Oggi: giovedì 31 luglio 2014 » S. Ignazio di Loyola
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Valentina Vezzali

Stoccate e podi

Commenta
Valentina Vezzali

Pluri-campionessa olimpica e mondiale, la schermitrice italiana Maria Valentina Vezzali nasce a Jesi (in provincia di Ancona) il 14 febbraio 1974, nel giorno di San Valentino.

Inizia a praticare la scherma a soli sei anni nel 1980, presso il Club Scherma Jesi, grazie all'appoggio di papà Lauro e mamma Enrica. E' a quindici anni che inizia a mietere i primi successi nel Campionato Mondiale Cadette, vincendo tre titoli iridati consecutivi. La sua specialità è quella del fioretto. Nella categoria under 20 si aggiudica una medaglia di bronzo nel 1990, una d'argento nel 1992 e due d'oro negli anni successivi (1993 e 1994) ai Mondiali. Arrivano anche due medaglie d'oro nel 1992 e 1993 ai campionati Europei; in questi anni inoltre conquista la coppa del Mondo per ben tre volte, dal 1992 al 1994.

Questa serie di successi fanno entrare rapidamente Valentina Vezzali nella squadra della nazionale maggiore. Dal 1990 il suo maestro è Giulio Tomassini e la preparatrice atletica è Annalisa Coltorti; il primo appuntamento importante sono le Olimpiadi di Barcellona del 1992, ma la diciottenne Vezzali non viene convocata.

Il debutto olimpico arriva ai nel 1996, ai successivi Giochi Olimpici di Atlanta: qui ottiene una medaglia d'argento nella prova individuale di fioretto, perdendo in finale contro la romena Laura Badea. Si rifa alla grande assieme alle compagne nella prova di squadra: al termine della finale contro la Romania le italiane portano al collo la medaglia d'oro olimpica.

Entrata nel 1999 a far parte del Gruppo Sportivo Fiamme Oro della Polizia di Stato, nell'edizione seguente dei Giochi, alle Olimpiadi di Sydney 2000, Valentina Vezzali raggiunge di nuovo la finale del fioretto femminile: la sua avversaria questa volta è la tedesca Rita Koenig, e questa volta Valentina si laurea campionessa olimpica nella sua specialità. Tornerà in Italia con due medaglie d'oro: la squadra italiana femminile - composta da altre due grandi schermitrici mondiali quali Giovanna Trillini e Diana Bianchedi - batte in finale la Polonia.

Arrivano le attesissime Olimpiadi di Atene 2004, ma il fioretto femminile a squadre viene eliminato dal programma olimpico: le atlete italiane devono concentrare i loro allenamenti sulle gare individuali. Valentina Vezzali arriva alla sua terza finale olimpica consecutiva: la sua avversaria questa volta è l'italiana Giovanna Trillini, che oltre a essere connazionale è sua concittadina. Per l'Italia sono due medaglie sicure: è Valentina a vincere quella d'oro; prima di lei, l'impresa di due ori olimpici consecutivi in questa disciplina era riuscita solo alla ungherese Ilona Elek (Berlino 1936 e Londra 1948).

Sposata dal 22 giugno 2002 con il calciatore Domenico Giuliano, la coppia ha avuto un figlio, Pietro, nato il 9 giugno 2005. Quattro mesi prima di dare alla luce il bimbo, Valentina partecipa al Campionato del Mondo di Lipsia, dove conquista il suo quarto oro nel fioretto individuale.

L'anno seguente partecipa ai Mondiali che si svolgono in Italia, a Torino: con il legamento di un ginocchio rotto arriva in finale dove però perde contro la connazionale Margherita Granbassi; un altro argento arriva dal risultato della gara a squadra, dove le italiane perdono contro la Russia. E in Russia nel 2007, ai mondiali di San Pietroburgo, Valentina Vezzali sconfigge prima Giovanna Trillini in semifinale, poi Margherita Granbassi in finale.

Ai numerosi sucessi mondiali e olimpici di Valentina vanno aggiunte le vittorie della Coppa del Mondo, ben 9 nell'arco di 11 anni. Le gare vinte sono in totale 61, record assoluto per la scherma, ma anche per un atleta italiano in qualsiasi altra disciplina sportiva. Tra il 1999 e il 2000 si è aggiudicata consecutivamente 56 vittorie.

Nel 2006 ha pubblicato un'autobiografia dal titolo "A volto scoperto" (Sperling & Kupfer, collana "I fuoriclasse"), scritta con Caterina Luchetti, dove racconta la propria vita e le proprie imprese sportive.

Alle Olimpiadi di Pechino 2008 vince un altro incredibile oro individuale; porta a casa anche un bronzo nella gara a squadre.

Dal 1996 senza alcuna interruzione Valentina Vezzali è la numero uno del ranking mondiale. E' l'atleta italiana che alle Olimpiadi ha vinto più medaglie d'oro di tutti i tempi. E' inoltre l'atleta italiana che, dopo Valentino Rossi, vanta più vittorie nella propria disciplina.

A partire dal 10 gennaio 2009 partecipa come concorrente al reality show di Rai Uno "Ballando con le stelle".

Nel novembre 2010 ai mondiali di Parigi perde nella semifinale dell'individuale contro la connazionale Arianna Errigo. Pochi giorni dopo però vince la medaglia d'oro a squadre battendo in finale la Polonia. Ai Campionati mondiali di Catania nel 2011 conquista il suo sesto titolo mondiale battendo in finale la connazionale Elisa Di Francisca. Alle Olimpiadi di Londra 2012, le quinte per l'italiana, conquista la finale individuale di fioretto per il 3° e 4° posto: porta a casa una medaglia di bronzo in una straordinaria finale, basata su un recupero da vera campionessa; il podio su cui sale è da leggenda per l'Italia della scherma: davanti a lei infatti ci sono Elisa Di Francisca (oro) e Arianna Errigo (argento). Un nuovo oro per Valentina e per le sue compagne arriva pochi giorni dopo nel fioretto a squadre.

Ultimo aggiornamento: 02/08/2012
Altre frasi di Valentina Vezzali

Accadde oggi

31 luglio 1954
Per la prima volta viene raggiunta la vetta del K2: la spedizione è italiana ed è guidata da Ardito Desio; con lui ci sono Achille Compagnoni e Lino Lacedelli.
Leggi l'articolo:
Le scalate del K2

Ha detto:

«Nei momenti critici una sigaretta porta più sollievo che i vangeli.»
Emil_Cioran
Testo di Stefano Moraschini