalmasso Margherita cell. 348-------

Lunedì 7 dicembre 2020 19:59:10

Sentenza risarcimento danno per tentato femminicidio


Buongiorno avvocato, mia figlia ha ricevuto oggi sentenza secondo la quale le spetta un importante risarcimento danni per tentato femminicidio. La parte condannata però è nullatenente. Le chiedo fortemente di prendere in considerazione di darmi la possibilità di incontrarla per esporle la situazione. Mia figlia ed io siamo disposte a venire anche a Roma ma è per noi importante parlare direttamente con lei per esporle nel dettaglio la situazione. Resto fiduciosa di una sua positiva risposta.
Cordiali saluti
MT Bosio
Cell. 347-------

Mercoledì 25 novembre 2020 14:32:08

Buongiorno
In occasione della giornata contro la violenza sulle donne Le chiedo aiuto per condividere la mia personale campagna. Grazie per l attenzione. Mi può anche chiamare 346-------

*Affitto*

https: //www. gofun dme. com/f/exg s97-affitto?

Giovedì 19 novembre 2020 22:42:38

Sono un avvocato di Roma di 86 anni, disperato per la totale assenza sia della Giustizia che di Giudici validi. Ho, recentemente, dovuto seguire una causa molto semplice. resa complessa e caotica da continui errori di due Giudici togati donne, di una architetta CTU del Tribunale e di un consulente di parte. Gli errori hanno causato gravi danni alla mia cliente sia per stress sia e soprattutto per le ingenti spese di condanna, mentre le controparti hanno continuato liberamente a godere
senza alcuna condanna, pur essendo più che chiaramente responsabili e colpevoli. L'unica soluzione, purtroppo inattuabile, sarebbe quella di cacciare gli incapaci !
E dobbiamo continuare così. Avrebbe Lei una diversa soluzione ? Adieu Avv. Pietro

Giovedì 19 novembre 2020 15:24:50

Buongiorno avv Bongiorno sono la dott ssa Nunzia Mangiapane Vice Procuratore Onorario della Procura di Palermo, immagino che riceviate migliaia di richieste di sostegno e di aiuto in questo periodo, ma la situazione di cui vorrei parlarle va ben oltre l assurdo e il paradossale, ma d altra parte in Italia in questo momento c e' ben poco di normale e regolare.
Non so se lei gia' conosce la nostra condizione, ma credo di si, quella della Magistratura Onoraria, penso che nessun lavoratore o categoria sia tanto bistrattata come questa, reggiamo piu'del 80% della Giustizia Italiana, senza di noi tutti i tribunali d Italia si bloccherebbero eppure lavoriamo per lo Stato senza che alcun diritto ci venga riconosciuto, noi non abbiamo diritto a una previdenza, maternita, MALATTIA!!!
Nonostante la Corte di GiustiziaEuropea ci abbia riconosciuto, il Governo e' assolutamente sordo a questo.
La ragione che oggi mi ha spinto a rivolgermi a lei e" che purtroppo cosi come era prevedibile, alcuni nostri colleghi oggi si sono ammalati per Covid a causa del servizio che svolgiamo nei Tribunali, senza alcun tipo di tutele, senza malattia, senza niente!!!
Alcuni sono ricoverati in ospedale senza alcun RISTORO O INDENNITA' con figli mutui da pagare e famiglia in mezzo ad una strada...
E' un assurdita' e' un paradosso nel paradosso che proprio noi veniamo chiamati a condannare piccoli imprenditori che hanno omesso di mettere in regola i loro operai, quando lo stesso Stato non fa altrettanto con i suoi operatori!!!
Siamo carne da macello, chiediamo condanne fino a 10 anni di reclusione per truffatori, spacciatori, estorsori affiliati della mafia, pedofili, senza alcuna tutela e per poche centinaia di euro alla faccia dell autonia e dell indipendenza della Magistratura!!!
Ogni Magistrato Onorario tratta in media anche 50 processi in un giorno per 75 euro al giorno e non tutti i giorni, senza di noi la Giustizia Italiana sarebbe alla deriva eppuro mai questi Governi che si sono susseguiti negli anni hanno inteso seriamente risolvere questa questione, finche oggi il BUBBONE e' arrivato davanti alla Corte di Giustizia Europea, ma nonostante tutto, questa paradossale e vergognosa condizione perdura!!!
Eppure nonostante cio' noi siamo quelli che garantiscono da almeno da 20 anni a questa parte, con il nostro instancabile lavoro quel po di serenita' e di tranquillita' nelle strade e nelle case degli Italiani.
Comunque Avv Bongiorno a gran voce e a nome di tutta la Magistratura Onoraria volevamo chiederle se lei o chi per lei potesse aiutarci a dare rilievo alle nostre condizioni e a racontare l ingiusta storia dei servitori della Giustizia Italiana.
Sappiamo che lei e' una persona combattiva e giusta e crediamo fermamente che potrebbe darci una mano in un momento cosi tragico per noi e per tutti!

Buongiorno avv Bongiorno sono la dott ssa Nunzia Mangiapane Vice Procuratore Onorario della Procura di Palermo, immagino che riceviate migliaia di richieste di sostegno e di aiuto in questo periodo, ma la situazione di cui vorrei parlarle va ben oltre l assurdo e il paradossale, ma d altra parte in Italia in questo momento c e' ben poco di normale e regolare.
Non so se lei gia' conosce la nostra condizione, ma credo di si, quella della Magistratura Onoraria, penso che nessun lavoratore o categoria sia tanto bistrattata come questa, reggiamo piu'del 80% della Giustizia Italiana, senza di noi tutti i tribunali d Italia si bloccherebbero eppure lavoriamo per lo Stato senza che alcun diritto ci venga riconosciuto, noi non abbiamo diritto a una previdenza, maternita, MALATTIA!!!
Nonostante la Corte di GiustiziaEuropea ci abbia riconosciuto, il Governo e' assolutamente sordo a questo.
La ragione che oggi mi ha spinto a rivolgermi a lei e" che purtroppo cosi come era prevedibile, alcuni nostri colleghi oggi si sono ammalati per Covid a causa del servizio che svolgiamo nei Tribunali, senza alcun tipo di tutele, senza malattia, senza niente!!!
Alcuni sono ricoverati in ospedale senza alcun RISTORO O INDENNITA' con figli mutui da pagare e famiglia in mezzo ad una strada...
E' un assurdita' e' un paradosso nel paradosso che proprio noi veniamo chiamati a condannare piccoli imprenditori che hanno omesso di mettere in regola i loro operai, quando lo stesso Stato non fa altrettanto con i suoi operatori!!!
Siamo carne da macello, chiediamo condanne fino a 10 anni di reclusione per truffatori, spacciatori, estorsori affiliati della mafia, pedofili, senza alcuna tutela e per poche centinaia di euro alla faccia dell autonia e dell indipendenza della Magistratura!!!
Ogni Magistrato Onorario tratta in media anche 50 processi in un giorno per 75 euro al giorno e non tutti i giorni, senza di noi la Giustizia Italiana sarebbe alla deriva eppuro mai questi Governi che si sono susseguiti negli anni hanno inteso seriamente risolvere questa questione, finche oggi il BUBBONE e' arrivato davanti alla Corte di Giustizia Europea, ma nonostante tutto, questa paradossale e vergognosa condizione perdura!!!
Eppure nonostante cio' noi siamo quelli che garantiscono da almeno da 20 anni a questa parte, con il nostro instancabile lavoro quel po di serenita' e di tranquillita' nelle strade e nelle case degli Italiani.
Comunque Avv Bongiorno a gran voce e a nome di tutta la Magistratura Onoraria volevamo chiederle se lei o chi per lei potesse aiutarci a dare rilievo alle nostre condizioni e a racontare l ingiusta storia dei servitori della Giustizia Italiana.
Sappiamo che lei e' una persona combattiva e giusta e crediamo fermamente che potrebbe darci una mano in un momento cosi tragico per noi e per tutti!

Giovedì 12 novembre 2020 17:53:58

Senatrice, le chiedo di aiutarmi, sono una persona di 79 anni alla quale, le dico che saranno 79 anni alla quale dico solo che c'è una famiglia al piano superiore che tutti i giorni e una lotta continua ma ora sarebbe molto lungo da scrivere per favore mi contatti le voglio spiegare il perché di tutto questo, le posso solo dire che mi ha fatto parecchie querele ed io e mia moglie non viviamo, per piacere mi aiuti. La saluto con simpatia ci faccia vivere per gli ultimi anni in santa pace

Venerdì 23 ottobre 2020 00:44:29

Buon giorno avvocato sono un suo ammiratore, sin dalle vicissitudine dell'Onorevole Andreotti. sono di POZZALLO, IL PAESE DI GIORGIO LA PIRA. Che ho avuto il piacere e l'onore di conoscerlo personalmente (da giovane, ho lavorato al panificio della sorella.). Ho esordito ho esordito come pseudo scrittore, con la mia autobiografia l'anno scorso. Alla veneranda età di 83 anni suonati. E il mea scorso con "L'ITALIA CHE VA. ". Non vuol essere una richiesta per pubblicizzare i libri (per questo ne è pieno il WEB, e ci pensa l'Editore). Vuol essere una presentazioni dei fatti gravissimi. DI "MALASANITA'".. Che hanno fatto in modo che mia MOGLIE, prima si paralizzasse al 100%. Settembre 2019. Diverse persone, che avrebbero dovuto aiutarla, invece hanno contribuito a ciò. Importante le date. Non era tempo di corona virus. Con l'avvento dei decreti del virus (NOI ABBIAMO FATTO I TAMPONI DUE VOLTE. Sempre negativi.), quando dopo aver subito un'intervento alla cervicale. RIUSCITO. INCOMINCIAVA già a camminare. Il neuro chirurgo, nella lettera di dimissioni, si raccomandava di iniziare subito la RIABILTAZIONE. 28/02/2020. Era prenotata per la riabilitazione, il 02/03/2020. Si blocca tutto. Viene lasciata a casa per due mesi. Il 16 aprile, chiamo il 118 perché si era ulteriormente aggravata e con un blocco intestinale. Dopo aver visitato la paziente e letto la lettera di dimissioni.
Chiedono a me cosa volevamo fare. Loro medici ! Decidono di lasciarla a casa. "se dovesse peggiorare richiamate. ". Quattro giorni, dopo, Il 20 aprile, si riaprono i ricoveri. Il 26 aprile, riceviamo una telefonata dell'avvenuto decesso. Ed ecco il collegamento al libro. gli ultimi tre capitoli sono dedicati a questo. Tutto documentato. una famiglia distrutta. Io ho versato tante lacrime sul computer, mentre ultimavo di scrivere "L'ITALIA CHE VA! ". libro iniziato come libro denuncia, quasi un anno prima. e che poi mi ha portato a fare il cronista descrivendo tutto ciò che succedeva durante il giorno. Se ha la pazienza di leggere questa E-mail, come prima cosa le chiedo scusa per il DISTURBO. Secondo, se è possibile farmi sapere cosa ne pensa. E per ultimo un consiglio. Se l'ho disturbata, cestini pure la presente. Non si preoccupi, che non la prenderò a male. Specie con quello che abbiamo trascorso, ormai sono TEMPERATO! Se invece sono riuscito a stimolare la sua curiosità PROFESSIONALE, SONO DISPONIBILE AD INVIARLE UNA COPIA ONLINE DEL LIBRO.. NATURALMENTE SENZA IMPEGNO. D. S. Giovanni Iacono

Sabato 17 ottobre 2020 21:27:29

Buonasera Avvocato Bongiorno, mi scusi se la disturbo per un problema che sicuramente riterrà futile, per me sta diventando una malattia e ho bisogno di una persona competente come lo è lei che mi dia un consiglio ora le spiego: diversi anni fa ho fatto causa a Poste ITALIANE DELLA QUALE sOCIETà ERO DIPENDENTE, PERCHè AVEVO SVOLTO MANSIONI SUPERIORI, LA PRIMA CAUSA LA PERSI E TRALASCIO IL MOTIVO, BENCHè GLI AVESSIMO SPIEGATO CHE SVOLGEVO COME SECONDO INCARICO LA CONTABILITà DI TUTTO IL PERSONALE DEL MIO UFFICIO, VALE A DIRE PRIMA iSPETTORATO SERVIZI POSTALI IN FINE iNTERNAL aUDITING, ci fecero poi il corso di contabilità computerizzata, fino a quel momento tutto ciò che lo riguardava veniva scritto a mano basandoci su codici en precisi, ovvero le presenze avevano un codice gli straodinari un altro e così via, guarda caso ho perso la prima causa così soho fatto ricorso, il giudice all'epoca sentite le parti ha messo il come CTU il Dott. Borromeo, per capire quali erano le cifre a me dovute, fin qui tutto liscio, perchè il giudice d'Appello mi ha dato ragione. Un anno dopo Poste è ricorso in Cassazione e i giudici hanno rimandato tutto all'Appello perchè a della dell'Avvocato Maresca e non solo, la mia Dirigente dell'epoca ha dichiarato che avevo solo mansioni d'Ufficio e raramente uscivo come collaboratore. Capisco che ogniuno porta l'acqua al proprio mulino, ma dichiarare il falso per me è troppo, ho addirittura collaborato con il Procuratore della Repubblica di Civitavecchia Dott. La Rosa a causa di due dipendenti infedeli per fortuna siamo riusciti a metterli fuori e grazie alla testimonianza della sottoscritta, ora il 23 p. v. il mio Avvocato dice che cercherà di far capire ai Giudici di Cassazione quello che realmente era il mio lavoro ma non mi ha dato molte speranze che posso fare oltre che pregare il Buon Dio? La prego può dirmi come possiamo muoverci. Grazie per tutto e accetti i miei più cordiali salutie mi scuso anche se troverà degli errori purtroppo la mia vista non è più quella di una volta grazie anche ai computers dell'Olivetti.

Domenica 4 ottobre 2020 20:01:18

Io sto con Matteo salvini sempre

Domenica 4 ottobre 2020 17:12:39

Avvocato la volevo ringraziare per aver difeso Salvini e con lui il popolo italiano. Lei è una grande donna e un avvocato eccellente. Avessi avuto lei nella mia causa di separazione dopo tradimenti e traumi forse mi sarei liberata dall'incubo di avere ancora un marito immaturo e prepotente i sasa. Purtroppo il giudice così ha deciso. Separati ma nella stessa casa. E io e i miei figli continuamo a subirre. Grazie per tutti gli impenitente verso le donne. Complimenti e auguri di una pronta guarigione. Con affetto e stima.

Lunedì 21 settembre 2020 11:42:44

Buongiorno avvocato.. Perché scrivo a lei? perché mi trovo in una situazione senza soluzioni: sono una mamma una nonna (ma nonna per modo di dire) perché i nipotini non li ho mai visti, e neanche mia figlia si è isolata oppure è stata la solata subito dopo il matrimonio 28/06/2014) Sono 6 anni che vivo male o vivo con senso di colpa che non ho fatto tutto o non sto facendo niente. ho aspettato forse troppo, non volevo essere la suocera impicciona, e mia figlia si è allontanata da tutta la famiglia: non si sente con fratello, con il nonno. Io prendo insulti, offesi, umiliazione ogni volta che vado a suonare nel campanello. Sono stata al centro antiviolenza, ma fino che mia figlia non denuncia non posso fare niente, io in casa loro non sono mai entrata e non posso dire o vedere come vive. So che con me e arrogante, maleducato, falso. I genitori di mio genero non collaborano, li ho chiesto aiuto, ma nessuna risposta. mi sono rivolta ai assistenti sociali, ma neanche la non va niente, non trovano un accordo con mia figlia, Mi sono rivolta da un avvocato ma mi ha detto che visto che mio genero lavora in guardia di finanza lui non vorrebbe avere dei problemi, Il cerchio è chiuso: io come mamma come nonna come posso fare ? Io seguo Lei e ammiro la sua onestà, coerenza, forza nella lotta antiviolenza delle donne. grazie 1000, spero tanto che lei mi risponde, Cordiali saluti. Elena

Giovedì 17 settembre 2020 08:15:05

Buongiorno Avv. Bongiorno.,
Le scrivo in questo spazio per sapere se Lei possa aiutarmi. Mio marito, sottufficiale della Polizia di Stato e ora, disabile 100% in seguito ad un aneurisma, ha subìto un grave torto da parte di un congiunto. Vorrei chiederle cosa poter fare per rendergli giustizia.
Spero mi possa aiutare.
La ringrazio infinitamente e, nella speranza di una Sua risposta, porgo i miei migliori saluti.
Luisella Depedri

Sabato 12 settembre 2020 16:02:25

Gentilissimo avvocato
Sono Michele e le scrivo per renderle nota la situazione che vivo, a tratti e non continuamente, dal 2005 ad oggi.
Come tante persone in Italia ma anche all'estero, ne sono prova gli articoli disponibili su internet e i gruppi sui socials, sono vittima di electronic harassment e controllo mentale. Tramite tecnologia occulta come satelliti spia nascosti nell'etere, mi si legge il pensiero e si tenta di suggestionare e manipolare le mie scelte tramite emissione di voci, che odo solo io in quanto target/obiettivo.
Io a causa di ciò sono stato costretto a chiedere le dimissioni 6 anni fa e da allora non lavoro più (immagini quindi il danno). Ho subito queste vessazioni in Salento e Lombardia dove ho vissuto per oltre 10 anni. Prima che capissi che si trattasse di mind control ed electronic harassment, grazie alle testimonianze presenti su internet e sui social, visto che non tutti ne sono vittime e che sono poco conosciuti come sistemi illegali ed illeciti, sotto consiglio di alcuni ho cominciato ad usare psicofarmaci che non hanno nessun effetto perché non si tratta di voci interne alla mia testa ma prodotte da satelliti ed altra tecnologia occulta. Un caso conosciuto in Italia che somiglia al mio è quello del prof. Giotti. Io sono stato vittima di questi sistemi anche in Inghilterra e Svizzera.
Le chiedo di farmi interrompere gli psicofarmaci che hanno solo effetti collaterali e di prendere a cuore il mio caso in quanto vittima o degli stati in cui ho vissuto (o regioni) o delle multinazionali (come mandanti) in cui ho lavorato nonché università in cui ho studiato. Ovviamente chiedo risarcimento danni.
Grazie 😀🤩

Sabato 12 settembre 2020 14:20:52

Buon giorno ho bisogno del suo aiuto, dove posso inviarle dei file?
le invio la mia mail ------- cell 333-------

grazie cordiali saluti R. M

Sabato 1 agosto 2020 18:55:39

Buonasera AVVOCATO scritto appositamente maiuscolo per la sua carica che trasmette, l'essere precisa e di polso. Il processo che certi bastardi hanno deciso per Matteo Salvini è da considerare una porcata autorizzata, spero che Lei riuscirà a far condannare certi banditi e dovranno dire mea culpa. Lamorgese anche essa deve essere denunciata perchè non è stata processata ha trattenuto i migranti per piu' giorni di Salvini? ? Deve passare anche essa per i processi qui non ci sono figli e figliastri, finchè non cade questo governo della malora dobbiamo assistere a scene a dir poco scellerate. Tutti d'accordo con Palamara per abolire Salvini hanno fatto di tutto, sono schifosi venduti, intanto Palamara è finito anche questo sporco individuo dovrebbe avere un processo a vita con una condanna esemplare. PD governo della malora hanno portato l'Italia nelle fogne. ora arriverà anche la denuncia per pandemia colposa al Sig. Conte da parte dell'Avvocato Taormina, saltero' di gioia perchè lascerà la poltrona. Un saluto per la sua grande professionalità, forza dobbiamo annientare i pidioti. Buon lavoro.

Sabato 1 agosto 2020 07:10:38

Buongiorno dottoressa Giulia Bongiorno, mi chiamo Valentina Giorgi ed oggi dopo ben 17 giorni da incubo mi trovo a scrivere anche a lei per avere il suo aiuto.
Mio marito molto più astuto di me e di tanti altri uomini prima di arrivare ad un divorzio tra persone civili, mi ha registrato mentre litigavamo depositando le mie registrazioni come maltrattamenti famigliari nei suoi confronti e nei confronti di nostro figlio. Io nel giro di 10 giorni ho perso Figlio, casa e vita. Sono seguita da un avvocato penalista e nonostante abbiamo portato al primo interrogatorio perizia neuropsichiatra negativa, foto e testimoni che mostravano che queste violenze non ci fossero l'allontanamento da mio figlio non è stato revocato. Ho bisogno del suo aiuto perché anche se non ho subito una violenza fisica togliendomi mio figlio è come se mi avessero sparato. La prego mi contatti al più presto. Grazie Valentina Giorgi

Lunedì 29 giugno 2020 02:41:57

Gent. ma Avv GIULIA BONGIORNO mi chiamo Daniela Gandolfi nata a Milano il 10/7/1955 e residente a savona in via -------, 30 cap 17100, La disturbo perche' avrei necessariamente bisogno di contattarLa perche' sono disperata, sola e abbandonata da tutti e la sua fondazione di roma non vuole bassolutamente mettermi in contatto con Lei ed insistono a darmi il loro aiuto psiologico che x i miei problemi non nserve a niente. Io ho tanti guai con la legge perchè dopo il fallimento di una cartolibreria acquistata in provinìcia di caserta in quei 4 anni disgraziatimin cui ho vissuto laggiu'! ! Quando Lei era ministro Le scrissiuna mail al ministero con la mia disgraziata storia e la sua segretaria gentilissima mi ha contattato dicendomi che era rimasta molto colpita da dalla mia disperata vita ma che non poyìteva mostrargliela xkè lei era troppo impegnata politicamente ma che cmq Lei era una donna dolcissima e sensibilissima e se avesse letto il mio racconto sicuramenbte avrebbe provveduto ad aiutarmi. Ora che non è piu' ministro puo' gentilmente contattarmi e magari fissarmi un appuntamento agli studi mdi milano. le sue dipendenbti di roma sono cafone e maleducate come bquelle della fondazione onlus. LA SUPPLICO X CARITA' CRISTIANA MI CONTATTI E MI ASCOLTI DI PERSONA! ! SONO VERAMENTE NEI GUAI E RICEVO VIOLENZA PSICOLOGICA DA PARTE DEL MIO COMPAGNO. LE ANTICIPO SOLO UNA COSA: HO GIA' TENTATO 3 SUICIDI PURTROPPO NON RIUSCITI MA SE LEI NON MI CONTATTA E NON MI AIUTA IO CI RIPROVO, SOLO CHE QUESTA VOLTA NON RICORRO PIU' AI FARMAI MA MI BUTTO SOTTO AD UN TRENO COSI' SONO SICURA DI MORIRE E FINIRE DI SOFFRIRE!!! LA SUPPLICO X CARITA' CRISTIANA NON MI ABBANDONI!!! DANIELA GANDOLFI CELL 334 ------- (non nho whats app ma solo sms). Potrebbe darmi mil suo numero di telefono e le prometto che se lei dovesse decidere di non aiutarmi non la disturbero' mai piu'! Glielo giuro! ! Mi dia anche gentilmente la Sua mail privata. vale lo stesso discorso del telefono ed io non voglio pu' avere contatti con i suoi subalterni ma conb LEI!!! LA SUPPLICO IN GINOKKIO!!! GRAZIE MILLE! ! DANIELA GANDOLFI VIA -------, 30 17100 SAVONA EMAIL: ------- LA ASPETTO CON ANSIA QUALCHE GG E POI PROCEDO NEL MIO INTENTO: GRAZIE ANCORA E SCUSI IL DISTURBO!!! DANIELA GANDOLFI

Lunedì 22 giugno 2020 21:35:53

Buona sera Avvocato, vorrei parlarle della mia storia fatta di abusi di potere e continue vessazioni da anni sul luogo di lavoro non so più che fare x porre fine a tutto questo mi aiuti se può. In attesa Porgo Cordiali saluti

Sabato 20 giugno 2020 22:47:11

Gent, ma Avv. Bongiorno, sono la mamma di un disabile psichico, ospite in una Rsd. Nessuno pare voglia occuparsi della situazione dei ns. ragazzi in tempo di Covid. Sono sequestrati, Prigionieri dentro le strutture, A causa dei rapidissimi protocolli nessuno puo' entrare e loro non possono più uscire. Mio figlio e' da mesi che mi chiede: mamma quando mi porti a casa? Io gli ho spostato innumerevoli date, ma di fatto non c'e' fine a questa tragedia. Ora per tutti c'e' una ripresa, le persone escono, andranno in vacanza... e loro dietro un cancello senza poter riprendere una pseudo normalita' a cui prima si aggrappano, con il rientro in famiglia settimanale. E' ingiusto, insensato ed anche crudele. Lui non ce la fa più e nemmeno io... Mi sono appellato a tutti, capi dei partiti, giornalisti persino il ns. Presidente della repubblica. Nessuno ha avuto la cortesia di rispondermi. Mi affido a Lei, come e' possibile che dei cittadini"speciali" non abbiano gli stessi diritti degli altri? La salute fisica e' importante ma anche quella mentale. Mi aiuti, per favore, mi sento persa, non voglio che mio figlio resti isolato dal mondo dietro un cancello in attesa di cosa? Che finisca l'epidemia? Che si trovi un vaccino? Lui non potrebbe capire ed io neppure. Grazie per la sua cortese attenzione, attendo fiduciosa un suo gradito riscontro. Una mamma ormai disperata

Venerdì 19 giugno 2020 20:24:49

Ho bisogno del suo aiuto per un ricorso in cassazione

Mercoledì 10 giugno 2020 23:39:54

Il caso:
SONO SUL PUNTO DI DIVENTARE PARALIZZATA O MORIRE
Nb: ho già inviato questo messaggio a doppia diffesa che è la sua fondazione insieme ad altre donne coraggiose come lei e vorrei che fosse al corrente della mia sofferenza che mi spegne giorno dopo giorno perché non ho fatto niente per meritarla e credo che non sia al corrente di essa. Ho fatto una denuncia a quel proposito alla procura della Repubblica italiana ma è stata respinta. Ho per favore bisogno del suo aiuto e come già ho ricevuto un non da PARTE della sua fondazione per quanto riguarda il mio caso personale e un sì per quanto riguarda il caso riguardo le mie bambine per favore faccia qualcosa anche per il mio perché se muoio non credo che le mie bambine mi vedranno ancora.

Buongiorno,
Mi chiamo Eloundou Marie Charlotte, nata il 25 gennaio 1975 Camerunense residente a Mentana e domiciliata ad Aprilia.
Tel: 333------- - 351 -------. E-mail: -------. com
Vivo in Italia da 22. Diplomata in tecnico sociale, laureata all'università gregoriana in scienze religiose, ho un master in comunicazione management, un diploma in tecnico di ludoteca.
Sono venuta qui in Italia tramite una comunità per diventare laica consacrata ma, non è andata a buon fine perché alla fine del percorso ho avuto problemi seri a causa della mia immaturità non avevo sopportato e ero andata via.
Dopo 5 anni della mia uscita dalla comunità, mi ero messa in coppia con un ragazzo che prima mi era amico abbiamo messo al mondo una coppia di gemelle che fra un mese avranno 11anni. La relazione tra il padre delle mie bambine ed io era stata molto conflittuale già dal momento in cui ero rimasta in cinta e a tutt'ora non corre buon vento tra lui ed me. Sono ormai otto anni che vivo senza le mie bambine mi ero separata da loro da quando avevano tre anni.
MOTIVO:
Dopo un lungo periodo di litigi e problemi intensi, dopo che il padre Delle mie bambine non abitava più con me, quest'ultimo era venuto a prendere le bambine all'asilo nido senza il mio consenso e dopo cinque giorni che le bambine erano rimaste con lui, le aveva riportate a scuola comunicandomi di averlo fatto. Le avevo portato a casa e come da rituale di tutte le sere le facevo il bagnetto e mentre glielo facevo mi ero resa conto che le piccole non volevano più lavare " la patatina", si lamentavano e come può fare qualsiasi madre, con molta attenzione e dolcezza le avevo tirato fuori dall'acqua e preso l'acqua tiepidissima per farle piccoli massaggi intorno alle parti intime; secondo il mio pensiero il padre essendo un uomo non le aveva lavate bene e avevano piccoli irritazioni.
Le mie bambine si chiamano Ellis Géorgette wodja Lokolowo e Arielle Marie Charlotte wodja Lokolowo nate il 15 luglio 2009 in Francia.
Perché mi trovavo lì di passaggio e avevo avuto delle contrazioni precoci non potendo più tornare a Roma dove ero residente ero obbligata a partorire sul territorio Francese… ero ritornata in Italia solo quando le bambine avevano quattro mesi per riprendere il mio lavoro come segretaria nella cooperativa " capo d'Arco".
Sono stata sorpresa dalla constatazione che Ellis perdeva le feci. Ogni sera tutt'e due avevano la febbre a 39, così le davo un cucchiaino di sciroppo all'aloe vera come da usanza per ogni volta che avevano la febbre. Prima sera. Questo fenomeno era andato avanti per ben cinque sere. Iniziavo così a preoccuparmi… Abitavo insieme a mia cugina e le avevo raccontato tutto l'accaduto quest'ultima mi occompagnò all'ospedale bambino Gesù. Dal referto medico i dottori avevano diagnosticato che le piccole avevano lesioni nelle parti intime, questa diagnosi era venuta fuori dopo che massaggiavo le piccole ogni sera, una curiosità che non sono riuscita a togliermi era di sapere cosa i medici avrebbero scoperto se non avessi fatto quei massaggi alle piccole per ben 5 giorni dandole poi lo sciroppo all'aloe vera…, in seguito i medici avevano chiamato icarabinieri spiegandogli quello che avevano visto, a loro volta i carabinieri mi avevano chiamato due giorni dopo che ero tornata dall'ospedale per audizionarmi e avevo raccontata come erano accaduti i fatti. I carabinieri non avevano voluto darmi indietro il contenuto di quello che avevo dichiarato e che avevano scritto…
Quel giorno avevo pure depositato la querela che avevo fatto al padre delle mie bambine per mancato mantenimento nei confronti delle proprie figlie; i carabinieri mi diedero solo la fotocopia di quella denuncia.
Nb: prima di andare dalle forze dell'ordine e dopo essere tornato dall'ospedale il giorno dopo, avevo fatto vedere il referto medico all'assistente sociale che mi aveva aiutato ad iscrivere le bambine all'asilo nido dal mio ritorno della Francia senza che avessi fatto la preinscrizione e quest'ultima mi aveva detto che non mi poteva aiutare a mettere le minori al riparo perché solo il giudice lo può fare, le bambine erano state riconosciute dal padre…

AZIONE:

Ero spaventata da quello che era successo alle mie bambine, da quando sono qui in Italia so che quando c'è un fatto dove le forze dell'ordine devono intervenire non lo fanno da subito, l'unica mia speranza era rivolta ai servizi sociali perché le mie bambine venissero messe al riparo per dare il tempo ai carabinieri di indagare e capire cosa era successo veramente ma, le mie aspettative erano state in vano. Tutte le volte che andavo al lavoro andando a lasciare le bambine all'asilo nido mi sentivo angosciata perché avevo paura che il padre delle bambine le andassero a prendere a di nuovo e non sapevo cosa sarebbe successo quella volta…
Nb: il giorno in cui ero stata audizionata dai carabinieri, e senza dirgli che ero già stata dai servizi sociali, avevo espresso i miei timori e, questi ultimi avevano deciso di accompagnarmi a casa mia e avevo recuperato una valigia mettendone dentro i vestiti delle bambine alcuni e alcuni dei miei indumenti e sempre insieme ai carabinieri fu accompagnata a Termini per prendere il treno il 23 aprile 2012 per arrivare in Francia il 24 aprile 2012. Dal mio arrivo in Francia mi ero presentata alla polizia francese prima ancora di uscire dalla stazione ferroviaria per raccontare il mio motivo di arrivo sul loro territorio con figli minori senza il consenso del padre. In un primo momento alloggiavamo in un pensionato per giovani dove avevamo vissuto per alcune settimane mentre cercavo di trovare una soluzione riguardo il mio problema.
Dopo circa tre settimane ero stata accolta da l'associazione "Emaüs" tutto il mese di maggio, cioè fino al 30 maggio 2012 e dopo aver studiato il mio problema l'assistente sociale della struttura dove abitavo con le bambine mi aveva mandato alla polizia perché sia audizionata e far chiudere il caso perché si erano resi conto che tutto era regolare ma, purtroppo al mio arrivo alla polizia, fui interrogata da una che mi abusava verbalmente e le chiesi se era possibile parlarmi con educazione anche perché ero in compagnia delle mie bambine che erano in tenera età e ascoltavano tutto anche se non sapevano ancora parlare. Quest'ultima si mise ad urlarmi a dosso più violentemente possibile dicendomi che non le posso insegnare il suo lavoro, che dirà al procuratore della Repubblica Francese che sono io che violento le mie bambine e che accuso il padre delle mie bambine di avere abusato delle proprie figlie, che gli educatori avevano drogato le mie bambine ecc… Alla fine dell'audizione la poliziotta mi disse " venite qui in Francia per Approfittate dei nostri aiuti sociali! Signora farò di tutto per farle tornare nel suo paese di accoglienza"! Le mie bambine sentendo e vedendo tutto quello che mi faceva la signora, si misero a piangere chiedendole di "lasciare Charlotte" che ero io.
In seguito quest'ultima aveva scritto tutto quello che aveva predetto mi chiese poi di porre la mia firma su cose da me non dichiarate, mi rifiutai di farlo…
Mi chiese poi di aspettare in una camera prese le mie bambine portandole nella stanza a canto dicendomi che lo sta facendo per tranquillizzarle ma, subito dopo mi venne a chiedere di andare via senza le mie bambine, mi rifiutai chiedendo dove fossero finite le mie creature e la poliziotta chiamò i suoi colleghi per buttarmi fuori e così fu. Era il 30 maggio 2012 le mie bambine avevano solo 2 anni e nove mesi. Ero direttissima e piangenvo senza fine
non so come avevo fatto per tornare nella struttura dove le mie bambine ed io abitavammo ma ero arrivata a farlo senza farmi male…
L'assistente sociale che ci seguiva era in struttura perché aspettava che tornassi per avere il reso quando mi vide arrivare con il passeggino gemellare vuoto era stupido e le raccontai l'accaduto e lui desolatissimo telefonò lì dove ero stata per sentirsi dire " tu fai il lavoro del l'assistente sociale io faccio quello da poliziotta non sei In grado di insegnarmi il mio", i due si misero a parlare fortemente al telefono fino a che la poliziotta aveva riaganciò il telefono senza finire la discussione. L'assistente sociale molto spiacente Aveva iniziato a telefonare in diverse strutture per scoprire dove le mie bambine erano… Il giorno dopo mi diede un indirizzo dove potevo ritrovare le mie bambine. E così fù. Gli educatori sentendo la mia versione e vedendo il rapporto che esisteva tra madre e figlie mi chiesero di denuncia la poliziotta loro mi avrebbero appoggiate, non sapendo come funzionano le cose in Francia non lo feci… avevo invece scritto al tribunale per dire che le mie bambine sono state abbandonate in una casa famiglia in Francia, in seguito alla mia dichiarazione il giudice mi aveva convocato una settimana dopo, nel frattempo le bambine continuavano a stare in quella casa famiglia.

Dalle bugie raccontate dalla poliziotta cioè che avevo accusato il padre delle mie bambine di averle abusato, gli insegnanti di averle drogato e che sono andata in Francia per Approfittare degli aiuti sociale mente avevo lasciato il mio posto di lavoro come segretaria una casa dove avevamo ognuno la propria camera e secondo la costatazione delle casa famiglia che vedeva che le bambine erano bene con me, si era creato una confusione riguardo il mio dossier.
Il giudice francese aveva così fissato un udienza a luglio dove aveva invitato anche il padre delle bambine. Costui al suo arrivo aveva dichiarato che aveva una casa in Italia e un lavoro mentre le due affermazioni erano senza prove così dicendo il giudice aveva riportato tutte le bugie della poliziotta sul foglio di carta e aveva dato le bambine al padre senza concedermi il diritto di visita.

UN ALTRO CALVARIO
Da allora avevo iniziato a soffrire attrocemente. Feci 2 anni senza avere la possibilità di vedere le mie bambine. Iniziai a fare appello al tribunale francese che dalla sua decisione e secondo gli scritti in minuscola in fondo alla pagina mi esigeva di fare appello solo in Francia se voglio evitare di subire una pena civile e così fù ma, tutti i miei sforzi furono in vano. Tutto il tempo che continuavo la mia procedura cioè fare appelli vari abitavo in un'associazione che viene chiamato Emaüs" in Francia e solo nel 2013 il tribunale francese mi rispose che non possono più continuare la procedura perché le bambine erano già sul territorio italiano da un anno. Decisi quindi di ritornare in Italia.

MI SCRIVEVA:
Il padre delle mie bambine mi scriveva chiedendomi di vedere a vedere le bambine nonostante avesse anche lui la stessa decisione emessa dal giudice francese ma, sapevo che la sua era solo una trappola come costaterete.
Dal mio arrivo in Italia avevo contattato il padre delle mie bambine per chiedergli di fare un arrangiamo in comune accordo. Il prima tentativo era stato tramite la moglie del notre ambasciatore presso la Santa sede, poi tramite un compaesano di Michel wodja Lokolowo che si occupava degli emigrati francofoni in Italia, poi tramite un avvocato a cui avevo pagato ma i miei sforzi erano stati in vano. Michel wodja Lokolowo padre delle mie bambine rispondeva a tutti loro che non può fare l'arrangiamento con me in quanto lui ha già fondato un altra famiglia e non vuole compromettere il suo equilibrio e che per lui sono solo una madre biologica per le sue figlie.
Dopo vari rifiuti dalla parte del padre delle mie bambine di fare un arrangiamo in comune accordo, ero stata costretta a riprendere la procedure giudiziaria qui in Italia così, il primo gesto che mi fu concesso dal tribunale italiano era di riprendere a vedere le mie bambine e ciò avveniva in una struttura pubblica. Questo fenomeno andava avanti per ben 2 anni dopo che avevo passato due anni senza vederle.
Nel frattempo abitavo insieme a mia cugina a Roma ma, il giudice italiano mi chiese allora di prendere una casa a Mentana nel comune dove le mie bambine erano resistenti e così fu. Mi dissero di farlo perché mi volevano dare indietro le mie bambine.

MI SEMBRAVA NON AVER NESSUN AVVOCATO:

TENGO A PRECISARE CHE HO SEMPRE AVUTO AVVOCATI DURANTE TUTTE QUESTE PROCEDURE MA, QUASI TUTTI SI COMPORTANO COME SE FOSSERO AVVOCATI DEL PADRE DELLE MIE BAMBINE perché Rifiutano di presentare tutta la mia documentazione al giudice italiano per dimostrare la mia innoscienza e la sofferenza che tre donne subiscono senza motivo fondato. Mi dicono che non posso chiedere tanto e se sono davanti al giudice non devo esprimermi tanto…, che devo accettare quello che viene deciso AL MOMENTO DEL GIUDIZIO, SI RIFIUTANO DI FARE APPELLO QUANDO MI SENTO DELUSA DALLA DECISIONE PRESA DAL GIUDICE. Se voglio dare il mio PARERE dicono che sono ribelle, non seguo i loro consigli e non avrò mai le mie bambine e così facendo mi dicono di revocargli così facendo sempro essere davvero una RIBELLE perché ho già cambiato tanti. La mia domanda resta sempre aperta: PER QUALE MOTIVO QUASI TUTTI I MIEI AVOCATI RIFIUTANO DI AFFRONTARE LA PROBLEMATICA DELLE MIE BAMBINE COSÌ COME SI PRESENTA???

HO BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO PERCHÉ MI SENTO SOLA. NON SO PIÙ COME FARE, DOVE ANDARE E A CHI RIVOLGERMI.

COME SI SPIEGA E CHI MI SPIEGA IL FATTO CHE IL PADRE DELLE MIE BAMBINE NON SI PRESENTAVA MAI AGLI UDIENZE, NON ERA RAPPRESENTATAO DA UN AVVOCATO MA DECIDEVANO SEMPRE DI DARGLI LE BAMBINE NONOSTANTE IO AVESSI LA DOCUMENTAZIONE IN ORDINE CHE POTESSE FARE INTEROGARE CHI CI SEGUIVA PER CAPIRE MEGLIO LA SITUAZIONE?.
LE BAMBINE SI LAMENTANO QUELLE VOLTE CHE SIAMO ENTRATE IN CONTATTO, CHIEDENNO DI ABITARE CON ME E ANDARE DAL PADRE QUANDO OCCORRE MA NON GLI DANNO RETTA.
DAL PENULTIMO UDIENZA NON SO COSA ERA SUCCESSO HO TROVATO SCRITTO LETTERINE DA PARTE DELLE MINORI DOVE CHIEDEVANO DI ANDARE A VIVERE CON IL PADRE.
IL GIUDICE FECE COME ERA SCRITTO DALLE BAMBINE MA, QUANDO QUESTA DECISIONE FU COMUNICATA ALLE MINORI QUELLA SERA MENTRE PARLAVAMO TELEFONICAMENTE MI DISSERO DESOLATE: AVEVAMO CHIESTO AL SIGNOR GIUDICE DI VENIRE A VIVERE CON LA MAMMA E DA PAPA SOLO CHE È STATO DECISO DIVERSAMENTE…

Da quella decisione mi è di nuovo crollato il mondo addosso anche perché le bambine mi dicevano:"mamma nostro padre dice che ci porterà in Belgio per abitare come faremmo a vederti se ci porta? "
Sapendo questo fatto, avevo chiesto formalmente al giudice tramite l'assistente sociale di Mentana dove ero sia residente sia domiciliata di riferire al tribunale che hanno dato la possibilità al padre delle bambine di andare a vivere con le minori e a me solo di continuare a vederle in strutture pubbliche sono stanca di continuare a vederle come se fossi la loro insegnante voglio anch'io averle con me a casa mia che a esigenza del tribunale avevo preso e ci abito da due anni da sola.
Stanca di subire e vedere come le mie bambine subiscono quelle violenze i miei amici mi avevano comprato un biglietto di aereo per farmi riposare nel mio paese di origine il Camerun aspettando poi la decisione del tribunale italiano secondo la mia domanda formale. Lì ero rimasta per ben 6 mesi e mezzo e mentre partivo c'era un avvocato che seguiva il mio caso e il biglietto che i miei amici mi avevano comprato i miei amici era aperto cioè aveva una durata di un anno e potevo cambiare la data di ritorno appena il mio avvocato mi comunicava quello che il giudice aveva deciso. Mentre stavo in Camerun scrivevo all'avvocato ma in vano; avevo viaggiato nel mese di luglio 2019 e
Decisi di tornare in Italia a febbraio 2020, perché mi sentivo meglio mi ero pure fatto seguire da uno psichiatra.

Non avendo avuto un riscontro dal mio avvocato, decisi di tornare in Italia e al mio ritorno avevo telefono il mio avvocato che mi disse che non si era presentata all'udienza senza di me perché questo non si fa e che mi aveva chiesto di non viaggiare e non le avevo dato retta. Dicevo spesso al mio avvocato che sono stanchissima e ho bisogno del riposarmi che lei conosce tutto ma, sono anni che vado avanti con quelle delusioni senza fondamenti e soffro doppiamente perché almeno io so cosa succede ma le mie bambine non che sono tantissimi anni che subiamo e sono stanca di andare avanti in quel modo.
Nb: so che gli avvocati si presentano agli audienze senza bisogno dell'assistito anche perché alcuni miei avvocati mi dicevano di non presentarmici ma, non volevo. Tanti miei amici risolvono i loro problemi senza essere presenti. So che l'avvocato è il porta voce della persona interessata.

Dal mio ritorno dal Camerun quindi a febbraio 2020 il mio avvocato mi aveva risposto che non era all'udienza e mi ero resa al tribunale di Tivoli e avevo scoperto in cancelleri che c'èra stato un udienza a dicembre 2019 e il giudice aveva deciso che le bambine debbano tornare in una casa famiglia perché né il padre né io siamo in grado di accudirle.

Per tutto quel periodo che sono stata in Camerun per evitare delle conseguenze negative alla mia psiche le bambine abitavano dal padre e normalmente le dovevo andare a vedere in una struttura pubblica come predefinito dal giudice ma mi ero rifiutato come già detto più sopra.
Nb: su almeno 15 udienze in 8 anni il padre delle mie bambine si era presentato 4 volte una di queste era durante l'ultimo udienza dove non ero presente nè rapresentata.

:
Il mio punto di vista è che:
SE IL GIUDICE MI AVEVA GIUDICATO CHE SONO IMMATURA PERCHÉ NON MI ERO PRESENTATA A VEDERE LE BAMBINE MENTRE LE AVEVA AFFIDATO AL PADRE CREDO CHE L'INCOPREENZIONE PARTE DAL TROVE IN QUANTO IN UNA PROCEDURA GIUDIZIARIA HO IL DIRITTO DI OPPORMI ALLA DECISIONE EMESSA PRIMA DELLA SCADENZA DEI 3 MESI.
AVEVO CHIESTO AL MIO AVVOCATO DI FARLO E NON AVEVA ACCETTATO, SAPENDO IL PERICOLO CHE STAVAMO CORRENDO CIOÈ CHE SE IL PADRE DELLE BAMBINE AVESSE UN TOTALE RIGUARDO SULLE MINORI POTEVA PARTIRE CON LORO ALL'ESTERO MI ERO PERMESSA DI ESPRIMERE IL NOSTRO DESIDERIO (LE BAMBINE ED IO) AL GIUDICE TRAMITE AlL'ASSISTENTE SOCIALE.

Per quanto riguarda la decisione del giudice riguardo il padre questo è la seconda volta che il tribunale decide di togliere le bambine al padre e perché non mi viene danno la possibilità di vivere con le mie bambine? Che male ho fatto?

ORA
Che vi scrivo il padre delle mie bambine è scappato con le bambine.
Durante la decisione presa dal giudice a dicembre 2019 cioè che le bambine tornano a vivere in una casa famiglia al comune di San Angelo Romano ma lui era già partito con le bambine in Francia secondo quello che dice il suo carissimo amico. Me lo ha pure affermato l'assistente sociale di quel comune.

HO SCRITTO
HO scritto alla trasmissione " CHI L'HA VISTO" perché mi aiutino a cercare le mie bambine avevo pure fatto la denuncia dai carabinieri per denunciare il fatto.
L'anno scorso avevo già scritto a Barbara D'Urso ma in vano.
E adesso chiedo il vostro aiuto perché la situazione è grave il padre delle mie bambine ha la sua famiglia in Canada ho paura che lui si allontani di più con loro…

Nb: quando verrò convocata da voi se vi sarà utile porterò 1) le decisioni del giudice francesi,
2) il certificato medico delle bambine per l'ospedale bambino Gesù
3) darò tutti numero telefonici necessari per permettervi di INDAGARE
4) tutta la documentazione dei miei tentativi per trovare un accordo con il padre Delle mie bambine e tutto quello che mi chiederete di presentare…

IN MEZZO A TUTTO QUESTO:
Sto subendo violenze enormi. Come se avessi ucciso qualcuno sono violentata giorno e notte
Da PARTE del tribunale e del governo italiano.
SE NON MI AIUTATE A SBARAZZARMI DI LORO MORIRÒ O MI RENDERANNO INFERMA, MI SENTO GIÀ MOLTO DEBOLE E NON SONO PIÙ IN GRADO DI CAMMINARE VELOCEMENTE, TUTTE LE PERSONE CHE MI CONOSCONO ANCHE SE APPENA MI CHIEDONO SE STO BENE. MA PER NON ESPORMI NASCONDO E RISPONDO SI! SONO UN PUÒ STANCA…
LA MIA VITA NON HA PIÙ SENSO.

Avevo denuncia il fatto alla procura della Repubblica italiana ma, la mia denuncia era stata respinta. È una denuncia penale. Non so più cosa fare dove andare, con chi parlarne liberamente perché mi vogliono fare passare per una squilibrata.
Mi traumatizzano giorna e notte non so cosa ho fatto. Dalle cattiverie che mi fanno il mio ragazzo mi vede trasformata giorno e notte e spesso mi dice "cosa hai? " Se stai male vai in ospedale e io che non voglio che sappia qual'è il problema reale gli rispondo che non ho niente di grave e che arriverà un giorno dove gli racconterò qualcosa. Alcune volte non mi vuole guardare altrimenti mi chiederà qualcosa di sgradevole chi ci porterà alla discussione. Quando mi aveva conosciuto AVEVO LA PANCIA PIATTA ed è così che sono sempre stata ma dal mese di aprile mi continua a vedere trasformata nel giro di un mese e mezzo non riesce a capire per quale motivo ho preso fino 7 killi e dice che sono lenta come una lumaca se continua così ci laceremo. Che sia lenta tutti me lo dicono già. Non riesco più a sollevare qualcosa che pesa più di 2 killi e fare tanta distanza con essa. dopo alcuni mesi e nel giro di un mese ha visto la mia pancia diventare come un pallone enorme e mi chiede sempre cosa hai sei per caso in cinta da qualcuno e non me lo vuoi dire?, perché sei diventata così enorme mentre sia dalle tue foto sia quando ti avevo conosciuto eri magra?
Per noi Africani nasciamo e moriamo con una pelle soda e distesa ma quando lui mi guarda mi dice sei strana un giorno vede hai una pelle bella subito dopo vedo come si sta trasformando e non dici cosa succede. Spesso me lo chiede e altre volte non lo fa perché non vuole discutere con me prima gli rispondevo serenamente anche questa mia dolcezza sta sparendo perché vengo continuamente drogata e divento violenta nelle risposte infatti lui non capisce cosa succede sa che sono sempre placata anche la mia famiglia i miei amici sanno che sono così…

A volte mi metto a tremare oppure a mangiare senza smettere MENTRE per natura non faccio in tempo a cominciare di mangiare che ho già finito. Non so mangiare tanto ma pochissimo, tante volte anche la forma del mio viso cambia. La forma del mio viso è piccola e ovale ma tante volte mi ritrovo con un viso senza senso e tutto nero infatti a volte mi vergogno anche ad uscire di casa perché non vorrei incontrare chi mi conosce e farmi chiedere se sto male.
Se prima mi piaceva andare in giro ultimamente molto meno a volte faccio schifo mi trasformano di secondo in secondo.
Il mio ragazzo è più giovane di me e quando veniva verso di me credeva fosse il contrario solo che non riesce piu a capire come mai sto diventando stranno nel giro di un mese. Non capisce come mai i miei capelli diventano bianchi in un colpo e dopo alcuni giorni ritornano ad essere normali infatti tante volte me lo chiede e non so cosa rispondergli.
Tante volte appena ci vedono insieme mi inseriscono o nella vagina e inizio ad avere sensi di masturbazioni giorno e notte anche se sono al pubblico o da sola, un'altro loro maltrattamento atroce è una specie di ferro o pugnale o puntura senza contare appunto il senso di invecchiamento precoce con il quale mi MALTRATTAMENO. Tante volte e quando abitavo con mia cugina sono pure svenuta e ben altre volte ancora.

Anche se sono nei mezzi pubblici o a casa, che ci siano persone o meno mi metto ad urlare quando non ce la faccio più a soffrire in silenzio. Se sono in mezzo alle persone si può pensare che sto diventando pazza e il mio ragazzo me lo chiede.
La settimana scorsa mentre avevamo visto i carabinieri lui mi disse vieni andiamo a chiedere qualcosa a quei carabinieri e mentre stavamo davanti a loro si mise a raccontare a loro che c'è qualcosa che non va in me perché tante volte dico che mi butterò per la finestra.

Ad essere sincero sto pensando di morire ma non ho il coraggio di suiscidarmi perché sono Cristiana ma soffro tantissimo. Il peggio è che sto soffrendo senza sapere il motivo della mia sofferenza da quello che vi ho raccontata non so se ho fatto qualcosa di sbagliato.
Nb: ho solo elencato alcune delle mie sofferenze il resto sta scritto sulla denuncia presso la procedura delle Repubblica ed era stata respinta.
Se almeno quella denuncia fosse stata respinta e smettevano di farmi soffrire si capirebbe e avrei detto (chi se ne importa erano state maltrattamenti gravi se sono stati ingiusti nei miei confronti pazienza la mia vita continua), Invece continuo a soffrire senza sapere quando smetteranno queste violenze.

CALVARIO
So di non aver fatto nessun male per questo motivo gli avevo chiesto la macchina della verità e me l'hanno rifiutato nel frattempo non ho nessuno che fa da intermediario tra loro e me per chiarire questo fatto e sapere cosa intendono fare di me cioè lasciarmi perdere anche se non vogliono risarcirmi da tutto questi mali
A PENE PROVO A LAMENTARMI MI MALTRATTANO FINO ALLA NAUSIA E SE TACCIO PEGGIO ANCORA. INFATTI VIVO GIORNO DOPO GIORNO INSOMMA STO VIVENDO L'INFERNO SULLA TERRA SENZA AVERE COMMESSO IL PECCATO.

La mia domanda:

SE LE MIE BAMBINE ERANO DAL PADRE E LE ERA CAPITATO UN INCIDENTE, L'OSPEDALE AVEVA DENUNCIATO, LE INDAGINI NON SONO STATI FATTI FINO AD OGGI.
SE MENTRE SI PRENDEVA UNA DECISIONE DRASTICA CIOÈ CHE LE BAMBINE ANDASSERO A VIVERE CON IL PADRE SENZA AVER PENSARE CHE ESISTE ANCHE LA RELAZIONE TRA MADRE E FIGLIA PER POTERMI DARE IL DIRITTO DI VISITA.
SE DOPO QUELLA DECISIONE E MENTRE INIZIAVO A RECLAMARE IL TRA MADRE E FIGLIE SI INZIAVA A VOLERMI UCCIDERE MANDANDOMI IN COMA.
SE PIÙ PASSA IL TEMPO GLI AVVOCATI LA PENSANO ALLO STESSO MODO CIOÈ DIFFENDONO CHE GLI FACCIA VEDERE DOV'È IL MARCIO E APPENA LO FACCIO NON MI SENTONO E MI CHIEDONO DI REVOCARGLI PER CERCARE UN ALTRO.
DOV'È LA MIA COLPA IN TUTTO QUESTO?
Sto chiedendo la macchina della verità per dargli la possibilità di fare tutte le domande che vogliono se ci sono qualche dubbio su di me E CONTINUO A FARLO. Anche perché non credo le persone debbano essere punite per i comodi dei capi.
Siamo in un paese di diritto. Anche nel mio paese ufficialmente NON funziona così.
IN UN PAESE DI DIRITTO È LECITO CHE UN ANIMA INNOCENTE CONTINUI A SOFFRIRE SENZA MOTIVO SOLO PERCHÉ IL TRIBUNALE VUOLE ESIBIRSI SU DI LEI?
IN UN PAESE DI DIRITTO È LECITO CHE TUTTO UN GOVERNO GOVERNI IL PROPRIO PAESE TENENDO IN OSTAGGIO TUTT'UNA UNA VITA INNOCENTE? ANZI TRE VITE INNOCENTI? SENZA CONTARE CHE NEL MIO PAESE GLI ORFANI DI MIA SORELLA CONTANO SU DI ME.

AIUTO
SO CHE DIFFENDETE DONNE ABUSATE PER FAVORE NON MI LASCIARE ANCORA A LUNGO DENTRO QUESTA SITUAZIONE MANICOMICA!

PERCHÉ TUTTO QUESTO POTERE SU DI ME:
MI ERO RESA IN OSPEDALE E AVEVANO FATTO MENTIRE AI MEDICI CHE HO DEI FIBROMI COSA CHE ERA FALSA. I MEDICI Mi AVEVANO FATTO INSTALLARE UNA MICRO SPIA DENTRO L'UTERO PERCHÉ SECONDO LORO DOVEVANO CONTROLLARE LA LORO SCHIAVA E VISTO CHE MI CREAVA TANTISSIMI PROBLEMI AVEVANO PROVOCATO UN ALTRO OSTACOLO CHIESERO CHE MI SI FACESSE IL RASCIAMENTO PER POI METTERE UN ALTRO TIPO COLOR PELLE ED È QUELLO CHE HO FINO AD OGGI, TRAMITE IL QUALLE MI USANO COME UNA VEGETATIVA FACENDOMI INFATTI QUELLO CHE GLI PASSA PER LA MENTE.

ERO GIÀ SPERANZOSA

DAL MIO RITORNO PER IL CAMERUN MI ERO RESA IN OSPEDALE E I MEDICI MI DOVEVANO FARE UN'APAROSCOPIA OPERATIVA e avevo già un appuntamento per l'anestesia prima di covid19 ad aprile fu ricontattato dallo stesso ospedale per l'annullamento di quel appuntamento. DOPO alcuni mesi un amica mi chiamò dicendomi che era stata contattata dall'ospedale per l'anestesista e gli chiamai mi risposero che il mio caso non è urgente. Richiamai la prima settimana di giugno e mi dissero che hanno cambiato idea mi faranno L'ECOGRAFIA…

SEMBRO UN TEL SENZA FILLO E NON POSSO CONTINUARE COSÌ
TRAMITE QUESTO METODO MI AVEVANO MESSO UNA SPECIE DI PROTESI AL SENO E SPESSO SENTO MALISSIMO CI SONO TANTI GRUMI NEL MIO SENO CON IL RICHIO DEL TUMORE E PER GUARIRE MI DEVONO RI FARE TUTTA PER QUESTO MOTIVO NON GLI PIACE QUANDO MI VEDONO IN COMPAGNIA PERCHÉ CREDONO CHE RACCONTERÒ ALLE PERSONE E MI FANNO MALE PER FARMI PASSARE PER UNA PAZZA…
TANTE VOLTE MI TIRANO LA TESTA O LA SCHIACCIANO LI DOVE C'È L'ORADO E MI SEMBRA DI DOVER MORIRE DA UN MOMENTO ALL'ALTRO.
A VOLTE MI SCHIACCIANO LATERALMENTE E SENTO COME SE STO PER MORIRE OGNI TANTO INIZIO A ZOPPICARE, MI INDEBOLISCONO CON I PRODOTTI CHE NON MI PERMETTONO DI MUOVERMI TANTO
CONTRAGONO TUTTI I NERVI DELLA TESTA TRA LE SPALLE E IL COLLO COSÌ FACENDO ANZICHÉ ESSERE MORBIDO HO DELLE TENSIONI FORTISSIME VERSO QUELLE PARTI E QUEL POSTO RIMANE DURISSOMA E SE POGGIO LA CORDA DELLA MIA BORSA SU QUEL PUNTO HO DEI DOLORI FORTISSIMI PERCHÉ IL SANGUE NON CIRCOLA PIÙ BENE NEL COMPLESSO.

SO DI COSA SONO CAPACE HO PAURA CHE SUCCEDA QUALCOSA A MIO RAGAZZO E MI SENTO IN DOVERE DI PROTEGGERGLI
QUANDO MI FA SEMPRE QUELLE DOMANDE E A PAURA CHE SE MI SUCCEDE QUALCOSA DIRANNO CHE È LUI ME LO HA ESPRESSO NON VORREI CHE MI FACCESSERO PER POI LASCIARGLI IN MEZZO…
CHIEDO IL VOSTRO INTERVENTO VELOCE E SE NON RIESCONO AD ASCOLTARVI E ACCETTARE DI LASCIARE LA MIA VITA IN PACE SPERO CHE AVETE UN MODO PER PORTARE LA MIA STORIA IN FRANCIA CIOÈ A STRASBURGO DOVE FANNO RISPETTARE I DIRITTI DELL'UOMO.
CI VOLEVO ANDARE DA SOLA MA MI SCHIACCIACERANNO COME HANNO FATTO QUANDO HO PRESENTATO LA MIA DENUNCIA ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA ITALIANA.

QUANDO MI CONVOCHERETE VI PORTERÒ ANCHE LA DENUNCIA FATTO PERCHÉ LA STORIA SIA COMPLETA.
SE MI METTO A SCRIVERE ANCORA IL TUTTO NON FINIRÀ PIÙ.
CONTO SULLA VOSTRA COMPRENSIONE.
CORDIALI SALUTI
Charlotte

Penso di avere bisogno di:
Supporto legale

Venerdì 29 maggio 2020 12:24:51

Vorrei sapere cortesemente, a che punto è, l'iniziativa da lei intrapresa per anticipare l'acconto del TFR, per quelli che sono andati in pensione con quota 100 il 1 settembre 2019.

Martedì 26 maggio 2020 08:03:05

Buongiorno,
si parlava un anno fa della sua riforma ed in particolare di una mobilità senza nulla osta dell'amministrazione. Ho letto che era stata anche approvata al senato. Perchè invece ci vuole sempre l'autorizzazione? Cosa è successo?

Lunedì 25 maggio 2020 16:57:26

Stim. ma Senatrice
avv. Giulia Buongiorno,
Le invio questa mail per avere il suo parere circa un problema che da anni cerco di risolvere nella gestione rifiuti della mia città: Vercelli.
Da quando in città è stata adottata la raccolta rifiuti differenziati porta a porta, a coloro che vivono in abitazioni senza cortile, è stata fornita una serie di kit da utilizzare per i diversi rifiuti e da custodire in casa, mentre i condomini con aree comuni sono stati dotati di cassonetti differenziati. Mentre il cassonetto condominiale consente di conferire il solo sacchetto, contenente i rifiuti, con massima libertà di gestione, il kit individuale obbliga a "custodire" i rifiuti in casa fino al giorno ed l'orario stabilito dalla ditta che gestisce lo smaltimento. In particolare l'umido viene conferito due volte la settimana, mentre gli altri rifiuti una volta la settimana. Inoltre il kit deve essere posto sul marciapiede antistante l'abitazione dopo le 22. 00 del giorno precedente lo smaltimento e comunque entro le 06. 00 del giorno stabilito. Quindi si deve portare e lasciare il kit su strada e dopo che è stato svuotato, si deve riportare nella propria abitazione. È innegabile che il kit comporti una disparità di trattamento e che incida sulla gestione personale (sono indisposto nel giorno stabilito, perdo il turno! Devo assentarmi prima del giorno stabilito, conservo in casa i rifiuti fino al mio ritorno? Esco per il lavoro e il kit non è ancora stato svuotato lo lascio sul marciapiede fino al ritorno! Ecc.).
Poiché esistono sistemi, come l'interrata, che consentirebbero di offrire a tutti i cittadini la possibilità di conferire liberamente nei tempi e nei giorni più confacenti alle necessità personali, la questione che Le vorrei sottoporre è: l'amministrazione può chiedere o imporre alla propria partecipata di rendere uguali tutti i cittadini nei doveri e nei diritti esistendo una tecnologia che consente di ottenere questo risultato?

Nel ringraziarla
La saluto cordialmente

Donatella Demichelis
Consigliere comunale gruppo Lega

Giovedì 21 maggio 2020 10:50:21

Buongiorno Senatrice,
Sono Claudia Lodovichetti, un anno fa all'età di 57 anni dopo tanti sacrifici di studio/lavoro ho raggiunto un sogno mi sono laureata in Giurisprudenza. Lavoro presso L'agenzia delle entrate di Ancona e alla fine dello scorso anno è stata pubblicata una richiesta di mobilità per il TAR di Ancona, Ero titubante: cambiare la mia vita a questa età ma poi mi sono detta che i sogni vanno raggiunti sino alla fine e soprattutto lottando. Ho superato un colloquio e tra vari concorrente sono risultata idonea. Il problema è che è necessario il nulla osta della mia Amm. zione che ho già saputo verbalmente che non mi verrà concesso. Tutto questo mi sembra ingiusto... la motivazione è mancanza di personale... capisco la situazione... ma se ci fosse un adeguata distribuzione del lavoro tra TUTTI il problema non sussiste... non voglio fare polemica voglio solo raggiungere un sogno. All' art 5 del suo ddl parla di "esclusione del nulla osta da parte delle Amministrazioni è cosa fattibile per il mio caso?
Ora concludo, non voglio annoiarla, ah dimenticavo... mi è stato detto cosa credi di andare a fare? lo so sarò sempre una semplice impiegata amm. tiva di II Area ma io sono tanto orgogliosa di quello che sono riuscita a raggiungere e questo, lo vedo come un regalo ai miei sacrifici.
La ringrazio... e spero tanto che questa e-mail venga da lei letta...
Buona Giornata
Claudia Lodovichetti

Venerdì 8 maggio 2020 14:03:59

Buongiorno L'avvocato ho tanto bisogno del suo aiuto sono sensa soldi mi trovo un posto del africa ovest se mi potete contatarmi questo numero tel +23490 ------- piu' presto
Distinti Saluti
Ferrera Sonia

Venerdì 17 aprile 2020 15:24:48

Salve, io sono un poliziotto che presta servizio nella provincia di Vibo Valentia. Nonostante la mia assoluta innocenza, dopo ben 35 anni di lavoro condotti in modo irreprensibili con diversi premi ed encomi, sono bastati alcuni pettegolezzi da parte di due persone assolutamente inattendibili, per vedermi la vita rovinata. Io ho preso questa iniziativa di rivolgermi a lei perché sono convinto che non ci sia un avvocato più preparato, se lei fosse disponibile a conoscere la mia storia in modo più approfondito mi farebbe felice anche solo per essere riuscito a parlare con una persona che ammiro tantissimi. Comunque vada la saluto affettuosamente

Giovedì 16 aprile 2020 17:34:05

Gentilissima, le chiedo di chiarirmi, avendo subito una grave ingiustizia da parte della Corte dei Conti con sentenza n. 728/2018. Avevo fatto richiesta di pensione privilegiata all’ INPS dopo che con sentenza della Corte di Appello di Palermo con sentenza n. 2098/2011 mi riconosce la cardiopatia ischemica ipertensiva dipendente da causa di servizio ed ascrivibile alla V categoria della tabella A. L’ INPS mi nega la pensione per decorrenza dei termini di legge.. Il Giudice della Corte dei Conti dichiara il mio ricorso infondato e le patologie da me sofferte non dipendente da causa di servizio. Il mi è sei pura follia. Ho informato con racc. ad il Presidente della Repubblica e il Ministro Salvini allegando tutta documentazione senza ricevere risposta. Le chiedo se ci sia possibilità di effettuare ricorso. Ritengo la sentenza della Corte dei Conti sia annullabile. Porgo distinti ossequi.

Martedì 7 aprile 2020 14:35:36

Buongiorno senatore
Sono da poco andata in pensione con quota 100 pensavo che avrei potuto avere l'anticipo del tfs così come previsto dalla legge. All' epoca lei si prodigo' affinché andasse a buon fine tale possibilità... Ma ad oggi ancora nulla di fatto. Le chiedo cortesemente di sollecitare nelle sedi opportune la risoluzione di tale problema. La ringrazio e le porgo cordiali saluti
Siria tugnolo

Sabato 21 marzo 2020 12:33:00

Buongiorno senatore possibile che non si riesca a fermare l'invasione di migranti? perche' solo l'italia deve tenere i porti aperti, questa sinistra al governo ci sta rovinando fate qualcosa, perche' le ong che battono bandiere di altri stati non li obbligate a far sbarcare i migranti negli stati di appartenenza delle navi? siamo cosi' deboli da non contare niente? dobbiamo vergognarci di essere italiani, non riusciamo a controllare i nostri confini alimentando il traffico di esseri umani. dia una mano affinche' la voce degli italiani possa essere ascoltata.

Martedì 3 marzo 2020 13:52:55

Buongiorno sono Gerussi Roberta assessore del Comune di San Daniele del Friuli, presidente del centro di ascolto "Centro Risorsa Donna" volevo chiederle se era disponibile al una serata nel corso dell'anno 2020 nel nostro comune per parlare di violenza sulle donne. Se fosse disponibile ci invii i costi
Ringraziandola anticipatamente cordiali saluti

Lunedì 24 febbraio 2020 16:13:39

Vorrei portare a conoscenza e suggerire una soluzione per il seguente problema: A seguito di una sentenza di revocatoria, tutti i mesi devo prendere due mezzi, recarmi al tribunale di milano, mettermi in coda presso lo sportello della banca BNL per fare il versamento su un libretto. "Perchè non è possibile
fare un Bonifico ? " Ho 76 anni con un negozio/laboratorio di cornici da gestire. In questo momento
la mia situazione economica sta peggiorando tutti i giorni. Magari sarebbe il caso di allungare il più possibile le rate. Ma questo è un'altro discorso. Per inciso, la mia 1a tessere della Lega è del 1993. La ringrazio anticipatamente per potrà fare. Grazie e cordiali saluti... Elio Giuffrida

Mercoledì 12 febbraio 2020 22:30:38

Sen. Avv. Sig. ra Giulia Bongiorno buonasera,

- sull'autorizzazione a procedere nei confronti dell'ex Ministro degli interni..

Apprezzo la fierezza del Senatore Salvini, ma sono totalmente d'accordo col consiglio da Lei datogli fondato sulla Sua esperienza.

Non ho mai condiviso le tante affermazioni di rito: ".. ho la massima fiducia nella magistratura.. ! ! ".
Non sempre i magistrati hanno garantito l'esercizio del diritto del cittadino inquisito, specie
se questi è incolpevole e in special modo se si tratta di processi politici. (v. Andreotti, Tortora, etc.)

Con le dovute eccezioni, credo che consegnarsi ai magistrati a turno, specie su atti inquisitori di dubbia ed incerta rilevanza, instaurati da "certi giudici", sopratutto per " visibilità ", sia un grosso errore dei politici..

Un paese nel quale " Nessuno di noi può scavalcare i giudici!!! " o dove "... nessuno è al di sopra della legge... ", sopratutto in presenza di clamorosi errori giudiziari di cui i magistrati non rispondono personalmente, credo non abbia nulla da invidiare ad un regime dittatoriale.

In tal modo si annulla l'indipendenza dei tre poteri dello stati e ci si consegna ad un unico arrogante e sovrastante strapotere giudiziario.

domenik

Lunedì 10 febbraio 2020 06:21:24

Se può servire come esempio, ho mandato questi messaggi:

A MATTEO SALVINI (messaggio Facebook)

Vorrei porre alla Vostra attenzione la mancata applicazione della legge che ha istituito la quota 100 in relazione all'anticipo del TFS fino a 45. 000 euro promesso che è stato bloccato da fantasiosi cavilli burocratici.

Tenuto conto che molti (siamo decine di migliaia, da poco riuniti in un folto gruppo Facebook denominato "Quelli che aspettano l'anticipo tfs sino a 45000 euro") avevano scelto questa possibilità solo nella speranza (illusione per ora) di vedere anticipata parte della PROPRIA LIQUIDAZIONE (altrimenti rimandata per leggi inique anche fino a sei anni dall'andata in pensione) e visto che la S. V. ha da sempre perorato e di fatto portato alla nascita questa legge (per ora malamente applicata), Le chiedo, anche a nome di tanti altri, di interessarsi a questa triste vicenda.

Distinti saluti

Martedì 21 gennaio 2020 00:19:42

Senatrice, avv. Bongiorno, le scrivo in merito al cantante Junior Cally che dovrebbe intervenire a Sanremo con una canzone ch'e'un assurdo nel testo che parla in modo indegno e violento della donna. Spero nel suo intervento dal momento che lei le tutela. Grazie mille e scusi il disturbo.. Carmen Pomar

Mercoledì 15 gennaio 2020 17:06:09

Sono fatta oggetto di stillino da parte del mio vicino di casa ex proprietario appartamento i carabinieri di Monsummano non mi aiutano ho bisogno urgente di un suo intervento per conice rosso grazie cell 339------- la ringrazio anticipatamente grazie se può aiutarmi

Domenica 12 gennaio 2020 02:01:55

Salve, mi chiamo Luana, vorrei tanto poterla contattare per avere almeno un consiglio, sono una mamma disperata per una situazione molto delicata riguarda mia figlia, ho preso visione che lei sig. avvocato Buongiorno e' molto in gamba e ha aiutata la sig. Michelle Hunzigher se non sbaglio, su consiglio anche di mia mamma ho voluto provare a contattarla, in attesa di un riscontro, sottolineo che il percorso sulla vita di mia figlia e' lungo e complesso, ho cercato tanto di aiutarla, ha subito il bullismo, cosi adeszo ha una forte mancanza di autostima, lo dovuta portare da psicologi, stava sempre chiusa in casa da anni non voleva mai uscire di casa, ma adesso e' grande ha 24 anni e la sto perdendo di vista tutto insieme e' cambiata, era stata fidanzata virtualmente e poi lo ha conosciuto di persona, il tutto per 3 anni, si lasciarono per la lontananza, poi ha conosciuta tramite internet una ragazza Brasiliana molto strafottente, ha due anni di piu' di mia figlia, ho paura fortemente che la sta plagiando facendogli credere cose non vere, gli psicologi gia mi avvisarono che mia figlia e' fragile e credulona erano preoccupati. Un giorno decise di andare a vivere lontana a Palermo con questa ragazza ed inizio' altro calvario per noi, incominciarono a telefonarmi chiedendomi soldi, ma sempre di piu aumentavano le richieste, credo inventandomi solo bugie grosse per farseli dare, ma ci sarebbero tanti episodi da dirle, sono dovuta andare ai carabinieri per un esposto nel fargli notifica che noi non abbiamo piu soldi e non ce ne deve piu chiedere, si e' arrabbiata molto, ma siamo una famiglia per bene e tanto disperati, sono gia 11 mesi che non la vediamo piu', ho tanta paura... non vuole avere contatti per fino con i nonni che sono stati sempre dolcissimi con lei, siamo anche in lutto ho perso mio fratello e mia figlia neanche al funerale c era, vi prego aiutatemi... grazie infinite in attesa le porgo cordiali saluti

Martedì 24 dicembre 2019 08:35:42

Gentile dottoressa buongiorno,
Sono il papà di Alessandra, una ragazza di anni 25 che ha subìto gravi maltrattamenti, purtroppo la faccenda non è ancora risolta in maniera definitiva, nel senso che il maltrattante, grazie alle scappatoie che gli vengono offerte, si trova agli arresti domiciliari e sinceramente non credo per molto. Vorrei poter avere il suo aiuto poiché mia figlia non vive più una sua vita, così come noi familiari, le faccio presente che si tratta di un Egiziano e che c'è di mezzo un bimbo di quattro mesi, anch'esso in pericolo dal momento che questo signore non ha avuto nessun problema a picchiarla anche con il bimbo in braccio. Come posso fare per avere un gentile consiglio da parte Sua? Nemmeno il giudice competente ha ascoltato la preghiera che gli è stata rivolta prima che disponesse tale misura a nostro parere gravemente insufficiente a far fronte alle minacce di morte ricevute da tutti noi da parte di questa persona, nonché al concreto pericolo di portare il bimbo in Egitto, pericoli ampiamente documentati.
Confido in un Suo gentile gradito riscontro.
Augurandole la serenità per le festività natalizie (cosa che purtroppo per la nostra famiglia non ci sarà) le invio i miei più cordiali saluti
Umberto Giangrande

Venerdì 20 dicembre 2019 00:11:13

Il 19 dicembre 2019 durante la trasmissione Otto e Mezzo condotta da Lilli Gruber, il giornalista Alessandro De Angelis, vicedirettore di Huffington Post, ha esibito un documento dell'allora Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Danilo Toninelli che confermava il pieno appoggio al Ministro dell'Interno sul fermo della nave Gregoretti.

Martedì 17 dicembre 2019 10:12:10

Siamo guardie venatorie volontarie con decreto della regione, per vigilanza caccia e ambiente, il questore ci a detto che se vediamo un illecito e siamo soli non possiamo intervenire e chiedere le generalità, dobbiamo chiamare i carabinieri, siamo paragonati a un semplice cittadino.
A noi non ci sembra abuso di potere.
Volevamo sentire il suo parere.
Genova 17, 12, 2019.
Auguri, saluti, grazie.

Domenica 17 novembre 2019 23:06:17

On. le Avv. to le scrivo perché la stimo molto come donna e x le cause che tratta ma oggi ho letto che è l'Avv. to di Samuele Morcia, persona che con il suo finto credo religioso e da grande manipolatore che è ha distrutto molte famiglie. Lei che è amica della Hunziker che a suo tempo fu plagiata non può difendere una persona che ha rovinato famiglie intere. Mi scusi ma ci sono molte persone che stanno soffrendo e che sperano che finalmente salti fuori tutta la verità.

Venerdì 15 novembre 2019 12:38:10

On. Buongiorno, gentilmente dovrei andare in pensione con quota 100, volevo sapere se Lei può informarsi a che punto è l'applicativo del D. L. riguardante l'anticipo del tfs per i dipendenti pubblici. Grazie e buon lavoro.

Commenti Facebook

Argomenti e biografie correlate

Giulio Andreotti Piero Angela Stefano Bettarini Scommesse Francesco Totti Gianfranco Fini Michelle Hunziker Matteo Salvini Giuseppe Conte Politica

Antoon van Dyck

Antoon van Dyck

Pittore belga
α 22 marzo 1599
ω 9 dicembre 1640
Fausto Bertinotti

Fausto Bertinotti

Politico italiano
α 22 marzo 1940
George Benson

George Benson

Cantante e chitarrista statunitense
α 22 marzo 1943
Goran Bregović

Goran Bregović

Compositore serbo
α 22 marzo 1950
Lea T

Lea T

Modella brasiliana
α 22 marzo 1981
Mario Cipollini

Mario Cipollini

Atleta italiano, ciclismo
α 22 marzo 1967
Nino Manfredi

Nino Manfredi

Attore italiano
α 22 marzo 1921
ω 4 giugno 2004
Reese Witherspoon

Reese Witherspoon

Attrice statunitense
α 22 marzo 1976
William Shatner

William Shatner

Attore canadese
α 22 marzo 1931
Selen

Selen

Ex pornostar e attrice italiana
α 17 dicembre 1966
Adam Sandler

Adam Sandler

Attore statunitense
α 9 settembre 1966
Alberto Tomba

Alberto Tomba

Atleta italiano, sci
α 19 dicembre 1966
Aldo Cazzullo

Aldo Cazzullo

Giornalista e scrittore italiano
α 17 settembre 1966
Alessandra Celentano

Alessandra Celentano

Coreografa, insegnante ed ex ballerina italiana
α 17 novembre 1966
Alex Zanardi

Alex Zanardi

Pilota e atleta italiano
α 23 ottobre 1966
Amélie Nothomb

Amélie Nothomb

Scrittrice belga
α 9 luglio 1966
Brando Giorgi

Brando Giorgi

Attore e modello italiano
α 21 maggio 1966
Carlo Bonomi

Carlo Bonomi

Imprenditore italiano
α 2 agosto 1966
Cindy Crawford

Cindy Crawford

Modella statunitense
α 20 febbraio 1966
Cristina Bowerman

Cristina Bowerman

Chef italiana
α 5 aprile 1966
David Cameron

David Cameron

Politico inglese
α 9 ottobre 1966
Ela Weber

Ela Weber

Conduttrice tv tedesca
α 13 marzo 1966
Enrico Letta

Enrico Letta

Politico italiano
α 20 agosto 1966
Enrico Brignano

Enrico Brignano

Attore e comico italiano
α 18 maggio 1966
Enrico Michetti

Enrico Michetti

Avvocato e politico italiano
α 19 marzo 1966
Eric Cantona

Eric Cantona

Attore ed ex calciatore francese
α 24 maggio 1966
Fabrizio Curcio

Fabrizio Curcio

Funzionario italiano, capo del Dipartimento della Protezione Civile
α 24 novembre 1966
Francesca Balzani

Francesca Balzani

Politica italiana
α 31 ottobre 1966
Giancarlo Giorgetti

Giancarlo Giorgetti

Politico italiano
α 16 dicembre 1966
Gianfranco Zola

Gianfranco Zola

Allenatore, ex calciatore italiano
α 5 luglio 1966
Giovanni Soldini

Giovanni Soldini

Velista italiano
α 16 maggio 1966
Giuseppe Cruciani

Giuseppe Cruciani

Giornalista, conduttore radiofonico e tv italiano
α 15 settembre 1966
Gordon Ramsay

Gordon Ramsay

Chef scozzese
α 8 novembre 1966
Guillermo Mariotto

Guillermo Mariotto

Stilista e personaggio tv venezuelano naturalizzato italiano
α 13 aprile 1966
Halle Berry

Halle Berry

Attrice statunitense
α 14 agosto 1966
Helena Bonham Carter

Helena Bonham Carter

Attrice inglese
α 26 maggio 1966
Ilaria Capua

Ilaria Capua

Virologa ed ex politica italiana
α 21 aprile 1966
J. J. Abrams

J. J. Abrams

Regista, produttore e attore statunitense
α 27 giugno 1966
Jeff Buckley

Jeff Buckley

Cantautore e chitarrista statunitense
α 17 novembre 1966
ω 29 maggio 1997
John Cusack

John Cusack

Attore statunitense
α 28 giugno 1966
Julen Lopetegui

Julen Lopetegui

Allenatore di calcio spagnolo
α 28 agosto 1966
Katia Noventa

Katia Noventa

Modella, giornalista e conduttrice TV italiana
α 24 novembre 1966
Lorenzo Cherubini

Lorenzo Cherubini

Cantautore italiano
α 27 settembre 1966
Lorenzo Guerini

Lorenzo Guerini

Politico italiano
α 21 novembre 1966
Luca Mercalli

Luca Mercalli

Meteorologo e climatologo italiano
α 24 febbraio 1966
Manuel Agnelli

Manuel Agnelli

Cantante, musicista, scrittore e produttore discografico italiano
α 13 marzo 1966
Manuela Moreno

Manuela Moreno

Giornalista e conduttrice tv italiana
α 11 luglio 1966
Maria Rosaria De Medici

Maria Rosaria De Medici

Giornalista e conduttrice tv italiana
α 3 aprile 1966
Marina Berlusconi

Marina Berlusconi

Imprenditrice italiana
α 10 agosto 1966
Mario Giordano

Mario Giordano

Giornalista e conduttore tv italiano
α 19 giugno 1966
Matteo Marzotto

Matteo Marzotto

Manager italiano
α 26 settembre 1966
Mike Tyson

Mike Tyson

Pugile statunitense
α 30 giugno 1966
Neri Marcorè

Neri Marcorè

Attore e presentatore tv italiano
α 31 luglio 1966
Niccolò Ammaniti

Niccolò Ammaniti

Scrittore italiano
α 25 settembre 1966
Orazio Schillaci

Orazio Schillaci

Medico, accademico e politico italiano
α 27 aprile 1966
Paola Perego

Paola Perego

Conduttrice TV italiana
α 17 aprile 1966
Paolo Genovese

Paolo Genovese

Regista italiano
α 20 agosto 1966
Roberto Gualtieri

Roberto Gualtieri

Politico italiano
α 19 luglio 1966
Roberto Garofoli

Roberto Garofoli

Magistrato e dirigente pubblico italiano
α 20 aprile 1966
Roman Abramovich

Roman Abramovich

Imprenditore e politico russo
α 24 ottobre 1966
Salma Hayek

Salma Hayek

Attrice messicana naturalizzata statunitense
α 2 settembre 1966
Sinead O'Connor

Sinead O'Connor

Cantautrice irlandese
α 8 dicembre 1966
ω 26 luglio 2023
Sophie Marceau

Sophie Marceau

Attrice francese
α 17 novembre 1966
Stefan Edberg

Stefan Edberg

Tennista svedese
α 19 gennaio 1966
Stefania Orlando

Stefania Orlando

Conduttrice televisiva, cantautrice e attrice italiana
α 23 dicembre 1966
Vincent Cassel

Vincent Cassel

Attore francese
α 23 novembre 1966