Oggi: mercoledì 16 aprile 2014 » S. Bernardetta
Giorno per giorno i profili di miti e personaggi famosi che si sono meritati un posto nella storia

Paolo Maldini

Ultima bandiera

Commenta
Paolo Maldini

Nato il 26 giugno 1968 a Milano, Paolo Maldini è una delle colonne portanti del Milan, pilastro irrinunciabile, bandiera della squadra milanese che sotto la sua protezione, ha conquistato, fra coppe e scudetti, i più importanti traguardi calcistici pensabili per un club.

Vero e proprio figlio d'arte, il padre è il famoso Cesare (famoso anche per una memorabile caricatura che gli ha dedicato il comico Teo Teocoli), ex commisario tecnico della Nazionale italiana. Ma non solo. Cesare Maldini ha anche un glorioso passato alla spalle, essendo stato, tra gli anni 50 e 60, anch'egli grande difensore rossonero, conquistando quattro scudetti, una Coppa dei Campioni e una Coppa Latina.

Paolo dunque non poteva trovare esempio migliore e terreno più proficuo per coltivare il suo talento. Talento che ha dimostrato ampiamente, addirittura superando il pur brillante genitore.

Debutta a soli sedici anni in Serie A con il Milan, nel lontano 20 gennaio 1985, in una partita con l'Udinese finita in pareggio (1 a 1). A lanciarlo è lo "scorbutico" Nils Liedholm, un uomo del Nord, apparentemente freddo, che però sa vedere a fondo nel cuore degli uomini che ha a disposizione. E di Maldini Liedholm capisce subito il temperamento e la generosità nonché la già straordinaria correttezza in campo, una caratteristica poi mantenuta nel tempo, che ne fanno un campione anche come uomo.

Nelle partite successive il bel Paolo (gradito dal pubblico femminile), confermò ampiamente le sue qualità, dimostrando di non essere un fenomeno passeggero o pompato e spazzando via, in questo modo, le malelingue, le inevitabili invidie di chi lo vedeva solo un figlio d'arte e -in quanto tale- raccomandato.

Con la maglia del Milan ha vinto ogni tipo di trofeo. Ha giocato più di 400 partite in serie A. Ma c'è un altro il record che lo consegna alla storia del calcio nazionale. Avendo debuttato in nazionale a soli diciannove anni, è il giocatore con più presenze azzurre in assoluto, avendo superato il primato di Dino Zoff, prima del sorpasso ritenuto inattaccabile. Anche se, a dire il vero, la Nazionale gli ha riservato tanti piazzamenti d'onore ma nessun titolo mondiale (a differenza di Zoff che vinse in Spagna nel 1982).

Paolo Maldini è considerato dai massimi esperti di calcio come un giocatore veramente completo: alto, potente, veloce, buon colpitore di testa sia nella sua area che in quella avversaria, efficace nel tackle e con preciso tocco ambidestro. Perfetto nei recuperi difensivi.

Emblematica l'espressione di Fabio Capello che, sollecitato da un giornalista a formulare un giudizio sul difensore rossonero disse: "Maldini? E' semplicemente il miglior difensore del mondo".

Carriera: Milan (dal 1985).

Palmares:

7 scudetti (1988, 1992, 1993, 1994, 1996, 1999, 2004)

5 coppe campioni / champions league (1989, 1990, 1994, 2003, 2007)

1 coppa Italia (2003)

4 supercoppe italiane (1989, 1992, 1993, 1994)

3 supercoppe europee (1989, 1990, 1994)

3 coppe Intercontinentali (1989, 1990, 2007)

Ultimo aggiornamento: 17/12/2007

Accadde oggi

16 aprile 1943
Il chimico Albert Hoffmann scopre casualmente le proprietà allucinogene dell’LSD.
Leggi l'articolo:
Storia e scoperta dell'LSD

Ha detto:

«L'umanità deve mettere fine alla guerra, o la guerra metterà fine all'umanità.»
John_Fitzgerald_Kennedy
Testo di Stefano Moraschini