Oggi: giovedì 23 ottobre 2014 » S. Nazzareno
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Silvia Toffanin

Commenta
Silvia Toffanin

Silvia Toffanin nasce a Cartigliano (Vicenza) il giorno 26 ottobre 1979.

Debutta nel mondo della televisione nel 2000, entrando a far parte del cast del quiz "Passaparola", condotto su Canale 5 da Gerry Scotti; altre sue colleghe "letterine" hanno poi conosciuto fama e notorietà, tra queste ricordiamo Alessia Fabiani, Alessia Ventura e Ilary Blasi.

Lasciata "Passaparola" nel 2002 Silvia Toffanin debutta come conduttrice sostituendo Michelle Hunziker in "Nonsolomoda", longevo programma di Canale 5 dedicato alle tendenze e alla moda.

Nel 2003 conduce lo speciale "Moda mare a Porto Cervo", e nello stesso periodo conduce il magazine di Italia 1 "Mosquito", in onda il sabato pomeriggio.

Nel 2007 consegue la laurea in Lingue e letterature straniere presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, con una tesi su "I telefilm americani per adolescenti" (il relatore è il noto giornalista e critico televisivo Aldo Grasso). Dopo la laurea diventa giornalista professionista.

Nello stesso periodo cura in tv uno spazio all'interno del programma di informazione "Verissimo", condotto da Cristina Parodi. Nel 2006 nello stesso programma prende in mano la conduzione, affiancata da Alfonso Signorini.

Durante la seconda metà degli anni duemila conduce quindi per diverse stagioni sia "Verissimo" che "Nonsolomoda"; abbandona quest'ultima nel 2009.

Legata sentimentalmente a Pier Silvio Berlusconi, vicepresidente di Mediaset, dalla coppia all'inizio del mese di giugno 2010 nasce Lorenzo Mattia.

Ultimo aggiornamento: 11/06/2010

Accadde oggi

23 ottobre 2011
A soli 24 anni, a Sepang in Malesia, il pilota italiano Marco Simoncelli muore a causa del terribile colpo subìto in un incidente in pista.
Leggi l'articolo:
Marco Simoncelli

Ha detto:

«L'amore è un bellissimo fiore, ma bisogna avere il coraggio di coglierlo sull'orlo di un precipizio.»
Stendhal
Testo di Stefano Moraschini